PRIMO CONTATTO

Fiat Panda: sbarazzina e confortevole

La nuova Fiat Panda ha forme ben più sfiziose rispetto a quelle del vecchio modello, ma ne conserva l’agilità. Nettamente migliorata l’insonorizzazione. Si può ordinarla dal 20 dicembre.

14 dicembre 2011
  • Prezzo (al momento del test)

    € 12.200
  • Consumo medio

    19,2 km/l
  • Emissioni di CO2

    120 grammi/km
  • Euro

    5
Fiat Panda
Fiat Panda 1.2 Lounge
Bella personalità

Giusto un’oretta fa vi avevamo dato un bel po’ di dettagli della nuova Fiat Panda (leggi qui la news). Adesso possiamo dirvi come va. L’accesso all’abitacolo è comodo per tutti i posti, ma questa non è una novità per la citycar torinese. Quello che più si apprezza è la vivacità degli interni, con diversi motivi stilistici che riprendono le forme a “squircle” (termine che nasce dalla fusione delle parole "square", quadrato, e "circle",  cerchio) che caratterizzano l’esterno: mascherina, prese d’aria, fasce paracolpi e terzo finestrino. Dentro, i “quadrati stondati” si ritrovano nella sagoma della plancia, nel cruscotto, nella leva del freno a mano (originale e, tutto sommato, pratica) e nella trama dei sedili, che sono rivestiti con tessuti di buona qualità e dai colori vivaci. 

Il tascone ha i suoi limiti

In generale, le finiture della nuova Fiat Panda non sono male (anche se le plastiche della plancia risultano rigide e presentano qualche sbavatura sui bordi delle parti meno in vista), ma un paio di dettagli lasciano perplessi. Per esempio, il “tascone” di fronte al passeggero anteriore sarà anche piacevole da vedere ma fa sprecare molto spazio: è profondo pochi centimetri e non è il caso di riporvi degli oggetti appena un po’ voluminosi (si rischia che cadano fuori alla prima curva o accelerazione). Inoltre, il secondo vano, dotato di sportello (che non avendo la discesa frenata “cade” sulle ginocchia se non lo si accompagna nell’apertura) è molto in basso, e non illuminato.

Anche nel traffico non affatica

Nulla da eccepire sulla posizione di guida, comoda e rialzata (non ci si stanca) della nuova Fiat Panda. Non affaticano neppure il pedale della frizione e lo sterzo, soprattutto attivando la funzione city che alleggerisce notevolmente il volante sotto i 35 km/h. E anche la buona visibilità e il ridotto diametro di sterzata (la Fiat parla di 9,3 metri) aiutano a ridurre lo “stress da traffico”; in più, sui binari del tram e sul pavé si apprezza il buon comfort delle sospensioni. Chiude il cerchio la bassa rumorosità: merito della buona insonorizzazione (almeno per una citycar) e del 1.2 quattro cilindri a benzina, che non alza troppo la voce nell’uso normale.

Non impressiona per potenza, ma…

Il “milledue” ha prestazioni adeguate per un’auto di questa categoria, ma più che per la spinta si fa apprezzare per la regolarità di funzionamento. Da una prima prova nei dintorni di Pomigliano d’Arco (dove “nasce” la nuova Fiat Panda) non sono sembrati male neppure i consumi medi (pur se lontani dal dato ufficiale di 19,2 km/litro): a occhio dovremmo essere vicini a 15 km/litro. Per un dato più preciso vi rimandiamo alla prova che pubblicheremo nelle prossime settimane sulla rivista, dove metteremo alla frusta la citycar torinese, verificandone anche scatto e velocità massima (per le quali la Fiat dichiara, rispettivamente,14,2 secondi e 164 km/h).

L’Esp doveva essere di serie

Nella guida brillante la nuova Fiat Panda si rivela agile, ma, forzando il ritmo, nelle curve emerge un rollio marcato, mentre la tenuta di strada resta buona. Tuttavia, considerato anche il baricentro alto dell’auto, avremmo preferito avere il controllo di stabilità di serie, anziché a richiesta (lo è persino per la “ricca” Lounge). In curva si apprezza anche la sensazione di solidità trasmessa dallo sterzo, pronto e abbastanza preciso. Non ci piacciono, invece, i comandi a rotella sulle razze del volante (servono per variare il volume della radio e cambiare le stazioni, oltre che per gestire cd e vivavoce Bluetooth): sono piccoli e difficili da azionare con precisione. Ben manovrabile il cambio a cinque marce, grazie alla posizione rialzata della leva, il cui pomello di forma particolare (sempre a quadrato stondato) non disturba la presa.

Secondo noi

PREGI
> Comfort. Il motore ha un funzionamento regolare, e l’abitacolo è ben insonorizzato. Inoltre, la posizione di guida alta e la leggerezza di frizione e sterzo riducono l’affaticamento nel caos cittadino delle ore di punta.
> Linea. La citycar torinese ha forme più vivaci del vecchio modello. Tutt’altro che austero anche l’abitacolo.
> Maneggevolezza. La nuova Panda si districa bene nel traffico, e in manovra si fa apprezzare per la buona visibilità che offre.

DIFETTI
> Comandi al volante. Le rotelle per regolare volume e stazioni radio (oltre al lettore cd e telefono Bluetooth) sono poco pratiche. Erano meglio due normalissime coppie di tasti a bilanciere.
> Esp. Vista la sua importanza per la sicurezza, il controllo di stabilità dovrebbe essere di serie, anche per una citycar.
> Portaoggetti. Il vano a “tascone” nella parte alta della plancia è poco sfruttabile. Quello sotto, invece, è molto in basso e non illuminato.

I prezzi della Fiat Panda

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1242
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 51(69)/5500
Coppia max Nm/giri 102/3000
Emissione di CO2 grammi/km 120
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi
Freni posteriori tamburi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 365/164/155
Passo cm 230
Peso in ordine di marcia kg 940
Capacità bagagliaio litri 225/260-870
Pneumatici (di serie) 175/65 R 14
La nuova Panda è disponibile con due motori a benzina: sono il 1.2 da 69 CV e il 0.9 TwinAir da 85 CV. L'alternativa diesel è costituita dal 1.3 Multijet da 75 CV. Tutti i motori, ad esclusione del 1.2, sono abbinati al sistema Stop&Start.
Versione Prezzo Alim cm3 CV/kW km/h 0-100 km/l CO2 kg
1.2 circa 12.000 B 1.242 69/51 164 14,2 19,2 120 940
0.9 TwinAir Stop&Start n.d. B 875 85/63 177 11,2 23,8 99 975
1.3 Multijet Stop&Start n.d. D 1.248 75/55 168 12,8 25,6 104 1035
Fiat Panda
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
238
141
91
52
102
VOTO MEDIO
3,6
3.578525
624
Aggiungi un commento
Ritratto di gig
14 dicembre 2011 - 15:43
... di questa Panda (nuovo modello) Alzavetro elettrici anteriori, clima, radio, due airbag di serie, poggiatesta veri avanti e dietro, maniglie sul tetto e cinture regolabili, divano sdoppiato, eccetera. Spero bastino come accessori in più. Se no ne ho ancora molti da elencare. Con simpatia, gig
Ritratto di mustang89
14 dicembre 2011 - 15:51
Cosa elencheresti in più, i tappi delle valvole delle ruote di serie? La I10 like, modello base, non ha niente di tutto ciò (a parte i 2 airbag che non capisco cosa c'entrino...), . Bisogna passare alla classic, 10000 euro (tutti fiondati a comprare la i10 per risparmiare 200 euro!) che per avere radio, fendinebbia ed esp fa spendere 900 euro in più per il pacchetto sound&safe. Oh mamma, che convenienza, stupidi europei, svegliatevi, esiste la I10! Non comprate la Panda, idioti! Dai gig, riflettici, nessuno regala niente, le auto ormai sono tutte quasi uguali.
Ritratto di gig
14 dicembre 2011 - 15:54
... (ho scritto nuova, scusa, errore mio) alla i10 vecchia
Ritratto di mustang89
14 dicembre 2011 - 15:59
Si ma anche la I10 ha i vetri manuali, eccetera... L'obiettività dov'è? A me dispiace difendere sempre la Fiat, ogni tanto vorrei criticarla, ma voi vi ci accanite tanto e mi tocca compensare... Comunque, un'altro off-topic, il sedile passeggero abbattibile credo sia eccezionale, tantissima gente che per lavoro carica oggetti lunghi e sottili ,con la Panda van risparmierebbe 10mila euro rispetto ad un furgone con una lunghezza di carico di 2 metri. Nessun'altra concorrente è così pratica e personalizzabile.
Ritratto di Limousine
14 dicembre 2011 - 16:42
Sai bene che ti reputo persona attenta e intelligente, per cui non offendere te stesso con le dichiarazioni appena riportate. Tralasciando il passaggio che citi su Jaguar, BMW, ecc. in quanto del tutto impertinente con la nostra attuale disamina, il mio giudizio si basa sui FATTI e NON sul becero "tifo da stadio" che - ahimè - molti Fiattari manifestano. Se leggi con attenzione i CONTENUTI di questo "primo contatto" e la lista dotazioni ed optional della nuova Panda riportata nell'altra news di AlVolante, t'accorgerai SUBITO che i contenuti strettamente di SERIE delle varie Panda e della Lounge in questione, sono RIDICOLI per il prezzo dell'auto!!! Stop! Poi se è tra le più apprezzate citycar del segmento e roba simile poco importa (evidentemente, chi le acquista le preferisce spolpate sino al midollo e non gli frega nulla se son prive di TUTTO, o quasi), ma i FATTI (e NON il TIFO da stadio) dicono che la Panda in generale e la Lounge in particolare, è COSTOSISSIMA per quel che costa!!! Sempre nello specifico, ho paragonata al modello Fiat della "prova", l'omologa antagonista Hyundai i10 1200 Premium che - senza aggiungere alcunchè - è già più equipaggiata della SCARNA 1200 Lounge (la piccola Hyundai a 12.400,00 € dispone già di numerosi accessori in più), mentre con un sovrapprezzo di soli 800,00 € COMPLETI praticamente l'auto con ogni ben di Dio!!! Cosa vuoi di più? Se, viceversa, vorresti far lo stesso con la Panda, stai pur certo che sfondi ampiamente i 14.000,00 €, a mio avviso INGIUSTIFICABILI per un'auto di siffatte caratteristiche. Per farti un banale, ma REALISTICO esempio, con circa 11.000,00 € oggi porti a casa una berlina del seg. B (tipo - tanto per citare - la Ford Fiesta) che, con rispetto parlando, della Panda si fa un bel BAFFONE!!! Se, poi, mi dici che a te piace la Panda a prescindere e l'acquisteresti pure se fosse priva delle manovelle per gli alzavetro, sono fatti (e soldi) tuoi. Ma non tentare di convincermi che la city torinese è conveniente, perchè - lo ripeto - offenderesti semplicemente la tua stessa intelligenza.
Ritratto di mustang89
14 dicembre 2011 - 22:34
Ho citato la jaguar perchè, se non ricordo male, hai criticato in passato le 4 stelle ottenute, quando esistono auto più costose con lo stesso punteggio, come anche l'audi a3, o tante altre. Precisato questo e che per un'equo paragone dovresti considerare la 1100, di analoga potenza (che costa anche meno), dovresti spiegarmi meglio la superiorità di dotazione della I10. Il modello base, non ha vetri elettrici, clima, radio ecc... La più costosa premium, ha, si una dotazione maggiore, ma ci sono solo 2 scelte: o la prendi spartana a basso prezzo, o la prendi full optional (è così), a prezzi assurdi per una city-car (con 12500 ho preso a giugno una evo multijet completissima, persino con comandi vocali, altro che coreane). La panda, non solo offre la possibilità di scegliere cosa vuoi e cosa non vuoi, pagando solo quello che effettivamente ti serve, con una gamma amplissima, ma se ti informi attentamente scoprirai che attingendo alla lista degli optional di entrambe al fine di pareggiarne la dotazione, hanno prezzi sostanzialmente uguali (supponendo che gli accessori della nuova panda costino quanto quelli della vecchia) nonostante una hyundai costa meno da produrre, visto che sono poco personalizzabile. E' facile dire, quella ha il clima e l'altra no, quindi è più accessoriata una. Invece non è così, guarda cosa l'altra ti da in sostituzione. Infine, l'ho già detto in precedenza, come puoi paragonare una seg B con una seg A? Le city-car non sono convenienti a prescindere che siano esse fiat o Vw, non puoi accanirti solo con la Panda (che poi, essendo un best-seller, non vedo perchè debbano regalarla, Vw non fa sconti su Golf). In definitiva, credo che sia il momento di cominciare a dire cose sensate e smetterla con i pregiudizi, i tuoi non sono commenti oggettivi, con rispetto parlando. (chiedo scusa per la scarsa fluidità della mia esposizione, ci sarebbero troppe cose da dire e ho sacrificato la scorrevolezza per la velocità).
Ritratto di Limousine
14 dicembre 2011 - 23:28
Non vorrei deluderti, ma non ho affatto criticata la sicurezza della Panda, in quanto nell'articolo in questione pubblicato dal ns. AlVolante, non ho scritto neppure un rigo. Ma, dal momento che mi "tiri per la giacchetta", ti dirò serenamente che giudico la nuova Panda un'auto sufficientemente sicura per il segmento d'appartenenza. Ammetto, però, che Fiat poteva esser meno "tirchia" quanto a dotazioni di SERIE relative alla sicurezza di marcia e che qualcosina in più (ESP in testa) sarebbe stata gradita. Chiarito ciò, ho citata la maggior convenienza della Hyundai i10 rispetto la Panda, ESCLUSIVAMENTE confrontando la 1200 Lounge dell'articolo, rispetto la 1200 Premium coreana (ergo: motori e allestimenti perfettamente sovrapponibili) e NON tutte le versioni di Panda e i10 tra loro. Inoltre, se rileggi bene, NON paragono direttamente la Panda con le "concorrenti" del seg. B, ma semplicemente il prezzo finale della Panda 1200 Lounge che, a conti fatti e con la SOLA dotazione di serie prevista, con 12.000,00 € si sovrappone (economicamente parlando) con NUMEROSE vetture del segmento immediatamente superiore (tu stesso citi la MAGGIOR convenienza della tua Punto Evo, confermando il mio discorso), perchè chi è intenzionato di acquistare la Panda - stanne pur certo - non potrà non considerare che, con la stessa cifra, potrà pure optare per un'auto più spaziosa e meglio dotata. Tutto qui! Mi spiace molto che un ragazzo perspicace come te, perseveri nell'inutile difesa d'ufficio ad un prodotto mal confezionato dal marketing torinese, sol perchè sul cofano spicca lo stemma Fiat... :(
Ritratto di mustang89
14 dicembre 2011 - 23:51
A parte che ribadisco che sarebbe meglio confrontarla con l'I10 1100 da 69 cavalli (costa anche meno e ha la stessa potenza della Panda, il 1200 ha più cavalli e andrebbe confrontato con il più costoso TwinAir), la mia difesa della Fiat, non è dovuta a simpatie. Visto che hai la mia stima, sarò sincero. Ammetto che non faccio che intervenire in suo favore, ma lo faccio per il mio bene e per quello dei miei connazionali. Se tutti comprassero auto italiane, e attenzione, mi riferisco al solo settore auto, lo stato incasserebbe 20 miliardi di tasse l'anno, solo da fiat. Considera l'indotto, l'occupazione lavorativa eccetera. Risultato? 50 miliardi di PIL in più. La manovra di Monti ha portato 10 miliardi ma tanti sacrifici, pensa te. Sono stupido a difendere un'azienda italiana, che tra l'altro mi ha dato auto che, scricchiolii a parte mi hanno portato dove nessuna tedesca o coreana da me posseduta? Io difendo fiat, come difendo tutte le aziende nostrane, anche la mia. Per il bene del mio paese e dei miei futuri figli. Sarò anche esagerato, nazionalista, ottuso, tifoso con i paraocchi e quant'altro, ma fin quando faranno buone auto sarò loro cliente, non mi interessa se con una straniera risparmio 100 o mille euro, darò il mio contributo a questa nazione, sperando che le cose migliorino. Mi spiace che non tutti la vedano come me, non posso inculcare le mie convinzioni agli altri, ma cerco di convincere la gente ad acquisire una certa consapevolezza.
Ritratto di rafficiè
15 dicembre 2011 - 14:56
la libera concorrenza è l'anima del mercato
Ritratto di ste85gangy
15 dicembre 2011 - 12:48
R
Pagine