PRIMO CONTATTO

Dacia Duster: comoda, spaziosa, non un fulmine in ripresa

La Dacia Duster con il nuovo 1.6 a Gpl invita alla guida in relax. Efficiente il sistema Stop&Start in città. La ripresa, però, non è il suo forte.

9 novembre 2016
  • Prezzo (al momento del test)

    € 14.200
  • Consumo medio

    12,3 km/l
  • Emissioni di CO2

    130 grammi/km
  • Euro

    6
Dacia Duster
Dacia Duster 1.6 Lauréate 4x2 Gpl
Con l’Euro 6 ritorna il gas

Già a listino a benzina, con il 1.2 turbo e il 1.6 aspirato, e a gasolio con il 1.5 dCi, la Dacia Duster è ora disponibile anche a Gpl, con il 1.6 da 114 CV omologato Euro 6 (la vecchia versione a gas, uscita dal listino nel 2015, aveva un 1.6 Euro 5, più assetato e senza lo Stop&Start, adesso di serie). Linea e interni non cambiano, e pure il comportamento stradale (analogo a quello delle altre versioni, a benzina e a gasolio) resta quello di un’auto comoda e sicura, oltre che capace di disimpegnarsi senza affanno anche su terreni accidentati.

Dolce e regolare anche a Gpl

Il quattro cilindri della Dacia Duster 1.6 a Gpl è regolare e fluido fin dai bassi giri e, se non si tirano le marce, anche poco rumoroso. I 114 CV non sono tanti, ma si rivelano comunque adeguati al tipo di macchina: lo scatto al semaforo non impressiona, anche se gli 11,4 secondi dichiarati dalla casa non sembrano (al pari dei 167 km/h di velocità massima “ufficiale”) fuori dalla portata della vettura. Nella marcia in città si apprezzano la rumorosità contenuta e l’impeccabile Stop&Start, pronto nello spegnere il motore nelle soste e a farlo ripartire non appena si preme il pedale della frizione e si inserisce la marcia (a Gpl solo la prima ripartenza viene fatta a benzina, dalla seconda in poi sempre a gas). La commutazione da un carburante all’altro è semplice: basta premere il tasto nella consolle (vicino alla leva del cambio), che ha anche la funzione di spia della quantità di gas nel serbatoio, indicata con una serie di led (il livello della benzina, invece, è nel display digitale nel cruscotto, a destra). 

Tagliandi a 20.000 km

Apprezzabile la costanza di rendimento del motore della Dacia Duster 1.6 a Gpl nelle due alimentazioni: nel passaggio da benzina a gas non si avverte un calo delle prestazioni. Peccato però che lo sterzo non si mostri molto preciso e che la ripresa non sia brillante, anche a causa dei rapporti lunghi del cambio a cinque marce. Sicura, invece, la tenuta di strada. Quanto ai consumi, nel nostro breve test, in prevalenza su strade extraurbane, la media indicata dal computer di bordo è stata di poco superiore ai 10 km/l (la casa ne dichiara 12,3). Notevole l’autonomia della vettura che, grazie ai due serbatoi (50 litri quello di benzina e 32 di Gpl, il cui contenitore è fissato sotto il baule), secondo la casa dovrebbe consentire più di 1100 km di percorrenza complessiva. L’impianto a Gpl, realizzato dalla Landi Renzo in collaborazione con la Dacia, è montato direttamente in fabbrica e non ha richiesto modifiche al motore, già predisposto per questo tipo di alimentazione: la manutenzione prevede i tagliandi ogni 20.000 km o 12 mesi, e senza regolazione del gioco delle valvole.

“Porte aperte” a fine novembre

Gli interni della Dacia Duster 1.6 a Gpl, come quelli delle “sorelle” a benzina e a gasolio, si distinguono per l’ampio spazio (anche nel baule, non penalizzato dal serbatoio del Gpl sotto il piano di carico). Le finiture non sono granché, ma le plastiche hanno un aspetto solido. Competitivi i prezzi, che partono dai 12.700 euro della 1.6 4x2 (la 4x4 non è prevista), solo 500 più della versione solo a benzina. Per il lancio sono previsti due weekend di “porte aperte”: il 19 e 20 novembre e il 26 e 27 dello stesso mese.

Secondo noi

PREGI

> Comfort. Le sospensioni sono efficaci, le poltrone comode e il motore fa sentire poco la sua voce.
> Prezzo. Per una suv con alimentazione bi-fuel è davvero basso. Contenuto anche il divario (500 euro) con la versione a benzina.
> Spazio. È tanto, specie in altezza. E dietro non si soffre neppure in tre.

DIFETTI
 
> Dettagli. Il clacson a pulsante (nella levetta a sinistra del volante) è superato e i comandi del navigatore e del “clima” sono troppo in basso nella consolle: rischiano di far distogliere l’attenzione dalla strada.
> Regolazione del volante. Manca quella in profondità, ormai di serie anche su alcune citycar.
> Sterzo. Piuttosto pesante in manovra e poco preciso in velocità.

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1598
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 84 (114)/5500 giri
Coppia max Nm/giri 156/4000
Emissione di CO2 grammi/km 130
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori tamburi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 167
Accelerazione 0-100 km/h (s) 11,4
Consumo medio (km/l) 12,3
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 432/182/163
Passo cm 267
Peso in ordine di marcia kg 1090
Capacità bagagliaio litri 475/1636
Pneumatici (di serie) 215/65 R16

 

Dati riferiti all’alimentazione a Gpl

Dacia Duster
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
91
118
72
56
96
VOTO MEDIO
3,1
3.12009
433
Aggiungi un commento
Ritratto di cicciosalciccio
10 novembre 2016 - 05:37
3
hai detto niente, al massimo salta in aria, ma è un piccolo problemino... per il resto va bene ... mah?! Come la gente si autoconvince anche davanti all'evidenza.
Ritratto di fiattaro
10 novembre 2016 - 22:19
Che macchina la duster..........
Ritratto di alemian95
9 novembre 2016 - 18:19
C'è una cosa che non mi torna: in un'auto con queste caratteristiche, un consumo medio dichiarato di 12.3 km/l è da considerarsi scarso, nella media o buono?
Ritratto di LOL25
9 novembre 2016 - 20:13
Con l'alimentazione a GPL solitamente le auto consumano qualcosa in più in confronto alla benzina, quindi diciamo che è un consumo nella media
Ritratto di alemian95
9 novembre 2016 - 21:31
Sarà ma a me sembra strano, ok che ho un diesel da 90 CV ma di km con un litro ne faccio oltre 20
Ritratto di mirko.10
9 novembre 2016 - 20:05
2
Odio il clacson a sinistra, soluzione obsoleta, particolare trasbordato da sorpassati progetti. Che animali averlo riconfermato così, mi capita di riuscire ad attivarlo moooolto dopo di quando dovrebbe essere utile per avvisare qualcosa e non per strombazzare per il risultato positivo ottenuto dalla squadra vincitrice del cuore. Odio la dotazione molto migliorata nelle ultime versioni, che ,allo stesso prezzo di quando io la comprai , si ritrovano accessori molto utili e che migliorano la qualità di vita bordo.....in primis la mancanza del termometro tempertura. La versione gpl è veramente un buon affare, la macchina è grande e confortevole, ottima la tenuta di strada.....e meno male, che se vai a sbattere, i lamierati non è che mi convincano molto. Affidabilissima con meccanica solida, vi viaggio molto e non tradisce.
Ritratto di mirko.10
9 novembre 2016 - 21:02
2
Gli italiani non regalano soldi per queste auto, le comprano. Aspetto ancora qualche gadgets, magari natalizio,da vw per gli italiani che speravano nei tedeschi( gruppo intendo).
Ritratto di mirko.10
10 novembre 2016 - 13:46
2
non vado per vie di mezzo.
Ritratto di fiattaro
10 novembre 2016 - 22:20
Per una volta quoto nik jac.
Ritratto di tody
9 novembre 2016 - 20:31
2
Ho sempre ritenuto la Duster un'ottima scelta per chi cerca, a fronte di una spesa contenuta, un'auto spaziosa ma allo stesso tempo in grado di affrontare gli sterrati. Le versioni a 2 ruote motrici, invece, non le trovo tanto sensate. Questa versione a Gpl ci sta, peccato non sia disponibile con la TI (probabilmente vista la presenza della bombola non c'è spazio).
Pagine