NEWS

Vola il prezzo dei carburanti

07 dicembre 2011

Da oggi sono in vigore gli aumenti delle accise decisi con la manovra “Salva Italia” del governo Monti: benzina e diesel sopra gli 1,7 euro al litro.

SALE ANCORA - Secondo le rilevazioni di oggi effettuate da Quotidianoenergia, su base nazionale e compresa la quota di distributori indipendenti, la benzina sale a 1,708 euro (+9,9 centesimi) e il gasolio a 1,702 euro (+13,5 centesimi). In particolare, il prezzo medio praticato della benzina (in modalità servito) varia oggi tra l'1,697 euro al litro degli impianti Esso, l'1,709 di quelli Tamoil e l'1,602 delle pompe no-logo. Per il diesel si va dall'1,677 euro al litro della IP, all'1,691 della TotalErg e all'1,567 delle no-logo. Il Gpl, infine, è tra lo 0,735 euro al litro dell'Eni, lo 0,750 della Shell e lo 0,721 delle no-logo.





Aggiungi un commento
Ritratto di ale112002
7 dicembre 2011 - 18:00
Prima dell' entrata in vigore dell' euro l'italia aveva la sua moneta sovrana e poteva stamparne quasi senza limiti e non si teneva conto del debito pubblico in quanto lo stato lo faceva con se stesso! Ora invece è tutto cambiato con l' euro l'italia deve tener conto di questo debito e per fare cassa non ci sono altre strade se non quella di aumentare le tasse! Se aggiungiamo che la crisi ha colpito un po tutti, ma particolarmente noi si capisce come essendo l'economia ferma ormai da anni siamo arrivati ad un punto di non ritorno. Per esempio il Giappone ha un debito pubblico che è molto più alto del nostro, ma la differenza è che lo stato ha una sua moneta e quindi il debito lo contrae con se stesso! L' Unione Europea, diciamoci la verità, è composta esclusivamente da Germania in primis e poi Francia, se notate sono sempre quei due a riunirsi mentri gli altri paesi sono solo dei sudditi che devono accettare qualsiasi richiesta. Ma allora mi chiedo che Unione Europea è? Non doveva essere come un' unica grande Nazione? A me questo non sembra proprio perchè ci doveva essere una banca unica (es. la banca d'italia di una volta) che in caso di crisi di un paese era pronta ad intervenire, ma questo non esiste e ognuno deve fare da se. E allora l'unica utilità è avere una moneta unica? a che scopo? E' anche vero che nel nostro paese ci sono degli sprechi esagerati e si pagano errori del passato, ma ragazzi una cosa così non si era mai vista! Purtroppo siamo in queste condizioni ed ora per uscirne sarà dura perchè se la gente non lavora mi dite come fa a girare l'economia? Una volta ho senito un' economista dire che l' Italia diventerà un paese povero con crescita zero o giù di li, io spero che queste affermazioni siano sbagliate, ma ora come ora le premesse ci sono tutte.
Ritratto di poliedrico
7 dicembre 2011 - 18:53
*****
Ritratto di IloveDR
7 dicembre 2011 - 18:27
4
...a mettere le mie solite 10 euro sperando nel prezzo di ieri, ma era già a 1,71. Non ci resta che piangere...la bicicletta è pure sgonfia.
Ritratto di mustang89
7 dicembre 2011 - 18:37
Io ieri ho fatto 3 pieni di gasolio a 1.635, automatico. Al sud i carburanti costano molto di più, mi spiace ma state provando adesso quello che noi proviamo già da un pò, adesso siamo pure ad uno stadio successivo, quasi 1 e 80 per il diesel.
Ritratto di IloveDR
7 dicembre 2011 - 19:33
4
sono anch'io del Sud
Ritratto di ilovenaples89
7 dicembre 2011 - 18:58
ed equità è stata. nulla è più equa di un acccisa, colpisce sia il ricco che il povero, la nostra unica possibilità è sfruttare quanto possibile il self service. e voglio farvi notare che con questo aumento su 20 euro di benzina perdiamo un litro, non cinque, è vero è odioso vedersi il prezzo della benzina sempre più alto, ve lo dice uno studente con pochi soldi, ma purtroppo la situazione è questa. la vera stangata è quella dell'imu e delle pensioni
Ritratto di C.Antonio
7 dicembre 2011 - 20:44
bravi i politici a far pagare sempre noi perchè non ci vanno loro a piedi che devono fare tre passi e una giornata intera seduti oppure che iniziano a viaggiare a loro spese senza più auto blu qui si mette male ragazzi prima i migranti venivano dalle coste dell'africa tra poco con l'uomo del MONTI ci tocca a noi prendere una barca e andare a trovare fortuna da qualche altra parte visto che qui in italia ci tolgono pure le mutande e diventeremo tutti poveri per i casini che hanno fatto loro e cosi poi anche noi diventeremo clandestini in un altro paese
Ritratto di ste85gangy
7 dicembre 2011 - 22:34
Concordo con te è uno schifo che solo qua se vede
Ritratto di Joeilpilota
7 dicembre 2011 - 21:51
Sui libri di economia si legge che la domanda della benzina è del tipo "anelastico". All'aumento del prezzo non corrisponde di fatto una diminuizione dei consumi come dispone la classica "legge della domanda e della offerta". Quindi, almeno teoricamente, i consumi della benzina non dovrebbero diminuire. Tuttavia, tenuto conto che il prezzo è divenuto eccessivo, per un certo lasso di tempo, ci sarà una contrazione dei consumi, dovuta più alla mancanza di risorse che all'idea mirata al minor consumo. In un caso o nell'altro, la minore circolazione dei veicoli si tradurrà in un ennesimo vantaggio per le Compagnie di Assicurazione. Meno auto circolano e meno chilometri si percorrono, meno è rischio delle Compagnie. Esattamente come avvenne agli inizi degli anni '70 con la prima crisi petrolifera ove vennero disposte le "domeniche a piedi". In Borsa le azioni delle Compagnie ebbero un rialzo incredibile. Oggi, a fine 2011 speriamo almeno che non ci sia un ulteriore aumento del costo delle polizze. Sarebbe davvero troppo!
Ritratto di Joeilpilota
7 dicembre 2011 - 22:21
In breve: meno autovetture circolano, meno chilometri si percorrono e meno rischio vi è per le Compagnie di Assicurazione. Ci avete mai pensato?
Pagine