PRIMO CONTATTO

Chevrolet Cruze Station Wagon: la sorella da… carico

Ad affiancare la berlina e la cinque porte, a settembre arriva la Chevrolet Cruze famigliare. Lunga 468 cm, ha un bagagliaio ampio, ben fatto e facile da caricare. Brillante il nuovo 1.4 turbo a benzina da 140 CV, anche se delude nelle riprese con le marce alte.

21 giugno 2012

Listino prezzi Chevrolet Cruze Station Wagon non disponibile

  • Prezzo (al momento del test)

    € 20.350
  • Consumo medio

    17 km/l
  • Emissioni di CO2

    134 grammi/km
  • Euro

    5
Chevrolet Cruze Station Wagon
Chevrolet Cruze Station Wagon 1.4 Turbo LTZ
Più lunga e slanciata

Dopo la versione a tre volumi (poco apprezzata in Italia) e la Hatchback a cinque porte, ora è la volta della Chevrolet Cruze SW, la wagon che completa la gamma, proponendosi come efficace soluzione alle esigenze della famiglia. Lunga 468 cm, contro i 451 della cinque porte e i 460 della tre volumi, la Cruze SW ha lo stesso frontale squadrato e grintoso delle sue sorelle (che nella versione del 2012 prevede inediti fendinebbia tondi inseriti in una nuova finta presa d'aria verticale con bordi cromati). Il lunotto piuttosto inclinato e l'ampio spoiler, rendono filante la carrozzeria, che acquista ancor più slancio grazie all'andamento verso l'alto della linea inferiore del terzo finestrino e al tetto che scende verso la coda. A cambiare, nella Cruze SW, è però soprattutto il baule, che diventa decisamente più capiente.

Valigie per cinque

Certo, con 500 litri di capacità minima e 1478 con gli schienali del divano abbattuti, la capacità non è da record per la categoria. Comunque è un gran bel baule, sufficiente per andare in vacanza in cinque senza troppi problemi di carico. A convincere maggiormente è la facilità di accesso al vano della Chevrolet Cruze SW: il portellone ha un'apertura ampia e la soglia ad appena 60 cm da terra non costringe a fatiche esagerate quando si devono stivare a bordo oggetti molto pesanti. Il baule ha una forma regolare, con grandi tasche laterali e un pratico doppiofondo. Il piano di carico resta quasi del tutto piatto ripiegando il divano (gli schienali formano una superficie leggermente incinata) ed è rivestito con un tessuto dall'aspetto robusto. Tra il tendalino e i poggiatesta posteriori c'è un lungo contenitore, diviso in tre parti, utile per accogliere piccoli oggetti (come, per esempio, i giocattoli dei bambini).

Le tue foto sullo schermo

Come la berlina e la cinque porte, la Chevrolet Cruze SW ha una plancia dalle forme avvolgenti, con la parte centrale rivestita nello stesso tessuto delle poltrone. Soddisfacente la qualità delle finiture e dei materiali, che hanno anche un aspetto solido. Nulla da ridire neppure sulla quantità e sulla grandezza dei portaoggetti (ce n'è uno anche in cima alla plancia, chiuso da uno sportello). Le poltrone hanno un'imbottitura rigida, ma non scomoda; la seduta, però, non trattiene a dovere il corpo in curva. Ci è sembrata infelice, inoltre, la posizione della leva che serve per regolare lo schienale: è arretrata e troppo vicina al montante centrale. Gradevole, invece, il nuovo sistema multimediale MyLink (disponibile anche per la berlina e per la cinque porte), con lo schermo di 7 pollici ad alta risoluzione e a sfioramento (arriverà all'inizio del 2013). Con il sistema MyLink si può collegare il proprio smartphone, rendendo possibile la navigazione nel menu del cellulare attraverso lo schemo a colori della macchina (così si guardano le fotografie o i video ripresi con lo smartphone, si ascoltano le musiche preferite o si fanno scorrere le proprie rubriche telefoniche sul display del MyLink).

Un bel “motorino”

Con la Chevrolet Cruze SW debuttano anche due nuovi motori (già utilizzati dalla Opel, che con la Chevrolet fa parte della General Motors) dotati di Stop&Start: il 1.7 turbodiesel da 131 CV e il 1.4 Turbo a benzina da 140 del nostro test. Il piccolo quattro cilindri millequattro con fasatura variabile delle valvole è fluido, omogeneo e poco rumoroso, ma è abbinato a un cambio manuale con rapporti lunghi, che gli tarpa le ali in ripresa. A guadagnarci è la silenziosità a velocità costante (in sesta a 130 km/h il motore lavora a 2600 giri), così in autostrada si macinano chilometri senza affaticarsi eccessivamente; ma quando bisogna riprendere dopo un rallentamento è necessario scalare per godere di un pizzico di brio. Lo scatto da fermo, invece, non è male, anche se il dato ufficiale di 9,5 secondi nello “0-100” ci è parso un po' ottimistico (almeno quanto il consumo medio di 17 km/l: noi non siamo andati oltre i 13, letti sul computer di bordo). Ci sono sembrati più vicini alla realtà, invece, i 201 km/h di velocità massima.

Nel traffico soffre un po'

Nella guida in città la Chevrolet Cruze SW non è a suo agio. A parte l'efficace sistema Stop&Start che contribuisce a contenere i consumi nel traffico, spegnendo il motore nelle soste in coda o ai semafori, e riavviandolo velocemente (ma con un po' di vibrazioni), la vettura non ci ha convinto del tutto sul piano della maneggevolezza, ma soltanto a causa degli ingombri importanti. Su strada aperta, si fa apprezzare per la tenuta di strada e la frenata sicure, oltre che per l'elevato livello di comfort.

Appuntamento dopo l'estate

In arrivo a settembre, la Chevrolet Cruze SW è proposta in due allestimenti (LT e LTZ) con il 1.6 a benzina da 124 CV, il 1.4 turbo da 140, il 1.7 o il 2.0 a gasolio (quest'ultimo abbinato al cambio automatico); i prezzi partono da 18.050 euro. La dotazione prevede sei airbag, "clima" manuale, radio, fendinebbia, cerchi in lega di 16" e sensori di parcheggio posteriori per la LT. La LTZ aggiunge il climatizzatore automatico, il navigatore con la retrocamera, i cerchi di 17" e i sensori di pioggia. Quanto al sistema MyLink, non se ne conosce ancora il prezzo.

Secondo noi

PREGI
> Baule. È ben realizzato, facile da caricare e sufficientemente ampio.
> Comfort. La vettura si fa apprezzare per la comodità delle poltrone (rigide al punto giusto), l'insonorizzazione curata e per l'efficacia delle sospensioni nell'assorbimento delle buche.
> Prezzo. Supera di poco la soglia dei 20.000 euro, pur con un’apprezzabile dotazione di serie.

DIFETTI
> Maneggevolezza. La lunghezza della carrozzeria (cresciuta di ben 17 cm rispetto a quella della Cruze a cinque porte) costringe a qualche sacrificio in città.
> Ripresa. È penalizzata soprattutto dai lunghi rapporti di trasmissione: nelle marce alte la velocità sale con lentezza.
> Visibilità. I montanti anteriori larghi e piuttosto inclinati limitano la visuale nelle svolte e agli incroci; dietro, il lunotto piccolo crea qualche problema nelle manovre in retromarcia.

 

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1364
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 103(140)/6000
Coppia max Nm/giri 200/1850-4900
Emissione di CO2 grammi/km 134
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 468/180/148
Passo cm 269
Peso in ordine di marcia kg 1405
Capacità bagagliaio litri 500/1478
Pneumatici (di serie) 205/60 R 16
Chevrolet Cruze Station Wagon
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
14
13
21
5
2
VOTO MEDIO
3,6
3.58182
55
Aggiungi un commento
Ritratto di lollo55
25 giugno 2012 - 15:36
saranno 130!!
Ritratto di Simone1996
26 giugno 2012 - 18:29
Saranno 110 oppure 130 visto che i motori sono della Opel
Ritratto di Simone1996
26 giugno 2012 - 18:31
Davvero un'auto ben riuscita: comoda, spaziosa, brillante, ma soprattutto sicurissima Il tutto ad un prezzo onesto
Ritratto di Puglio
28 giugno 2012 - 21:47
6
Spaziosità, bellezza, grinta e tanta tanta voglia di caricare.....il tutto ad un prezzo sensazionale.... Ha tutte le carte in regola per essere una station wagon adatta a chiunque (solo i "superesigenti" trovano POCHE restrizioni... il tutto ad un prezzo sensazionale.... secondo me può tendere testa a molto rivale ben più costose....strapperà molti clienti....=)
Ritratto di Andrea Marici
12 luglio 2012 - 15:11
La gamma Cruze si arricchisce ancor di più,mantenendo un'ottima dotazione ed un prezzo concorrenziale. Personalmente io sceglierei la berlina a gasolio dalla linea sportiva
Ritratto di gixxs
19 gennaio 2013 - 18:49
2
Indubbiamente, il rapporto qualità/prezzo è l'arma vincente di questo modello. Però, c'è da fare bene i conti. Ad esempio, se confrontata con la sua parente più stretta, l'Opel Astra, il divario di prezzo c'è ma a fronte di finiture di maggior pregio e di un retrotreno più sofisticato. A questo punto, se non interessano questi dettagli,o se quest'auto piace a prescindere da qualsiasi altra considerazione, il problema non si pone. Altrimenti,tra un' Opel Astra a "Km zero" (quindi, con uno sconto che come minimo è del 20%...) e una Chevrolet Cruze, la scelta diventa ardua e, per quanto mi riguarda, non avrei dubbi nello scegliere Opel. Siccome, di questi tempi, non mancano occasioni a Km 0, c'è da pensarci seriamente, anche perchè la scelta di accessori su quest'auto si riduce al colore della carrozzeria; quindi, non è che ci sia tanta differenza tra questa e un esemplare a km 0, dove necessariamente la scelta dell'allestimento è obbligato. Quello che voglio dire è che, senza nulla togliere alla validità e alla concretezza di questa vettura, non sempre ciò che costa meno è veramente un buon affare.
Ritratto di traver02
7 marzo 2013 - 14:31
noi abbiamo visto l' Astra Cosmo ST e vi devo dire che le finiture interne sono molto deludenti. plastiche economiche, le cuciture dei sedili storte.....bagagliaio non eccezionale. la Cruze Sw vista e anche provata, ver 1.7 ci è parsa un' ottima macchina, le finiture sono buone e ben fatte. l' interno è molto pratico e tranne qualche piccolo dettaglio, tipo il bracciolo anteriore che si muove, non si può pretendere di + per quel prezzo. già la versione LT 1.7D è molto completa.molto più completa dell'allestimento medio Opel Astra. E' vero che il retrotreno è meno raffinato di quello montato su Astra (telaio e motore identici) ma la prova completa della Cruze SW su una nota rivista italiana è "talmente" positiva in termini di comportamento tenuta di strada sicurezza e frenata che forse il retrotreno diverso non conta così tanto. devo riconoscere però che la nota rivista già citata si ostina a provare la Astra ST solo con il motore 2.0 e non 1.7 che è il vero target e la scelta equilibrata della maggior parte dei potenziali acquirenti. non voglio andare OT ma se avessi 8.000 euro in più da spendere comprerei sicuramente la nuova Mazda 6 sw, veramente bella e ben fatta, tecnologicamente avanzata, leggera, una coppia altissima e con consumi da record, ma per quello che costa la Cruze, a mio parere ovviamente, è un' ottima macchina.
Ritratto di traver02
7 marzo 2013 - 14:32
noi abbiamo visto l' Astra Cosmo ST e vi devo dire che le finiture interne sono molto deludenti. plastiche economiche, le cuciture dei sedili storte.....bagagliaio non eccezionale. la Cruze Sw vista e anche provata, ver 1.7 ci è parsa un' ottima macchina, le finiture sono buone e ben fatte. l' interno è molto pratico e tranne qualche piccolo dettaglio, tipo il bracciolo anteriore che si muove, non si può pretendere di + per quel prezzo. già la versione LT 1.7D è molto completa.molto più completa dell'allestimento medio Opel Astra. E' vero che il retrotreno è meno raffinato di quello montato su Astra (telaio e motore identici) ma la prova completa della Cruze SW su una nota rivista italiana è "talmente" positiva in termini di comportamento tenuta di strada sicurezza e frenata che forse il retrotreno diverso non conta così tanto. devo riconoscere però che la nota rivista già citata si ostina a provare la Astra ST solo con il motore 2.0 e non 1.7 che è il vero target e la scelta equilibrata della maggior parte dei potenziali acquirenti. non voglio andare OT ma se avessi 8.000 euro in più da spendere comprerei sicuramente la nuova Mazda 6 sw, veramente bella e ben fatta, tecnologicamente avanzata, leggera, una coppia altissima e con consumi da record, ma per quello che costa la Cruze, a mio parere ovviamente, è un' ottima macchina.
Ritratto di traver02
7 marzo 2013 - 14:45
noi abbiamo visto l' Astra Cosmo ST e vi devo dire che le finiture interne sono molto deludenti. plastiche economiche, le cuciture dei sedili storte.....bagagliaio non eccezionale. la Cruze Sw vista e anche provata, ver 1.7 ci è parsa un' ottima macchina, le finiture sono buone e ben fatte. l' interno è molto pratico e tranne qualche piccolo dettaglio, tipo il bracciolo anteriore che si muove, non si può pretendere di + per quel prezzo. già la versione LT 1.7D è molto completa.molto più completa dell'allestimento medio Opel Astra. E' vero che il retrotreno è meno raffinato di quello montato su Astra (telaio e motore identici) ma la prova completa della Cruze SW su una nota rivista italiana è "talmente" positiva in termini di comportamento tenuta di strada sicurezza e frenata che forse il retrotreno diverso non conta così tanto. devo riconoscere però che la nota rivista già citata si ostina a provare la Astra ST solo con il motore 2.0 e non 1.7 che è il vero target e la scelta equilibrata della maggior parte dei potenziali acquirenti. non voglio andare OT ma se avessi 8.000 euro in più da spendere comprerei sicuramente la nuova Mazda 6 sw, veramente bella e ben fatta, tecnologicamente avanzata, leggera, una coppia altissima e con consumi da record, ma per quello che costa la Cruze, a mio parere ovviamente, è un' ottima macchina.
Ritratto di dottgio
14 ottobre 2013 - 09:58
Ce l'ho da una settimana (proprio la versione dell'articolo 1400 turbo 140 cv ltz). E' un po' presto per tirare le somme. Posso però confermare che il motore è brioso fin dai bassi regimi (sembra quasi di guidare un diesel) e in autostrada in sesta a 130 kmh i giri restano al di sotto dei 3.000 e la silenziosità ne guadagna. Quanto alla maneggevolezza è vero che le dimensioni sono importanti ma grazie ai sensori, alla telecamera ed allo sterzo molto ampio non si hanno difficoltà. Lo spazio interno è poi a ammiraglia, soprattutto per chi viaggia sui sedili posteriori. Il sistema mylink è molto bello. Unico neo la possibilità per ora di dover scegliere per forza il navigatore bringgo e non magari altri più conosciuti (ad esempio tomtom). Ottimo il vivavoce e la possibilità di ascoltare tramite bluetoot i brani che si hanno sul cell (soprattutto se si ha come me un abbonamento playmusic o programmi simili tipo spotify ecc.). Da ultimo qualità/prezzo imbattibile.
Pagine