PRIMO CONTATTO

Dacia Duster: il motore è “giusto”, il cambio meno...

Col nuovo 1.0 turbo a tre cilindri da 101 CV la (spaziosa) Dacia Duster spinge quanto serve e non “urla” troppo. Ma gli innesti del cambio sono contrastati. Basso il prezzo, ma manca la frenata automatica, e non solo.
Pubblicato 27 novembre 2019
  • Prezzo (al momento del test)

    € 16.300
  • Consumo medio (dichiarato)

    18,2 km/l
  • Emissioni di CO2 (dichiarate)

    125 grammi/km
  • Euro

    Euro 6d-TEMP
Dacia Duster
Dacia Duster 1.0 TCe 100 CV Prestige 4X2
Piccolo e turbo

Per la compatta (ma spaziosa) suv romena, la novità è il tre cilindri 1.0 turbo a benzina da 101 CV, che sostituisce il 1.6 da 114 CV (non sovralimentato, ha un pistone in più e rimane, per ora, solo in versione a Gpl). A differenza di tutti i motori “mille” della concorrenza, quello della Dacia Duster è a iniezione indiretta, anziché diretta: è più economico da produrre e non produce particolato, rendendo superfluo l’uso del filtro allo scarico. È disponibile con tutti gli allestimenti ed è abbinato al cambio manuale a cinque marce e alla trazione anteriore. Nella primavera 2020 è previsto anche l’arrivo della sua variante a Gpl: userà un impianto della specialista Landi Renzo che verrà montato direttamente in fabbrica.

E gli aiuti alla guida?

Il prezzo è uno dei punti di forza della Dacia Duster, che convince anche per le forme “decise” e moderne.  La Access parte da appena 12.200 euro, ma è davvero spartana: mancano persino la radio e il computer di bordo (presenti dalla Essential, 13.600 euro). La più “centrata” è la Comfort (€ 15.300), che ha il climatizzatore manuale, il sistema multimediale con navigatore (con mappe italiane: quelle europee costano 198 euro), Android Auto e Apple CarPlay e i sensori di parcheggio posteriori. La Prestige (€ 16.300) aggiunge “clima” automatico, rivestimenti migliori,  retrocamera, monitoraggio dell’angolo cieco e altro. La Techroad (17.100) è una Prestige con un diverso pacchetto estetico, la chiave elettronica e poco di più. Nessuna, però, può avere altri moderni aiuti alla guida, come la frenata automatica d’emergenza, il mantenimento di corsia e il cruise control adattativo.

Economica, non povera

Gli interni degli Dacia Duster si confermano discreti: la plancia ha forme personali, quasi “importanti”. Tutto è in plastica rigida, ma l’insieme è realizzato con una certa cura. E non mancano dettagli gradevoli come le rotelle del “clima” (solo monozona).  Il sistema multimediale è montato un po’ in basso, ma è piuttosto rapido e non mancano Android Auto e Apple CarPlay. Una sola, però, la presa Usb (peraltro in posizione scomoda, sulla parte alta della cornice dello schermo): se è occupata, l’unico modo per ricaricare un telefono o un tablet è sfruttare la presa a 12 volt alla base della consolle. Tanto lo spazio a bordo, sia per le persone che per i bagagli: l’ampio portellone dà accesso a un vano ampio e di forma regolare.

Cambiate il cambio!

Il tre cilindri della Dacia Duster non è sottodimensionato: ha poca grinta prima dei 2000 giri, ma poi spinge con una certa vivacità. A freddo fa notare delle vibrazioni ai bassi regimi e la sua “voce” si fa sentire ma, una volta entrato in temperatura, entrambi si attenuano. Adeguata la rapportatura del cambio manuale a cinque marce (a 130 km/h il “mille” lavora a 3400 giri senza farsi sentire). Tuttavia nell’auto provata gli innesti erano parecchio contrastati: forse colpa anche del fatto che aveva fatto poche centinaia di chilometri. E, come sulle altre Dacia, anche nella Duster non è prevista l’alternativa automatica. Invariati, ovviamente, gli altri pregi e difetti: già prima dei 100 km/h il rumore di rotolamento è ben avvertibile mentre lo sterzo è leggero e sufficientemente preciso. Discreti, almeno stando al computer di bordo, i consumi: dopo un centinaio di chilometri di autostrada e saliscendi in collina, riportava una media di 14 km/l.

Secondo noi

PREGI
> Bagagliaio. È ampio e la sua forma squadrata aiuta a stivare al meglio gli oggetti.
> Motore. Non è sottodimensionato e, quando è caldo, non vibra né si fa sentire.
> Prezzo. Anche la versione più costosa non si paga molto. E le finiture sono decorose.
> Spazio. Il soffitto è alto e non mancano i centimetri per gambe e spalle.

DIFETTI
> Manovrabilità del cambio. Come su altre Duster con cambio manuale, gli innesti risultano più contrastati della media...
> Prese Usb. Ce n’è una sola, e in posizione scomoda: mancando la ricarica wireless, ne servirebbe almeno una un più .
> Rumore delle gomme. Specie in autostrada il rumore di rotolamento dei pneumatici si nota parecchio.
> Sistemi di sicurezza. La frenata automatica, il mantenimento di corsia e il cruise control adattativo non si possono avere neppure pagando.

SCHEDA TECNICA

Carburante benzina
Cilindrata cm3 999
No cilindri e disposizione 3 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 74 (101)/5000 giri
Coppia max Nm/giri 160/2750
Emissione di CO2 grammi/km 125
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori tamburi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 168
Accelerazione 0-100 km/h (s) 12,5
Consumo medio (km/l) 18,2
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 434/180/169
Passo cm 268
Peso in ordine di marcia kg 1191
Capacità bagagliaio litri 445/1478
Pneumatici (di serie) 205/65 R17
Dacia Duster
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
101
71
51
46
72
VOTO MEDIO
3,2
3.2434
341


Aggiungi un commento
Ritratto di Gili Preda
27 novembre 2019 - 20:06
2
130km/h a 3400 giri ! ... a pare il rumore, quanto consuma ! - motori sempre più piccoli ma pieni di "pony" ! un pò come sdoganare l'auto a obsolescenza programmata !
Ritratto di puccipaolo
27 novembre 2019 - 20:15
6
La mia vecchia clio 1.2 a 90 km/h stava a 3000 g/min... e andava bene....siamo diventati tutti fighetti! E viaggiavo senza air bag e abs....sono un eroe!
Ritratto di Leonal1980
28 novembre 2019 - 11:02
4
neanche da spenta hahahaha bella questa
Ritratto di Adry83
27 novembre 2019 - 21:39
Beh di sicuro meglio un 1000 turbo che un 1600aspirato.
Ritratto di andrea999
28 novembre 2019 - 00:05
Cari recensori di AlVolante ma ci prendete la percentuale sugli ADAS ? E fino a ieri come avete guidato ? Anzi mi sorge il dubbio ma quanti anni avete ?
Ritratto di Alexmin
28 novembre 2019 - 00:16
L’auto con il migliore rapporto qualità/prezzo sul mercato. Spero faccia scuola con il suo meritato successo e che anche gli altri costruttori possano offrire alternative altrettanto valide.
Ritratto di Thresher3253
28 novembre 2019 - 02:07
Se il prezzo é basso non vuol dire che abbia automaticamente un ottimo rapporto/qualità prezzo. E in questo caso la qualità é bassa come il prezzo. Chiedono 12.000 euro per una auto a tutti gli effetti equipaggiata come una Punto prima serie.
Ritratto di ziobell0
28 novembre 2019 - 10:07
beh esiste una fascia di pubblico che vuole un'auto per caricare i cani e andare a caccia, oppure buttarci i rami delle piante per andare in discarica ecc ecc.
Ritratto di Leonal1980
28 novembre 2019 - 11:05
4
caro Alexmin, credo tu non sappia cosa vuole dire la parola combinata, qualità/prezzo, probabilmente giudici questo valore solo dalle tue esigenze e non dal mercato generale che sta entrando in un decennio storico di cambiamento.
Ritratto di BRIXIO85
28 novembre 2019 - 12:51
Cambiamento storico sì... ma in peggio.
Pagine