Vinfast: svelate le prime auto vietnamite

10 settembre 2018

Il Salone di Parigi 2018 terrà a battesimo la casa costruttrice vietnamita, che esporrà due modelli realizzati su base BMW e design della Pininfarina.

Vinfast: svelate le prime auto vietnamite

SEMPRE DI PIÙ - Grazie ai paesi emergenti continua ad allargarsi il panorama delle case automobilistiche. L’ultima “new entry”, in ordine di tempo, arriva dal Vietnam e si chiama Vinfast. All’imminente Mondial de l’Auto parigino sarà presente con due proposte: una berlina e una suv. Entrambe realizzate su base BMW, sia per il pianale che per il motore. La berlina utilizza la base della BMW Serie 5, mentre la suv è derivata dalla BMW X5. Oltre a queste due proposte, la Vinfast ha anche annunciato che l’anno prossimo presenterà una novità a trazione elettrica. Le due Vinfast che saranno svelate a Parigi impiegano lo stesso motore: il BMW N20, due litri turbo a benzina, proposto in due livelli di potenza: 178 e 230 CV. Per quel che riguarda la trazione ci saranno le due opzioni, 4x4 o trazione posteriore. Il cambio è automatico a 8 marce della ZF. La carrozzeria è frutto della collaborazione tra i progettisti della casa e la Pininfarina.

NUOVO STABILIMENTO -  La produzione dei due modelli sarà avviata l’anno prossimo: a marzo è prevista la produzione dei primi modelli per i test di verifica, e a settembre 2019 ci sarà l’avvio della produzione di serie. Tutto avverrà nel nuovo stabilimento di Hai Phong, a 120 chilometri da Hanoi. Dallo stesso impianto, che è in via di ultimazione, uscirà anche uno scooter elettrico. Ma non è finita. Nel quadro dell’attività della Vinfast c’è anche la produzione sotto licenza della citycar che in Gran Bretagna era venduta come Vauxhall Viva. In Vietnam sarà venduta a partire dall’autunno 2019. Sarà proposta anche come taxi. L’allestimento taxi sarà mosso da un motore di 1 litro, quello destinato alla vendita al pubblico disporrà invece di un motore 1.4, abbinato a trasmissione a variazione continua.

OBIETTIVI AMBIZIOSI - I progetti della Vinfast sono molto ambiziosi: l’obiettivo che la casa si è data è di arrivare a una produzione di 500.000 veicoli entro il 2025. In questo quadro c’è anche il progetto di realizzare un bus elettrico. Per l’attuazione di questi programmi la Vinfast ha proceduto a una “campagna acquisti” di manager e ingegneri provenienti da tutto il mondo.

Aggiungi un commento
Ritratto di Giuliopedrali
10 settembre 2018 - 17:16
Be sicuramente meglio di questa cinesata vietnamita, che per unire il meglio: BMW e Pininfarina avrebbe dovuto essere disegnata dal foglio bianco da Pininfarina, non sembrare una serie5 modificata e quindi comunque peggiorata. Certo le proporzioni sono le migliori. Aggiungiamo semplicemente che per esempio nei paesi latini una berlina di questo livello in questo momento non siamo in grado di farla... Certo sotto è una BMW. Provate a pensare alle Volvo finalmente esaltate da tutti che sotto sono delle Geely...
Ritratto di Giuliopedrali
10 settembre 2018 - 17:19
È un auto vietnamita (la prima dopo il CKD su licenza, Citroën Mehari Dalat, Vietnam del sud 1973) eppure l'unico difetto che gli troviamo è che è troppo BMW...
Ritratto di Ercole1994
10 settembre 2018 - 17:37
Tutto bello insomma, ma i telai, saranno sicuramente datati. Non credo che BMW, conceda la piattaforma CLAR, propendo più per dei "ricicli" delle Serie 5 e X5 di due generazioni fa (comunque sia, buone come inizio).
Ritratto di Giuliopedrali
10 settembre 2018 - 18:13
Si sembra la generazione precedente, però Pininfarina avrebbe dovuto calcare di più la mano, allora si: dentro BMW fuori Pininfarina, be scusi se è poco!
Ritratto di Thresher3253
10 settembre 2018 - 21:47
La berlina é molto moderna, si sente la presenza di un designer affermato e non il solito cinese poco originale.
Ritratto di Giuliopedrali
10 settembre 2018 - 22:21
Se mi permetti l'unico difetto è il design... Cioè dove si stacca da BMW non ha una grande classe Pininfarina. Ci sono parecchie cinesi più originali e armoniose (e anche di Pininfarina o altri italiani)(questa comunque ha le perfette proporzioni BMW) per esempio la Geely GC9 berlina pari livello molto diffusa anche in Russia, sorella della Volvo S90, che ora come ora mi piace quanto la grossa Volvo.
Ritratto di fastidio
11 settembre 2018 - 13:10
3
Bella sta GC9....peggio della peggior berlina anonima USA
Ritratto di Giuliopedrali
11 settembre 2018 - 13:28
È uno stile cinese la Geely GC9 e per tanti è una novità, bisognerà abituarsi. Però ha un ottimo successo anche all'estero e penso superi già quasi tutte le attuali berline USA.
Ritratto di fastidio
12 settembre 2018 - 14:21
3
sarà, ma è banale e non suscita nessuna emozione..
Ritratto di flavio84
10 settembre 2018 - 22:03
Saranno state tre ore che non usciva un nuovo suv??
Pagine