PRIMO CONTATTO

Fiat 500L Living: una sette posti comoda, ma non per tutti

Con 20 cm in più in lunghezza rispetto alla Fiat 500L la Living raggiunge quota 435. Ancora pochi per una monovolume a sette posti: infatti, nella terza fila non c’è molto agio. Per il resto, comfort, spazio e maneggevolezza sono ottimi.

Listino prezzi Fiat 500L Living non disponibile

04 luglio 2013
  • Prezzo (al momento del test)

    € 23.750
  • Consumo medio

    22,2 km/l
  • Emissioni di CO2

    117 grammi/km
  • Euro

    5
Fiat 500L Living
Fiat 500L Living 1.6 Multijet Lounge 7 posti
Occhio alla coda
 
Fino alla porta posteriore la nuova Fiat 500L Living è identica alla monovolume già in vendita: invariato il simpatico frontale, come la distanza tra le ruote anteriori e quelle dietro, mentre i 20 centimetri in più rispetto alla 500L “corta” sono tutti nella coda. Più ampi il quarto finestrino, il parafango posteriore e, ovviamente, il baule, che può ospitare una terza fila di posti a scomparsa: la 500L Living c’è anche in versione a cinque posti in cui la capacità minima di carico varia da 560 a 638 litri (i valori sono in litri d’acqua: la casa non ha ancora dichiarato quelli in base alla norma VDA), a seconda della posizione del divano, che può scorrere di 12 cm. E reclinando lo schienale, si arriva a ben 1704 litri. Per la versione a sette posti (che costa 750 euro in più), invece, si parte da 168 litri che, viaggiando in cinque, diventano 416 (con i sedili della seconda fila tutti indietro) o 493 (facendoli scorrere in avanti). La capacità massima è di 1590 litri. Per entrambe, reclinando la poltrona anteriore destra è possibile caricare oggetti lunghi fino a 265 cm.
 
Due posti di fortuna
 
Pur avendo buone doti di carico, la Fiat 500L Living conserva ingombri compatti che si apprezzano in manovra o guidando nel traffico (ottime l’agilità e la visibilità anteriore). Gli unici scontenti sono i passeggeri che viaggiano nella terza fila: lo spazio per le gambe è poco e soprattutto, essendo le sedute ad appena 17 cm dal pavimento, si viaggia con le gambe rannicchiate (nessun problema, invece, in altezza). Non a caso, la Fiat ne suggerisce l’utilizzo per passeggeri alti fino a 164 cm. Per contro, l’accesso non è problematico.
 
Motori e allestimenti sono quelli della 500L
 
Ampia la scelta di motori della Fiat 500L Living. Come per la “sorella” più corta, le versioni a benzina hanno potenza comprese tra i 95 cavalli del 1.4 aspirato e i 105 del bicilindrico turbo da 875 cm3. Due i turbodiesel: un 1.3 da 84 CV e un 1.6 da 105, quest’ultimo oggetto del nostro test. Completa la gamma il TwinAir da 80 CV alimentato a metano (solo per la cinque posti). Può essere abbinato a tutti e quattro gli allestimenti (Pop, Pop Star, Easy e Lounge), gli stessi previsti per la 500L, che in più ha solo la versione Trekking.
 
Su strada è confortevole
 
Il motore “giusto” per la Fiat 500L Living è il 1.6 a gasolio da 105 CV: ha un discreto brio (11,8 secondi nello “0-100” dichiarato e 181 km/h la punta) e non è troppo rumoroso, visto che si fa sentire un po’ troppo soltanto accelerando a fondo. I consumi non ci sono sembrati elevati: del resto, la 500L “corta” con lo stesso turbodiesel nei nostri test ha fatto registrare una percorrenza media di 15 chilometri con un litro. Il cambio a sei marce si manovra bene, anche se la leva è un po’ in basso, e le sospensioni filtrano come si deve le asperità dell’asfalto. A bordo di questa monovolume si viaggia decisamente in relax, ma alzando il ritmo lo sterzo perde precisione e prontezza di risposta: un peccato veniale per una monovolume da famiglia (anche se ce ne sono alcune dal piglio più sportivo). Per contro, in manovra si apprezzano la  leggerezza del servosterzo elettrico (non poteva mancare il tasto City) e le dimensioni compatte di quest’auto. Peccato che non sia prevista la chiusura elettrica degli specchietti, utile quando si entra in un garage stretto o si parcheggia vicino a un’altra vettura.
 
Secondo noi
 
Pregi
> Baule. È ampio e versatile (la terza fila di posti scompare sotto il pavimento, e il divano scorre di 12 cm).
> Comfort. Ben insonorizzata e con sospensioni abbastanza morbide questa monovolume non affatica nei viaggi.
> Motore. Il “millesei” a gasolio ha i cavalli giusti e li eroga in modo fluido. E non sembra assetato.
 
Difetti
> Terza fila. L’agio negli ultimi due sedili non è minimamente paragonabile a quello degli altri posti: si viaggia con le gambe rannicchiate.
> Specchietti richiudibili. Non è prevista, neppure pagando, la chiusura elettrica dei retrovisori. Peccato, perché sarebbe utile.
> Sterzo. Se in manovra si apprezza per la leggerezza, nei percorsi “guidati” pecca in prontezza e precisione.

 

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1598
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 77 (105)/ 7700 giri
Coppia max Nm/giri 320/1750
Emissione di CO2 grammi/km 117
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 435/178/167
Passo cm 261
Peso in ordine di marcia kg 1395
Capacità bagagliaio litri 560/1708
Pneumatici (di serie) 205/55 R16

 

Fiat 500L Living 1.6 Multijet Lounge 7 posti
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
5
0
2
5
16
VOTO MEDIO
2,0
2.035715
28
Aggiungi un commento
Ritratto di bubu
6 luglio 2013 - 10:44
alla fine non è male, ma forse si sarebbe potuto fare di più per i posti dietro che sono un po' sacrificati... io comunque avrei lasciato la denominazione 500XL che chiarisce di più la sua natura... complessivamente è abbastanza valida... ma la versione 5 posti rimane più piacevole in quanto più compatta, forse una monovolume a sette posti avrebbe meritato un progetto a se per essere perfetta in ogni dettaglio...
Ritratto di FED 88
6 luglio 2013 - 13:39
Cmq rimango sempre della mia idea.. Mille volte meglio la 500L della Multipla
Ritratto di bkr71
6 luglio 2013 - 16:51
Ahahahahaha!!!! La 500L e tutti i suoi derivati sono tra le auto più orrende che io abbia visto negli ultimi anni... fra un po' di tempo le vedremo svettare in testa a quelle tristissime classifiche delle auto più brutte e deprimenti mai prodotte, a braccetto con Arna, Duna, e quant'altro di orripilante la mente umana ha saputo concepire in tema di mezzi di trasporto.
Ritratto di nuvolari
6 luglio 2013 - 17:43
Sono scettico auto da famiglia a partire da 23.700 euro! Auto per famiglie fortunate. E poi cerchiamo di essere obiettivi ma non ha una linea cosi poi tanto gentile all'occhio. Lo chiederà anche il mercato ma anche l'occhio vuole la sua parte; fortunato chi ha tutti questi soldi da spendere.
Ritratto di Marino
6 luglio 2013 - 20:09
3
è veramente oscena...7 posti a questo punto punto sulla Freemont!!! già al 500L fa schifo...hanno tolto di produzione la Lancia Musa per fare sto bussolotto!!! Perchè le vetture che vanno la Fiat le toglie per metterne una che sembra fatta da un bambino alla elementari???? pensate ad una Musa sulla 500l???cosa ne viene fuori???nn ci penso neanche...la prossima sarà di sicuro straniera, forse una Zafira a metano!
Ritratto di Gino2010
9 luglio 2013 - 13:08
freemont.Quello è un sette posti vero.Questa è un'auto da cinesi.
Ritratto di Gioker
7 luglio 2013 - 17:59
non creso che la potenza massima si raggiunga a 7700 giri/min. ;)
Ritratto di Fischio
7 luglio 2013 - 22:49
Sinceramente trovo che la Fiat abbia fatto la sua epoca ed è ora che vada in pensione, lasciando fabbriche a nuove società che vogliono investire in Italia producendo nuove e bellissime macchine. Si facesse l'inverso, costruire auto in Italia. La Fiat ha rovinato: l'Alfa, la Lancia..... e ora sta rovinando sestessa, Multipla, Ulisse, Palio, Freemont, Sedici.... che macchine sono?
Ritratto di h9851751
8 luglio 2013 - 19:20
A me sinceramente questa linea non piace e non credo che abbia successo all'estero. Una volta in Italia nascevano delle macchine all'avanguardia di tecnica e design, oggi magari riusciremo a battere una Kia o una Dacia. L'Italia sarebbe famosa per il design e questo è il risultato?
Ritratto di fragorino88
9 luglio 2013 - 16:12
il termine "pattumiera urbana" gli calza troppe bene
Pagine