PRIMO CONTATTO

Fiat 500L: sempre accogliente, ma i motori non cambiano

Per la Fiat 500L, comandi più pratici e sistema multimediale più avanzato rendono la guida più gradevole. Il 1.4 a benzina si conferma più fluido e regolare che vivace. Il prezzo varia di poche decine di euro.

23 maggio 2017
  • Prezzo (al momento del test)

    € 19.870
  • Consumo medio

    16,4 km/l
  • Emissioni di CO2

    143 grammi/km
  • Euro

    6
Fiat 500L
Fiat 500L 1.4 Lounge
Già scontata

La Fiat 500L si aggiorna: fuori, nuovi paraurti (che fanno crescere la lunghezza da 415 a 424 cm), profili in tinta sulle porte, cromature diverse e luci diurne a led a forma di anello. Dentro, migliorie al sistema multimediale e alcuni comandi resi più pratici. Invariata la già elevata versatilità: il divano è frazionato e scorrevole, il bagagliaio di forma regolare, il fondo ad altezza variabile, la soglia di carico a 67 cm da terra (non troppo alta). Già ordinabile, la vettura ha prezzi variati solo di poche decine di euro; almeno fino a giugno, la casa propone sconti fino a 2.500 euro (3.500 con il finanziamento). E la versione a sette posti (che ora si chiama Wagon, anziché Living) ha, a parità di versione, lo stesso prezzo di quella a cinque. Prime consegne in concomitanza col “porte aperte” del 17-18 giugno. Con il restyling, anche la versione rialzata Trekking cambia nome: adesso si chiama Cross, ha paraurti più aggressivi e un inedito comando che, oltre a migliorare la motricità sui fondi viscidi intervenendo su freni e motore, permette anche (con un semplice tasto) di limitare la velocità nelle discese più ripide (il guidatore deve solo ruotare il volante). Meccanicamente, la Fiat 500L è invariata: confermati tutti i motori (a benzina, gasolio, Gpl e metano), con potenze da 95 a 120 CV. Peccato solo che, come in precedenza, il cambio automatico sia previsto solo per la 1.3 Multijet a gasolio da 95 CV: di tipo robotizzato a singola frizione, costa 1.000 euro ed è meno dolce e rapido nelle cambiate di quelli a convertitore di coppia o a doppia frizione. 

Comandi più pratici

I maggiori cambiamenti li ritroviamo all’interno della Fiat 500L, e sono tutti positivi: il volante ha comandi più intuitivi e completi (comodi quelli dietro le razze, per gestire volume e cambiare traccia o stazione radio); il cruscotto è illuminato con luce bianca, anziché ambrata, e ha guadagnato un moderno schermo a colori che mostra molte informazioni, compreso il brano che si sta ascoltando o le indicazioni del Gps (sulla vettura guidata questa funzione era disabilitata, ma non lo sarà sulle auto in vendita). Anche il tunnel fra i sedili è stato riorganizzato, dato che ora ci sono un vano sotto la consolle e un doppio portabibite a fianco della leva del freno a mano. Il comando del cambio è stato poi montato circa cinque cm più in alto, e quindi si raggiunge meglio che in passato. Nuovi anche i comandi del “clima”: ancora montati in basso, sono stati però orientati verso l’alto per essere più facili da azionare. Freschi di debutto anche le luci che illuminano le tasche delle porte e il vano sotto la consolle (nel pacchetto Style Plus, da 200 euro, assieme ai vetri scuri).

La sicurezza si paga

Nella ricca versione provata della Fiat 500L, la Lounge, non mancano dotazioni di serie come il “clima” bizona, i sensori di distanza posteriori, il tetto panoramico (che rende ancora più luminoso lo spazioso abitacolo) e l’inedito sistema multimediale con schermo sensibile al tocco di 7’’ con radio digitale Dab (per il navigatore servono 400 euro, e altri 200 per Android Auto e Apple CarPlay). Anche per questo allestimento, però, rimangono a pagamento la frenata automatica d’emergenza e persino il poggiatesta centrale del divano: sono rispettivamente nel pacchetto Safety (con lo specchietto autoanabbagliante) e in quello Sedili Anteriori (con il bracciolo centrale, la regolazione lombare elettrica per le poltrone e in altezza per quella del passeggero), a 250 euro ciascuno. Anche l’airbag per le ginocchia del guidatore è optional: altri 100 euro.

Silenzio, non scatto

Nella guida, la Fiat 500L 1.4 a benzina conferma la sua indole tranquilla: silenzioso e regolare nell’erogazione, il quattro cilindri a benzina da 95 CV ha poca grinta ai bassi giri ma non pecca di allungo. Per tenerlo nella zona favorevole del contagiri bisogna però ricorrere spesso al cambio, a sei marce ma dalla precisione degli innesti non esemplare. Verosimili i dati dichiarati, che parlano di 12,8 secondi nello “0-100” e 170 km/h. A fronte dei 16,4 km/l omologati, invece, con una guida non particolarmente attenta, nel nostro breve test svolto in città e collina, secondo il computer di bordo abbiamo sfiorato i 14 km/l: un buon risultato. Lo sterzo è preciso quanto serve su un’auto da famiglia e non manca la funzione City, che lo alleggerisce molto a bassa velocità: unito alla grande visibilità offerta dagli ampi vetri e dai montanti sottili, le manovre diventano un gioco. Sicura in curva, l’auto guidata montava gomme 225/45 su cerchi di 17’’ (400 euro), che riducevano un po’ il comfort sulle asperità più marcate.

Secondo noi

PREGI
> Abitabilità. Lo spazio abbonda e la luce che filtra dal tetto in vetro lo fa sembrare ancora maggiore.
> Praticità. Il divano scorrevole e frazionato e il fondo di carico ad altezza variabile permettono di configurare lo spazio a piacimento; e non mancano soluzioni “furbe”.
> Visibilità. Vetri ampi e montanti sottili sono la ricetta migliore per vedere cosa accade fuori.

DIFETTI
> Dotazione di sicurezza. Su una moderna auto da famiglia la frenata d’emergenza dovrebbe essere di serie. A maggior ragione il quinto poggiatesta: invece, per averli si paga.
> Manovrabilità del cambio. Le sei marce sono ben spaziate ma gli innesti non risultano ben definiti.
> Ripresa. Il 1.4 ha poca grinta ai bassi giri: per riguadagnare velocità rapidamente, serve spesso scalare una o due marce.

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1368
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 70 (95)/4000 giri
Coppia max Nm/giri 127/4500
Emissione di CO2 grammi/km 143
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 170
Accelerazione 0-100 km/h (s) 12,8
Consumo medio (km/l) 16,4
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 424/178/166
Passo cm 261
Peso in ordine di marcia kg n.d.
Capacità bagagliaio litri 412-455/1480
Pneumatici (di serie) 205/55 R16
VIDEO
loading.......
Fiat 500L
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
209
138
96
93
205
VOTO MEDIO
3,1
3.071525
741
Aggiungi un commento
Ritratto di 19benna82
29 maggio 2017 - 18:32
Mi sono recato venerdi scorso in concessionaria a vedere le offerte pubblicizzate in tv sul metano e gpl, ma prendendo una Lounge (nella Pop Star bisogna metterci troppi accessori che fanno lievitare il prezzo), ci vogliono quasi 25000E per portarla a casa!!!!! I famosi scontoni della Fiat non li ho visti, nè ho visto una supervalutazione del mio usato.......tra l'altro il venditore mi ha fatto capire che si poteva andar giù di prezzo al max di 600E. Sinceramente a quella cifra riesco a portarmi a casa auto meglio accessoriate e rifinite e di categoria superiore! Quelle 1,3 diesel a km 0 immatricolate a febbraio (Pop Star), te le vendevano a quasi 5000E in meno........ Sembrava quasi che facessero apposta per evitare di vendere quella gpl...... La concessionaria di Modena, ha varie sedi.....spero sia solo una loro politica commerciale e non della Fiat....altrimenti che serve trasmettere in tv o mettere sul sito pubblicità fasulle?
Ritratto di sandro 1955
9 giugno 2017 - 20:47
c'e' di meglio, proprio non mi attira
Ritratto di fiatfire
5 novembre 2017 - 14:34
1
Macchina bellissima, purtroppo c'è chi non capisce un *****
Ritratto di Turbodiesel
13 febbraio 2018 - 18:30
2
esternamente la trovo davvero brutta, però è un'ottima auto familiare, spaziosa e pratica... poi il multijet una garanzia!
Ritratto di CANARINO
15 marzo 2018 - 13:30
UNA CON UN MOTORE TURBO A METANO E CAMBIO AUTOMATICO NO? GUARDATE LA SKODA OCTAVIA!!!!!!!!
Ritratto di toluna2019
14 settembre 2018 - 10:39
Buongiorno, mi chiamo Diego e voglio descrivere la mia esperienza di tecnico informatico presso la fiat. Pur essendo stato l'unico che usava il cavo cross per copiare i dati,le guardie mi hanno sempre guardato con molto sospetto. Chissà perchè, se non si fidavano mi hanno mandato a lavorare in Iveco dove usavo sempre dischi esterni aziendali. L'unica volta che andammo a fare un'intervento a Villanova D'Asti il collega mi lascio un'hard disk esterno che io volevo assolutamente restituire alla reception ma andò a finire che lo riportai il giorno dopo a lavoro. Si è trattato di un maniera di questo collega per mettermi nei guai apposta. Quindi io sono entrato involontariamente a contatto con i loro dati senza farlo apposta mentre il primo giorno di lavoro un collega mi ha detto di usare la mia chiavetta per copiare i dati io ho lanciato il comando per formattare/cancellare i file ma l'operazione non è andata completamente a buon fine. Quindi sono state le uniche due occasioni di contatto accidentale con i dati utente. Invece la Fiat si è collegata apposta al mio computer domestico immettendo virus in un programma e nei file doc targati iveco che io non ho aperto,erroneamente, tramite live cd,almeno 4 volte se non di più. Anche con la complicità di un'altra azienda. Mi son pentito di lavorare anche a volte saltando la pausa pranzo, o facendo mezz'ora o saltandola e di fare di più di quanto richiesto, installando utility di terze parti per accelerare il computer, o disattivando servizi e moduli che occupavano la memoria ram, o installando utility di personalizzazione per favorire l'adattamento dell'utente al nuovo sistema operativo. Ho capito che è meglio fare il minimo indispensabile Alla fine ha speso soldi per farmi delle foto, per pedinarmi, per farmi lavorare apposta in aziende compiacenti e farmi sputtanare apposta davanti a 40 persone almeno raccontando i fatti miei, per farmi andare a lavorare a Milano in un'azienda compiacente che mi ha offerto gratis un alloggio in condivisione. Poi le voci sui fatti miei passavano ai colleghi dell'azienda successiva. Incontravo strane persone che mi fissavano o mi salutavano,ho fatto grosse cavolate perchè gli ex colleghi mi hanno fatto esaurire psicologicamente. Ho rischiato diverse denuncie in seguito al mio esaurimento nervoso. Mi hanno causato diversi problemi e ho passato diversi guai. Infine mi ha fatto fare diversi colloqui a vuoto per farmi capire che con il passaparola può far lavorare chi vuole in diverse aziende e può anche con brevi contratti di lavoro e la complicità di società di consulenze farti entrare a lavorare per niente. infine ha pagato qualche soldo a disoccupati e malati mentali per intercettarmi apposta quando uscivo e qualcuno si è preso la briga di telefonare ad amici e conoscenti di terze persone per metterli lungo la mia strada e, questo è capitato diverse volte. Hanno dovuto fare diverse telefonate per organizzare tutto questo. Ha anche controllato la linea adsl a monte, si disconnetteva sempre senza assolutamente nessun motivo decine di volte al giorno, poi ha anche danneggiato apposta il cavo di rame nella centralina telecom. Cosa ci abbia guadagnato a fare tutto questo non lo so. Si è trattata di una dimostrazione di forza. Qualcuno si è davvero divertito nei miei confronti. Purtroppo ho scritto un lungo messaggio su internet che non era completamente negativo nei loro confronti e questo li ha irretiti. Potevo evitare di scriverlo ma lo scrissi per cautelarmi perchè avevo sempre le guardie addosso. E'stato molto facile agire per lei: un'intera struttura contro una sola persona. Grazie ai suoi lavori ho guadagnato 38500 euro. Reputo abbia superato il limite, e penso mi abbia fatto lavorare solo per farmi sputtanare dagli ex miei colleghi. Tutto sommato la devo ringraziare perchè ho maturato diverse esperienze e sono diventato categoria protetta grazie a lei. Ho capito che con questa azienda non si scherza e che sono tutti pronti lì dentro a incularsi tra di loro. Poi nel 2010 mio padre ha comprato una dacia sandero perchè era quella che costava meno e per risparmiare. Se dovessi comprare un'auto attualmente comprerei una fiat panda, fiat punto o fiat 500L.(se avessi un posto fisso) La qualità è davvero aumentata rispetto ad anni fa e i prezzi di acquisto sono sensibilmente scesi. Alla fine ho 110.000 euro, non pago il biglietto dell'autobus e del treno e ho diritto alla pensione di invalidità, gli ex colleghi mi sfottevano sulle mie perfomance sessuali. Ho voluto provare con delle puttane e le ho fatte gridare, poi son venuto 3 volte. E in un centro massaggi due cinesi non sono riuscite,in tutti i modi, a farmi ven*ire, ce l'avevo sempre duto.(dopo un'ora di smanettamenti) Alla fine mi sfottevano tutti i colleghi perchè non scopavo ma io ho sempre fatto la ritenzione tantrica del seme ed evitavo di fare l'amore. La ritenzione permette di raggiungere orgasmi multipli.(6 o7 volte son venuto una volta) Diego O.
Ritratto di toluna10
22 settembre 2018 - 20:56
ciao, non avrei mai immaginato che un'azienda pagasse apposta delle persone e mi inviasse apposta delle persone a fin di bene per farmi finire in psichiatria per farmi diventare categoria protetta. Nè che si interessasse delle condizioni psicologiche di una persona.(quando non si interessano neanche i miei parenti) C'è da dire che qualcuno della fiat/iveco mi ha fatto lavorare in present spa e alla rai. Ma tutti in coro sfottevano dicendo che non bevevo, non mangiavo, non scopavo, se avevo istinto sessuale, che mi dovevo suicidare, che ero paranoico. Alla rai uguale,dicevano che ero malato, che mi dovevo suicidare,che la vita non è solo lavoro. Alla Rai mi dicevano che mi avrebbero accompagnato a puttane. In Avio che ho lasciato il lavoro e dicevano che avevo bisogno di un medico. Io non scopavo perchè essendo che lavorava solo mio padre in famiglia (ho genitori anziani) e ho fatto più di 140 colloqui lavorativi, e ho inviato 60 domande di lavoro via mail al giorno e decine di fax gratuiti arrivando a far pervenire il mio cv praticamente a tutte le aziende di informatica di Torino e provincia estrapolandole da internet in vari modi e avendo passato lunghi periodi di disoccupazione lavoravo solo per risparmiare, non per vivere. Difatti in 10 anni di vita (con diversi periodi di disoccupazione)non sono quasi mai andato in ferie o in pizzeria, ho sempre risparmiato il 100 x 100 dello stipendio arrivando a 110.000 euro! Per fortuna che mio padre prende anche una pensione di invalidità aggiuntiva e la casa è di proprietà oltre ad avere un bell'orto in una villetta (di un'amico) da curare. Ora che ho trovato l'associazione dei pazzi che fa mangiare pizza + dolce a 4 euro, pranzi completi abbondanti con diversi antipasti, primi e secondi in provincia di Cuneo,Asti, Torino e tanti altri posti compreso l'autobus a 10 euro, e altri pranzi a 5 o 7 euro tutti a prezzi calmierati ora posso anch'io andare al ristorante. C'è anche il mare a 5 euro, piscina gratis,bowling a 2 euro (compresa pizza e bibita),cinema 2 euro. Per fare questi soldi la casa è stata trascurata: infatti è da ristrutturare, non ho mai comprato auto. Se dovessi andare a vivere da solo e mi comprassi un'auto non mi basterebbero. Come abbia fatto con solo mio padre che lavorava non lo so neanche io! Mio padre è sempre stato uno spendaccione che fumava 2 pacchetti di sigarette al giorno sempre con pochissimi soldi. Io ho dovuto risparmiare sin dal primo stipendio e far fruttare tutto a interesse. Solo io so quanto sia estremamente difficile trovare lavoro e mantenerlo. Poi mi capita di alternare periodi di disoccupazione a periodi di lavoro: esempio: lavoro un'anno, poi sto a casa 2 anni, poi lavoro 10 mesi, poi sto a casa 7 mesi, poi lavoro un'anno e mezzo e così via. Quindi non scopavo per risparmiare! Si facevano tutti gli affari miei, qualcuno mi aveva pedinato e andava a dire le cose agli ex miei colleghi e ai capi: è successo in Present e alla Rai,in Avio, Csi. Alla fin fine anche la psichiatra mi sfotteva dicendo di vedere le donne nude su internet, o andare al centro diurno a sentire un corso di educazione sessuale, poi mi diceva pure che se mi immaginava che lei fosse stata da giovane con un figo. Allora mi sono incazzato a morte e mi son trovato una ragazza con la quale intrattengo una relazione a distanza più una fissa. In più sono andato a puttane e 2 puttane sono riuscite a farmi venire 2 volte e io son riuscito a trattenermi completamente ed è rimasto sempre duro (in 40 minuti),anche andando al centro di massaggi cinesi , in due son riuscito a trattenermi completamente ed è rimasto sempre duro.(in 50 minuti) Mi hanno fatto i complimenti. La penetrazione è durata 20 minuti. Alla fine tutte queste ex colleghi che mi sfottevano avevano poco da sfottere, perchè sono più prestante di loro. Manco quando ho frequentato la laurea in infermieristica e c'erano 90 ragazze in una classe (in totale più di 500),c'e ne era una che mi toccava il sedere di dietro col piede, una si buttava addosso a me, alcune stuzzicavano i maschi chiamandoli ricchioni perchè non si facevano avanti e dicevano che preferivano farsi le seghe. Fatto sta che se ne sono fatte avanti almeno 6 o 7 nei miei confronti e io ho dovuto lasciar perdere perchè non avevo per niente soldi in quel periodo. Io non facevo niente, erano loro a chiedermi il numero o a volermi offrire il caffè. Io ho puntato una bionda con occhi azzurri e naso all'insù ma era troppo seria e io con soli 400 euro da parte a casa lasciai perdere pure questa. Alla fine all'epoca io cercavo solo una storia seria, mi sono pentito di non essermene approfittato, ormai ho cambiato idea e prendo quello che viene. Non c'era bisogno di farmi finire in psichiatria per farmi capire di trovare una ragazza che ho trovato o per farmi smettere di leggere libri e siti web esoterici, Franco Battiato è un'appassionato di esoterismo come anche Gabriele La Porta ex direttore di RAIDUE,anche qualcuno degli Agnelli è appassionato di questo argomento. Poi ho finalmente capito che se aspetto il posso fisso per scopare o trovare amici o divertirmi campa cavallo che l'erba cresce. Le vere voci che devono girare su di me da un'azienda all'altra: Concludendo la storia sulla fiat è tutta vera:vero che hanno pagato per farmi seguire da due disgraziati per farmi diventare categoria protetta, vero anche che ho 110.000 euro, vero anche che con le puttane mi rimane sempre duro e riesco a trattenermi completamente facendo uscire appena solo una goccia. Vero anche che chi mi rompe i coglioni e sfotte gli va la sfiga: è successo alla Rai, in Avio , Iveco,dovunque.(tutti gli ex colleghi possono confermare) Vero anche che conosco i concorsi gratuiti su internet e iscrivo 15 persone e vinco abbastanza. Vero anche che sono diventato categoria protetta ed è una marcia in più per trovare lavoro. Se non fosse vero tutto quello che ho scritto fino adesso che un'auto mi travolga o che mi venga una brutta malattia a me e alla mia famiglia saluti Diego O.
Pagine