NEWS

Volkswagen Golf GTI: 245 cavalli e tanta elettronica

Pubblicato 14 maggio 2020

La versione sportiva della Golf si potrà ordinare a fine estate, con consegne fra settembre e ottobre: promette lo stessa versatilità della precedente ma più coinvolgimento alla guida.

Volkswagen Golf GTI: 245 cavalli e tanta elettronica

SOLO DSG (O QUASI…) - L’ottava generazione della Volkswagen Golf GTI riprende la “ricetta” della settima: motore 2.0 turbo (con 245 CV e 370 Nm di coppia, ovvero lo stesso della precedente GTI Performance), trazione anteriore con differenziale autobloccante a controllo elettronico (di serie) e cambio manuale a sei marce, oppure robotizzato DSG a doppia frizione e sette rapporti. Quest’ultimo sarà l’unico offerto in Italia, sebbene anche da noi non sia esclusa la possibilità di aprire degli ordini “speciali” (con prezzi da definire di volta in volta) per chi non può proprio fare a meno della trasmissione manuale. Il listino arriverà in estate inoltrata (prezzi indicativi da 35.000 euro), con consegne fra settembre e ottobre.

SI FA NOTARE - Il capo del design della casa, Klaus Bischoff, e il responsabile dello sviluppo del telaio, Karsten Schebsdat, hanno svelato inediti dettagli di questa vettura. E ovviamente lo hanno fatto online, visto il periodo di pandemia da coronavirus. Come nelle più recenti Volkswagen Golf GTI, il frontale è sempre attraversato da una sottile linea rossa e gli scarichi rimangono due, e rotondi. Tuttavia, la nuova generazione è contraddistinta da uno stile più personale: basta far caso alla grande griglia anteriore, dentro cui sono inserite le luci diurne a nido d’ape. E accanto al logo sul frontale sono presenti due segmenti luminosi a led. Sul “perché” di questo cambio di passo, visto che da sempre la GTI è sinonimo di sportività che passa quasi inosservata, Bischoff è stato chiaro: “già la Golf “normale” è più sportiva di quella che l’ha preceduta. E questi dettagli servono a sottolineare le prestazioni di cui questa GTI è capace”.

CENTRALINA DEDICATA - Le novità si preannunciano interessanti anche dal punto di vista della guidabilità: “volevamo conservare lo stesso livello di comfort della precedente - ha riassunto Schebsdat - migliorando però l’agilità, specialmente nelle curve strette. E mantenendo la grande stabilità del retrotreno alle alte velocità”. Numerose le modifiche rispetto alla Volkswagen Golf GTI appena pensionata: il telaietto anteriore è in alluminio anziché acciaio (si risparmiano 3 kg: una finezza ripresa dalla precedente versione speciale Clubsport S), boccole, molle e ammortizzatori hanno una nuova taratura e debutta il Vehicle Dynamics Manager. Si tratta di una centralina, montata accanto al differenziale autobloccante a controllo elettronico, dedicata alla gestione di quest’ultimo e degli ammortizzatori regolabili. Così, è possibile non solo scegliere fra 5 modalità di guida, ma anche fra ben 15 livelli intermedi di taratura degli ammortizzatori. Grazie a questo componente, le regolazioni dell’elettronica avvengono in maniera più rapida e precisa.

A TUTTA ELETTRONICA - Confermato anche lo sterzo a demoltiplicazione variabile: come nella settima Volkswagen Golf GTI, la cremagliera ha denti più radi ai lati e l’azione diventa più diretta dopo i primi gradi di rotazione del volante, passando da un rapporto di 14,1:1 a poco meno di 8,5:1. Inoltre, come nelle altre Golf 8, l’impianto frenante ha un servofreno elettronico: ciò permette di regolare la sua risposta in base alla velocità, e la GTI ha una sua taratura specifica. Miglioramenti hanno interessato anche l’Esp, che è disattivabile parzialmente o del tutto (in quest’ultimo caso si riattiva solo se l’elettronica rileva un pericolo di collisione con un veicolo davanti o in caso di manovra d’emergenza): il pilota Benjamin Leuchter ha confidato che sul circuito di handling della casa, ha ottenuto il miglior tempo proprio con il primo step, dato che lascia molta libertà al guidatore.

VIDEO
Volkswagen Golf
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
58
52
65
45
156
VOTO MEDIO
2,5
2.49734
376




Aggiungi un commento
Ritratto di alex_rm
14 maggio 2020 - 20:18
Il pianale é il modulare mqb e nella polo é stato declinato nella variante mqb-a0(che non prevede l’utilizzo della trazione integrale) penso più per questioni di marketing hanno voluto fare questa differenziazione definendola variante mqb-a0
Ritratto di Rav
14 maggio 2020 - 14:26
3
A parte la geniale idea di presentare in rosso un'auto il cui segno più distintivo è il filetto rosso sul frontale, che dunque scompare completamente nella vista anteriore, trovo questa edizione estremamente scialba. Già la Golf di partenza è anonima e nettamente inferiore alle due precedenti, a mio parere, qui sinfatica proprio a distinguere la versione sportiva. E quei faretti nel paraurti, mutuati da Kia Pro_Cee'd e Megane RS non fanno onore al modello. Un vero peccato. La Golf non è mai stata un'auto originale, ma le precedenri due edizioni di GTI erano immediatamente riconoscibili, decisamente aggressive e diverse dalle standard. Qui a parte la presa d'aria enorme non c'è nulla di particolare. Poi sicuramente venderà perchè si chiama Golf.
Ritratto di Boys
14 maggio 2020 - 18:05
1
Concordo Rav
Ritratto di tuturbo
15 maggio 2020 - 20:55
Mah
Ritratto di studio75
14 maggio 2020 - 17:44
5
Mai capito perchè in Germania la Gti ha numeri di vendita maggiori rispetto a una Leon versione Cupra. In Italia lo capirei per via del superbollo, ma da loro, con una cifra ragionevole (€.2.500 o meno da altri preparatori), puoi sprigionare tutto il potenziale di quel motore (370cv) e avere una mini super car (con prestazioni omologate e legali).
Ritratto di Boys
14 maggio 2020 - 18:04
1
Mah...gli interni finalmente hanno un design attuale, per gli esterni come linea è ancora più anonima della precedente il che...
Ritratto di troy bayliss
14 maggio 2020 - 19:57
1
io penso che il frontale e i fari ancor di più siano il 60% del piacere o meno di un auto al cliente.Un pò come il viso in una donna..se ha un fisico stupendo ma il viso non piace...nn tira non c'è nulla da fare.E questa Golf, pur GTI, continua a non piacermi almeno in video..quei fari sono orrendi..nn li digerisco. Meglio quelli della versione precedente
Ritratto di Pavogear
14 maggio 2020 - 20:31
Interessante la possibilità di poterla ordinare in modo "speciale" col cambio manuale, anche se c'è da sperare che questo non sia un modo per far aumentare il prezzo in modo esagerato dato che sarebbe un peccato. Comunque mi piace questa GTI, e l'ultima che mi era piaciuta era la Golf IV
Ritratto di ardo
15 maggio 2020 - 01:04
molto bella, però con dei bei cerchi da 19", de più.
Ritratto di kualalumpur
15 maggio 2020 - 08:26
È inutile...era un must fino al decennio passato. Ora è superata.
Pagine