Volkswagen Maggiolino: per lei arriva il restyling

23 agosto 2016

La Maggiolino si rinnova dopo cinque anni di permanenza sul mercato con un debutto al raduno Beetle Sunshine Tour 2016.

Volkswagen Maggiolino: per lei arriva il restyling

PASSIONE VERA - Travemünde è una città tedesca nella parte settentrionale del paese, nota per essere una meta turistica molto ambita e per le lunghe spiagge sul bar Baltico. Qui è organizzato il principale raduno europeo dedicato alla Volkswagen Maggiolino, il Beetle Sunshine Tour, fondato nel 2004 da un’appassionata di Lubecca e diventato negli anni un appuntamento irrinunciabile per gli amanti dell’auto: l’edizione 2016 si è conclusa domenica 21 agosto ed ha visto la presenza di 650 vetture, originali o modificate, come ad esempio quella aerografata con il volto della Monna Lisa o quella trasformato in dune buggy. Gli equipaggi sono arrivati per lo più dai paesi limitrofi, come ad esempio Austria o Polonia, ma qualcuno ha percorso anche 2.500 chilometri. Il raduno viene supportato dalla Volkswagen, che ha portato qui la Maggiolino riutilizzata.

TRE NOVITÀ - La rinnovata Volkswagen Maggiolino 2017 guadagna una serie di novità alla parte estetica e cambia soprattutto all’anteriore, dove si trova un fascione paraurti dall’aspetto più muscoloso e prese d’aria ristilizzate. Arrivano poi nuove colorazioni esterne, i più moderni sistemi di assistenza alla guida e l’inedita variante Dune, dotata di cerchi in lega maggiorati e di un’estetica tipo crossover: sugli archi passaruota si trovano protezioni a contrasto. La casa tedesca ha presentato al Beetle Sunshine Tour anche tre versioni speciali della Beetle: la Denim è su base Beetle Cabriolet e prevede una capote in tessuto simile a quello dei jeans, la Karmann (anch’essa su base Cabriolet) si avvale di rivestimenti interni in materiale pregiato e la Allstar viene offerta con garanzia di cinque anni. 

I SISTEMI MULTIMEDIALI - La Volkswagen Maggiolino si aggiorna anche sotto il profilo tecnologico. Per esempio con il sistema  Blind Spot Monitor con Rear Traffic Alert che avvisa della presenza di una vettura nell'angolo cieco dello specchietto retrovisore quando si procede su strada e, quando si procede in retromarcia fuori da un parcheggio, avverte se un'altra auto sta sopraggiungendo dai lati. Anche i sistemi multimediali si aggiornano: di serie troviamo la radio  Composition Colour con otto altoparlanti, come optional i sistemi multimediali Discover Media e Composition Media con schermo di 6,3”, navigatore, app e servizi online. I sistemi multimediali sono compatibili con gli standard  MirrorLink, CarPlay (Apple) e Android Auto (Google) per collegare gli smartphone.

I MOTORI - I motori della Volkswagen Maggiolino sono tutti a quattro cilindri e hanno potenza compresa fra 105 e 220 CV.  I TSI a benzina hanno potenze di 105, 150 e 220 CV, mentre i TDI a gasolio 110 e 150 CV. Tutti e cinque i motori possono essere ordinati in abbinamento al cambio automatico a doppia frizione. La versione più potente dei benzina, quella da 220 CV, è disponibile per le versioni R-Line, Dune, Exclusive R-Line e Denim.

Volkswagen Maggiolino
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
40
20
12
6
26
VOTO MEDIO
3,4
3.403845
104


Aggiungi un commento
Ritratto di degrel0
25 agosto 2016 - 09:28
Spiacente ma le donne-uomo non mi piacciono.Preferisco le donne-donne!saluti a te.
Ritratto di Boys
24 agosto 2016 - 15:11
1
Bella macchina, qualche annetto fa ne possedevo una del 1964....ma poi...Ora come al solito la Vw ha fatto dei ritocchini.....che possono anche essere giusti....per questo modello ..anche se sinceramente se ne vedono in giro poche per il prezzo esagerato oltretutto offrendoti un interno abbastanza scarno....
Ritratto di 52armando
25 agosto 2016 - 02:42
1
Scusa ma se inserisci il tuo ricordo della versione del 64 con questa odierna sei proprio fuori binario. La differenza è talmente enorme che è come se paragonassi un astroname e un triciclo. Guidai una prima maggiolino negli anni 70. Ricordo la delusione enorme rispetto alle altre auto che avevo guidato fino ad allora. Il peggior difetto la posizione di guida. BASSISSIMA che anche con un altezza di un metro e ottanta sporgevano solo gli occhi sopra il cruscotto. Infatti i guidatori usavano per la maggioranza uno o due cuscini sotto il sedere. Sorvolo sul resto. Ti consiglio di andare a farti un giro su quella attuale. MI sa che dovresti aggiornarti prima di dare un . Ciao
Ritratto di Boys
25 agosto 2016 - 10:03
1
Mah...il mio commento mi sembra chiaro e ovviamente non ho accennato a confronti tra il maggiolino del '64 a quello odierno era solo la mia cronaca di averne posseduto uno ...e quella attuale l'ho provata...chiaramente hai travisato...condivido i difetti che tu elenchi e aggiungo ne aveva anche qualcuno in più ma al contrario di altre auto dell'epoca si accendeva sempre in estate e in inverno, quella di oggi come quella di allora è ancora originale ma per i contenuti offerti è sovrapprezzata di almeno 4/5.000 euro ed è uno dei motivi del perchè se ne vendono pochi esemplari...quindi visto che il mio commento sopra era chiarissimo non penso di avere bisogno di aggiornamenti. saluti
Ritratto di 52armando
27 agosto 2016 - 06:28
1
Scusa non volevo offenderti in nessun modo. Dico solo che a volte la memoria ci fa ingigantire le sensazioni che abbiamo avuto da giovani sia in peggio che (più spesso) in meglio.. Il fatto che è tutto rapportato agli anni che sono passati e tutto ciò che è legato alla gioventù sembra migliore. per cui tendiamo sempre a sopravvalutare gli oggetti del passato nel confrontarli mentalmente con i moderni. Ti dico che da adolescente andai a casa di un compagno di scuola. Questo rispetto a noi era più che benestante. Il padre aveva comprato un impianto stereo Phill..... ( marca bravissima in tante cose ma che non si può dire che abbia qualità musicali esoteriche da rimanere impresse) Eppure noi che non avevamo ascoltato niente di simile ( solo qualcuno più fortunato aveva il mangiadischi, quelle macchinette che gli spingevi il disco dentro anche a calci e suonava). Mentalmente mi ripromisi che appena avrei avuto la possibilità avrei comprato quell'impianto pari pari com'era. Dopo " svariati " anni andai a ritrovare quell'amico a casa sua dove teneva il suo impianto come una reliquia sempre in perfetto stato. Sta di fatto che io nel frattempo mi ero fatto una cultura musicale molto più avanzata, in particolar modo sugli impianti cioè possiamo dire su tutto il software che riproduce musica il più fedelmente possibile, Ebbene (avevo portato pure qualche disco di prova con me. logicamente per quei tempi paliamo di dischi in vinile 33 giri/s ) rimasi cosi deluso che non me lo sarei mai aspettato. Lui era ancora orgoglioso dell'impianto che alla fine non dissi nulla e gli feci i complimenti di come lo teneva in buono stato. Scusa la digressione fuori tema. l'eta fa questi scherzi e ti riporta ai ricordi del passato. Viva l'auto e viva la musica. cordiali saluti
Ritratto di Boys
28 agosto 2016 - 10:41
1
Tranquillo Armando non mi sono offeso...con tutti i commenti che leggo ....ci mancherebbe.. ciao e buona domenica.
Ritratto di Orf
24 agosto 2016 - 18:20
L'unico problema di un'auto di questo tipo è il PREZZO e l'ABILITABILITA'. Poi è una icona immortale: sempre bella macchina.
Ritratto di B.Eto
6 settembre 2016 - 08:39
la new bwttle aveva quel non so da giocattolo che le si addiceva in quanto auto simpatica, ora provano a farla seria? risultato, UNA ROBACCIA! e lo confermano le vendite.
Ritratto di caronte
11 novembre 2016 - 18:10
Il maggiolino era e resta brutta perché a me personalmente a me non è mai piaciuta.
Pagine