PRIMO CONTATTO

Fiat Freemont: grande spazio a piccolo prezzo

Aspetto solido, abitacolo spazioso, sette posti: la grande crossover della Fiat si propone con un prezzo di lancio allettante (24.900 euro) e un ricco equipaggiamento (ha persino gli interni in pelle). Peccato che i bagagli restino “a vista” perché manca il tendalino.

14 giugno 2011

Listino prezzi Fiat Freemont non disponibile

  • Prezzo (al momento del test)

    € 27.200
  • Consumo medio

    15,6 km/l
  • Emissioni di CO2

    169 grammi/km
  • Euro

    Euro 5
Fiat Freemont
Fiat Freemont 2.0 Multijet 140 CV Urban
Un’americana che parla italiano

L’alleanza fra Chrysler e Fiat comincia a dare i suoi frutti: quella che vedete è la Fiat Freemont, versione profondamente aggiornata della Dodge Journey (auto del 2008, e che da tre mesi non è più in vendita in Italia) dalla quale si distingue non tanto per la linea (diversa solo nel frontale), ma per l’abitacolo meglio rifinito e con un’inedita plancia arrotondata. Esclusive per la Freemont alcune modifiche alla meccanica, giusto quanto basta per rendere l’auto più adatta alle esigenze di guida degli automobilisti europei. Ci riferiamo alla messa a punto di sospensioni e sterzo, oltre che all’impiego dei 2.0 turbodiesel di produzione Fiat, con 140 o 170 cavalli. In autunno si aggiungeranno le Fiat Freemont a trazione 4x4 con il cambio automatico a sei rapporti abbinato al 2.0 turbodiesel da 170 CV o a un 3.6 V6 a benzina da 276 cavalli.

Chi prima arriva, meglio alloggia

La Fiat Freemont esce dai soliti schemi tradizionali per entrare nella sempre più numerosa famiglia delle crossover, vetture che uniscono caratteristiche di modelli diversi. Per esempio, le proporzioni della carrozzeria si avvicinano a quelle di una station wagon, ma l’aspetto massiccio e la posizione di guida rialzata sono tipiche delle suv; l’abitacolo, invece, pratico e con sette posti (di serie) s’ispira a quello delle monovolume. Comunque la si veda, la sostanza non cambia: se cercate tanto spazio, una carrozzeria che si faccia notare e un prezzo ragionevole, la Fiat Freemont offre tutte e tre le cose. E a proposito di prezzi, con l’offerta di lancio valida fino al 30 giugno, la Fiat Freemont 2.0 Multijet da 140 cavalli (la versione del nostro test), con il più ricco dei due allestimenti (l’Urban) e gli interni in pelle (1.250 euro), si porta a casa con 24.900 euro anziché 28.450; cifra che risulta persino inferiore (di 800 euro) rispetto a quella necessaria per comprare la versione base con lo stesso motore: davvero pochi soldi per un’auto di queste dimensioni (489 cm di lunghezza), con sei airbag, “clima” automatico trizona, Esp, fendinebbia, radio con Bluetooth e presa Usb, ruote in lega di 17 pollici, sedile di guida a regolazione elettrica, sensori di distanza (solo dietro) e vetri posteriori scuri. In alternativa, la Fiat Freemont 2.0 Multijet con 170 CV (senza Bluetooth, regolazioni elettriche per il posto di guida, sensori di posteggio e vetri scuri) costa 27.200 euro; la Urban, 1.500 in più.

Pratica, ma con qualche svista

Che la Fiat Freemont punti molto sulla praticità lo si vede appena si apre una porta. Lo spazio abbonda e ci sono ganci per i sacchetti nello schienale del sedile di guida, oltre a innumerevoli portaoggetti. Fra i tanti, quello cui si accede sollevando la seduta della poltrona anteriore destra, e gli altri due sotto i piedi di chi si accomoda sul divano. Tuttavia, nemmeno uno è refrigerato. Per quanto riguarda le finiture, la Fiat Freemont bada più al sodo che all’apparenza, ma nel complesso sono abbastanza gradevoli ed è apprezzabile il rivestimento morbido per gran parte dell’invadente plancia. Tornando alla praticità, il divano può scorrere di 10 centimetri e, agendo su una leva vicino al poggiatesta, si ripiega a libro per dare accesso alle due poltroncine che fuoriescono dal fondo del baule (sufficienti a ospitare decentemente due adulti). Mantenendo cinque posti in uso, il bagagliaio ha una buona capienza e una forma regolare, con il fondo che rimane piatto, anche ripiegando sia il divano sia lo schienale del sedile del passeggero anteriore. Però, la soglia di carico è molto alta: ben 80 centimetri dal suolo. Altro limite l’assenza (almeno per ora) di un tendalino (avvolgibile o a fisarmonica) per nascondere i bagagli quando si viaggia nella configurazione a cinque posti (in parte aiutano i vetri posteriori scuri, di serie); mentre con tutti i sedili in uso, è previsto uno striminzito telo (da fissare con degli elastici) che protegge le valigie dagli sguardi troppo interessati.

Una leva troppo distante

Bastano poche curve per apprezzare il lavoro fatto dai tecnici Fiat per dare alla Freemont un comportamento stradale meno “americano”, ossia più reattivo. Lo sterzo offre maggiore precisione rispetto a quello della Dodge Journey e, considerati il peso elevato (1800 kg) e le notevoli dimensioni, in fatto di maneggevolezza la Fiat Freemont non se la cava male nelle curve, con il retrotreno si mantiene sempre ben stabile. Superati i 1800 giri, il 2.0 da 140 cavalli mostra una buona vivacità e, anche nelle riprese dalle basse andature e con inserita una marcia alta, prende giri con una certa rapidità. Il cambio manuale inserisce dolcemente le sei marce, ma la leva molto arretrata non è agevole da manovrare per chi non è di alta statura. Altra scomodità, il pedale della frizione: richiede alla gamba uno sforzo notevole per essere premuto. Quanto alle prestazioni dichiarate, i 12,3 secondi per raggiungere i 100 km/h partendo da fermi e i 180 km/h velocità massima ci si sono sembrati alla portata della Freemont. Non così il consumo medio di 15,6 km/litro. Comunque, il responso dei nostri strumenti potrete leggerlo sul numero di agosto di alVolante.

Secondo noi

PREGI
> Abitabilità. Cinque persone viaggiano comode. E le due in più sedute nella terza fila non si lamentano.
> Guida. Rispetto alla Dodge Journey è un bel passo avanti: sono migliorati lo sterzo e l’agilità.
> Prezzo. Non è alto, e con la promozione diventa davvero invitante.

DIFETTI
> Cambio. La leva così arretrata non è ben manovrabile.
> Copribagagli. Manca una copertura per nascondere il contenuto del baule quando si ha il divano in uso e i due posti della terza fila sono ripiegati.
> Soglia di carico. È molto alta da terra: 80 centimetri sono parecchi quando si deve sollevare carichi pesanti.

 

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1.956
No cilindri e disposizione 4
Potenza massima kW (CV)/giri 103 (140)/4000
Coppia max Nm/giri 350/1750-2000
Emissione di CO2 grammi/km 169
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 (manuale) + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 489/188/175
Passo cm 289
Peso in ordine di marcia kg 1799
Capacità bagagliaio litri 145/1461
Pneumatici (di serie) 225/65 R 17
La Fiat Freemont è disponibile con il 2.0 Multijet declinato in due livelli di potenza: 140 o 170 CV. In autunno si aggiungeranno anche due versioni a trazione integrale con il cambio automatico a sei rapporti: motore 2.0 turbodiesel da 170 CV o 3.6 V6 a benzina da 276 cavalli.
Versione Prezzo Alim cm3 CV/kW km/h 0-100 km/l CO2 kg
2.0 Multijet 140 CV 5 posti 25.200 gasolio 1.956 140/103 180 12,3 15,6 169 n.d.
2.0 Multijet 140 CV 25.700 gasolio 1.956 140/103 180 12,3 15,6 169 n.d.
2.0 Multijet 140 CV Urban 5 posti 26.700 gasolio 1.956 140/103 180 12,3 15,6 169 n.d.
2.0 Multijet 140 CV Urban 27.200 gasolio 1.956 140/103 180 12,3 15,6 169 n.d.
2.0 Multijet 170 CV 5 posti 26.700 gasolio 1.956 170/125 195 11,0 15,6 169 n.d.
2.0 Multijet 170 CV 27.200 gasolio 1.956 170/125 195 11,0 15,6 169 n.d.
2.0 Multijet 170 CV Urban 5 posti 28.200 gasolio 1.956 170/125 195 11,0 15,6 169 n.d.
2.0 Multijet 170 CV Urban 28.700 gasolio 1.956 170/125 195 11,0 15,6 169 n.d.
Fiat Freemont
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
89
67
54
43
70
VOTO MEDIO
3,2
3.19195
323
Aggiungi un commento
Ritratto di Mikelibramani
22 giugno 2011 - 19:27
La Fiat aveva detto di rimanere ad Termini Imerese, se sarebbe stato costruito un nuovo porto in vicinanza. Mi sembra chiaro che i margini su una macchina che in ultimo tempo veniva venduta su gli 8000 euro sono molto bassi. Se poi si aggiungono altri fattori come autostrade mai finite (Salerno -Reggio Calabria, è la mancanza di porti in vicinanza della fabbrica. Si puo capire se Marchionne non ha visto più senso nell produrre a Termini Imerese solo per accontentari quei politici, che si sono espressi contra il porto chiesto dalla Fiat.
Ritratto di Mikelibramani
22 giugno 2011 - 19:51
1) Il corrispondente dell' iva in Italia cioè il VAT negli USA ha un importo molto basso 2) Tutte le aziende portano avanti una politica molto aggressiva perchè ci tengono ad avere succeso in un mercato grande come quello dell' USA , che automaticamente porta ad avere una buon visibilta nel resto del mondo. Anche perche le prove effetuate dalle riviste specilizzate americane sono scritte in inglese, lingua conosciuta in tutti il mondo.
Ritratto di bubu
26 giugno 2011 - 20:23
è un'auto valida.. spero che venda bene.. adesso anche fiat ha il suo SUV degno di tale nome!! non è brutta, ancora non ho avuto modo di vederla... il frontale è quello che voglio vedere di più perchè è la parte che mi lascia un pò in dubbio.... bene... sono contento.. spero sempe in miglioramenti successivi!!!
Ritratto di mirkoV8
28 giugno 2011 - 16:02
scommetto che piace così tanto alla redazione solo perchè è una fiat perche se era una dodge chi se ne frega !!!
Ritratto di amicodavvero
28 giugno 2011 - 19:12
poche chiacchiere andate a vederla e fatevi anche un giretto rimarrete stupiti,e non sono mai stato amante delle fiat,ma questa ti fa cambiare idea.
Ritratto di micheles
29 giugno 2011 - 19:09
secondo me ne venderanno parecchie, l'ho vista dal vivo e vi dirò che di dodge non ha proprio nulla. Per me è bellissima per adesso poco costosa ed ben acessoriata
Ritratto di BLASCO155
1 luglio 2011 - 17:57
L'oggetto la dice tutta!
Ritratto di BLASCO155
2 luglio 2011 - 17:07
anche se tolgono nuovamente ciò che scrivo... rimane sempre un ce..... sso.
Ritratto di lupu77
6 luglio 2011 - 17:08
Straquoto il commento di LADA-NIVA22, Lavoro in un agriturismo e mi necessità un'auto spaziosa, da alcune settimane sono alla ricerca di un'auto 7 posti REALI non 5 + 2 puffi Ne ho trovate poche! Se prendo in considerazione quelle che ho trovato (5) e paragonando nn solo il prezzo (due delle quali superiori ai 35 mila versione diesel) ma anche i consumi, le prestazioni, la manutenzione, il costo dei pezzi di ricambio, la reperibilità dell'usato, ect ect...la freemont è l'unica ad avere miglior prezzo/qualità/comodità/manutenzione. Poi, che è un restayling a me poco importa, se c'hanno messo solo il marchietto FIAT a me non importa, se dopo un anno passa di moda...embè....io alla moda neanche ci faccio caso, sono io che decido la mia moda non il contrario!!! Io guardo l'utilità, io devo lavorarci e poi dal vivo appaga. Quest'auto non potrà esser capita da chi non ne necessita!! Per gli eterni critici (magari con nucleo familiare di tre persone+un criceto) andate a vedervi le 3+1/2 o le 4+una spanna perchè la categoria della freemont è tutt'altra cosa. saluti
Ritratto di RoccoLa
6 luglio 2011 - 21:10
Dato che non ho ben capito il prezzo definitivo che avrà la vettura dopo il periodo utile per approfittare del prezzo di lancio,che è ormai scaduto,chi mi sà dare delucidazioni a riguardo?Grazie.
Pagine