I.D. CROZZ: il futuro elettrico della Volkswagen

07 settembre 2017

A Francoforte la VW presenterà un'evoluzione della concept I.D. CROZZ, anticipatrice di quella che sarà la sua produzione elettrica.

I.D. CROZZ: il futuro elettrico della Volkswagen

UN TOCCO DI FUTURO - La Volkswagen ha diffuso alcune furtive immagini della concept car I.D. CROZZ che esporrà al salone di Francoforte, in programma dal 12 al 24 settembre. Il nome non è nuovo, lo si è già conosciuto all’ultimo motor-show di Shanghai, dove la Volkswagen ha presentato una concept car così chiamata e sviluppata sulla piattaforma elettrica sviluppata in vista della sua prossima produzione di veicoli a emissioni zero. Il disegno fatto circolare e il video qui sotto non consentono grandi considerazioni, ma lo stesso comunicato ufficiale che le accompagna precisa che si tratta di uno sviluppo di quanto visto a Shanghai. Segno che i designer Volkswagen stanno mettendo a punto la loro proposta puntando alla produzione di serie che dovrebbe essere pronta tra meno di tre anni. Proposta che andrà a inserirsi nel panorama dei modelli suv, sia pure con un’impronta innovativo e ad effetto. 

SALOTTO SPAZIOSO - Quanto all’abitacolo della Volkswagen I.D. CROZZ, che cosa voglia essere lo spiega la stessa casa, facendo riferimento a un “open space” in cui trovano posto quattro sedili singoli estremamente flessibili nella disposizione e nell’uso. In proposito la casa costruttrice dà un’informazione a proposito della struttura della vettura, precisando che la soluzione realizzata sfrutta la disposizione nel pavimento delle batterie agli ioni di litio che alimentano i due motori della vettura.

DUE MOTORI COME A SHANGHAI? - A proposito di motori bisogna rifarsi alla Volkswagen I.D. CROZZ esposta a Shanghai, che aveva un’unità per asse, per complessivi 300 cavalli, capaci di spingere la vettura sino a 180 km/h, con una autonomia di circa 500 km. A proposito della ricarica, la casa aveva detto che una procedura rapida consente di avere le batterie cariche all’80% in circa mezz’ora. Si vedrà se a Francoforte la Volkswagen aggiornerà questi dati spingendo ancora più in alto i dati dell’autonomia e della ricarica.



Aggiungi un commento
Ritratto di GuidoFiatDal19xx
7 settembre 2017 - 18:31
I soliti sparapalle, 180kmh X 500 Km con 300cv corrispondono a 600kwh che ricaricati all'80% in 1/2 ora fanno una potenza necessaria di 1000 kw. I contatori normali sono da 3 kw e se vuoi la potenza di 1 megawatt per ricaricare dove la prendi? Spero che non spendano soldi delle mie tasse per creare questi punti di ricarica. Cercate quanto costa un generatore di quella potenza per calire a quale livello di follia stiamo arrivando e qualcuno dice "INFRASTRUTTURE". Che se le facciano i crucchi CON I LORO SOLDI non con i miei.
Ritratto di GuidoFiatDal19xx
7 settembre 2017 - 22:26
"calire"---> capire
Ritratto di the arabian phoenix
7 settembre 2017 - 23:01
Tranquilli, che la moda elettrica durerà qualche altro anno, giusto il tempo di detronizzare dal monopolio dei certificati verdi , questi pseudo colossi stile tesla e assimilati. Cercate green certificate for car e preparativi al contraccolpo .
Pagine