PRIMO CONTATTO

Fiat Panda 4x4: ti porta ovunque, ma a caro prezzo

Senza tradire la propria natura di pratica citycar, la Fiat Panda Cross sfoggia doti fuoristradistiche spiccate. Il 1.3 turbodiesel ha guadagnato 5 cavalli ed è più silenzioso. Ma il conto è salato…

15 luglio 2014
  • Prezzo (al momento del test)

    € 20.200*
  • Consumo medio

    21,3 km/l
  • Emissioni di CO2

    125 grammi/km
  • Euro

    5
Fiat Panda 4x4
Fiat Panda 4x4 Cross 1.3 16V Multijet
* Prezzo indicativo
 
In discesa fa tutto da sola
 
La Fiat Panda 4x4 non basta? Ecco la Fiat Panda Cross, nuova versione ancora più a proprio agio sui terreni accidentati e dall’aspetto reso più avventuroso da massicci paraurti (con inserti tipo alluminio e ganci rossi per il traino) e dalla mascherina con i fendinebbia integrati. Della 4x4 da cui deriva, la Fiat Panda Cross conserva il sistema di trazione integrale inseribile con la funzione Eld (Electronic Locking Differential), che simula la presenza del differenziale autobloccante; e vi aggiunge il dispositivo che mantiene costante la velocità nelle discese più ripide. Inoltre, le modalità della trazione 4x4 ora si gestiscono con una pratica manopola accanto alle leva del cambio, che in particolare permette, qualora lo si desideri, di mantenere inserite le quattro ruote motrici (nella 4x4 è la gestione elettronica del sistema a decidere autonomamente l’innesto e il disinnesto della trazione integrale). Selezionando la funzione Auto, la Fiat Panda Cross è una normale vettura a trazione anteriore e il moto alle ruote posteriori viene trasmesso solo nel caso in cui quelle davanti slittino. In Off-Road la trazione 4x4 è permanente (fino a 50 km/h), il sistema di controllo di trazione si disattiva per favorire la partenza su fondi scivolosi e, invece, si attiva la funzione Eld (nella Panda 4x4 occorre premere un tasto) che, se uno dei pneumatici dello stesso asse perde aderenza, automaticamente trasferisce la trazione all’altro. La terza modalità è l’inedita HDC (Hill Descent Control): nelle ripide discese affrontate a non più di 25 km/h, agisce sui freni mantenendo costante la velocità. Se si lascia il cambio in “folle”, si procede a 5 km/h; mantenendo inserita la prima marcia, agendo sull’acceleratore e sul freno si può far variare la velocità tra i 9 e i 25 km/h.
 
Affronta meglio i dossi
 
Se la distanza fra il fondo della Fiat Panda Cross e il suolo è rimasta sostanzialmente la stessa della versione 4x4 (16 cm), il nuovo modello può superare meglio i dossi, grazie ai maggiori angoli caratteristici del fuori strada permessi dai nuovi paraurti. Quello d’attacco passa da 21° a 24°; quello d’uscita diminuisce leggermente (da 36° a 34°), mentre quello di dosso guadagna un grado (da 20° a 21°). Altra differenza, nella Fiat Panda Cross, le gomme (sempre M+S) più grandi: 185/65 R 15 anziché 175/65 R 15.
 
Sempre accogliente
 
L’abitacolo della Fiat Panda Cross è ampio, ben fatto e allegro come quello delle altre Panda. Sempre gradevole plancia bicolore mentre, seppur priva di chiusura, la “tascona” davanti il passeggero anteriore è pratica. La posizione di guida sopralevata, con la leva del cambio rialzata, si conferma comoda.
 
Una suv doc
 
Fa specie affrontare un percorso di vero fuori strada con una citycar, seppur attrezzata a dovere. Tuttavia la Fiat Panda Cross ha superato senza difficoltà rampe del 60% (la casa dichiara che si possono “vincere” pendenze fino al 70%), inclinazioni laterali del 55% e guadi profondi poco meno di 20 cm (ma alla Fiat dicono che si può arrivare fino a 30). Nel fuori strada torna utile la posizione rialzata dei fendinebbia, meglio protetti dagli urti, a differenza delle luci diurne a led, poste più in basso, e delle ruote in lega brunite: belle, ma soggette a rigarsi.
 
Più silenziosa
 
Su strade asfaltate la Fiat Panda Cross si comporta come una valida citycar e, nonostante il rollio accentuato, è gradevole e sicura nella guida. Lo sterzo leggero ha un’apprezzabile precisione, mentre il cambio si manovra senza difficoltà. La migliorata insonorizzazione dell’abitacolo fa sentire presto i suoi effetti: ora il rumore del motore che, in mancanza di una sesta marcia lunga, a 130 km/h ha un regime di rotazione piuttosto elevato (3000 giri), è più attutito. Complici le sospensioni riviste, il comfort non delude affatto. Anche in fatto di brio, i cinque cavalli supplementari hanno dato l’impressione di fornire un maggiore sprint, ma lo verificheremo presto con una prova strumentale, al pari dei consumi (quello calcolato dal computer di bordo nel test, condotto senza risparmiare la meccanica, è stato elevato: 12 km/l).
 
In vendita dopo le vacanze
 
La Fiat Panda Cross sarà commercializzata da settembre e proposta con due motori, che guadagnano cinque cavalli rispetto a quelli della Panda 4x4: il bicilindrico a benzina 0.9 TwinAir Turbo da 90 CV e il 1.3 turbodiesel (quello del test) con 80 cavalli. I prezzi partiranno da 19.460 euro: pur considerando la raffinata trazione integrale e la buona dotazione (climatizzatore automatico e cerchi in lega di serie), non proprio contenuti (si tratta pur sempre di una citycar). Forse, per chi dell’auto fa un uso prettamente “off-road”, sarebbe auspicabile proporre anche una versione più spartana, ma dal prezzo “alleggerito”. È comunque allo studio un finanziamento che include quattro anni di garanzia e altrettanti di manutenzione.
 
Secondo noi
 
PREGI
> Cambio. La manovrabilità è ok.
> Comfort. L’auto è più silenziosa e meno rigida.
> Fuori strada. Supera facilmente percorsi di un certo impegno.
 
DIFETTI
> Fari led. Sono esposti agli urti.
> Prezzo. Elevato, pur considerando i contenuti dell’auto.
> Ruote. Si rigano facilmente.
SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1248
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 59 (80)/4000
Coppia max Nm/giri 190/1500
Emissione di CO2 grammi/km 125
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 160
Accelerazione 0-100 km/h (s) 14,3
Consumo medio (km/l) 21,3
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 371/166/166
Passo cm 230
Peso in ordine di marcia kg 1155
Capacità bagagliaio litri 225/870
Pneumatici (di serie) 185/65 R15

 

VIDEO
Fiat Panda 4x4
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
139
79
48
30
42
VOTO MEDIO
3,7
3.718935
338
Aggiungi un commento
Ritratto di Fojone
18 luglio 2014 - 20:57
bisognerebbe far vedere i video dei crash test e leggere le valutazioni euro ncap! per quanto riguarda il fuoristrada è una grande fortuna che non sia permesso a tutti di andare dove gli pare a far danni!
Ritratto di SINISTRO
15 luglio 2014 - 17:32
3
Sulla qualità nulla da eccepire, ma sul prezzo............. Con gli stessi sesterzi ti compri una Dacia Duster modello Laureate!
Ritratto di wiliams
15 luglio 2014 - 17:44
Costa tanto?Costa poco?E' un auto inutile?E chi lo sà.......comunque è valida,i contenuti ci sono tutti,il suo ruolo di piccola 4X4 lo svolge alla perfezione,viene costruita anche in ITALIA!
Ritratto di SINISTRO
15 luglio 2014 - 17:49
3
Anch'io la penso come il Presidente della Rossa, però cerchiamo di non allontanarci troppo dalla realtà di tutti i giorni. Ben venga il Marchio, ma il mondo negli ultimi anni è cambiato, e parecchio!
Ritratto di andrea10
15 luglio 2014 - 18:03
vendendo Renault e Dacia ... ma a quel prezzo,pur meno rifinita,non è consigliabile una Dacia Duster 4X4? non ha il limitatore di velocità in discesa,ma altezza da terra + 6cm ,lunghezza +50cm
Ritratto di andrea10
15 luglio 2014 - 18:03
vendendo Renault e Dacia ... ma a quel prezzo,pur meno rifinita,non è consigliabile una Dacia Duster 4X4? non ha il limitatore di velocità in discesa,ma altezza da terra + 6cm ,lunghezza +50cm
Ritratto di Montreal70
17 luglio 2014 - 10:20
Anche io sono di parte essendo italiano, ma perchè 20mila euro per una macchina vecchia di 15 anni? Lu Duster poi, anche tutta accessoriata, ha la dotazione di un'utilitaria media. Avrebbe avuto un senso se il modello 4x4 diesel più accessoriato fosse costato 15mila euro. Altrimenti che low cost è?
Ritratto di Fojone
17 luglio 2014 - 12:38
ma perchè tutto ciò che è fiat tu lo adori e lo reputi stupendo... una Duster nuova anche se di vecchia progettazione è pur sempre un auto nuova di fabbrica... dentro ci stai comodo, ti riempi il tuo bel baule, ci vai in 5 in vacanza e ti ci puoi avventurare in dei poco impegnativi fuoristrada... con questa in un viaggio di 20 minuti in 5 ti viene la claustrofobia... se stai dietro ti si atrofizzano le ginocchia... le valige le devi dimezzare... e in fuoristrada vai esattamente dove va il Duster! è un auto con poco senso! una citycar 4x4 dove ti serve? in quali città ci sono tratti di fuoristrada che devi affrontare con la trazione integrale? forse a Machu Picchu...:D
Ritratto di Montreal70
17 luglio 2014 - 13:03
Tu sei la personificazione dello stereotipo dell'italiano arruffone. Magari prendi il tuo bel sussidio pubblico però piuttosto che augurare ai lavoratori italiani che ti mantengono di lavorare, preferisci che la gente compri le auto di un marchio che produce anche in Marocco minacciando il governo qualora questo facesse entrare altri produttori in un paese in cui l'operaio costa 100 euro al mese. La duster è un'auto spartana, senza guarnizioni, con un'autotelaio e quindi una sicurezza di un'auto di 15 anni. È nuova? E quindi? La panda a parità di condizioni costa uguale e non te la danno usata, ma è un'auto moderna, sicura e prodotta da operai italiani che mantengono il sistema pensionistico italiano.
Ritratto di Fojone
17 luglio 2014 - 13:36
in vita mia non sono mai stato disoccupato e ho fatto solo un mese di cassa integrazione nel 2008.... indovina per colpa di quale azienda? ad annullare tutti gli ordini non furono le aziende francesi, svedesi, americano o tedesche per cui lavoravamo, ma il patriotico gruppo Fiat! ai lavoratori italiani auguro di non dover lavorare mai per Fiat!!! visto che nomini sempre i sussidi...li conosci bene...probabilmente tu li hai presi spesso!... tornando al'auto, ci sei salito su una Duster? io si! da passeggero sui sedili posteriori... e ci stavo decisamente più comodo di come sia mai stato su tutti i modelli di Panda!!! per quanto riguarda la sicurezza la Duster ha 3 sole stelle Euro NCAP ma, essendo un progetto vecchio è normale... la Panda invece è un auto del 2011 ma ha solo 4 stelle!!! fossi in te lascerei stare l'argomento sicurezza/Panda!
Pagine