NEWS

Tutor: ne entrano in funzione altri 41

Pubblicato 03 ottobre 2019

Continua la progressiva riaccensione dei Tutor, che ora coprono 810 km di autostrade in Italia.

Tutor: ne entrano in funzione altri 41

390 KM IN PIÙ - Il Tutor (o Sicve PM), il sistema per la misurazione della velocità media in autostrada, dai giorni scorsi è tornato attivo in 41 tratte, che coprono 390 km di autostrade in Italia. Fra le nuove tratte ci sono ad esempio il tunnel del Monte Bianco, nelle direzioni da e verso la Francia, e il tratto fra Udine e Gemona dell’Autostrada A16 Dei Due Mari. In totale oggi i tutor monitorano 87 tratti autostradali per 810 chilometri (qui i dettagli delle tratte). 

SPENTI PER IRREGOLARITÀ - I Tutor furono disattivati ad aprile 2018, quando avevano raggiunto la copertura di 300 tratte per un totale di 2500 chilometri di autostrada. Lo spegnimento avvenne a seguito della sentenza del Tribunale di Roma, il quale stabilì che Autostrade per l’Italia non è proprietaria del software alla base del sistema Tutor (chiamato Sicve). Autostrade è corsa ai ripari introducendo il SICVe PM, una sorta di evoluzione del precedente sistema. La riattivazione dei dispositivi è quindi avvenuta sostituendo al sistema Sicve il SICVe PM. A dicembre 2018 il nuovo Tutor era in funzione su 31 tratti autostradali, per complessivi 290 km, saliti ai 37 di giugno e ai 42 di luglio.





Aggiungi un commento
Ritratto di Paolo-Brugherio
4 ottobre 2019 - 11:39
6
Al di là degli impediti che viaggiano ad andature turistiche nella corsia centrale, il vero problema non è la velocità bensì il rispetto della distanza di sicurezza. Quando viaggio in Germania ci dò dentro con l'acceleratore, però mantenendo sempre spazi abbondanti tra la mia auto e quelle davanti. E lo stesso fanno quelli che sfrecciano ad oltre 200 km/h.
Ritratto di Mbutu
4 ottobre 2019 - 12:54
Per curiosità, quale ritieni sia la corretta distanza per viaggiare a 200? E secondo quale criterio?
Ritratto di Paolo-Brugherio
4 ottobre 2019 - 13:08
6
Premesso che io sono arrivato al massimo fino ai 180 km/h... A qualsiasi velocità e senza possibilità di sorpassi, vedendo auto davanti ho sempre ridotto l'andatura, adeguandomi alla loro velocità e lasciando AMPIA distanza tra la mia e le altre vetture. Ed in 50 anni di patente non ho mai tamponato, anche in caso di coinvolgimento in tamponamenti a catena in autostrada.
Ritratto di Mbutu
4 ottobre 2019 - 15:52
Si, ma non mi hai risposto. O meglio, dalla tua risposta si capisce perchè esistano i limiti. Perchè 10 persone mi risponderebbero in almeno 8 maniere diverse. Perchè facendo le cose "a caso" purtroppo conta più la fortuna che altro. E quando poi la fortuna non basta, capita anche che non sia possibile lamentarsene.
Ritratto di Ale767
4 ottobre 2019 - 20:23
1
Visto che la risposta di Paolo non ha soddisfatto i tuoi requisiti (nonostante la risposta sia stata chiara e precisa) tu che distanza ritieni corretta per viaggiare a 130 km/h? (Poi con le dovute proporzioni ti facciamo sapere qual è la distanza ideale a 200 km/h, usando la tua formula di calcolo).
Ritratto di Paolo-Brugherio
4 ottobre 2019 - 21:28
6
Ti ringrazio Ale767. Evidentemente Mbutu non ha capito che la distanza di sicurezza (comunque ben specificata nel codice della strada in base alle velocità) dev'essere una distanza di SICUREZZA. Quindi il non viaggiare appiccicato all'auto davanti, bensì il lasciare un ampio spazio di margine per un eventuale blocco (anche istantaneo) di chi ci precede. E mi incavolo quando, in autostrada, c'è il solito furbacchione che si infila nello spazio che di proposito lascio davanti a me, costringendomi a rallentare per ripristinare il mio margine di sicurezza. Spazio di sicurezza che mi ha permesso di uscire indenne da un tamponamento a catena, mentre tutte le altre auto si accartocciavano una dietro all'altra.
Ritratto di Mbutu
5 ottobre 2019 - 11:45
Paolo, io non avrò capito ma tu non hai risposto. Eppure la domanda non mi pareva così difficile: in condizioni normali a 200 (o 180 nel tuo caso) quanti metri tieni da chi ti precede? E quale criterio usi per calcolari? Perchè no, diversamente da quanto credi, nel codice della strada non è assolutamente ben specificata in base alla velocità (ed è per questo, fra l'altro, che è difficile da sanzionare). Ale767, se credi che la risposta di Paolo sia chiara, illuminami. A che distanza resta da quello davanti? Quanto è "AMPIA"? 500 metri? 200 metri?
Ritratto di Ale767
5 ottobre 2019 - 12:09
1
Se vado a 200 km/h vuol dire che l'autostrada è vuota e non ho nessun veicolo davanti a me, altrimenti non andrei a 200 km/h. La distanza di sicurezza per praticità non si misura in metri ma in secondi (tre secondi di distanza fra un veicolo e l'altro è un ottima distanza di sicurezza). I tedeschi che queste cose le sanno e rispettano viaggiano veloce (anche più di 200 km/h) in totale sicurezza. https://www.youtube.com/watch?v=1J2VygXuzDM qua si può vedere un chiaro esempio a prova di idiotaa (nel senso che solo un idiotaa potrebbe negare la totale sicurezza e il totale rispetto del buonsenso di questo autista nonostante le velocità di oltre 240 km/h) di come si guida in Germania senza mettere in pericolo nessuno.
Ritratto di Mbutu
5 ottobre 2019 - 15:44
Uno chiede i metri e gli rispondono i secondi ...va be, faccio io la conversione. A 130 all'ora in 3 secondi percorri 36 metri. Quindi immagino che per te quella sia "un'ottima distanza di sicurezza". Per Paolo, ad esempio, la giusta distanza di sicurezza è lasciare "un ampio spazio di margine per un eventuale blocco (anche istantaneo)". Guardando un po' di prove a caso su al volante degli spazi di frenata questo significa circa 70/80 metri (poi magari ne lascia di più ma è un segreto) a 130 all'ora ...il doppio. Cioè, tu sei uno di quelli che fa incavolare Paolo perchè se lui fosse 40 metri dietro di te ti infileresti ritenendo di avergli lasciato ampio spazio. E pensare che sembravate d'accordo. Tanto per la cronaca l' Aci parla di 130 metri e ritiene comunque una buona approssimazione il quadrato del decimo della velocità cioè 169 metri. Ovviamente queste differenze vanno ad ampliarsi all'aumentare della velocità (chiedi a Paolo se lui ritiene sicuri 60 metri da quello davanti se andasse a 200 all'ora). Quindi torniamo al punto per cui non ci si può fidare di quello che ciscuno di noi ritiene ragionevole. PS: per ogni video di yuo tube di persone che vanno a "in sicurezza" ad alta velocità ce ne sono altrettanti di persone che credevano di essere "in sicurezza" e si sono schiantate. Quindi no, yuo tube non è una fonte di prova credibile.
Ritratto di Mbutu
5 ottobre 2019 - 15:49
Ops, ho dimenticato di moltiplicare per tre i tuoi spazi. Poco cambia, sempre e comunque risposte diverse abbiamo.
Pagine