NEWS

Tutor: ne entrano in funzione altri 41

Pubblicato 03 ottobre 2019

Continua la progressiva riaccensione dei Tutor, che ora coprono 810 km di autostrade in Italia.

Tutor: ne entrano in funzione altri 41

390 KM IN PIÙ - Il Tutor (o Sicve PM), il sistema per la misurazione della velocità media in autostrada, dai giorni scorsi è tornato attivo in 41 tratte, che coprono 390 km di autostrade in Italia. Fra le nuove tratte ci sono ad esempio il tunnel del Monte Bianco, nelle direzioni da e verso la Francia, e il tratto fra Udine e Gemona dell’Autostrada A16 Dei Due Mari. In totale oggi i tutor monitorano 87 tratti autostradali per 810 chilometri (qui i dettagli delle tratte). 

SPENTI PER IRREGOLARITÀ - I Tutor furono disattivati ad aprile 2018, quando avevano raggiunto la copertura di 300 tratte per un totale di 2500 chilometri di autostrada. Lo spegnimento avvenne a seguito della sentenza del Tribunale di Roma, il quale stabilì che Autostrade per l’Italia non è proprietaria del software alla base del sistema Tutor (chiamato Sicve). Autostrade è corsa ai ripari introducendo il SICVe PM, una sorta di evoluzione del precedente sistema. La riattivazione dei dispositivi è quindi avvenuta sostituendo al sistema Sicve il SICVe PM. A dicembre 2018 il nuovo Tutor era in funzione su 31 tratti autostradali, per complessivi 290 km, saliti ai 37 di giugno e ai 42 di luglio.



Aggiungi un commento
Ritratto di Ale767
5 ottobre 2019 - 16:10
1
Ma infatti te sei il signor nessuno, mica un professore che interroga gli allievi. Se vuoi diventare più colto inizia a capire le risposte prima di correggerle. La distanza di sicurezza di almeno (leggasi "almeno") 3 secondi dal veicolo davanti fanno oltre 108 metri a 130 km/h, e non 36 metri (ma almeno le elementari le hai finite?). Poi a meno che tu scenda dal veicolo con un righello e ti metti a misurare le distanze l'unico modo pratico per farlo mentre si guida è usare i secondi. Per chi non è colto e non capisce come si fa ecco una breve spiegazione: "(la distanza dal veicolo antistante deve corrispondere almeno alla distanza percorsa in tre secondi). Il conducente sceglie un oggetto fisso sulla strada davanti a sé e conta due secondi da quando la vettura davanti a lui supera l'oggetto. Se sorpassa lo stesso oggetto prima di aver finito di contare, deve rallentare." Ora, anche questo problema è stato risolto a prova di idiotaa. YouTube non sarà una fonte di prova credibile ma le statistiche europee che dimostrano l'incidentalità sulle strade tedesche si. Ed emerge che a parità di abitanti la Germania sia fra le nazioni più sicure del mondo, nonostante appunto da loro fare i 240 km/h su buona parte della rete autostradale sia assolutamente legale.
Ritratto di Mbutu
7 ottobre 2019 - 12:44
Ale, ho capito che volevi solo insultarmi, ma non solo avevo capito perfettamente cosa intendessi con "3 secondi" mi ero anche già corretto da solo sull'errore di calcolo. Suvvia, vedi di crescere. Le statistiche tedesche dicono ben altro ma fa nulla. Il discorso lo abbiamo già trattato e quindi è inutile tornarci. Il succo è che spesso si sente (stra)parlare di distanza di sicurezza come panacea di tutti i mali. Poi quando approfondisci però ogniuno ha la sua ricetta diversa. Che, guarda un po', danno risultati sempre più distanti all'aumentare delle velocità. Vedi che qualcuno è addirittura convinto che siano quantificate sul codice della strada.
Ritratto di Ale767
11 ottobre 2019 - 19:44
1
Quindi per te la risposta diversa sulla distanza di sicurezza si risolve con…. un limite di velocità…. Sei proprio un genio. Quando qualcuno non conosce la geografia deve studiare matematica e quando qualcuno ha male ad un braccio deve andare dal parrucchiere a tagliarsi i capelli… bellissima la logica dei tontoloni, invece di risolvere il problema della distanza di sicurezza con delle regole ben precise che tutti rispettano mettiamoci un limite di velocità che non c'entra nulla con il problema delle distanze… Le statistiche poi con te sono sempre delle perle, anche di fronte all'evidenza neghi o interpreti i dati a tuo piacimento, se ancora non riesci a riconoscere che le strade in Germania sono più sicure di quelle di: Italia, USA, Giappone, Cina, India, ecc... (ho citato qualche potenza mondiale oltre all'Italia) io non ti posso aiutare, puoi continuare a negare all'infinito ma questo non cambierà i fatti.
Ritratto di Paolo-Brugherio
5 ottobre 2019 - 15:23
6
Allora Mbutu... esistono delle regole ben precise (del Codice della Strada) riguardanti le distanze di sicurezza, distanze che devono essere proporzionali alla velocità ed alle condizioni del fondo stradale. Ovviamente quando stai guidando non puoi metterti a misurare i metri che ti separano dall'auto che hai davanti, ma se hai un minimo di consapevolezza, a seconda della velocità alla quale stai viaggiando, devi mantenere una distanza adeguata nel caso - bada bene! - di un arresto "improvviso" dell'auto che hai davanti... E questo mi ha consentito di uscire indenne da un tamponamento a catena nella nebbia, dove "di colpo" ti ritrovi davanti un'auto ferma, all'improvviso e non dopo una frenata che ti consente un rallentamento graduale ed in sicurezza. Comunque le regole riguardanti le distanze di sicurezza, senza andare a sfrugugliare nel Codice della Strada, te le può menzionare un vigile o un poliziotto della Stradale... E, caso che è successo ad un mio parente, devi pagare i danni anche se sei fermo al semaforo... uno ti tampona e tu, di conseguenza, tamponi quello che hai davanti: devi pagare i danni a quello davanti perchè il Codice della Strada dice che tu devi mantenere "IN OGNI CASO" la distanza di sicurezza da chi ti precede!
Ritratto di rebatour
4 ottobre 2019 - 22:24
Questo dovrebbero rilevare i tutor
Ritratto di Illuca
3 ottobre 2019 - 17:50
Un altro modo per spennare gli italuani
Ritratto di mxm861
3 ottobre 2019 - 18:28
Ci sono raffronti sul numero di incidenti ante e post spegnimento? Sarebbe interessante...
Ritratto di Illuca
4 ottobre 2019 - 00:32
I numeri no, ma le Istituzioni hanno confermato che gli incidenti non sono aumentati durante i mesi senza Tutor
Ritratto di otttoz
3 ottobre 2019 - 20:48
L'avessero messo sul morandi magari si accorgevano che stava per crollare ed avrebbe fotografato i responsabili che a tutt'oggi latitano...
Ritratto di Gordo88
4 ottobre 2019 - 01:28
Che centra scusa questo fotografa le targhe delle auto che superano i limiti mica lo stato di decomposizione di un ponte..
Pagine