NEWS

Volkswagen: le novità del Vienna Motor Symposium

28 aprile 2017

Il gruppo Volkswagen ha mostrato il motore 1.0 TSI bi-fuel benzina-metano e la funzione veleggiamento per il 1.5 TSI.

Volkswagen: le novità del Vienna Motor Symposium

APPUNTAMENTO FISSO - Come da tradizione anche quest’anno il gruppo Volkswagen partecipa al Vienna Motor Symposium, prestigiosa rassegna in cui vengono discusse novità tecniche e mostrate soluzioni attese sulle vetture di prossima introduzione. Per la casa tedesca è abitudine presentare una serie di novità: due anni fa, per esempio, la Volkswagen aveva fornito le prime caratteristiche del motore 1.5 TSI introdotto di recente sulla Golf. Nel 2017 la Volkswagen presenta la conversione a metano per il 1.0 TSI e una funzione “coasting” più efficiente riservata al 1.5 TSI, che entra in funzione quando l’auto (dotata del cambio automatico DSG) veleggia senza perdere velocità lungo un tratto di strada pianeggiante.

POTERE ALLA SONDA LAMBDA - La Seat Ibiza sarà fra le prime vetture del gruppo Volkswagen a ricevere il tre cilindri 1.0 TSI nella variante a doppia alimentazione benzina/metano (foto qui sotto), che verrà ripresa su altre vetture di lunghezza media o contenuta (a partire dalla Polo) e assicura costi di gestione inferiori rispetto a motori di potenza analoga. Sul 1.0 TSI i tecnici della Volkswagen hanno elaborato alcuni accorgimenti per abbattere le emissioni allo scarico. Ciò avverrà per merito della sonda lambda, quel dispositivo che rileva la concentrazione di ossigeno nei gas di scarico (fondamentale per la combustione della miscela aria/carburante) e assicura il corretto funzionamento del catalizzatore. La sonda è dotata di un riscaldamento elettrico e può funzionare al massimo delle sue capacità dieci secondi dopo l’accensione dell’auto. In determinate situazioni due cilindri riceveranno una miscela aria/carburante più grassa (più ricca di benzina rispetto alla media) e uno funzionerà con una miscela più magra, così da velocizzare il riscaldamento del catalizzatore. Questo funzionamento è studiato per i minuti successivi all’accensione e quando non si impegna eccessivamente il motore.

IL 1.5 VELEGGIA MEGLIO -  La seconda novità riguarda il motore 1.5 TSI alimentato a benzina, che riceverà un sistema di “veleggio” avanzato: la centralina spegne il motore quando l’auto viaggia per inerzia (il cosiddetto veleggio) e lo riaccende non appena si chiede potenza, mettendo in funzione il motorino d’avviamento o le frizioni del cambio DSG (o entrambe) in funzione del contesto. Secondo i calcoli della Volkswagen, i consumi si riducono così di 0,4 litri ogno 100 km. A motore spento i sistemi di bordo funzionano grazie a una batteria supplementare agli ioni di litio sempre a 12 Volt. Questa novità verrà introdotta sulla Golf TSI BlueMotion in vendita dall’estate 2017.





Aggiungi un commento
Ritratto di Babbalaa
29 aprile 2017 - 11:35
E' esattamente quello che vuole sto tizio, mettere la giulia anche nei commenti dei forum di cucina, per vedere la gente che se ne stufa
Ritratto di nicktwo
29 aprile 2017 - 09:10
ma come fai a dire che stanca se qua l'unico che commenta da proprietario (enrico se non erro) ne e' super-entusiasta... il tutto pur volendo bypassare i rinomati e numerosi commenti dei tester specializzati riviste-siti che la indicano come riferimento del lotto anche per comodita' (assieme alla c class che pero' e' molto meno dinamica)... io poi non l' ho ancora mai provata, appena accade ti dico anche la mia personale specifica... saluti
Ritratto di mika69
29 aprile 2017 - 09:18
Chissenefraga di tutti dei tester e della Giulia. Ci ho fatto 6-7000 km con lei e stanca più di BMW...punto. Qui si parla di motori VW. Chiuso.
Ritratto di nicktwo
29 aprile 2017 - 11:26
ma giusto qualche giorno fa non erano 400km ke ci hai fatto? ricordo male... ...saluti
Ritratto di mika69
29 aprile 2017 - 12:36
Era la classe C...
Ritratto di Dirk
2 maggio 2017 - 20:22
Giulia sarà anche una bell'auto per qualcuno. A me sinceramente non piace, preferisco altro. All'automobilista normale, poi, dei record fatti su chissà quale circuito non è che interessi molto anzi non gli interessa per niente, aggiungo io.
Ritratto di nicktwo
3 maggio 2017 - 13:38
intanto in america si comprano gia' 400 giulia quadrifoglio al mese, e cio' nonostante e' di un marchio che in pratica la' quasi non conoscevano... voi continuate pure a ritenere che i record in pista non contano, che poi quando piano piano prendera' il sopra vento assoluto tale splendida vettura e magari tutte le versione estreme della triade verranno abolite che tanto non se le considera piu' nessuno allora rinpiangerete queste considerazioni che i giri in pista non varrebbero per macchine del genere... himo... saluti
Ritratto di Dirk
3 maggio 2017 - 15:50
Si nel 2100... forse.
Ritratto di Dani_070898
28 aprile 2017 - 19:01
Ma non capisco. Anche ad ogni curva se si rilascia l'accelleratore si spegne per poi riaccendersi all'uscita dalla curva? Ma non si rovina il motore con tutti questi accendi/spegni?
Ritratto di isi76
28 aprile 2017 - 22:15
Di certo non gli fa bene a lungo andare ... per dirne una, il tanto odiato E-CVT di Toyota da parte di alcuni, non avendo frizioni è decisamente più affidabile quanto godibile nella guida. La VW quante frizioni usa per le proprie vetture ibride? se il DSG ne ha 2, molto probabilmente ne dovranno adottare di una 3° per coadiuvare il tutto col motore elettrico, quindi alla fine non ditemi che la tecnologia tedesca è superiore perchè mi vien da ridere!
Pagine