Volkswagen Golf GTI, GTD e GTE: le tre anime della sportività

Pubblicato 27 febbraio 2020

Svelate le versioni GT della Golf 8: benzina da 245 CV, diesel da 200 e ibrida da 245.

Volkswagen Golf GTI, GTD e GTE: le tre anime della sportività

Quattro mesi dopo la presentazione della Volkswagen Golf 8, vengono svelate le sue prime versioni sportive: sono la Golf GTI, con il motore benzina 2.0 da 245 CV; la Golf GTD, con il diesel 2.0 da 200 CV; e la Golf GTE, dotata del sistema ibrido da 245 CV con batterie ricaricabili dall’esterno. Queste versioni saranno presentate al Salone dell’auto di Ginevra.

> VOLKSWAGEN GOLF GTI

La GTI è un classico per la Volkswagen Golf: ha debuttato nel 1975 ed è arrivata all’ottava generazione. Ha un look atletico e non appariscente, come da tradizione, ma fin dal primo sguardo si capisce che è una GTI: a connotarla sono l’assetto ribassato di 1,5 cm, le ruote con specifico design di 17” (optional di 18” e 19”), la modanatura nera sotto i fascioni e le portiere, lo spoiler sopra il lunotto, i due grossi scarichi e lo specifico paraurti anteriore, con griglie a nido d’ape ed i fari fendinebbia composti da 5 punti luminosi a forma di X (optional). Immancabile il profilo rosso nella mascherina, che integra anche una sottile fascia di led ad unire visivamente i fari.

L’interno della Volkswagen Golf GTI 2020 è impreziosito da specifici dettagli, diventati parte integrante della tradizione di questo fortunato modello: sono i sedili sportivi rivestiti da tessuto in stile tartan e l’impugnatura del selettore del cambio ispirata ad una pallina da golf (di colore nero). Presenti lo schermo di 10,25” per il cruscotto, quello a sfioramento di 10” nella consolle e l’illuminazione diffusa a led, personalizzabile in 30 colori, oltre ai pedali in metallo con inserti anti-sdrucciolo e allo sportivo volante con tasti a sfioramento: ci sono anche quelli per il sistema Travel Assist, che gestisce la guida assistita fino a 210 km/h. 

La Volkswagen Golf GTI ha sospensioni McPherson all’anteriore e multilink dietro. Debutta un nuovo sistema per il controllo della dinamica, che gestisce il differenziale a controllo elettronico XDS e le opzionali sospensioni a attive DCC: il guidatore può selezionare le modalità Eco, Comfort, Sport e Individual, per avere un’auto più confortevole sui fondi irregolari o diretta fra le curve. Il motore 2.0 della GTI, noto internamente come EA888 (lo stesso della scorsa generazione), ha 245 CV, 370 Nm di coppia e si abbina a due trasmissioni: la manuale a 6 rapporti e la robotizzata DSG a 7, entrambe collegati alle ruote motrici anteriori. 

> VOLKSWAGEN GOLF GTD

La Volkswagen Golf GTD si differenzia dalla GTI per l’assenza della modanatura nera sotto fascioni e portiere. Cambiano anche il profilo nella mascherina (è di colore argento, non più rosso), il disegno delle ruote e i due scarichi: non più ai lati del paraurti, ma ravvicinati sulla sinistra. Il suo motore è un “duemila” da 200 CV e 400 Nm di coppia, il più potente diesel mai adottato da una Volkswagen Golf, dotato di un doppio catalizzatore SCR per l’abbattimento delle emissioni allo scarico. Il cambio è solo DSG a 7 rapporti. 

> VOLKSWAGEN GOLF GTE

Priva dell’assetto ribassato e degli scarichi, la Volkswagen Golf GTE ha un fregio blu nella mascherina e lo sportellino sulla fiancata sinistra per il cavo di ricarica. All’interno, gli schermi hanno specifici menù per visualizzare i flussi energetici, la carica delle batterie e la residua autonomia del motore elettrico. È dotata di un sistema ibrido che si compone di un benzina turbo 1.4, da 150 CV, e di un motore elettrico, da 115 CV, per una potenza complessiva di 245 CV e 400 Nm di coppia. Ad alimentare il motore ad elettroni è una batteria di 13 kWh, del 50% più capace rispetto alla scorsa generazione: grazie ad essa la Golf GTE è in grado di percorrere fino a 60 km spinta dal motore elettrico. Equipaggiata con il cambio robotizzato DSG a 6 marce, secondo la casa tedesca ha prestazioni simili alla Golf GTI.

VIDEO
Volkswagen Golf
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
57
50
65
45
156
VOTO MEDIO
2,5
2.482575
373




Aggiungi un commento
Ritratto di Blueyes
28 febbraio 2020 - 11:23
1
grazie una BUFALA me la faccio volentieri.
Ritratto di Giulk
28 febbraio 2020 - 14:37
Esteticamente a vederla in foto per me è orribile, poi i gusti son gusti
Ritratto di Andrea Ford
27 febbraio 2020 - 10:55
Nonostante sia solo poco più di un restyling della 7, penso potrà passare alla storia come la Golf esteticamente meno riuscita di sempre o, in ogni caso, la meno ispirata di tutte. Molto peggio della spesso ingiustamente vituperata III la quale invece è servita come punto di partenza per arrivare alla migliore, la IV: Di fatto la IV era un evoluzione dei canoni moderni anni 90 i quali introdussero nella produzione di grande serie le superfici levigate e fluide e la cura dell'aerodinamica, introdotti dalla III la quale fu la prima Golf a staccarsi in modo netto dalle prime due serie dalle proporzioni e dai tratti ormai superati degli anni 70/80, esattamente come fece, nello stesso anno, la Serie 3 E36, la quale si può considerare la prima BMW dell'era moderna mentre, a livello stilistico, la E46 non ha portato alcuna novità oltre ad essere molto meno riuscita della E36. Ma questo, anche se non del tutto, è un altro discorso. Un saluto. Il Gwent.
Ritratto di ELAN
27 febbraio 2020 - 14:29
1
Eccolo, poi i frustrati sarebbero gli altri. :- )
Ritratto di ELAN
27 febbraio 2020 - 16:14
1
Gelmini?
Ritratto di supermax63
28 febbraio 2020 - 19:22
Più che altro è Lei che parte dalla casa della sua tipa da Gallarate notoria località trendy e chic... Ossessionato dalla Corolla che menziona a vanvera in ogni suo insensato ed infantile commento.
Ritratto di ELAN
28 febbraio 2020 - 23:28
1
Almeno uscisse, dato che almeno è giovane... e invece niente.
Ritratto di mika69
27 febbraio 2020 - 11:05
Ho avuto GOLF 6 e 7, versioni con assetto ribassato di serie, pur se non potentissime (122 e 150cv)... So quanto rigorosa ed equilibrata sia la Golf nella dinamica, e quanta confidenza e piacere trasmetta in generale. Al di là dei gusti estetici la GTI rimane sempre un ottimo esempio di berlinetta sportiva dal giusto equilibrio prestazionale/estetico. Non vuole essere tamarra ma rimanere più sobria e se possibile anche moderatamente elegante. Ma gli elementi sportiveggianti che la caratterizzano ci sono, a partire dai sedili sempre fatti e avvolgenti. Sono certo che anche questa versione sarà confezionata con i crismi che fin qui (tranne la tranquillissima Golf 3 GTI da 115cv) hanno contraddistinto questa vettura.
Ritratto di Porsche
27 febbraio 2020 - 16:13
assolutamente condivisibile. I cavalli stavolta saranno molti.
Ritratto di ELAN
27 febbraio 2020 - 17:56
1
Un conoscente mi ha caricato su una Golf 7 1.6 TDI full optionals... con cerchi da 17 era bella dura, a mio avviso troppo. Facile che qualsiasi vettura, assettata, stia "bene" in strada a livello di guida. Trovo che anche solo il frontale, così piazzato, la renda poco sobria e poco elegante.. essendo sproporzionato. Molto meglio la settima versione.
Pagine