NEWS

La Toyota Yaris è “Car of The Year 2021”

di Fabio Madaro
Pubblicato 01 marzo 2021

La piccola giapponese con motore ibrido ha avuto la meglio sulla Fiat Nuova 500 e sulla sorprendente Cupra Formentor. Grande delusione per la favorita, la Volkswagen ID.3.

La Toyota Yaris è “Car of The Year 2021”

UN PREMIO AMBITO - Quest’anno il prestigioso premio Car Of The Year 2021 è andato alla Toyota Yaris che è stata ufficialmente premiata a Ginevra. La cerimonia è stata trasmessa in diretta sul sito web del Salone Internazionale dell'Automobile di Ginevra, il cui team ha seguito l’evento per il decimo anno consecutivo. La  giuria che comprendeva 59 giornalisti automobilistici provenienti da 22 paesi, tra cui il direttore di alVolante, Guido Costantini, ha selezionato il modello vincitore tra i sette che erano approdati alla fase finale. Per la Toyota Yaris si stratta di uno dei premi più prestigiosi cui un’auto può ambire e che va regolarmente “in  scena” dal 1964.

DELUSIONE PER LA VW ID.3 - Matt Harrison, vicepresidente esecutivo della Toyota Motor Europe visibilmente soddisfatto sostiene che: "Questo è un grande onore per Toyota e desidero ringraziare la giuria per la considerazione e il riconoscimento. Questa è la migliore Yaris in assoluto e, proprio come voleva Akio Toyoda, sta già facendo sorridere i nostri clienti ". Una bella soddisfazione infine anche per la Fiat Nuova 500 giunta seconda con un distacco di 26 punti dalla Toyota, come potete notare nella classifica qui sotto. Grande delusione per la favorita, la Volkswagen ID.3 la prima elettrica di una nuova famiglia di modelli destinati a trasformare il costruttore tedesco.

LA CLASSIFICA

Toyota Yaris - 266 punti
Fiat New 500 - 240 punti
Cupra Formentor - 239 punti
Volkswagen ID.3. - 224 punti
Škoda Octavia - 199 punti
Land Rover Defender - 164 punti
Citroën C4 - 143 punti

Toyota Yaris
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
120
72
46
35
46
VOTO MEDIO
3,6
3.579935
319




Aggiungi un commento
Ritratto di Meandro76
1 marzo 2021 - 20:38
Queste pile su ruote provocheranno danni ambientali terribili quando le batterie saranno esauste.
Ritratto di Vecchio Caprone
2 marzo 2021 - 03:52
Una discussione sullo smaltimento delle batterie é certamente importante, ma non é a mio avviso il problema principale. A seconda di chi scrive i vari studi, o meglio a seconda di chi paga tali studi, le leggi della fisica vengono stravolte. Quando si parla di energia, si dovrebbe parlare di trasformazione dell'energia e dell'efficenza di tale trasformazione. Il motore elettrico moderno arriva ad un'efficenza de 90%, quello termico a 50%. L'efficenza delle moderne centrali elettriche con turbine a gas può' arrivare all'80%. Efficenza netta dell'elettrico: 72% e del termico 40% (produzione di carburante usa energia). Viva l'elettrico? Piano con conclusioni azzardate. La massa di un veicolo elettrico può essere valutata a circa il 30% (sono ottimista) superiore ad un veicolo a motore termico. Risparmio i calcoli e approssimativamente abbiamo bisogno di un 20% di potenza in più. Lascio perdere aerodinamica e rotolamento di gomme gigantesche. Per ottenere una energia di valore 100, l'elettrico costerebbe 166 e il termico 250. Tutti valori approssimativi per rendere l'idea. Adesso andiamo verdi. L'efficenza dei pannelli e dei ventilatori (come io chiamo i sistemi eolici) é al meglio variabile dal 4% al 15%. Prendiamo un ottimistico 20%. Qui il discorso cambia, al meglio che si possa sperare l'efficenza reale del motore elettrico piglia una sberla notevole: 18%. Per ottenere i nostri ormai famosi 100, useremo 555!! In parole povere, l'elettrico che utilizza moderni sistemi di produzione elettrica basati su turbine a gas, centrali atomiche o idroelettriche fa senso, con la cosiddetta energia rinnovabile non fa senso. L'energia tra parentesi non é rinnovabile, non inventiamo nuove leggi della fisica.Non ho mai ascoltato mio padre buon'anima che diceva: ci metti 2 anni a dire qualche parola e 80 a imparare a stare zitto. Scusate quindi, ma non ne potevo più!
Ritratto di RubenC
2 marzo 2021 - 07:13
1
Vecchio Caprone, 1) L'utente a cui hai risposto è un troll clone di un altro utente; 2) L'energia rinnovabile ha moltissimo senso, e non c'entra solo l'efficienza, perché mentre con le fonti non rinnovabili tutta l'energia che perdi inquina moltissimo, con quelle rinnovabili che tu abbia un'efficienza del 30% o del 50% cambia poco o niente come impatto ambientale. Quindi non diciamo assurdità.
Ritratto di Vecchio Caprone
2 marzo 2021 - 09:36
Grazie per l'informazione del punto 1. Per quanto riguarda il punto 2, esiste un problemino. L'energia non si crea ne si distrugge, l'energia non può' quindi essere rinnovabile. L'energia potenziale che ogni atomo possiede é come da definizione, potenziale. Nel tempo si é scelto di definire potenziale come la somma energetica di energia cinetica e le altre trasformazioni. Personalmente non mi é mai piaciuta questa definizione perché fa perdere il filo. Preferisco l'energia potenziale come la somma di energie di primo, secondo, terzo, ecc. grado. Questo perché l'energia cinetica diventa essa stessa energia potenziale che a sua volta verra trasformata, se necessario in energia di primo, secondo, terzo ecc. grado. Nel settore del fotovoltaico se si é fortunati, si riscontra che per ogni 7 kW (sarebbe meglio dire joules, ma restiamo nei kW), 6 vengono riflessi nell'atmosfera sotto forma di calore e solo 1 viene trasformato in elettricità. Se il pannello copre una certa area di terreno (quindi non pannelli individuali sui tetti), al terreno verranno a mancare tutti i 7 kW. Il che vuol dire che viene tolto al terreno un'energia prevista per lui e che doveva essere trasformata o riflessa da lui. Ricordiamoci che l'energia (esempio il raggio solare) é fredda. L'impatto del raggio solare trasforma la sua energia in calore, ma il raggio é freddo. Se la terra fosse tutta coperta da foreste avremmo un'era glaciale (le piante trasformano l'energia grazie alla fotosintesi). Se la terra fosse coperta da ghiaccio la temperatura salirebbe (sembra assurdo ma il ghiaccio ha un albedo molto alto e quindi la temperatura si alza, facendo fondere il ghiaccio!!. Evidente che le due cose nel tempo trovano equilibrio come successo qualche milioncino di anni fa. Il clima della terra é funzione di alternanza fra alte e basse pressioni che creano venti, e piogge. Ancora una volta se un impianto eolico singolo e distante da altri non influisce molto, un muro di "ventilatori" creerà energia elettrica ma ridurrà la velocità del vento creando una depressione a tergo delle pale. Depressione non prevista dalla natura. Con il tempo tale depressione modificherà la direzione e potenza del vento. La dimostrazione del pericolo di tali sistemi, a livello di massa compatta é stata osservata in Arizona, Texas e Stati al loro nord est. Cambiamento climatico e aumento stratosferico dei tornado. E' chiaro ed evidente che un impianto di produzione elettrica con turbina a gas, crea una certa nube di co2, nube che salirà al cielo. Questa nube ridurrà l'impatto dei raggi solari diretti sulla terra, ma nello stesso tempo verrà trasformata dal forte impatto diretto dei raggi solari e quindi verrà dissolta. La nube di co2 quindi sarà responsabile di un parziale raffreddamento della terra, da una parte, e un parziale riscaldamento dall'altra (il calore non viene più disperso). Tutto questo perché qualsiasi cosa noi facciamo, non possiamo sfuggire alle leggi della natura e della fisica. L'energia solare e quella dei venti, non é una energia rinnovabile. Quella dell'acqua si. Fatto il punto sulle "assurdità", é evidente che il particolato leggero é piuttosto malvisto dal nostro corpo, ragione per cui in città si dovrebbero usare solo veicoli (quattro, tre o due ruote) elettrici, cosa che probabilmente avverrà, ma la cosiddetta "energia rinnovabile" é una bufala fisica e climatica. Cordiali saluti, pensavo di averlo già postato ma a quanto pare é andato da qualche altre parte. Scusate.
Ritratto di katayama
2 marzo 2021 - 09:42
@Vecchio Caprone Sei un grande.
Ritratto di katayama
2 marzo 2021 - 09:56
Sì... la nozione particellare della radiazione visibile, ed associata energia cinetica, ed associato "schianto" contro una superficie ad elevato albedo con conseguente rilascio di energia termica, è la parte più ostica, ma sei maledettamente sul pezzo. Se ne potrebbe parlare per ore. Notevole.
Ritratto di Vecchio Caprone
2 marzo 2021 - 10:26
grazie dei complimenti, fanno sempre piacere, per quanto riguarda il Sig. Ruben, non si parla di coprire il mondo, ne di pannelli, ne di foreste, ne di cemento. Si tratta di trovare equilibrio che nel 20simo secolo é stato modificato dalle diverse variabili di polluzione, e all'inizio di questo secolo da variabili di tipo molto piu complesso. Non conosco la risposta a tutti i nostri problemi, non conosco quella ai miei, figuriamoci del mondo. Posso solo osservare, valutare, dedurre, attingendo alle mie conoscenze e alle mie esperienze. Ad ogni azione corrisponde una reazione di uguale intensità. Solo l'essere umano ha troppo spesso una reazione spropositata rispetto all'azione. L'impatto climatico dell'eolico installato alla frontiera California/Arizona é un dato di fatto, la recrudescenza dei tornado a causa dell'eolico in Texas, anche. Il resto é una discussione sul sesso degli angeli. Ho solo espresso la mia opinione. Grazie ancora e torniamo alle automobili, elettriche e non, sono piu divertenti.
Ritratto di RubenC
2 marzo 2021 - 10:56
1
Vecchio Caprone, citami delle fonti o dei dati, non le tue congetture, grazie.
Ritratto di Vecchio Caprone
2 marzo 2021 - 12:10
15 anni di Arizona fra prima e dopo l'installazione della frontiera eolica, per il resto basta studiarsi Bernoulli, Navier Stokes, Newton, Pascal, Torricelli, ecc. Pressione, vento, gravità, irradiazione, albedo, non le ho inventate io, come l'energia c'erano prima di me e ci saranno dopo di me, ma bisogna aver voglia di studiare. Cordiali saluti.
Ritratto di RubenC
2 marzo 2021 - 12:12
1
No no, io voglio fonti e dati su quello che hai detto prima, non fare il furbo. Se sostieni cose provate scientificamente, non avrai problemi a trovare fonti, o sbaglio?
Pagine