PRIMO CONTATTO

Dacia Duster: più brillante e “automatica”

Per la crossover “low cost” Dacia Duster è il momento di un leggero aggiornamento, che porta al debutto il rinnovato e vispo 1.3 a benzina da 150 CV con il debuttante cambio a doppia frizione. Ancora migliorabile, però, la dotazione di sicurezza.
Pubblicato 20 settembre 2021
  • Prezzo (al momento del test)

    € 22.150
  • Consumo medio (dichiarato)

    16,1 km/l
  • Emissioni di CO2 (dichiarate)

    141 grammi/km
  • Euro

    6d
Dacia Duster
Dacia Duster 1.3 TCe 150 CV Prestige 4X2
Ascolta i clienti

Alla Dacia dicono che la maggior parte delle migliorie riservate alla crossover compatta Dacia Duster sono state suggerite dai clienti e riguardano, più che altro, gli interni. Del resto, a tre anni dal debutto, questa “low cost” ha un aspetto ancora attuale e le poche novità per l’esterno riguardano la mascherina frontale, leggermente diversa per via delle cornici lucide degli elementi rettangolari più spesse, e i fari con anabbaglianti a led e luci diurne a forma di “Y”. Lo stesso motivo è ripetuto nei fanali.

Alla gamma motori, anche a Gpl e diesel, della Dacia Duster si aggiunge, o sarebbe meglio dire ritorna in versione Euro 6d dopo circa un anno di assenza, il 1.3 turbo a benzina da 150 CV dell’auto del test, che è il più potente di tutti. Viene unicamente abbinato all’altrettanto debuttante cambio robotizzato a doppia frizione con sei rapporti. Altre migliorie riguardano il 1.0 a Gpl, che ha un sebatoio per il gas di maggiori dimensioni: la capienza cresce da 33,6 litri a 49,8. Inoltre, l’impianto è meglio integrato nell’auto: il tasto per attivare il funzionamento a Gpl è inglobato nei comandi nella plancia (prima era un pulsante aggiuntivo) e, finalmente, il display nel cruscotto indica il consumo di gas e la quantità di combustibile nella bombola.

Un nuovo infotainment

L’abitacolo della Dacia Duster si conferma spazioso e accogliente. Le finiture, con plastiche dure al tatto, sono semplici come ci si aspetta da una “low cost” ma non povere. Ci sono pure ricercatezze come i display integrati nelle tre pratiche manopole del climatizzatore automatico (di serie per la Prestige), le maniglie di appiglio nel soffitto (assenti su vetture più costose) e un nuovo, quanto moderno, impianto multimediale. È dotato di schermo tattile di 8”, Android Auto e Apple CarPlay e, per la Prestige, del navigatore. Inoltre, ha permesso di spostare la presa Usb dalla cornice del precedente monitor di 7” in una posizione più pratica: nell’ampio vano (che ne ospita pure una seconda) alla base della consolle.

Altri due attacchi Usb per chi siede dietro sono nell’inedito bracciolo fra i sedili, completo di un profondo pozzetto. Altre modifiche apportate alla Dacia Duster riguardano il più pratico tasto nel volante per attivare il cruise control, che rimpiazza quello, poco accessibile, nel tunnel. Si aggiunge, poi, la piastra di appoggio per il piede sul parafango anteriore sinistro: rende più comoda la posizione di guida. Nessun intevento, invece, sulle vaschette nel lato destro della plancia e sotto i diffusori centrali del “clima”: restano poco profonde e, alla prima curva, il contenuto può riversarsi sul pavimento. Quanto al baule, si conferma ampio e ben sfruttabile.

Sprint senza fatica

Anche se per grinta i 150 CV della Dacia Duster 1.3 TCe Prestige 4x2 EDC non impressionano, la risposta all’acceleratore è brillante, l’erogazione del quattro cilindri omogenea, ma in accelarazione la sua rombosità è sgradevole. Pur non dei più rapidi il funzionamento del cambio robotizzato a doppia frizione è più che soddisfacente e non trasmette scossoni nell’inserimento delle sei marce, che può avvenire anche manualmente, muovendo in avanti e indietro la leva nel tunnel (non previste le levette al volante). Migliorato lo sterzo che, pur rimanendo leggero, ha acquistato una certa consistenza e risulta più preciso. Le sospensioni offrono un’ampia escursione, ma transitando su buche e dossi hanno una risposta “secca”, che riduce il comfort. Nel complesso la Dacia Duster rimane un’auto facile da guidare e poco stressante grazie al cambio a doppia frizione. Non male il consumo calcolato dal computer di bordo nel test su poco trafficate strade extraurbane: 14 km/l. 

Prezzo allettante

Come da tradizione, anche in questa versione la Dacia Duster si conferma economicamente conveniente. Oltre a un motore potente e a un efficace cambio robotizzato, per 22.150 euro la Prestige offre una dotazione interessante: include i cerchi in lega di 17”, il monitoraggio dell’angolo cieco dei retrovisori e la retrocamera (non indispensabile, considerata la buona visibilità). Per 1.900 euro in più, la Plus aggiunge l'estensione della garanzia per altri cinque anni (o 50.000 km), oltre ai tre (o 100.000 km) già previsti di serie dalla Dacia.

Secondo noi

Pregi
> Prezzo. In rapporto ai contenuti dell’auto, è allettante.
> Spazio. Abitacolo e baule sono ampi.
> Visibilità. L’estesa superficie vetrata permette di vedere bene in ogni direzione.

Difetti
> Dettagli. Così poco profonde le vaschette sopra la plancia risultano inutilizzabili.
> Sistemi di sicurezza. La dotazione è limitata e nemmeno a pagamento si può avere la frenata d’emergenza.  
> Sospensioni. Non sempre assorbono al meglio le buche.

SCHEDA TECNICA

Carburante benzina
Cilindrata cm3 1332
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 110 (150)/5250 giri
Coppia max Nm/giri 250/1700-3250
Emissione di CO2 grammi/km 141
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 (robotizz. doppia friz.) + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori tamburi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 199
Accelerazione 0-100 km/h (s) 9,7
Consumo medio (km/l) 16,1
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 434/180/169
Passo cm 267
Peso in ordine di marcia kg 1263
Capacità bagagliaio litri 445/1478
Pneumatici (di serie) 215/60 R17
Dacia Duster
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
118
83
70
48
84
VOTO MEDIO
3,3
3.255585
403


Aggiungi un commento
Ritratto di andrea10
22 settembre 2021 - 10:33
Credo sia dovuto al suo mix di spazio con ingombri ridotti (434 cm) , prezzo sotto la soglia del mercato medio e doti da fuoristrada che qualsiasi suv attuale può sognarsi , per via di altezza dal suolo e angoli di attacco , uscita e dosso ... Pur vero che una Jimny ha doti in fuoristrada ancora superiori essendo una pura off road , ma a 23.000 euro hai pur sempre una macchinina (io la amo esteticamente e tecnicamente) da 3.65 mt. Diciamo che una Dacia ti permette di avere 2 anime con una sola vettura , ovvio che se lo stipendio medio fosse più alto si potrebbe acquistare più facilmente sia la prima auto di famiglia , che la seconda per hobby o sfizio. Diciamo che ha sfornato un prodotto intelligente per le nostre tasche , tutto qua.
Ritratto di Turbostar48
23 settembre 2021 - 15:21
Auto di tutta sostanza che bada al sodo è poco di estetica.
Ritratto di GS ADV
23 settembre 2021 - 17:32
4
Mantenimento della corsia c’è, Tempomat, Aiuto di frenata in discesa, Angolo Cieco, Camera a 360°, Pelle e spazio. Mettiamoci una panda
Ritratto di UNO45
27 settembre 2021 - 22:09
I pensionati impazziscono
Ritratto di verdoao
3 ottobre 2021 - 23:42
1
preferisco la Mitsubishi asx come prezzo siamo lì motore aspirato senza le rogne della rottura della turbina ed è pure iniezione multipoint quindi è perfetta per mettere un impianto a metano o gpl visto che la fa pure a GPL 150 cv contro i ridicoli 100 cv della dacia a gpl
Pagine