PRIMO CONTATTO

Dacia Duster: comoda, spaziosa, non un fulmine in ripresa

La Dacia Duster con il nuovo 1.6 a Gpl invita alla guida in relax. Efficiente il sistema Stop&Start in città. La ripresa, però, non è il suo forte.

9 novembre 2016
  • Prezzo (al momento del test)

    € 14.200
  • Consumo medio

    12,3 km/l
  • Emissioni di CO2

    130 grammi/km
  • Euro

    6
Dacia Duster
Dacia Duster 1.6 Lauréate 4x2 Gpl
Con l’Euro 6 ritorna il gas

Già a listino a benzina, con il 1.2 turbo e il 1.6 aspirato, e a gasolio con il 1.5 dCi, la Dacia Duster è ora disponibile anche a Gpl, con il 1.6 da 114 CV omologato Euro 6 (la vecchia versione a gas, uscita dal listino nel 2015, aveva un 1.6 Euro 5, più assetato e senza lo Stop&Start, adesso di serie). Linea e interni non cambiano, e pure il comportamento stradale (analogo a quello delle altre versioni, a benzina e a gasolio) resta quello di un’auto comoda e sicura, oltre che capace di disimpegnarsi senza affanno anche su terreni accidentati.

Dolce e regolare anche a Gpl

Il quattro cilindri della Dacia Duster 1.6 a Gpl è regolare e fluido fin dai bassi giri e, se non si tirano le marce, anche poco rumoroso. I 114 CV non sono tanti, ma si rivelano comunque adeguati al tipo di macchina: lo scatto al semaforo non impressiona, anche se gli 11,4 secondi dichiarati dalla casa non sembrano (al pari dei 167 km/h di velocità massima “ufficiale”) fuori dalla portata della vettura. Nella marcia in città si apprezzano la rumorosità contenuta e l’impeccabile Stop&Start, pronto nello spegnere il motore nelle soste e a farlo ripartire non appena si preme il pedale della frizione e si inserisce la marcia (a Gpl solo la prima ripartenza viene fatta a benzina, dalla seconda in poi sempre a gas). La commutazione da un carburante all’altro è semplice: basta premere il tasto nella consolle (vicino alla leva del cambio), che ha anche la funzione di spia della quantità di gas nel serbatoio, indicata con una serie di led (il livello della benzina, invece, è nel display digitale nel cruscotto, a destra). 

Tagliandi a 20.000 km

Apprezzabile la costanza di rendimento del motore della Dacia Duster 1.6 a Gpl nelle due alimentazioni: nel passaggio da benzina a gas non si avverte un calo delle prestazioni. Peccato però che lo sterzo non si mostri molto preciso e che la ripresa non sia brillante, anche a causa dei rapporti lunghi del cambio a cinque marce. Sicura, invece, la tenuta di strada. Quanto ai consumi, nel nostro breve test, in prevalenza su strade extraurbane, la media indicata dal computer di bordo è stata di poco superiore ai 10 km/l (la casa ne dichiara 12,3). Notevole l’autonomia della vettura che, grazie ai due serbatoi (50 litri quello di benzina e 32 di Gpl, il cui contenitore è fissato sotto il baule), secondo la casa dovrebbe consentire più di 1100 km di percorrenza complessiva. L’impianto a Gpl, realizzato dalla Landi Renzo in collaborazione con la Dacia, è montato direttamente in fabbrica e non ha richiesto modifiche al motore, già predisposto per questo tipo di alimentazione: la manutenzione prevede i tagliandi ogni 20.000 km o 12 mesi, e senza regolazione del gioco delle valvole.

“Porte aperte” a fine novembre

Gli interni della Dacia Duster 1.6 a Gpl, come quelli delle “sorelle” a benzina e a gasolio, si distinguono per l’ampio spazio (anche nel baule, non penalizzato dal serbatoio del Gpl sotto il piano di carico). Le finiture non sono granché, ma le plastiche hanno un aspetto solido. Competitivi i prezzi, che partono dai 12.700 euro della 1.6 4x2 (la 4x4 non è prevista), solo 500 più della versione solo a benzina. Per il lancio sono previsti due weekend di “porte aperte”: il 19 e 20 novembre e il 26 e 27 dello stesso mese.

Secondo noi

PREGI

> Comfort. Le sospensioni sono efficaci, le poltrone comode e il motore fa sentire poco la sua voce.
> Prezzo. Per una suv con alimentazione bi-fuel è davvero basso. Contenuto anche il divario (500 euro) con la versione a benzina.
> Spazio. È tanto, specie in altezza. E dietro non si soffre neppure in tre.

DIFETTI
 
> Dettagli. Il clacson a pulsante (nella levetta a sinistra del volante) è superato e i comandi del navigatore e del “clima” sono troppo in basso nella consolle: rischiano di far distogliere l’attenzione dalla strada.
> Regolazione del volante. Manca quella in profondità, ormai di serie anche su alcune citycar.
> Sterzo. Piuttosto pesante in manovra e poco preciso in velocità.

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1598
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 84 (114)/5500 giri
Coppia max Nm/giri 156/4000
Emissione di CO2 grammi/km 130
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori tamburi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 167
Accelerazione 0-100 km/h (s) 11,4
Consumo medio (km/l) 12,3
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 432/182/163
Passo cm 267
Peso in ordine di marcia kg 1090
Capacità bagagliaio litri 475/1636
Pneumatici (di serie) 215/65 R16

 

Dati riferiti all’alimentazione a Gpl

Dacia Duster
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
90
118
72
56
96
VOTO MEDIO
3,1
3.11574
432
Aggiungi un commento
Ritratto di Iceman Paul
12 novembre 2016 - 12:26
esteticamnete fantastica, fascia prezzo imbattibile anche se i prezzi starcciati sono un'altra cosa ma mi riferisco soprattutto ai 4x4 NEI: perchè non mettere anche un mangia CD? Perchè non dare la possibilità di un gpl anche ad un 4x4? la versione subito sotto ha il mangia cd ma perde in estetica e funzionalità per il resto resta la macchina ideale più fuoristrada che suv ( sempre ben inteso con il 4x4, personalmente io la prenerei solo cosi)
Ritratto di serian
22 novembre 2016 - 08:33
Ti do ragione forse per il 4x4 in cui pare faccia egregiamente il suo dovere. Esteticamente non è proprio il massimo ma è questione di gusti. Ma la cosa che mi fa rabbrividire è il concentrato di lamiere stile anni 80 , per non parlare delle plastiche in stile fiat tipo sempre anni 80. La provai e mi fece spaventare in termini di sicurezza oltre al fatto che aggiungendo davvero poco, ho trovato di meglio.
Ritratto di Yasnarrod
13 novembre 2016 - 16:33
14000€ buttati via !
Ritratto di Yasnarrod
13 novembre 2016 - 16:38
Se fossi una donna è per caso il mio marito lo compra! Mi dovorzio subito
Ritratto di marcoluga
14 novembre 2016 - 13:29
Da cio` che scrivi non hai problemi economici, quindi se fossi in te investirei qualche euro in un bel corso d'italiano. Anche perchè faresti una figura migliore a sapere scrivere che a possedere un'auto prestigiosa. ;o)
Ritratto di Yasnarrod
14 novembre 2016 - 16:29
Prima abito in svizzera romanda dunque parlo francese et il tadesco ,secondo l'italiano non mi interessa come lingua per investire soldi ....
Ritratto di mirko.10
16 novembre 2016 - 17:48
2
Ma chi e' sto' che ha scritto giù? chiude con lo zero finale il tuo nome e che non sa' far neanche l'imitazione. Ma guarda che robaccia.
Ritratto di mirko.10
17 novembre 2016 - 06:19
2
Ah,..starò più attento.
Ritratto di manuel1975
16 novembre 2016 - 00:19
io avrei messo il gpl sui turbo
Ritratto di Daniele Cremonini
16 novembre 2016 - 11:31
siamo...i sedili sono comodi, ma poco conteniti, e gli scricchiolii sono all' ordine del giorno...se la comprate , pensate di avere sotto il culo, come una Pandona gigante....ecco..io non la cambierei ,perche' e' robusta e pochi fronzoli come piace a me , ma e' ancora lontana dagli standard delle altre suv...pero' , ragazzi e' davvero veloce e un mulo !! Io sono felicissimo ! Mio cognato ha una Duster del 2012 , 4x4 , e in confronto, purtroppo, devo dire che la sua e' curata meglio nei particolari...questo e' un po deludente..
Pagine