PRIMO CONTATTO

Abarth 500: va forte, ma è per pochi

La Abarth 595 50° Anniversario è potente, veloce e molto efficace in pista: alla guida fa sentire veri piloti. Ne verranno prodotte solo 299 e per portarla a casa servono più di 35.000 euro.

12 novembre 2013
  • Prezzo (al momento del test)

    € 35.080
  • Consumo medio

    15,4 km/l
  • Emissioni di CO2

    151 grammi/km
  • Euro

    5
Abarth 500
Abarth 500 1.4 16V T-jet 595 50° Anniversario
Pronta per diventare un mito
 
Per provare la Abarth 595 50° Anniversario siamo andati in circuito, il solo luogo dove una purosangue come questa può esprimersi al meglio. Infatti, la piccola bomba torinese (presentata all’ultimo Salone di Francoforte, lo scorso settembre) ha un assetto studiato per la pista e con il suo quattro cilindri 1.4 turbo a benzina da 180 CV è la più potente 595 mai realizzata. Costruita in soli 299 esemplari e venduta a un prezzo a dir poco impegnativo (35.080 euro), è destinata a diventare un oggetto da collezione per gli appassionati di tutto il mondo.
 
Ispirata al modello del 1963
 
Come la storica 595 di 50 anni fa, la Abarth 595 50° Anniversario si distingue per il colore bianco tristrato opaco con bande rosse realizzate a mano e per i loghi storici sul portellone e nell’abitacolo. Altre caratteristiche proprie di questa speciale versione sono i cerchi in lega di 17'', con design 695 Grigio Magnesio. L’assetto e l’impianto frenante sono stati ulteriormente potenziati: dischi freno scomponibili flottanti (di 305 mm di diametro) con pinze fisse a quattro pistoncini (il tutto prodotto dalla Brembo), ammortizzatori Koni e scarico Record Monza di tipo dual mode, che rende più cattivo il suono del motore oltre i 3.000 giri e genera un piacevole borbottio rauco ai bassi regimi. Di serie, il dispositivo TTC (inseribile con un tasto nella plancia) che migliora il trasferimento della coppia fra le ruote motrici e aumenta la tenuta di strada. 
 
Pelle rossa per gli interni
 
Anche all’interno della 595 50° Anniversario l’atmosfera è racing: sedili sportivi in pelle rossa, con inserti bianchi e cuciture rosse abbinati alla plancia (una reinterpretazione moderna di quelli della vettura originale), pedaliera in metallo e logo storico al centro del volante (in pelle nera con inserti rossi) e sul battitacco. Ricca la dotazione di serie che include il climatizzatore automatico con il filtro antipolline, i fendinebbia, l’autoradio cd/mp3 con i comandi al volante e il sistema vivavoce Blue&Me con la presa Usb. Sempre di serie il servosterzo elettrico Dualdrive™ con la funzione Sport e i sensori di parcheggio posteriori.
 
Pronta per le gare
 
Ma il fiore all’occhiello della Abarth 595 50° Anniversario è il 1.4 T-Jet da 180 CV e 250 Nm di coppia, che secondo la casa è in grado di spingere la macchina a una velocità massima di 225 km/h e di farla scattare da 0 a 100 km/h in 6,9 secondi, dati che nella nostra prova nel circuito vercellese di Balocco ci sono sembrati molto vicini alla realtà. Il consumo ufficiale è pari a 15,4 km/l, ma in pista non c’erano le condizioni per testare la veridicità di questo dato: appena si preme il piede sull’acceleratore, infatti, la 595 50° Anniversario scatta velocissima, con una notevole progressione e un rombo entusiasmante che si fa sempre più acuto al crescere dei giri. Le sospensioni rigide e lo sterzo consistente consentono di mantenere traiettorie precise, con una tenuta di strada elevata e una pulizia di guida da autentica macchina da corsa; specie se si attiva la modalità Sport, che indurisce lo sterzo e rende ancor più brillante il motore, e se si inserisce il TTC, che permette di scaricare a terra tutti i cavalli, senza dover fare i conti con fastidiosi pattinamenti delle ruote. Anche nei curvoni presi “a tutta birra” la Abarth 595 50° Anniversario non si scompone e mantiene sempre una stabilità elevata; mentre nelle “esse” strette risponde con prontezza, con leggerissimi trasferimenti di carico che invitano a tenere alto il ritmo. Notevole la potenza frenante dell’impianto della Brembo ed elevata la sua resistenza alla fatica, anche dopo numerosi giri veloci in pista. Insomma, una guida entusiasmante: che, però, viene un po’ “disturbata” dal cambio meccanico elettroattuato “Abarth Competizione” con comandi al volante, dalla risposta brusca anche se utilizzato in modalità manuale (a ogni cambiata provoca strattoni che rendono poco fluidi i passaggi di Marcia). Avremmo preferito il preciso e veloce cambio manuale a cinque marce che viene proposto sulle altre 595, ma che per la 50° Anniversario non è disponibile neppure a pagamento.
 
Secondo noi
 
PREGI

> Guida. Nei percorsi con tante curve, soprattutto in pista, l’auto si dimostra agile, veloce, efficace e divertentissima.
> Linea. È originale, grintosa ma senza eccessi, e ricorda la 595 del 1963.
> Motore. Il 1.4 turbo in questa versione da 180 cavalli è davvero brillante e romba come una vettura da competizione.
 
 
DIFETTI
 
> Cambio. Il robotizzato a cinque marce è lento e inadatto a una macchina così sportiva. 
> Diametro di sterzata. La capacità di manovra è scarsa: le ruote sterzano poco.
> Prezzo. Oltre 35.000 euro sono davvero tanti, anche se la 595 50° Anniversario promette un futuro da auto da collezione.
SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1368
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 132 (180)/5500 giri
Coppia max Nm/giri 250/3000
Emissione di CO2 grammi/km 151
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 (autom. sequenz.) + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 366/163/149
Passo cm -
Peso in ordine di marcia kg 1090
Capacità bagagliaio litri 185
Pneumatici (di serie) 205/40 R17

 

Abarth 500 1.4 16V T-jet 595 50° Anniversario
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
12
8
5
4
6
VOTO MEDIO
3,5
3.457145
35
Aggiungi un commento
Ritratto di Rikolas
13 novembre 2013 - 15:14
tutto il resto cambia! Come dire che la Ferrari deriva dalla 500 solo perchè utlizza alcune viti uguali sul motore...scusa ma che ragionamento è? Inoltre i carrozzoni tedeschi hanno molto da imparare, specialemente nel design che è rimasto fermo agli anni'70...vedere i sedili vintage della Golf GTI, inguardabili. Comuqnue questa 595 è solo una serie speciale, le altre Abarth costano meno della metà e sono pressapoco identiche
Ritratto di Ivan92
13 novembre 2013 - 15:40
6
Sono convinto che anche i più grandi fan di questo blog che stanno difendendo quest auto se si fermano 5 minuti a ragionare e pensare, ho lavorato sodo, ho messo via 35'000 euro ed ora mi voglio comprare un auto. Penso che neanche lontanamente non gli passera per la testa di acquistare questo modello, ma vi rendete conto? 35'000 euro per una piccola auto da 180 cv, Wow 180 cv, e che sarà mai, direte pesa poco, e chissenefrega, con quella cifra mi compro un auto da 280 cv NUOVA, da 0 - 100 6,9 secondi. Con quel rapporto peso potenza e quel prezzo mi aspettavo non più di 5,5 secondi. Velocità massima 225 km/h, ma per favore. La Mercedes CLA diesel da 170 cv che pesa quasi 1'500 kg ha toccato i 235 km/h nella prova di AlVolante. Perciò oltre ad essere abbastanza lenta la fanno pagare 35'000 Euro. E se fosse solo lenta uno chiude un occhio, ma e lenta, piccola, (non bella, gusti personali). Voglio vedervi fare un viaggio di 1000 km in 4 con questa e con i bagagli. Conclusione, con quella cifra si trovano marchi molto più prestigiosi, più veloci, più spaziosi e forse anche più economici. E se uno vuole andare in pista a divertirsi non deve comprare un auto nuova da 35'000 euro ma un usato da 150'000 km e con una trazione posteriore ;)
Ritratto di Rikolas
13 novembre 2013 - 15:53
vedi la Lotus Elise da 136cv che fa "solo" i 204km/h, ma è notevolemnte più divertente delle auto che hai citato tu! Perdonami ma di guida spoirtiva nn te ne intendi motlo, senza offesa, ci mancherebbe! ;) Ma qualunque sportivo sa che non è quello il parametro che conta. Sono altri i fattori che rendono la vettura sportiva...
Ritratto di Ivan92
13 novembre 2013 - 16:18
6
Hai ragione quando dici che non mi intendo di guida sportiva, non ho fatto corsi di guida in pista e ci sarò andato una decina di volte per divertirmi non per battere il record di tempo sul giro. Ma siamo sinceri, con 35'000 euro tu compreresti questa Fiat? Sfido chiunque a comprarsi questa vettura e poi tenerla per 10 anni. Se dovessi fare un utilizzo come dici tu di un auto, penso che non avrei dubbi sul comprare una Opel Speedster 2.0 Turbo 200 cv 930 kg. 0-100 4,9s velocità massima 243 km/h. E la trovo in Svizzera sui 30'000 euro con meno di 10'000 km. Ma nella vita di tutti i giorni è inutile, perchè? Non ha un bagagliaio, non è comoda, con e sfruttabile con il traffico e i limiti di velocità. E tantomeno lo è questa Fiat super costosa. Chi la comprerà sarà o il fan numero uno della Fiat o uno che non ha neanche considerato un alternativa.
Ritratto di Rikolas
13 novembre 2013 - 16:28
35000 no, certo, ma ne ho speso 15000 in meno ed ho la setssa cosa: l'ho presa con kit il 595 (160cv, un evolzuone del classico SS), basta e avanza per questa piccolina tutto pepe. Vedi, Abarth ha una storia e un fascino che Opel (con la sua Speedster) non ha. Non è una questione di prezzo, ma di prestigio de marchio. Pensa che la Aston Martin ha fatto una Citycar identica alla Toyota IQ, venduta a 45000€! Ciò che da valore è il marchio. Questa è una cosa da tener conto per un collezionista: 35000 sono tanti, verissimo, ma questi esemplari così rari sono destinati ad avere valore nel tempo. La mia nn è in serie limitata ma mi accontento perchè i contenuti tecnici sono i medesimi di quesat 50° Anniversario...
Ritratto di Ivan92
13 novembre 2013 - 17:01
6
Penso che bisogna essere realisti. Io aprezzo molto le versioni sportive di Opel, ma non per questo sostengo che un Insignia OPC sia meglio di una Mercedes E 63 AMG. Lo stesso vale per te. Tu vuoi dire che la tua 500 da 160 cv potrebbe competere contro una qualsiasi OPC di recente produzione di casa Opel (Prendo come esempio Opel perchè piace a me, ma se tiriamo fuori altre case automobilistiche non finiamo la lista fino a domani) Io la mia che e una versione uscita nel lontano 2006 l'ho pagata un anno e mezzo fà NUOVA 19'000 euro, si tratta di un Astra OPC H da 240 cv sulle ruote anteriori senza il differenziale autobloccante. Nonostante questo sul circuito di Top Gear ha impiegato 1''33 e sul circuito di Vairano 1''25''87 e al Nürburgring 8''35''93 mentre la sua Fiat SS da 160 cv sul circuito di Top Gear ha impiegato 1''35''50 e sul circuito di Vairano 1''27''44, al Nürburgring non trovo prove ma dubito che sarebbe stata sotto i 9 minuti. Senza contare che l'Astra con una rimappatura della centralina sono arrivato a +280 cv. I dati di accelerazione e velocità massima: Fiat (quella da 180 cv) 6,9 contro i 6,4 dell'Opel (se poi e rimappata scendono a 5'8) mentre la velocità massima 225 contro i 244 (rimappata 252 km/h testati da me) Senza contare che la nuova Astra OPC uscita nel 2012 sul circuito di Top Gear gira in 1''28''30 e sul Nürburgring in 08''20''00 Quindi per concludere io ti stimo come persona perchè si vede che sei un grande ammiratore della 500. Però non perchè uno stima un auto deve anche sostenere che sia la migliore.
Ritratto di Rikolas
13 novembre 2013 - 17:11
un collezionsita, meglio un appassionato, non si sofferma a vedere una comunissima Opel. Le varie OPC saranno velocissime, ma sono "macchinette" senza valore, adatte per far divertire i ragazzi giocando sul "tuning" e sul design accattivante, ma agli occhi di un appassionato non hanno alcun valore. Fra 15-20 anni delle OPC non rimarrà che un timido ricordo: la vecchia 500 Abarth (quella degli anni 60) non aveva prestazioni da Ferrari ma oggi ha un valore enorme tra gli appassionati. Insomma, parliamo di due mondi diversissimi tra loro...
Ritratto di Flavio Pancione
14 novembre 2013 - 10:00
7
goditi la tua 500 e lascia perdere, non hanno capito che qui non stiamo a sostenere che la 500 abarth è la migliore, ma semplicemente per fortuna la 500 abarth di oggi (magari non questa versione speciale) racchiude "divertimento assicurato" a prezzi relativamente contenuti.. un conto è staccare gli 0-100 in 4 decimi in meno senz'anima un conto metterci un po di più divertendoti col motore scorbutico e che canta bene. Ammiro la Abarth 500 perchè è rimasta un pizzico di "pazzia" come per tradizione, anzi, magari avessero osato ancora di più!! Ora non ci interessa il record sul giro.. o lo scatto, l'importante è che diverta! E questa versione non è da prendere in considerazione.
Ritratto di Rikolas
14 novembre 2013 - 14:26
non perchè difendi la 500, ma perchè finalmente qualcuno capisce il valore che hanno alcuni prodotti italiani. Indipendentemente dalla 500 Abarth, noi taliani dovremmo forse "amarci" un po' di più e lasciar perdere confronti assurdi con Mercedes, Opel o altro. Ogni azienda ha la sua peculiarità, ma ci sono aziende come Abarth che hanno prestigio particolare, le prestazioni qui non c'entrano nulla. Una OPC potrà fare anche i 300 km/h, ma non ha alcun valore, ne oggi, ne domani. Ma non tutti hanno la sensibilità di capire queste particolartià, pazienza, non tutti siamo uguali.
Ritratto di Ivan92
14 novembre 2013 - 16:31
6
Scusa, forse sono io che non ci arrivo. Ma di quale "valore" stai parlando. Io stimo tanto i prodotti italiani. Maserati, Ferrari, Lamborghini ecc.. Ma forse quello che dici tu si riferisce a questa versione di 35'000 euro. No perchè negli annunci in Svizzera le Classiche 500 Abarth sono svalutatissime, c'e ne una vagonata e sono tutte abbastanza giovani (2008 - 2010 in poi) e 80% delle persone che le vendono non hanno percorso più di 60'000 km. Un paio hanno toccato i 90'000 km il resto 50% sono sotto i 40'000 km. E sai a che cifra le vendono? Sui 11'000 euro. E fra 5 anni varranno si e no 5'000 euro. Perciò questo grande prestigio non lo vedo. Poi magari mi sbaglio. Ma una Mercedes o BMW tengono molto di più il loro valore nel tempo. Non vorrei immaginarmi se avessi acquistato una di quelle Fiat nel 2010 a 25'000 euro (Valore nuovo in CH nel 2010) e ora venderla a 11'000 dopo aver percorso 40'000 km...
Pagine