NEWS

Le auto a benzina sorpassano le diesel

29 settembre 2017

Nei primi sei mesi del 2017 le immatricolazioni di auto diesel in Europa sono state il 46,3% del totale, contro il 50,2% del primo semestre 2016.

Le auto a benzina sorpassano le diesel

CAMBIAMENTO DI ORIENTAMENTO - Nel primo semestre di quest’anno, nei mercati dell’Europa dei 15 (il nucleo più corposo dell’Unione) sono state vendute più auto nuove a benzina che non diesel. Rispetto allo steso periodo del 2016, le auto a gasolio sono state 152.323 in meno rispetto all’anno scorso (3,491 milioni contro i 3,64 del 2016). Ciò mentre quelle a benzina sono cresciute di 328.615 unità (arrivando a sfiorare quota 3,4 milioni). Il risultato complessivo è che per la prima volta dal 2009, le auto diesel sono state il 46,3% del totale, mentre nel 2016  erano arrivate al 50,3%. A cogliere e comunicare questo cambiamento di preferenze è stata l’Acea, l’associazione che raggruppa i costruttori europei, che sul suo sito ha pubblicato una nota che commenta la novità completandola anche con i dati relativi alle vendite di auto elettriche (1,3% del totale), di quelle ibride (2,6%, pari a 73 mila unità) e quelle a gas (1,3%).

LE CAUSE - Sicuramente a pesare è stato l’incremento delle vendite di modelli di dimensioni e cilindrata contenuti, una categoria in cui le versioni a benzina sono senz’altro sfavorite. Ma non solo. È indubbio che un ruolo fondamentale nel modificare le propensioni del mercato, lo abbia avuto il Dieselgate Volkswagen, cioè lo scandalo delle auto con emissioni irregolari. La vicenda ha introdotto una sorta di virus (tuttora in azione, e sempre più aggressivo) che ha generato dubbi sui diesel. Questo perché è possibile che molti stati finiscano con mettere fuori legge le auto a gasolio, o che comunque introducano norme restrittive sempre più pesanti. Tra le conseguenze di tutto questo è che le auto diesel perderanno valore nel mercato dell’usato.

PERICOLO CO2 - C’è però un aspetto che finora non era stato sottolineato. Il segretario generale dell’Acea, Erik Jonnaert, fa notare che l’aumento delle vendite delle auto a benzina potrà creare ulteriori problemi al raggiungimento degli obiettivi prefissati in materia di emissioni di CO2. Notoriamente infatti i motori diesel emettono meno CO2. Jonnaert sottolinea il problema soprattutto per sollecitare un’azione di incentivazione ad acquistare auto con motori alternativi (ibride, a gas, elettriche), così da compensare le variazioni causate dalla accresciuta vendita di auto a benzina. 

L’EUROPA DEI 15 - Con l’espressione Europa dei 15 si intende l’insieme comunitario al momento che i paesi aderenti erano 15. Si tratta degli stati fondatori, Germania, Francia, Italia, Olanda, Belgio e Lussemburgo, oltre a quelli che hanno aderito successivamente, Gran Bretagna, Spagna, Grecia, Portogallo, Svezia, Austria, Danimarca, Finlandia, Irlanda. Come si vede di un importante insieme di mercati, in cui si registrano quasi il 92% delle immatricolazioni di auto nuove dell’intera Unione Europea. 



Aggiungi un commento
Ritratto di lucios
2 ottobre 2017 - 21:38
4
Sono d'accordo, però, ad esempio, l'utilizzo di sistemi ibridi per gli autocarri potrebbe essere una strada molto percorribile, viste le dimensioni e le capacità di carico che hanno. Casomai concedendo loro la possibilità di trasportare peso in più per compensare. Oggi con le tecnologie si può fare tanto.
Ritratto di Demon_v8
29 settembre 2017 - 20:44
Il diesel conviene se si fanno almeno 15.000 km/anno..inoltre ci ballano almeno 2000/2500 euro di differenza tra un benzina e un diesel..in questo periodo conviene farsi bene i conti in tasca
Ritratto di Ale94
29 settembre 2017 - 21:39
Le auto a benzina non bevono poco e si spende di più in carburante ma la paghi meno, io la uso tanto in cittá e a volte in exstraurbano quindi benzina, sennó prendere un diesel mi fa spendere meno in carburante e si risparmia ma questo solo se si macinano tanti km e si usa anche spesso su tragitti lunghi.
Ritratto di Moreno1999
29 settembre 2017 - 22:39
4
Sul diesel sto lentamente cambiando opinione. Specie dopo aver usato l’utilitaria diesel dell’autoscuola, dove in accelerazione è rumorosissimo e al minimo trasmette diverse vibrazioni nella zona della pedaliera, quindi in città non ha il minimo senso. E non avendo senso in città, non ha senso nemmeno sulle auto sotto il segmento C. Ben venga la sempre maggiore diffusione della propulsione ibrida - aspettando che l’offerta aumenti con più modelli nei prossimi anni. E anche qui i giappo ci videro anni avanti
Ritratto di Salve sono Ugo
30 settembre 2017 - 13:32
Cioè la tua opinione si basa sull'utilitaria della scuola guida? ..molto utilizzate, spesso economiche, col "minimo" alzato, con principianti alla guida?
Ritratto di Moreno1999
30 settembre 2017 - 15:02
4
Non è troppo economica, è nuova (2016) e fyi non ha modifiche al motore
Ritratto di lucios
1 ottobre 2017 - 14:04
4
Moreno, di che auto si tratta? Spesso queste hanno le frizioni alla frutta, ed anche gli organi meccanici sono altamente stressati per le continue e sbagliate sollecitazioni fatte da chi l'auto la sta appena cominciando a guidare.
Ritratto di manuel1975
30 settembre 2017 - 01:12
a metano c'è la golf 1.4 turbo da 110 cv, la turan 1.4 td da 150 e le nuove polo ed ibiza col 1.0 turbo da 90 cv
Ritratto di Leonal1980
30 settembre 2017 - 01:37
3
Turbo metano ora sono il top! In consumi manutenzione smog, e in alcune regioni ecobollo
Ritratto di GranNational87
30 settembre 2017 - 09:58
3
Per violazione della policy del sito.
Pagine