PRIMO CONTATTO

Dacia Duster: comoda, spaziosa, non un fulmine in ripresa

La Dacia Duster con il nuovo 1.6 a Gpl invita alla guida in relax. Efficiente il sistema Stop&Start in città. La ripresa, però, non è il suo forte.

9 novembre 2016
  • Prezzo (al momento del test)

    € 14.200
  • Consumo medio

    12,3 km/l
  • Emissioni di CO2

    130 grammi/km
  • Euro

    6
Dacia Duster
Dacia Duster 1.6 Lauréate 4x2 Gpl
Con l’Euro 6 ritorna il gas

Già a listino a benzina, con il 1.2 turbo e il 1.6 aspirato, e a gasolio con il 1.5 dCi, la Dacia Duster è ora disponibile anche a Gpl, con il 1.6 da 114 CV omologato Euro 6 (la vecchia versione a gas, uscita dal listino nel 2015, aveva un 1.6 Euro 5, più assetato e senza lo Stop&Start, adesso di serie). Linea e interni non cambiano, e pure il comportamento stradale (analogo a quello delle altre versioni, a benzina e a gasolio) resta quello di un’auto comoda e sicura, oltre che capace di disimpegnarsi senza affanno anche su terreni accidentati.

Dolce e regolare anche a Gpl

Il quattro cilindri della Dacia Duster 1.6 a Gpl è regolare e fluido fin dai bassi giri e, se non si tirano le marce, anche poco rumoroso. I 114 CV non sono tanti, ma si rivelano comunque adeguati al tipo di macchina: lo scatto al semaforo non impressiona, anche se gli 11,4 secondi dichiarati dalla casa non sembrano (al pari dei 167 km/h di velocità massima “ufficiale”) fuori dalla portata della vettura. Nella marcia in città si apprezzano la rumorosità contenuta e l’impeccabile Stop&Start, pronto nello spegnere il motore nelle soste e a farlo ripartire non appena si preme il pedale della frizione e si inserisce la marcia (a Gpl solo la prima ripartenza viene fatta a benzina, dalla seconda in poi sempre a gas). La commutazione da un carburante all’altro è semplice: basta premere il tasto nella consolle (vicino alla leva del cambio), che ha anche la funzione di spia della quantità di gas nel serbatoio, indicata con una serie di led (il livello della benzina, invece, è nel display digitale nel cruscotto, a destra). 

Tagliandi a 20.000 km

Apprezzabile la costanza di rendimento del motore della Dacia Duster 1.6 a Gpl nelle due alimentazioni: nel passaggio da benzina a gas non si avverte un calo delle prestazioni. Peccato però che lo sterzo non si mostri molto preciso e che la ripresa non sia brillante, anche a causa dei rapporti lunghi del cambio a cinque marce. Sicura, invece, la tenuta di strada. Quanto ai consumi, nel nostro breve test, in prevalenza su strade extraurbane, la media indicata dal computer di bordo è stata di poco superiore ai 10 km/l (la casa ne dichiara 12,3). Notevole l’autonomia della vettura che, grazie ai due serbatoi (50 litri quello di benzina e 32 di Gpl, il cui contenitore è fissato sotto il baule), secondo la casa dovrebbe consentire più di 1100 km di percorrenza complessiva. L’impianto a Gpl, realizzato dalla Landi Renzo in collaborazione con la Dacia, è montato direttamente in fabbrica e non ha richiesto modifiche al motore, già predisposto per questo tipo di alimentazione: la manutenzione prevede i tagliandi ogni 20.000 km o 12 mesi, e senza regolazione del gioco delle valvole.

“Porte aperte” a fine novembre

Gli interni della Dacia Duster 1.6 a Gpl, come quelli delle “sorelle” a benzina e a gasolio, si distinguono per l’ampio spazio (anche nel baule, non penalizzato dal serbatoio del Gpl sotto il piano di carico). Le finiture non sono granché, ma le plastiche hanno un aspetto solido. Competitivi i prezzi, che partono dai 12.700 euro della 1.6 4x2 (la 4x4 non è prevista), solo 500 più della versione solo a benzina. Per il lancio sono previsti due weekend di “porte aperte”: il 19 e 20 novembre e il 26 e 27 dello stesso mese.

Secondo noi

PREGI

> Comfort. Le sospensioni sono efficaci, le poltrone comode e il motore fa sentire poco la sua voce.
> Prezzo. Per una suv con alimentazione bi-fuel è davvero basso. Contenuto anche il divario (500 euro) con la versione a benzina.
> Spazio. È tanto, specie in altezza. E dietro non si soffre neppure in tre.

DIFETTI
 
> Dettagli. Il clacson a pulsante (nella levetta a sinistra del volante) è superato e i comandi del navigatore e del “clima” sono troppo in basso nella consolle: rischiano di far distogliere l’attenzione dalla strada.
> Regolazione del volante. Manca quella in profondità, ormai di serie anche su alcune citycar.
> Sterzo. Piuttosto pesante in manovra e poco preciso in velocità.

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1598
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 84 (114)/5500 giri
Coppia max Nm/giri 156/4000
Emissione di CO2 grammi/km 130
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori tamburi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 167
Accelerazione 0-100 km/h (s) 11,4
Consumo medio (km/l) 12,3
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 432/182/163
Passo cm 267
Peso in ordine di marcia kg 1090
Capacità bagagliaio litri 475/1636
Pneumatici (di serie) 215/65 R16

 

Dati riferiti all’alimentazione a Gpl

Dacia Duster
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
91
118
72
56
96
VOTO MEDIO
3,1
3.12009
433
Aggiungi un commento
Ritratto di Livio Bonifacio
17 novembre 2016 - 13:14
aspetto la versione con cambio automatico
Ritratto di silgiolo
22 settembre 2018 - 08:57
Anch'io. Ma non ci sono riscontri ufficiali per una sua introduzione.
Ritratto di Iceman Paul
23 novembre 2016 - 12:58
avrai trovato di meglio MA senza la trazione integrale il nocciolo sta tutto qui
Ritratto di FiestaLory
25 novembre 2016 - 12:11
Sterzo impreciso e leggero in velocità sì. Pesante in manovra assolutamente no, su questo non concordo con l'articolo.
Ritratto di fusa_ste
27 novembre 2016 - 10:28
Non è male, anche se io la prenderei o con il 1200 cc turbo a benzina o con il 1500 cc turbo diesel
Ritratto di Gipiesse
22 gennaio 2017 - 09:44
Io credo acquisterò una Duster. Sono una persona normale, diploma con ottimi voti e discreta cultura generale. Sempre lavorato ma mai arricchito. Credo di non essere una persona povera ma certamente non sono benestante e non potrei permettermi automobili costose. La banca i soldi me li darebbe ma poi dovrei rinunciare ad altro oppure fare sacrifici e non sono abbastanza "impallinato" di auto da prenderlo in considerazione. Credo acquisterò una Duster perchè, stando a quello che vedo e sento è una discreta auto e certamente anche perchè COSTA POCO. Non è il massimo ma il massimo, come già detto, non me lo posso comprare. L'auto mi serve per andare da A a B, mi servono spazio di carico e 5 posti, non la voglio usata perchè ho avuto brutte esperienze...In tutto quello che ho detto c'è qualche cosa di sbagliato? Posso non vergognarmi di me e continuare a guardare neglimia moglie e mio figlio o il mio vicino di casa ricco?Devo essere infelice per questo o posso continuare ad essere come sono?
Ritratto di marcoluga
24 settembre 2018 - 09:09
Non male il tuo post. Comprati ciò che vuoi e ciò che puoi, ci sono cose ben più gravi delle quali certuni dovrebbero vergognarsi. Restando in tema di auto, quelli che taroccano le centraline rendendo le loro auto più inquinanti del lecito, oppure quelli che cambiano le marmitte alle moto, rompendo i paradigmi a tutti i vicini.
Ritratto di cavatorta
26 luglio 2017 - 11:40
"tagliandi ogni 20.000 km o 12 mesi, e senza regolazione del gioco delle valvole" vuol dire che se mi si sputtana la sede delle valvole, me la devo piangere io??
Ritratto di Richard63
19 agosto 2017 - 15:44
Se consideriamo il rapporto qualità- prezzo, direi che è eccellente. Ottima soprattutto per la famiglia e per chi deve trasportare molte cose. Spaziosa, comoda e silenziosa, pecca forse un pò nelle rifiniture degli allestimenti e nella "ripresa". (voto: 4 "volanti")
Ritratto di Tetsuyha
6 ottobre 2017 - 10:38
3
un SUV che senza infamia e senza lode si fa apprezzare per il prezzo ed è un buon prodotto per chi la macchina la usa poco, ma vuole viaggiare comodo. L'ho provata qualche mese fa in versione 1.6 benzina, certo, non è un fulmine né in ripresa né in velocità, ma vi assicuro che si sta comodi.il piccolo prezzo lo si accusa in effetti sullo sterzo, il cambio poco preciso e i materiali non proprio eccelsi, ma ripeto, è un'auto per chi fa pochi chilometri e non ha grandi pretese.
Pagine