NEWS

Unrae: il settore auto dimenticato nel  PNRR

Pubblicato 10 maggio 2021

L’associazione dei distributori esteri critica l’assenza di supporto al settore automotive nel Piano Nazionale di Rilancio e Resilienza.

Unrae: il settore auto dimenticato nel  PNRR

Il Governo italiano ha inviato alla Commissione Europea il PNRR, Piano Nazionale di Rilancio e Resilienza, che contiene al suo interno una serie di misure migliorative che serviranno per ottenere le risorse previste dal Recovery Fund, messe a disposizione dell’Unione Europea per far fronte alla crisi causata dalla pandemia (qui per saperne di più). 

Tuttavia, stando alle dichiarazioni di Michele Crisci, presidente dell’UNRAE (nella foto sopra), l’associazione nazionale delle case estere, nel piano presentato dal governo Draghi non sono previste specifiche risorse per il rilancio del settore automobilistico. Quindi, pur condividendo misure come il potenziamento della rete ferroviaria e dell’alta velocità, la realizzazione di piste ciclabili, le infrastrutture di ricarica elettriche e a idrogeno, l’UNRAE lamenta l’assenza di provvedimenti ad hoc per tutta la filiera automobilistica. E in particolare per favorire il ricambio del parco auto circolante, che in Italia è tra i più vecchi in Europa.

Risultano inoltre assenti la riforma del Codice della Strada, che l’UNRAE ritiene necessaria per adeguare norme obsolete alle nuove forme di mobilità e alle normative internazionali, oltre a una modifica del quadro fiscale, penalizzante in confronto ai principali paesi della UE, specie nell’imposizione sulle auto aziendali e nella mancanza di sgravi fiscali per le imprese di autotrasporto che investono in veicoli di ultima generazione.

L’UNRAE quindi auspica l’istituzione di un “Tavolo automotive” volto a individuare le migliori soluzioni per includere il settore dell’auto nei programmi di modernizzazione del Paese.





Aggiungi un commento
Ritratto di Blueyes
11 maggio 2021 - 09:52
1
io ho una fiat barchetta come seconda auto, decisamente da ASI, ma non ci penso neanche ad iscriverla. A parte lo sbattimento a cui vai incontro tra foto, richieste, moduli, ecc, spendi un sacco di soldi e ogni anno devi rinnovare con loro, praticamente si mangia tutto o quasi il risparmio del bollo. Per l'assicurazione pago già 220 euro sospendibile e ci vado avanti due anni.
Ritratto di Andrea Doria
11 maggio 2021 - 18:55
@Blueeyes. Strano, quei pochi che conosco si vantano proprio perchè non pagano il bollo. La spesa annuale quanto verrebbe se fosse iscritta all'Asi?
Ritratto di Andre_a
11 maggio 2021 - 19:04
9
@Andrea Doria: mi sembra intorno alla quarantina di €, in più devi essere iscritto a un club federato. Se hai solo un'auto non troppo potente e hai intenzione di tenerla a vita, non vale la pena.
Ritratto di Andrea Doria
11 maggio 2021 - 23:43
@Andre_a. Capisco. E immagino che a quei quaranta bisogna aggiungere la tassa di iscrizione (che posso supporre sia sui quindici/venti €, credo), e poi, stando a quanto a scritto Blueyes, bisogna poi rinnovare annualmente. Non credevo che bisognasse rinnovare ogni anno
Ritratto di Andre_a
12 maggio 2021 - 00:01
9
@Andrea Doria: già, ma pensa che se hai una storica particolarmente potente (e si trovano a cifre relative basse) o se hai più di una macchina spendi comunque gli stessi soldi, li la convenienza c'è. Inoltre consiglierei l'iscrizione ASI anche a parità di costi, perché se uno la vuole (o deve) vendere, le auto iscritte valgono di più
Ritratto di Andrea Doria
12 maggio 2021 - 00:37
@Andre_a. Quello è un bel vantaggio: almeno da quel lato, non c'è una sottospecie di superbollo fatto su misura per motori d'epoca potenti... Spero che qualcuno non cerchi di "rimediare" dopo quanto ho scritto ;-)
Ritratto di Blueyes
12 maggio 2021 - 15:04
1
Non ricordo le cifre esatte, ma ricordo che non ne valeva la pena in relazione allo sbatti ASI+Registro storico Fiat. Di bollo pago 275 euro all'anno. Poi c'è un'altra questione, se sul libretto viene scritto auto di interesse storico quando ti fermano le FdO ti possono fare problemi perchè in teoria potresti circolare solo in occasioni di raduni ed eventi speciali. Uno che conosco ha ricevuto una bella multa perchè ci girava normalmente. Non lo so, per ora non la faccio.
Ritratto di Blueyes
12 maggio 2021 - 15:06
1
dimenticavo, anche volendo la mia non ha ancora 20 anni. :-)
Ritratto di Andrea Doria
13 maggio 2021 - 04:02
@Blueyes. Beh, se tra i contro si considera il fatto che poi l'auto dovrebbe circolare solo in occasione di tali eventi, è da considerarsi un bel po' scoraggiante; a maggior ragione se ne fa un uso giornaliero. Ad ogni modo, se la tenga stretta, ma non credo che ci sia bisogno che io lo scriva.
Ritratto di Roomy79
11 maggio 2021 - 11:15
1
Esatto, però tutti felici a spacciarsela col suv e il sorriso con 2 denti in meno. Popolo fantastico
Pagine