NEWS

Troppe distrazioni al volante: sicurezza a rischio

28 novembre 2014

Un'indagine evidenzia come il 76% in Italia usa il telefono alla guida, mentre il 24% invia SMS o si collega a social network.

Troppe distrazioni al volante: sicurezza a rischio
20 PAESI SOTTO ESAME - Un’indagine a livello internazionale, realizzata dall’osservatorio LeasePlan Mobility Monitor e dall’istituto di ricerca internazionale TNS, ha evidenziato come un guidatore su cinque si distrae alla guida, inviando SMS o messaggi su social network. L'indagine è stata condotta sui conducenti di auto a noleggio a lungo termine in 20 Paesi.
 
DOPPIA ATTIVITÀ - Per quanto riguarda l'Italia, uno dei problemi più importanti che la ricerca evidenzia è proprio quello della guida distratta: l'84% dei conducenti che sono stati intervistati affianca la guida ad attività potenzialmente pericolose. Il 76% (in maggioranza uomini) dichiara di utilizzare il telefono mentre si trova al volante; di gran lunga staccato quel 32% che si disseta mentre guida, mentre è il 24% a non potere rinunciare a SMS o ai social network con il volante in mano. Il 39% fuma mentre guida, mentre il mito del gentil sesso distratto dal trucco è, dichiaratamente, valido solo per il 6%.
 
PREVENIRE CONVIENE - Visto che sicurezza significa (anche) minori costi - il report è commissionato da LeasePlan, azienda che opera nel settore del noleggio a lungo termine e gestione di flotte aziendali - oltre ai risultati arriva un suggerimento per i clienti, sotto forma di un prodotto SafePlan installato su ogni auto noleggiata, che comprende il kit di pronto soccorso oltre a un'accurata reportistica sui sinistri e sui furti, un manuale di guida sicura, una consulenza per corsi di guida sicura e l’installazione della clear box (Telematics) per la prevenzione dei rischi, vale a dire, la stessa scatola nera proposta da varie compagnie assicurative.


Aggiungi un commento
Ritratto di IloveDR
29 novembre 2014 - 16:43
4
io quando lavoravo come corriere espresso, telefonavo, mangiavo, bevevo, scrivevo, leggevo, impostavo il navigatore, durante la guida. Ti pagano a consegna, e uno sfrutta ogni attimo della giornata per guadagnare il più possibile
Ritratto di karman
30 novembre 2014 - 21:38
non ci sono scuse e non c'è' da vantarsi chi fa questo è' solo un cretino . Se si vuol guadagnare il più' possibile non è' che bisogna mettere a rischio la vita degli altri, se ci si vuole ammazzare da soli liberi di farlo.
Ritratto di osmica
30 novembre 2014 - 22:18
Francamente un corriere che lavora in citta', sta piu' tempo fermo in colonna e ai semafori che nel fare il resto del lavoro (figurati se trova libero lo spazio carico scarico, perennemente occupato dalle vetture dei buoni automobilisti civili). Il telefono (che puoi utilizzarlo anche in modi leciti) lo puoi usare quando sei fermo al semaforo rosso... Nel caso sei senza auricolari rischi la sanzione e non metti in rischio la vita di nessuno... Se imposti il navigatore quando procedi a 2km/h non amazzi nessuno, casomai rischi di tamponare la vettura che ti precede, facendo al massimo un lieve danno materiale (che poi l'assicurazione ringrazia con il bonus malus)... Ergo, ci sono modo e modi di essere irregolari.
Ritratto di CARLONI MASSIMO apai@assoc-apai.org
1 dicembre 2014 - 13:01
Giustamente vantarsi di quanto si sia stati stupidi... lascia senza parole. Purtroppo esistono anche questi individui, come dici giustamente, il guaio è che difficlmente pagano di persona, Piu' facile che facciano del male a qualcun altro. Galera a vita .. buttando via la chiave.
Ritratto di IloveDR
1 dicembre 2014 - 16:13
4
veramente...restate pure dietro una scrivania a scrivere idiozie...questa è la cruda realtà di chi lavora tutti i giorni sulle strade per portare un pezzo di pane a casa. E state tranquilli che non siamo dei criminali...infatti quando la situazione è divenuta insostenibile, ho fatto di tutto per crearmi un'altra attività...ce chi è costretto a continuare a lavorare in queste condizioni. Abbiate sempre un enorme rispetto per corrieri e camionisti.
Ritratto di myeclipse
1 dicembre 2014 - 19:35
... sono lavoratori come quasi tutti noi, qui il discorso è (imho) molto diverso. Oggi, se si deve chiamare (o rispondere) mentre si guida, c'è il vivavoce. Se il l'automezzo ne è sprovvisto ci sono gli auricolari che costano pochissimo o addirittura vengono regalati insieme al cellulare. Le leggi ci sono e sono anche severe (5 punti) ma siamo in italia dove gli organi preposti preferiscono far cassa con gli autovelox, che si guardano bene dal segnalare EFFICACEMENTE, con buona pace della sicurezza.
Ritratto di CARLONI MASSIMO apai@assoc-apai.org
2 dicembre 2014 - 13:18
Quanta prosa non necessaria. Ognuno ha il lavoro che si merita ( o così dovrebbe essere). Ho un enorme rispetto che tutti.... inclusi i camionisti ed i corrieri. Ad uno come Lei sembrerà strano, ovviamente, ma non ne ho nessuno per gli imbecilli che incrociamo per strada tutti i giorni. Tutti lavoriamo senza bisogno di senitirsi martiri.
Ritratto di myeclipse
2 dicembre 2014 - 19:17
Più che prosa ho esposto un fatto, o la mia versione dei fatti, dipende dal punto di vista.
Ritratto di CARLONI MASSIMO apai@assoc-apai.org
3 dicembre 2014 - 12:33
Dal mio scritto pensavo fosse chiaro a chi mi riferivo. Ho percorso piu' di 2 milioni di Km. in Europa. Specialmente in autostrada. Ne ho viste di tutti i colori. Ho assistito a piu' incidenti. La mia comprensione a favore di tutti quei camionisti / autisti che (pioggia o neve) devono arrivare per forza ed in tempo utile. Ho visto morire persone a causa della loro stanchezza, specialmente nelle prime ore del mattino. Leggere sciocchezze ...quasi vantarsene in nome del lavoro è irritante. Ripeto tutti dobbiamo sopravvivere ma giustificare la propria stupidità ( che può uccidere qualcun altro) NON è accettabile.
Ritratto di TurboCobra11
30 novembre 2014 - 17:46
Basta guardare due minuti le macchine che passano mentre sei sul marciapiede ad aspettare il bus e ottieni li stessi risultati. Solo che ci vorrebbe l'intenzione di interrompere tutto ciò solo che non hanno ancora inventato il tutor per fare questo, e ogni altro sistema come può essere la pattuglia non è nemmeno contemplato in questo incivile paese. Per'altro non avvengono di ogni, l'uso del telefono è solo uno di svariati comportamenti da killer. ...Saluti
Pagine