Volkswagen XL Sport: chiamale emozioni...

02 ottobre 2014

La base di questa XL Sport è quella della super economa XL1 che, grazie al motore Ducati, diventa una “belva” da 270 km/h.

Volkswagen XL Sport: chiamale emozioni...
TELA DÒ IO LA SUPERECONOMICA… - La Volkswagen presenta al Mondial de l’Automobile di Parigi una concept car che è un concentrato di emozioni. Si chiama Volkswagen XL Sport e la sigla rivela la parentela con la vettura ideata per realizzare prestazioni estreme in materia di consumi. La VW XL1 è infatti vettura che vanta il primato assoluto in materia di efficienza. L’aggiunta della definizione Sport però fa subito capire che si tratta di altra cosa. Nome a parte, la linea e tutte le caratteristiche costruttive fanno della XL Sport una autentica auto sportiva, nel senso più pieno del termine. 
 
CHICCA ITALIANA SOTTO IL COFANO - Telaio e meccanica sono modernissimi, ma comunque a farsi notare e a fare notizia è soprattutto il motore: in posizione retro-centrale c’è infatti il 2 cilindri a V di 90° della Ducati, impiegato sulla sportivissima moto Ducati 1.199 Superleggera. Un propulsore di 1.199 cc leggerissimo e con bielle in titanio, capace di erogare 200 CV e 134 Nm di coppia. La sua architettura è del tutto particolare, con misure inusitate: alesaggio 112 mm e corsa 60,8 mm. Il regime massimo di rotazione è di 11 mila giri. Il sistema delle valvole è di tipo desmodromico, mentre ognuno dei due cilindri è alimentato da due iniettori. Il cambio è a 7 marce con doppia frizione.
 
 
PRESTAZIONI DA PRIMATO - Abbinato al peso estremamente contenuto (grazie al largo impiego di materiali leggeri) e al design improntato all’aerodinamica più raffinata (la superficie frontale è di 0,44 mq con un coefficiente di penetrazione di 0,258) il motore Ducati permette alla Volkswagen XL Sport di scattare da 0 a 100 km/h in 5,7 secondi e raggiungere i 270 km/h. La casa tedesca sottolinea come la XL Sport sia la vettura da 200 CV più veloce al mondo, così come il propulsore è il bicilindrico con più cavalli esistente. 
 
ALLA RICERCA DELLA LEGGEREZZA - Adeguate alle prestazioni sono le gomme della VW XL Sport: 205/40 R 18 per le ruote anteriori e 265/35 R 18 per quelle posteriori. I cerchi sono in sintonia con il resto della vettura: sono forgiati in magnesio, una tecnica costruttiva che permette una riduzione del peso di 23,9 kg. Per quanto riguarda i freni la coupé Volkswagen-Ducati impiega dischi ceramici. 
 
VESTITO” D’AVANGUARDIA - Per la carrozzeria i progettisti della Volkswagen hanno previsto l’uso del materiale sintetico (cioè plastica) rinforzato con la fibra di carbonio, come dire la soluzione più innovativa oggi esistente. Rispetto a una normale carrozzeria in acciaio, questa soluzione pesa soltanto il 20%. L’apertura dell’abitacolo è con la classicissima soluzione delle “ali di gabbiano”, come nella maggior parte delle berlinette da competizione. 
 
 
DIMENSIONI CORSAIOLE - La Volkswagen XL Sport ha dimensioni da berlinetta da corsa: è lunga 429 cm, larga 1.85 cm e alta 115 cm. Il passo misura 242 cm. Ciò significa che ci sono sensibili differenze rispetto alla XL1 d’origine, lunga 3.89 cm, larga 166 mm, con passo di 222 cm. Pressoché immutata è invece l’altezza: 115 cm.
 
UNA CONCEPT PER 500 FORTUNATI - La XL Sport è sullo stand Volkswagen di Parigi come una concept car, ma la casa dice già nelle prime righe del relativo comunicato stampa che sarà prodotta (e sicuramente venduta) in 500 esemplari. Da notare che la “supereconomica” XL1 è stata prodotta in soli 250 pezzi. Come dire che a Wolfsburg credono che la sportività affascini più dell’ecolo-economia. Nessuna indicazione per il prezzo, come succede per le auto che non hanno ,difficoltà a trovare acquirenti.


Aggiungi un commento
Ritratto di Alibaba e i 40 ladroni
2 ottobre 2014 - 21:06
va a categorie, se di quella sei l'unica diversa e non esiste una regolamentazione chiara un vantaggio ce l'hai sicuramente. Poi loro bravi a sfruttarla ma la pacchia sta per finire. Puoi dire lo stesso degli ibridi commerciali Toyota i quali dovrebbero temere quelli di VAG ? Ti rispondo io NO ne ora ne tra i prossimi 5 anni almeno.
Ritratto di Fojone
2 ottobre 2014 - 21:18
sono capaci tutti a vincere nel anno del debutto? Toyota ha mai vinto qualcosa in questo modo?
Ritratto di wesker8719
2 ottobre 2014 - 21:46
ma cosa stai farfugliando ? quest'anno toyota nel WEC è palesemente favorita dai regolamenti e nonostante tutto ha perso la gara che puntano a vincere da tre anni e l'hanno persa proprio per un guasto al sistema di cui tanto vanno fieri !! toyota dovrebbe temere eccome perchè sui plug in hanno dimostrato di aver goduto solo di assenza di concorrenza visto che la prius con di questo tipo è una colossale schifezza...ma ora non è più così visto cosa sta tirando fuori la concorrenza !!
Ritratto di Alibaba e i 40 ladroni
2 ottobre 2014 - 23:20
A parte che Toyota n.7 oltre ad avere fatto la Pole è sempre stata in testa succhiandosi le Porsche e le Audi, che hanno vinto solo per la sfiga degli avversari dato che quel problema non era mai accaduto. Da notare che la Ts 040 n.8 è rimasta indietro perché coinvolta senza colpa in una carambola all'inizio gara. Ha recuperato dalle ultime posizioni fino ad arrivare al podio, cose che se c'era qualche ora in più di gara si sarebbe cucciata anche le 2 Audi. Avranno vinto anche La 24 ore di Le Mans ma sempre scarsi sull'ibrido commerciale rimangono, per non parlare di affidabilità. Nel 2009 avevano annunciato con fanfare una Golf 1.6 tdi ibrida ma per costi e inaffidabilità hanno dovuto affondare il progetto, oggi si ripresentano con set plug-in chissà se poverini sarà la volta buona. Successo 3 giorni fa, in azienda si presenta un capo con la Q5 Hybrid, è già 2 volte che gli sostituisco il blocco frizione e parte del sistema perché a suo dire "un trattore è più fluido". Vi interessa cerca pollo da spennare per sbarazzarsene, prezzo interessante vero affare.
Ritratto di wesker8719
3 ottobre 2014 - 08:46
non so se sei più ridicolo parlando di auto di serie o di competizioni ,anche i tavoli sanno che la toyota è palesemente favorita dal regolamento e infatti era la più veloce anche a le mans ,solo che a nessuno frega che tu sia la più veloce se poi non arrivi al traguardo ,la toyota n°8 è andata a sbattere per colpa del suo stesso pilota e al contrario dell'Audi n°3 (speronata dalla ferrari) ha avuto la fortuna di poter ripartire !! se ....se ....se intatto ha perso ed è stata una sconfitta bruciante come poche altre come sempre quando si parla di toyota nel motorsport !! in effetti le ibride migliori sono quelle che non frenano e quelle che hanno portato alla multa più importante della storia dell automobilismo ....ne riparliamo tra qualche anno ....
Ritratto di Alibaba e i 40 ladroni
3 ottobre 2014 - 12:04
contrariamente a Vag che fa pagare i propri clienti che nonostante difetti arci noti così li inxxla alla grande dopo la garanzia, solo loro hanno class action aperti ovunque ed è perfino dovuto intervenire il governo Cinese perché volevano fare i furbi come qui in europa. Sgonfiati che esplodi...
Ritratto di MatteFonta92
2 ottobre 2014 - 12:15
3
Inaspettatamente... mi piace! Ed è una cosa veramente incredibile, considerando che la XL1 l'ho sempre trovata brutta... ma basta qualche "ritocchino" per trasformarla in un'auto davvero originale e futuristica! E poi ha il bicilindrico da 1.198 cc da ben 200 CV della Ducati sotto al cofano... insomma, davvero una chicca unica nel suo genere!
Ritratto di Gino2010
2 ottobre 2014 - 12:20
dai lancia nelle mani di fiat e ti tira fuori la cassa integrazione in deroga.Questa è la realtà.
Ritratto di juventus94
2 ottobre 2014 - 12:30
... Aborto Volks-monnezza ; brutta come la fame , non potevano smentirsi, sono anche riusciti nella barzelletta di mettere un motore Ducati su una macchina, ma per favore, e la gente che li difende; mi ricordo solo ora di quando gli "pseudo-teteschi" di questo sito , si fossero abbattuti sulla scelta della Fiat di mettere il 900 twin air sulla mito ..... siete dei pagliacci
Ritratto di Montreal70
2 ottobre 2014 - 12:45
Sicuramente ha più senso della versione originaria. I motori Ducati sono unici, e lo dice uno che ne ha 3 in garage di diverse epoche. Quando Audi acquistò Ducati, un mio cugino che guardava il motogp disse che sperava in un motore Audi in una Ducati. Ovviamente era alquanto ignorante e gli dissi che semmai poteva essere il contrario, e così è stato. In pratica questa Vw è la seconda auto della storia ad utilizzare un motore un distribuzione desmodromica.
Pagine