Volkswagen Golf GTI, GTD e GTE: le tre anime della sportività

Pubblicato 27 febbraio 2020

Svelate le versioni GT della Golf 8: benzina da 245 CV, diesel da 200 e ibrida da 245.

Volkswagen Golf GTI, GTD e GTE: le tre anime della sportività

Quattro mesi dopo la presentazione della Volkswagen Golf 8, vengono svelate le sue prime versioni sportive: sono la Golf GTI, con il motore benzina 2.0 da 245 CV; la Golf GTD, con il diesel 2.0 da 200 CV; e la Golf GTE, dotata del sistema ibrido da 245 CV con batterie ricaricabili dall’esterno. Queste versioni saranno presentate al Salone dell’auto di Ginevra.

> VOLKSWAGEN GOLF GTI

La GTI è un classico per la Volkswagen Golf: ha debuttato nel 1975 ed è arrivata all’ottava generazione. Ha un look atletico e non appariscente, come da tradizione, ma fin dal primo sguardo si capisce che è una GTI: a connotarla sono l’assetto ribassato di 1,5 cm, le ruote con specifico design di 17” (optional di 18” e 19”), la modanatura nera sotto i fascioni e le portiere, lo spoiler sopra il lunotto, i due grossi scarichi e lo specifico paraurti anteriore, con griglie a nido d’ape ed i fari fendinebbia composti da 5 punti luminosi a forma di X (optional). Immancabile il profilo rosso nella mascherina, che integra anche una sottile fascia di led ad unire visivamente i fari.

L’interno della Volkswagen Golf GTI 2020 è impreziosito da specifici dettagli, diventati parte integrante della tradizione di questo fortunato modello: sono i sedili sportivi rivestiti da tessuto in stile tartan e l’impugnatura del selettore del cambio ispirata ad una pallina da golf (di colore nero). Presenti lo schermo di 10,25” per il cruscotto, quello a sfioramento di 10” nella consolle e l’illuminazione diffusa a led, personalizzabile in 30 colori, oltre ai pedali in metallo con inserti anti-sdrucciolo e allo sportivo volante con tasti a sfioramento: ci sono anche quelli per il sistema Travel Assist, che gestisce la guida assistita fino a 210 km/h. 

La Volkswagen Golf GTI ha sospensioni McPherson all’anteriore e multilink dietro. Debutta un nuovo sistema per il controllo della dinamica, che gestisce il differenziale a controllo elettronico XDS e le opzionali sospensioni a attive DCC: il guidatore può selezionare le modalità Eco, Comfort, Sport e Individual, per avere un’auto più confortevole sui fondi irregolari o diretta fra le curve. Il motore 2.0 della GTI, noto internamente come EA888 (lo stesso della scorsa generazione), ha 245 CV, 370 Nm di coppia e si abbina a due trasmissioni: la manuale a 6 rapporti e la robotizzata DSG a 7, entrambe collegati alle ruote motrici anteriori. 

> VOLKSWAGEN GOLF GTD

La Volkswagen Golf GTD si differenzia dalla GTI per l’assenza della modanatura nera sotto fascioni e portiere. Cambiano anche il profilo nella mascherina (è di colore argento, non più rosso), il disegno delle ruote e i due scarichi: non più ai lati del paraurti, ma ravvicinati sulla sinistra. Il suo motore è un “duemila” da 200 CV e 400 Nm di coppia, il più potente diesel mai adottato da una Volkswagen Golf, dotato di un doppio catalizzatore SCR per l’abbattimento delle emissioni allo scarico. Il cambio è solo DSG a 7 rapporti. 

> VOLKSWAGEN GOLF GTE

Priva dell’assetto ribassato e degli scarichi, la Volkswagen Golf GTE ha un fregio blu nella mascherina e lo sportellino sulla fiancata sinistra per il cavo di ricarica. All’interno, gli schermi hanno specifici menù per visualizzare i flussi energetici, la carica delle batterie e la residua autonomia del motore elettrico. È dotata di un sistema ibrido che si compone di un benzina turbo 1.4, da 150 CV, e di un motore elettrico, da 115 CV, per una potenza complessiva di 245 CV e 400 Nm di coppia. Ad alimentare il motore ad elettroni è una batteria di 13 kWh, del 50% più capace rispetto alla scorsa generazione: grazie ad essa la Golf GTE è in grado di percorrere fino a 60 km spinta dal motore elettrico. Equipaggiata con il cambio robotizzato DSG a 6 marce, secondo la casa tedesca ha prestazioni simili alla Golf GTI.

VIDEO
Volkswagen Golf
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
57
50
65
45
156
VOTO MEDIO
2,5
2.482575
373




Aggiungi un commento
Ritratto di remor
27 febbraio 2020 - 17:39
Confesso: con un'altissima possibilità che non mi stia assolutamente sbagliando, ma penso di non aver mai visto dal vivo una Polo gti (non la sola attualmente in produzione ma proprio dalla notte dei tempi, intendo). E pensare che qualche Rs6 (di qualche generazione fa), piuttosto che le solite Lambo, Ferrari, 911 e pure una manciata di Giulia Q e un paio di Stevio Q li ho invece visti...
Ritratto di remor
28 febbraio 2020 - 06:24
In verità qui dove sto io direi una passione decisamente nulla per le VW "pompate". Cioè Polo piuttosto che Golf o poi ultimamente anche o vari suv-crossover del marchio ce me sono in quantità, ma la sigla Gti è davvero rarissima. Non è per nulla una battuta dire che (anche lei rara ma non altrettanto) ho paradossalmente avvistato più volte delle Giuliette 240cv quadrifoglio/veloce. Ovviamente sorvolo sulle Abarth Punto e 500 che è all'ordine del giorno incrociarne una.
Ritratto di remor
28 febbraio 2020 - 06:31
Per il resto, come spesso ovunque, la popolazione automobilistica è molto frammista. Si avvistano i Macan e gli Stelvio, o i Range Rover così come di contro le Panda anni '80 o qualche 156 piuttosto che 316i/318i E36
Ritratto di Sushiko
28 febbraio 2020 - 22:51
Sì vabbè
Ritratto di supermax63
29 febbraio 2020 - 02:09
x il giapponese svizzerotto/galalratse alias Pasquale Amitrano:Le segnalo il lodevole commento sulla gran qualità e raffinatezza della Tipo 1600cc 120 CV con cambio automatico a seguito della prova su strada e successivo commento dell'Ing.Massai che di macchine se ne intende
Ritratto di ELAN
28 febbraio 2020 - 15:03
1
Perchè scrivi fifiat e non vorsvaghe?
Ritratto di ELAN
28 febbraio 2020 - 09:13
1
SI vede che sei giovane, Temaki mazdasuzuki.
Ritratto di ELAN
27 febbraio 2020 - 12:01
1
Sicuramente venderanno le 1.0 TSI o le 1.6 TDI con i cerchi da 20" e i body kit da farle sembrare "sportive". Da "noantri", in Italì, anche solo una GTD è merce rarissima ormai.
Ritratto di marcoveneto
27 febbraio 2020 - 12:17
Giusto due precisazioni: l'allestimento che scimiotta le Golf più sportive è l'Rline, che come si deduce, riprende lo stile della R. Seconda cosa, la 1.6 TDI è sostituita dalla 2.0 TDI con 2 step di potenza.
Ritratto di ELAN
27 febbraio 2020 - 14:31
1
E' la stessa concetto, grazie per la correzione del 1.6.
Pagine