NEWS

Volkswagen: allo studio fari sempre più intelligenti

18 ottobre 2018

I fari delle automobili diventeranno sempre più elemento attivo di sicurezza perché possono comunicare informazioni utili.

Volkswagen: allo studio fari sempre più intelligenti

VEDONO... E PROVVEDONO - Sono lontani i tempi in cui i fari delle automobili erano composti da una semplice lampadina e una parabola riflettente in grado di ampliare il fascio luminoso. Oggi su molte vetture sono presenti fari a led, dove diodi luminosi possono creare un fascio molto più profondo, intenso e facile da indirizzare rispetto alla lampadine. La Volkswagen è convinta che questa tecnologia abbia ancora grandi margini di sviluppo e nel 2014 ha inaugurato perciò una nuova area di nella fabbrica di Wolfsburg, in Germania, dove si trova un tunnel lungo cento metri e largo quindici dove i tecnici posso effettuare test in condizioni simili a quelle stradali regolando l'illuminazione ambientale. Qui inoltre è possibile capire come pedoni e altri guidatori reagiscono ai nuovi sistemi luminosi (guarda il video qui sotto).

INGOMBRI CHIARI - In questo centro prove la Volkswagen sta mettendo a punto nuove funzionalità per fari e fanali a led, che saranno in grado di “parlare” al guidatore e aiutarlo quando deve effettuare manovre complesse. Un esemplare di prova della Volkswagen Touareg è dotato ad esempio di fari anteriori ad alta definizione a led con migliaia di minuscoli punti luce, che un software gestisce in maniera intelligente per orientare il fascio luminoso: i fari possono illuminare la strada e allo stesso tempo creare due linee sull'asfalto per indicare al guidatore quanto è larga l'auto. Questa funzione, chiamata Optical Lane Assist, è utile a chi traina un rimorchio e deve affrontare un passaggio stretto di notte (o in presenza di lavori in corso). Il sistema Optical Lane Assist funziona anche in curva.

I CARTELLI NEI FANALI - La casa tedesca è al lavoro inoltre per aggiungere un sistema di tipo matrix nei fanali posteriori, che saranno in grado di spegnere ciascun led per svolgere diverse funzioni: in questo modo si potrà ad esempio far comparire un segnale di pericolo all'interno dei fanali quando si è appena verificato un incidente. Il sistema matrix è già stato implementato da tempo nei fari anteriori, dovei singoli led si spengono selettivamente per non abbagliare ad esempio chi guida in senso contrario. Con la funzione Optical Park Assist, invece, i fanali indicano sull'asfalto l'area di parcheggio, aiutando il guidatore nelle “retro” più difficili.

PENSANDO ALLA GUIDA AUTONOMA… - Specifiche luci a led permetteranno anche di far comunicare le auto a guida autonoma con l’esterno, magari per segnalare un pericolo con diodi luminosi abbinati a estese bande in fibra ottica in posizione ben visibile. I test sono in corso… Un veicolo di prova su base Tiguan (foto qui sopra) viene utilizzato anche per verificare l’efficacia di schermi sul frontale e nelle fiancate: servono a segnalare ai pedoni la possibilità di attraversare la strada. L’esigenza nasce dal fatto che nelle auto a guida autonoma non c’è un guidatore con cui il pedone può incrociare lo sguardo per capire di essere stato visto. Un analogo schermo nella zona posteriore può, per esempio, segnalare una coda, un po’ come fanno oggi i pannelli a messaggio variabile sulle autostrade. I tecnici stanno mettendo a punto un linguaggio di simboli comprensibili in tutto il mondo, ma ci vorrà una decina di anni per vederli su strada.

VIDEO




Aggiungi un commento
Ritratto di Pellich
19 ottobre 2018 - 14:24
Sarà uno spasso tamponare distrattamente perchè si è dovuto aguzzare la vista per cercare di leggere o interpretare il segnale che comparirà sui fanali posteriori.. idiozia..
Ritratto di ziobell0
19 ottobre 2018 - 14:59
per me è già assurdo omologare le frecce direzionali led by audi che sembrano uscire dal circo togni
Ritratto di Rendi
21 ottobre 2018 - 08:43
completamente d accordo
Ritratto di Challenger RT
23 ottobre 2018 - 02:35
Le frecce sequenziali, questo è il giusto nome, le hanno inventate gli americani e omologate nel 1965 sulla Ford Thunderbird, ma erano pronte già l'anno precedente. In europa si arriva sempre in ritardo (questa volta con più di 50 anni!) e a volte non si riesce a far bene come i precursori con l'originale. Posso assicurare, per aver più volte visto negli Stati Uniti auto che montano questo dispositivo (che ho anch'io sulla mia americana), che il "fastidio" che alcuni riferiscono esser provocato dalle frecce sequenziali a LED di auto del gruppo VW non è assolutamente riscontrabile nelle originali americane caratterizzate da lampadine normali. In effetti la minor rapidità del flusso luminoso e la minor concentrazione dell'intensità della luce (in punti e linee piccoli ma intensissimi come invece avviene oggi con i led), rendeva i dispositivi originali americani per nulla fastidiosi e distraenti, anzi direi effettivamente utili poiché indicavano esattamente la direzione che l'auto voleva prendere laddove tutta la fanaleria posteriore emetteva la stessa luce rossa.
Ritratto di stefbule
23 ottobre 2018 - 16:20
12
Diciamo che è molto bizzarro avere tutte le luci rosse dietro, per non dire parolacce....
Ritratto di Challenger RT
23 ottobre 2018 - 20:39
Non credo sia molto "bizzarro" dato che tutti i costruttori sono anni che copiando gli americani nella forma (non essendo permesso nella sostanza dalle norme di molti altri Paesi) cercano di rendere la fanaleria posteriore completamente rossa, o addirittura nera, almeno esteriormente, fatti salvo piccoli inserti bianchi per la luce di retromarcia e per le frecce arancioni che spesso sono anch'esse scientemente camuffate per renderle da spente il più simil rosso possibile. Come al solito si critica quello che non si può avere...
Ritratto di stefbule
24 ottobre 2018 - 08:22
12
Mah, guarda, io critico perché non mi piace, non perché "non posso averlo" sinceramente. Non è che non dormo la notte perché non ho tutte le lucine rosse dietro. Per certe cose sono abitudinario, mi piace l'arcobaleno dietro, finché c'è, se poi un domani diventiamo amerikani me ne farò una ragione...
Ritratto di Livio Lucaroni
20 ottobre 2018 - 11:37
......!
Ritratto di Livio Lucaroni
20 ottobre 2018 - 11:39
......!
Pagine