NEWS

Un altro passo verso la nuova Saab

11 gennaio 2013

La città cinese di Qingdao è entrata nel capitale della Nevs, proprietaria della Saab. La casa produrrà auto elettriche, da vendere in Cina.

Un altro passo verso la nuova Saab

DALLA CINA CON FURORE - Pare proprio che il futuro della Saab debba essere elettrico. Gli attuali proprietari della Saab, la Nevs (National electric vehicle Sweden), di proprietà dell’uomo d’affari cino-svedese  Kai Johan Jiang, lo avevano detto fin dal giugno scorso, quando avevano rilevato ciò che rimaneva della casa svedese: “faremo auto elettriche”. Ora stanno marciando su questa strada. 

234 MILIONI “FRESCHI” - L’altro giorno, per esempio, la Nevs ha firmato un accordo con il fondo d’investimento Qingdao Qingbo Investment, emanazione della amministrazione locale della città cinese di Qingdao in base al quale il fondo di investimento mette 234 milioni di euro nella Saab (acquisendo il 22% del pacchetto azionario) e nel prossimo futuro la società dovrebbe realizzare un nuovo impianto di produzione a Qingdao.
 
 
AVVIO IN SVEZIA, POI CINA - L’accordo siglato parla dell’impegno per lo sviluppo e la produzione di veicoli elettrici, con produzione in Svezia e commercializzazione in Cina. Ciò significa che quando gli impianti svedesi avranno raggiunto il massimo delle proprie capacità produttive, il potenziamento della produzione avverrà in Cina, a Qingdao. La produzione dell’auto elettrica dovrebbe iniziare all’inizio del 2014.
 
E LA 9-3? - Assieme alla notizia dell’arrivo del nuovo partner nell’operazione per la produzione della Saab elettrica non c’è stato alcun riferimento alla dichiarata intenzione di riprendere la produzione della Saab 9-3 (nelle foto) con motore termico. Di per sé le due cose non sono in contrasto, ma il silenzio sull’iniziativa fa crescere lo scetticismo.


Aggiungi un commento
Ritratto di alfista1996
13 gennaio 2013 - 08:35
1
Possiamo dire che,oltre la Lancia, è venuta a mancare anche la Saab,che passerà a quegli sgorbi inutilissimi chiamati "auto elettriche".
Ritratto di Sbiellato
14 gennaio 2013 - 10:48
Bravo sei molto competente,finalmente qualcuno che conosce e non disprezza.Aggiungo solo un piccolo tassello a completare un già ottimo commento.Lo stemma SAAB dal 1984 accoppiato a quello di SCANIA la dice lunga...anche il grifone è identico!Chiedete a chi fà il camionista cosa significhi guidare uno scania!!!saluti
Ritratto di 911 Carrera
14 gennaio 2013 - 14:45
L' ultimo modello consuma troppo e hanno fatto i letti troppo piccoli, i camionisti, adesso, preferiscono i Mercedes, + parsimoniosi nei consumi, e + comodi. Lavoro nel magazinaggio da quasi 20 anni, da 5/6 anni gli Scania non sono + i preferiti, dopo i Mercedes ci sono Volvo e Stralis.
Ritratto di Toscosardo
14 gennaio 2013 - 20:07
A tutti quelli che ancora vedono solo il motore endotermico (a scoppio) e nientaltro consiglio l'oculista; i combustibili fossili possono solo aumentare di prezzo da qui in poi, l'alimentazione a idrogeno è troppo costosa, resta solo il motore elettrico che ha un rendimento quasi al 100% e un piacere di guida eccezionale, lì è il futuro e non appena c'è la tecnologia giusta per gli accumulatori e un prezzo di vendita decente il motore termico farà la fine dei cavalli e carrozze del secolo scorso con tutti i cavalieri che si fanno delle gran pippe oggi sulle novità motoristiche.... quindi un cino svedese investe bene i suoi soldi e perfino un Comune ci si fionda dentro mentre Fiat e company non hanno speso un centesimo in quella direzione! veramente ganzo
Ritratto di 911 Carrera
15 gennaio 2013 - 00:04
Fu tra i 1°, in centro a Torino furono messe 20 Panda elettriche della 1° versione, se non ricordo male anni '90, mentre negli anni '60 furono stanziati diversi milioni di allora, naturalmente NOSTRI, dati dallo stato, x 100 modelli di 600 elettriche, anche, se nella realtà, nessuno le vide mai. La Panda 1° serie elettrica fu anche in listino, ma a prezzi assurdi. (35 milioni, se non sbaglio).
Ritratto di gigi35
16 gennaio 2013 - 01:37
Saab è stato un grande costruttore d'auto, in famiglia ne abbiamo avute 2 e non abbiamo mai avuto nessun problema di nessun tipo. ..mai aperto il cofano se non per vedere il gioiello che custodiva! E la spinta nel sedere che regalava il suo 2.0 Turbo...se penso alla fine che questo glorioso marchio ha fatto, mi scendono le lacrime...se c'era un marchio che non ha mai badato a spese e ha sempre lavorato per la nostra sicurezza e per il puro piacere di guida quello era Saab. L'unica auto che ti regalava quel tipico sorrisetto quando sentivi fischiare la turbina, e vedevi l'aghetto del turbo che andava pericolosamente nella zona rossa...guardate è difficile da spiegare. ..speriamo che saab rinasca e conquisti i consensi che merita!
Ritratto di Sbiellato
18 gennaio 2013 - 15:20
Guarda ti dirò che anch'io ho due amici che hanno modelli scania meno recenti 3-4 anni ma giurano di non aver mai trovato mezzi così pratici e resistenti come questi.Non metto in dubbio la qualità di nuovi e ultimi modelli più recenti di altri marchi,come non metto in dubbio che la scania possa aver fatto un ultimo modello non all'altezza delle precedenti aspettative.Dico e ribadisco che nel 1984 quando avvenne la fusione di saab+scania con ancora gm che non la possedeva ed era all'orizzonte,la qualità e la tecnologia di saab era avanti rispetto a molti anche se non a tutti.Per me che guido un 93 del 2002 con la vecchia linea derivata dalla 900 è stata una mazzata.All'epoca anche se il gruppo gm era già subentrato in saab,non aveva ancora stravolto e minimamente intaccato la durissima carrozzeria e le durevoli componenti che compongono questa auto.Dal 2003 con l'entrata della nuova 93 con pianale vectra si è annientata l'originalità di saab fino ad arrivare alla sua estinzione.Ciao 911 a presto ti saluto.
Ritratto di 911 Carrera
20 gennaio 2013 - 00:42
a SAAB si deve molto, perfezionò ed introdusse il TURBO sui motori, inventato da Mercedes, che però non lo approfondì, furono le 1° a montare barre anti-intrusione nelle portiere, le uniche a montare il motorino d' avviamento sul tunnel centrale, x non causare lesioni al ginocchio dx del conducente in caso di incidenti. Pioniera in molte cose, peccato vederla finire cosi.
Pagine