Vinfast: svelate le prime auto vietnamite

10 settembre 2018

Il Salone di Parigi 2018 terrà a battesimo la casa costruttrice vietnamita, che esporrà due modelli realizzati su base BMW e design della Pininfarina.

Vinfast: svelate le prime auto vietnamite

SEMPRE DI PIÙ - Grazie ai paesi emergenti continua ad allargarsi il panorama delle case automobilistiche. L’ultima “new entry”, in ordine di tempo, arriva dal Vietnam e si chiama Vinfast. All’imminente Mondial de l’Auto parigino sarà presente con due proposte: una berlina e una suv. Entrambe realizzate su base BMW, sia per il pianale che per il motore. La berlina utilizza la base della BMW Serie 5, mentre la suv è derivata dalla BMW X5. Oltre a queste due proposte, la Vinfast ha anche annunciato che l’anno prossimo presenterà una novità a trazione elettrica. Le due Vinfast che saranno svelate a Parigi impiegano lo stesso motore: il BMW N20, due litri turbo a benzina, proposto in due livelli di potenza: 178 e 230 CV. Per quel che riguarda la trazione ci saranno le due opzioni, 4x4 o trazione posteriore. Il cambio è automatico a 8 marce della ZF. La carrozzeria è frutto della collaborazione tra i progettisti della casa e la Pininfarina.

NUOVO STABILIMENTO -  La produzione dei due modelli sarà avviata l’anno prossimo: a marzo è prevista la produzione dei primi modelli per i test di verifica, e a settembre 2019 ci sarà l’avvio della produzione di serie. Tutto avverrà nel nuovo stabilimento di Hai Phong, a 120 chilometri da Hanoi. Dallo stesso impianto, che è in via di ultimazione, uscirà anche uno scooter elettrico. Ma non è finita. Nel quadro dell’attività della Vinfast c’è anche la produzione sotto licenza della citycar che in Gran Bretagna era venduta come Vauxhall Viva. In Vietnam sarà venduta a partire dall’autunno 2019. Sarà proposta anche come taxi. L’allestimento taxi sarà mosso da un motore di 1 litro, quello destinato alla vendita al pubblico disporrà invece di un motore 1.4, abbinato a trasmissione a variazione continua.

OBIETTIVI AMBIZIOSI - I progetti della Vinfast sono molto ambiziosi: l’obiettivo che la casa si è data è di arrivare a una produzione di 500.000 veicoli entro il 2025. In questo quadro c’è anche il progetto di realizzare un bus elettrico. Per l’attuazione di questi programmi la Vinfast ha proceduto a una “campagna acquisti” di manager e ingegneri provenienti da tutto il mondo.

Aggiungi un commento
Ritratto di Luzo
10 settembre 2018 - 14:36
Quasi quasi meglio dell originale, non dovendosi trascinare tutti gli stilemi bavaresi
Ritratto di mika69
10 settembre 2018 - 15:58
...Ma si attaccano a quelli della Renault
Ritratto di Giuliopedrali
10 settembre 2018 - 16:31
Peccato la derivazione BMW stilisticamente non certo meccanicamente, cioè speravo più Pininfarina... Hanno proporzioni molto belle da BMW, ottimo, e particolari loro, però dai che inizio!
Ritratto di Luzo
10 settembre 2018 - 22:22
Uttio stilemi renault forse dietro ma davanti non mi pare, e cmq va angusti a me piacciono le fanalerie "invisibili" come questo anteriore, piuttosto che il solito plexi (con sotto i leddi, poi)
Ritratto di otttoz
10 settembre 2018 - 14:51
avevo letto che la cina,per risparmiare sui costi della manodopera,produceva in vietnam...
Ritratto di Fr4ncesco
10 settembre 2018 - 15:03
I vietnamiti sono sottomessi ai cinesi mentre i cambogiani sono sottomessi ai vietnamiti.
Ritratto di Giuliopedrali
10 settembre 2018 - 16:28
Si sottomessi a diventare ricchi... Invece dal Messico a tutto il sudamerica sono sottomessi a qualcuno a nord che li blocca da cento anni...
Ritratto di Fr4ncesco
10 settembre 2018 - 17:16
Sottomessi da Ho Chi Min filocinese I vietnamiti, dagli anni '60, i cambogiani da Pol pot filovietnamita. Ora la Cina sta esportando il suo modello capital comunista nell' Indocina come fece Mao col libretto rosso tempo addietro.
Ritratto di Giuliopedrali
10 settembre 2018 - 17:20
Quindi ci supereranno alla velocità della luce, iniziano già con una BMW/Pininfarina...
Ritratto di Fr4ncesco
10 settembre 2018 - 17:50
Una BMW rivista da stagisti della Pininfarina cinesi, Fisker lo facevo per hobby prima della Karma. Non ci vedo nulla di speciale, al giorno d'oggi è roba da startup.
Pagine