PRIMO CONTATTO

Cadillac XT5: brillante e divertente, ma a gasolio… no

Con i 314 CV del suo 3.6 V6, la nuova Cadillac XT5 è una suv dalla guida piacevole e coinvolgente. Accogliente, comoda e con un grande bagagliaio, non è però disponibile anche diesel.

25 luglio 2016
  • Prezzo (al momento del test)

    € 69.310
  • Consumo medio

    10 km/l
  • Emissioni di CO2

    229 grammi/km
  • Euro

    6
Cadillac XT5
Cadillac XT5 3.6 AWD Platinum
Il look giusto

Le automobili, si sa, si comprano soprattutto… con gli occhi. E, in termini di look, rispetto alla precedente SRX, la Cadillac XT5 rappresenta un bel salto di qualità. Lo stile è nitido, snello e muscoloso, ma senza eccessi, con una personalità inconfondibilmente Cadillac nella nuova griglia che recupera stilemi tradizionali e li aggiorna con classe e misura; il tutto completato da fari che a led di taglio grintoso. Ma anche il profilo è altrettanto filante, con una nervatura alta che sale fino alla base dei finestrini posteriori e il lunotto avvolgente. Il tema stilistico generale segue linee taglienti, ma con spigoli (come quello che taglia la griglia e che ritroviamo nella metà inferiore del portellone posteriore) sempre morbidi.

Classe e comfort

Se gli stilisti hanno fatto un gran lavoro per conferire una personalità decisa alla Cadillac XT5, anche gli specialisti degli interni le hanno riservato non meno attenzioni: in particolare nella versione Platinum che abbiamo guidato, la più ricca, la selleria è in pelle traforata (per consentire la ventilazione o il riscaldamento, a seconda della stagione, dei sedili), gli inserti sono in legni di pregio o in materiali tecnici di alto livello, l’elettronica di bordo è ad alto livello per potenza, versatilità e accessibilità. Il sistema di infotainment CUE è di tipo avanzato (nel corso della prova, il navigatore si è rivelato uno dei più nitidi e precisi) e, come sulla berlina CT6 (vedi qui), il sistema di connessione OnStar offre una serie di funzioni a protezione dell’auto e dei suoi occupanti, oltre a includere una connessione Wi-Fi 4G. Anche la XT5 è equipaggiata con telecamere multiple per una visione a 360 gradi di quanto accade attorno all’auto, più una camera posteriore per retromarcia a cui si aggiunge un’ulteriore unità di ripresa che invia, nello specchietto retrovisore interno, un’immagine più ampia di quella che vi sarebbe naturalmente riflessa (una levetta sotto lo specchio consente di passare facilmente da un’immagine all’altra). Il ripiano per il cellulare ricavato nella consolle dispone di un sistema di ricarica ad induzione per i dispositivi di ultima generazione. I sedili, a configurazione anatomica assicurano un corretto supporto laterale e un elevato comfort di seduta per molte ore. Il portellone posteriore ha l’apertura e anche la chiusura comandate dal semplice passaggio di un piede sotto il paraurti posteriore. Notevole, infine, la capacità del vano di carico, compresa tra 850 litri (a divano su, ma fino al soffitto) e 1784 litri (viaggiando solo in due).

Scocca e autotelaio

Il ricorso ad acciai speciali e all’alluminio (anche per elementi delle sospensioni) ha consentito di ridurre di 69 kg il peso della Cadillac XT5 rispetto alla SRX: ciononostante, la scocca vanta un rigidità torsionale superiore. All’anteriore è stato adottato uno schema di sospensione McPherson, al retrotreno una raffinata architettura multilink. Gli ammortizzatori dispongono di sistema attivo di modulazione della loro funzione in base alle condizioni di guida e del fondo. Il servosterzo è elettrico. Le ruote di 20 pollici, in alluminio cromato, sono sceniche e leggere. La XT5 poggia su un pianale di passo e carreggiate incrementate rispetto al modello precedente, per una abitabilità superiore.

Niente turbo, ma i cavalli ci sono

Per il momento, la Cadillac propone la XT5 solo con il V6 3.6 litri a iniezione diretta che già equipaggia diversi modelli di tutti i marchi General Motors North America: qui in una specifica versione tarata per erogare “solo” 314 CV a 6700 giri, ma con una coppia massima di ben 368 Nm a 5000 giri disponibile in una misura superiore all’85% già a 2500 giri. È un motore che allunga fino a 7200 giri e offre prestazioni molto brillanti grazie anche alla associazione con un cambio automatico a 8 marce rapido, e perfettamente liscio sia in progressione che in scalata (utilizzabile anche manualmente, in modalità sequenziale, grazie alle palette dietro il volante). Il propulsore è disposto trasversalmente perché la XT5 è disponibile sia con trazione solo anteriore (ma questa bversione non è importata in Italia), sia integrale. Il complesso motore-trasmissione-sospensioni, gestito elettronicamente, può variare le sue risposte selezionando una fra le tre tarature disponibili: Snow, per la guida in condizioni di fondo difficili; Touring, per il normale uso su strada, e con un occhio anche ai consumi; e Sport, per godere appieno del potenziale della vettura. La trazione integrale comprende frizioni multidisco a controllo elettronico disposte all’uscita dal differenziale di ciascun semiasse posteriore, in modo da dosare in continuo la coppia da erogare a ciascuna ruota posteriore.

Agile, sicura e confortevole

Con un peso inferiore alle due tonnellate in condizioni di marcia, la Cadillac XT5 è ben bilanciata, con una minima tendenza al sottosterzo e una apprezzabile agilità sulle strade tortuose. Le accelerazioni laterali in curva possono sfiorare 0,9 g, un valore di rilievo per un veicolo di questa categoria. Il servosterzo elettrico riduce lo sforzo al volante ma non “uccide” la sensibilità: la XT5 sul misto è decisamente divertente anche senza selezionare la modalità Sport, che comunque migliora la precisione e la grinta della guida senza penalizzare il comfort. Questo è molto valido, con l’isolamento acustico ottimo anche in velocità. Il gruppo propulsore, nel suo assieme, ha mostrato qualità prestazionali molto piacevoli: spunto e accelerazione da fermo brillanti, poderosa progressione nei sorpassi e una velocità massima promessa di oltre 210 km/h. Ovviamente, per contenere i consumi bisogna guidare con molta attenzione al pedale dell’acceleratore… In autostrada, a velocità codice, il sistema mette “in sonno” tre dei sei cilindri e il computer di bordo arriva a indicare una media di 11 km/l, ma in città, o guidando sul misto in modalità Sport, si scende a 8. Qui si avverte il limite forse più evidente della vettura in relazione alle esigenze del pubblico italiano: la mancanza di una opzione diesel si aggiunge alla cronica inconsistenza della rete commerciale nel nostro paese (8 concessionarie per le vetture nuove, di cui 3 nell’area di Milano e 2 per Firenze, e 12 punti d’assistenza) finendo per pesare (oltre che sulle vendite del nuovo) anche sulla forte svalutazione dell’usato al momento della rivendita. 

Secondo noi

PREGI
> Abitabilità. C’è spazio per far viaggiare in gran comfort cinque adulti, più una rilevante massa di bagagli.
> Guida. Il bilanciamento delle masse, il peso contenuto e le sospensioni attive assicurano guida piacevole ed elevata sicurezza. 
> Prestazioni. In associazione con il cambio automatico a 8 marce, questo 3.6 V6 garantisce prestazioni di alto livello.

DIFETTI
> Mancanza di un diesel. L’indisponibilità di un propulsore a gasolio è penalizzante in Italia.
> Rete commerciale. Si riduce a una manciata di punti di vendita e assistenza in tutta Italia: troppo inconsistente.
> Valore residuo. Un forte deprezzamento sul mercato dell’usato (strettamente collegato ai due punti appena considerati) va tenuto in considerazione.

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 3649
No cilindri e disposizione 6 a V di 60°
Potenza massima kW (CV)/giri 231 (314)/6700 giri
Coppia max Nm/giri 368/5000
Emissione di CO2 grammi/km 229
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 8 (automatico) + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 210
Accelerazione 0-100 km/h (s) 7,5
Consumo medio (km/l) 10
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 482/190/168
Passo cm 286
Peso in ordine di marcia kg 1931
Capacità bagagliaio litri 850/1784
Pneumatici (di serie) 235/55 R20
Cadillac XT5
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
28
16
12
8
10
VOTO MEDIO
3,6
3.594595
74
Aggiungi un commento
25 luglio 2016 - 14:52
Come già ho scritto per l'ammiraglia, in un confronto diretto tra l'XT5 e le rivali dirette europee ne vedremmo davvero delle belle. Le Cadillac sono diventate prodotti di qualità eccellente pari se non superiore a quella delle migliori Premium europee.
Ritratto di AMG
25 luglio 2016 - 23:30
Le Cadillac hanno recuperato tanto terreno, molto del quale perduto rispetto al passato. Anch'io mi sono innamorato subito dell'ammiraglia e di questo suv, veramente fantastici in tutto! Ma come ha fatto (ben) notare Alvolante la mancanda del diesel e di punti vendita/assistenza numerosi brucerà purtroppo gran parte delle vendite che invece questo modello merita anche nel mercato Europeo!! Bella bella bella
Ritratto di Moreno1999
25 luglio 2016 - 15:12
4
Sembra l'Antara...
Ritratto di Magnificus
25 luglio 2016 - 15:22
Costa uno sfondo,svalutazione assurda e concessionarie da cercare con il lanternino in piu' pure bruttarella con motore di un carro armato....fammi pensare....per me e' no:-)
Ritratto di luperk
25 luglio 2016 - 15:41
I motori non sono sottodimensionati a differenza dei frullini concorrenti europei e giapponesi
Ritratto di Claus90
25 luglio 2016 - 15:47
Per acquistare un'auto così bisogna essere amatori, poi la mancanza di una rete vera e propria di concessionari ed officine ufficiali è penalizzante per il brand, col prezzo così ci sono brand prestigiosi Europei che la surclassano e la declassano, "la cadillac per gli americani è l'emblema del lusso; vidi un documentario dove addirittura c'è gente che fa mutui importanti pur di avere una Cadillac e non potersi mettere poi dopo la benzina, la Escalade è un must", tutto sommato questa XT5 non è male però il brand non lo percepisco di lusso.
25 luglio 2016 - 16:35
Ha il design più piacevole della categoria, anzi se la gioca con il Levante. Le altre, soprattutto il resto delle europee, risultano abnormi wagon, sgraziate o troppo piatte invece questa XT5 ha le proporzioni giuste e la linea tanto originale e marcata ma equilibrata. Il motore e il telaio sono ottimi, la qualità dei materiali e i contenuti anche. Manca il diesel? Cosa importa, se GM avesse davvero intenzione di affermarsi sul mercato con Cadillac proporrebbe motori adeguati e una rete più adeguata, come ha fatto al suo tempo con Chevrolet.
Ritratto di Fausto Carello
25 luglio 2016 - 20:38
Concordo.
Ritratto di Francesco110
25 luglio 2016 - 16:50
Inutile carrozzone inquinante. Farà 7km/l se va bene, che se la tengano quei pecoroni analfabeti di americani.
25 luglio 2016 - 16:55
Fidati che inquinano più tutti quei SUV crucchi a gasolio che questa. Quando poi un'altra nazione sarà capace di andare sulla Luna fatemi un fischio.
Pagine