PRIMO CONTATTO

Ford Edge: comoda, vigorosa e con un gran baule

La nuova Ford Edge è una suv molto confortevole e con tanto spazio per passeggeri e bagagli. Potente e silenzioso il 2.0 a gasolio da 179 CV. Scarsa però la visibilità posteriore.

6 maggio 2016
  • Prezzo (al momento del test)

    € 49.250
  • Consumo medio

    17,2 km/l
  • Emissioni di CO2

    149 grammi/km
  • Euro

    6
Ford Edge
Ford Edge 2.0 TDCi 180 CV Titanium AWD
Va all’attaco delle grandi suv

Fiat Freemont, Kia Sorento, Hyundai Santa Fe, Volkswagen Touareg: sono queste alcune delle rivali della nuova suv Ford Edge, da poco entrata a listino anche da noi, ma in vendita già da alcuni anni negli Stati Uniti, dove è molto diffusa. Nata nel 2007, infatti, in Europa non era mai stata importata: questa nuova edizione è stata riprogettata per il mercato mondiale. È lunga 481 cm, larga 193 e alta 169; il passo è di 285 cm. La carrozzeria, muscolosa e dall’aspetto solido, ha una linea fluida, resa abbastanza slanciata dalle numerose nervature lungo il cofano e la fiancata e dal lunotto molto inclinato. A dare equilibrio alle forme contribuiscono anche i cerchi di generose dimensioni (di 19” sulla Titanium e di 20” sulla Sport).

C’è posto per tutti

Nell’abitacolo della Ford Edge colpisce lo spazio a disposizione degli occupanti, sia davanti sia dietro: sul divano non viaggia scomodo neppure il passeggero centrale, anche se un po’ penalizzato dal mobiletto ingombrante e dalla seduta rigida, grazie al tunnel della trasmissione basso e alla larghezza degli interni (alle spalle abbiamo misurato 153 cm). Le poltrone, ampie e comode, sono ben regolabili (i comandi per il guidatore e il passeggero sono elettrici); lo spazio è abbondante anche in altezza. La plancia, realizzata in plastica morbida al tatto, ha linee semplici ed eleganti, e appare meno elaborata rispetto a quella di altri modelli della casa. Il navigatore satellitare ha uno schermo a sfioramento ad alta risoluzione di 8” (di serie), che visualizza pure i comandi del sistema multimediale Sync 2; il cruscotto, ben protetto dai riflessi, ha il tachimetro analogico al centro e tutte le altre funzioni nei due schermi ai lati (la grafica è ben leggibile e gradevole). Numerosi i vani portaoggetti (uno, chiuso da uno sportello, è nella parte alta della plancia), con il fondo in gomma antiscivolo. Le finiture nel complesso sono di buon livello, così come i materiali. Il baule è ampio (la casa dichiara 602 litri di capacità minima e 1847 litri di massima) e molto profondo (105 cm con cinque posti in uso, e fino a 208 col divano abbassato), anche se il pavimento è un po’ alto (sotto c’è il ruotino di scorta di 17”). Non troppo elevata (per una grossa suv) l’altezza da terra della soglia di carico: 76 cm.

Grande viaggiatrice

Su strada la Ford Edge si comporta bene. Il quattro cilindri 2.0 turbodiesel da 179 CV è dolce, ma abbastanza vigoroso (forte dei suoi 400 Nm di coppia massima a 2000 giri), progressivo e poco rumoroso. Le sospensioni morbide consigliano una guida tranquilla nei tratti ricchi di curve, nei quali la grossa suv americana non appare molto maneggevole. In città si soffre un po’ per le generose dimensioni della carrozzeria, specie nelle vie più strette. Attenzione, inoltre, nelle manovre di parcheggio, penalizzate dalla scarsa visibilità posteriore, dovuta al lunotto piccolo e molto inclinato (i sensori di distanza anteriori e posteriori sono di serie, il parcheggio semiautomatico invece costa 250 euro). Comoda in autostrada, la Edge è una suv davvero ben insonorizzata; di serie c’è anche il sistema di controllo attivo del rumore Active Noise Cancellation: sfrutta tre microfoni nell’abitacolo (due davanti e uno dietro) che captano le onde sonore generate dalle voci a bordo, dal motore, dalla trasmissione e dai fruscii aerodinamici, annullandole attraverso la generazione di frequenze opposte emesse dagli altoparlanti. Il consumo ci è sembrato nella media: anche senza guidare col piede leggero, abbiamo percorso circa 12,5 km/l (letti nel computer di bordo).

Se la cava anche dove finisce l’asfalto

Anche in fuori strada la Ford Edge non si comporta male. Il sistema di trazione integrale intelligente AWD della Ford è a controllo elettronico: attraverso il monitoraggio continuo (50 volte al secondo) di vari parametri (come lo slittamento di una singola ruota), regola in 0,1 secondi l’intervento di una frizione multidisco che fa da differenziale centrale; in base a quanto i dischi vengono avvicinati si può avere fino al 50% della spinta alle ruote dietro, mentre in condizioni normali sono solo quelle davanti ad avere trazione, per non penalizzare i consumi. Certo, senza marce ridotte e con le ruotone di 19” a spalla larga non si può osare troppo; tuttavia abbiamo verificato le buone doti della Edge sugli sterrati e su strade dissestate. Peccato che manchi il comando per attivare il sistema che limita la velocità nelle discese ripide: per una suv come la Edge, non professionale e dedicata alla famiglia, dovrebbe essere di serie, ma non è disponibile neppure a pagamento.

Un solo motore e una dotazione ok

La Ford Edge è disponibile solo a quattro ruote motrici, con il 2.0 a gasolio da 179 CV abbinato al il cambio manuale oppure con il 2.0 biturbodiesel da 210 CV e con l’automatico Powershift a sei marce. I prezzi partono da 46.250 euro per la versione base Plus, la cui dotazione di serie è già completa: 7 airbag, cerchi in lega da 19”, “clima” automatico bizona, limitatore di velocità e fari automatici antiabbagliamento (non “accecano” chi proviene in senso opposto nemmeno quando sono in funzione gli abbaglianti). Di serie anche il sistema di riconoscimento dei segnali stradali (Traffic Sign Recognition), quello che mantiene l’auto nella corsia di marcia (Lane Keeping Aid) e quello che monitora il livello d’attenzione del guidatore. La Titanium ha anche il volante, il parabrezza e i sedili riscaldabili, il portellone apribile elettricamente (Hands-Free Liftgate), la telecamera posteriore di parcheggio, il navigatore satellitare, il limitatore di velocità e il sistema per la riduzione attiva del rumore interno. La Sport (51.250 euro) aggiunge i cerchi in lega da 20”, una griglia anteriore più sportiva, la pedaliera in alluminio, le sospensioni sportive, un sistema di navigazione satellitare più raffinato e l’Adaptive Steering Wheel: questo sistema interviene sullo sterzo e ne modifica il comportamento in relazione alla velocità. Gli accessori più significativi sono il tetto panoramico (1.500 euro), i fari adattativi a led (1.500), il cruise control adattativo (500 euro) e i rivestimenti interni in pelle (2.000). 

Secondo noi

PREGI

> Baule. È grande e ben fatto.
> Comfort. L’abitacolo è spazioso, le poltrone comode e l’insonorizzazione molto efficiente (di serie c’è anche il sistema di riduzione attiva del rumore)
> Dotazione di serie. La Titanium ha tutto quello che serve, anche sul piano della sicurezza. 

DIFETTI
 
> Controllo velocità in discesa. Non è disponibile, neppure a pagamento. Su una suv è importante.
> Maneggevolezza. La Edge è grande e pesante: in città non è a suo agio.
> Visibilità posteriore. Il lunotto piccolo e molto inclinato non agevola le manovre in retromarcia.

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1997
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 132 (179)/3500 giri
Coppia max Nm/giri 400/2000-2500
Emissione di CO2 grammi/km 149
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi autoventilanti
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 200
Accelerazione 0-100 km/h (s) 9,9
Consumo medio (km/l) 17,2
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 481/193/169
Passo cm 285
Peso in ordine di marcia kg 1850
Capacità bagagliaio litri 602/1847
Pneumatici (di serie) 235/45 R19
Ford Edge
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
68
52
52
31
31
VOTO MEDIO
3,4
3.405985
234
Aggiungi un commento
Ritratto di mirko.10
9 maggio 2016 - 14:35
2
ciao orgosol, immagina una madre che ha poca dimestichezza con il cambio automatico, naturalmente optato per non litigare con lo smartphone.....per famiglie si', ma nella speranza di non beccarle mai in pieno, quelle che attendono da un po', in giusto orario e non nel ritardo tipo di questo racconto"fantastico". l'ausilio elettronico della frenata di mezzi cosi' pesanti,ingombranti ed anche potenti e' obbligo che vi sia e che oltremodo lo si possa escludere qualsivoglia. non e' previsto neanche come optionals che in america tutti sti' sali scendi non ci sono. capisco anche che l'utilizzo perenne del dispositivo di rallentamento non e' prerogativa selezionarla in marcia normale....il dispositivo potrebbe analizzare erroneamente un momento di discesa piccola e poco estesa procurando sensazioni di guida poco naturali all'intervento umano che sarebbe di li' ragionato. si puo' escludere comunque, che mi ripeto, ma ci deve essere. altro che freno motore per un bestione cosi'.
Ritratto di Vrooooom
9 maggio 2016 - 15:28
altri c'hanno fatto la campagna pubblicitaria perchè sul loro suvvettino c'è il dispositivo per scendere le rampe del garage......e comunque non esistono solo le città a fondovalle o in pianura e le mammine con i cuccioli all'asilo, c'è tutto un mondo fatto di salite discese neve ghiaia quellochevuoi dove avere il dispositivo e una buona trazione integrale fanno davvero la differenza, figurati su un auto come questa belle grande e , in teoria, votata ad un uso 'spensierato'
Ritratto di mirko.10
9 maggio 2016 - 19:37
2
La mia kia è provvista di serie di questo dispositivo...l'auto non è potente ma non invoglia lo stesso a certificare la stabilità per una discesa ripidissima...il loro comfort spiazza la sensazione di controllo assoluto e, visto anche in baricentro alto, l'esclusione sensoriale di perdita di controllo. Mettici tanta potenza e mole aggiunta, i dispositivi elettronici ulteriori prontia tenerle a bada ci devono essere tutti....ggià ché anche questa assistenza esiste e rientra nella conoscenza e come ormai quasi noto gadget d'aiuto. Spesso se n'è sentito di grossi e potenti suv a fare strike su gente e danni proporzionalmente maggiori de n'a' pandina.
Ritratto di gilrabbit
9 maggio 2016 - 13:33
Qualcuno conosce il prezzo negli Usa?
Ritratto di Vrooooom
9 maggio 2016 - 15:30
gira e rigira se lo configuri come qua non c'è molta differenza, solo che lì hanno delle versioni molto basic che costano come una golf base ( 23000$)
Ritratto di fordone
9 maggio 2016 - 18:45
Ma tu ci fai o ci sei? Dai commenti che scrivi sicuramente di auto nn capisci una mazza, per essere educato. La Ford ha sempre venduto milioni di auto e questa Ford Edge manterrqa' questo trend. Nn sara' certo il commento di un beota come te a cambiare il corso degli eventi.
Ritratto di Tizi65
9 maggio 2016 - 22:10
È una bella macchina e con una linea muscolosa ed un po' fuori dagli schemi....ma sono d'accordo con quello che qualcuno ha già scritto, e cioè che un Suv Ford da 50.000 sarà molto difficile che faccia grandi numeri, nonostante sia superaccessoriato e magari anche valido sotto molti aspetti.
Ritratto di LGapollo
10 maggio 2016 - 01:26
Linea anonima e prezzo senza senso per un suv Ford
Ritratto di fordone
10 maggio 2016 - 12:19
Scusa ma anonimo è il tuo commento. Ma che hai voluto dire? Su sto blog scrivete sempre"per una Ford" ma che significa? La Ford è la casa che ha inventato l'auto e è sempre tra i primi marchi come vendita. Qualcosa significhera'.
Ritratto di LGapollo
17 maggio 2016 - 15:53
Che il target Ford è più popolare e quindi la qualità generale è inferiore (non nel caso specifico, ma come "fama") e quindi se volessi prendermi un suv e spendere sui 50k non prenderei una Ford
Pagine