Vision Mercedes-Maybach 6: la cabriolet ispirata agli yacht

La casa tedesca toglie il tetto alla Vision Mercedes-Maybach 6 e non tradisce la sua carrozzeria in stile art deco.

LINEE DI CLASSE - Imponente e sinuosa, la Vision Mercedes-Maybach 6 Cabriolet (nelle foto) esprime raffinatezza da ogni prospettiva e rielabora lo stile art deco in funzione di una carrozzeria lunga 570 cm, decorata attraverso particolari come la grande mascherina anteriore e le pinne cromate sulle fiancate. Questa lussuosa cabriolet è stata mostrata in anteprima durante la Monterey Car Week e segue di un anno il prototipo Vision Mercedes-Maybach 6, coupé che gli stilisti della Maybach (il marchio della Mercedes concorrente di Bentley e Rolls Royce) hanno disegnato per anticipare le auto dei prossimi anni e mostrare le novità in cantiere. La 6 Cabriolet riprende le forme della versione chiusa, ma adotta una capote in tela ad azionamento elettrico e porta all’esordio la vernice nautical blue metallic, più elegante rispetto al rosso rubino della Vision Mercedes-Maybach 6.

COME UNO YACHT - L’impressione di eleganza è accentuata dalla carrozzeria pulita e senza orpelli, ispirata alle forme di uno yacht, complice l’attenzione dedicata a particolari come le luci (molto sottili), le maniglie (integrate nel fregio sulla fiancata) e la forma del parabrezza, inclinato e avvolgente. La Vision Mercedes-Maybach 6 appare molto raffinata nonostante la generosa mascherina cromata e le enormi ruote in lega da 24 pollici. I rivestimenti nell’abitacolo sono in pelle nappa di colore bianco, l’oro rosa è stato scelto per alcuni dettagli nel cruscotto e nel cofano anteriore si trovano una serie di accessori personalizzati, come le valigie o il necessario per un picnic. All’interno è presente un evoluto sistema multimediale, che fornisce tutte le informazioni di cui i passeggeri hanno bisogno nonostante la plancia abbia un aspetto classico e all’apparenza poco tecnologico.

500 KM DI AUTONOMIA - La Vision Mercedes-Maybach 6 è alimentata da una batteria montata sotto il pavimento e impiega quattro motori elettrici da complessivi 748 CV, che la rendono veloce e scattante a dispetto della mole: la casa tedesca dichiara un tempo inferiore a 4 secondi per l’accelerazione 0-100 km/h e una velocità massima auto-limitata a 250 km/h. L’autonomia raggiunge i 500 km mentre la ricarica ultraveloce delle batterie a 350 kW regala 100 chilometri di autonomia in circa 5 minuti.



Leggi l'articolo su alVolante.it