PRIMO CONTATTO

Honda Civic: tutta da guidare. Di forza…

Col i 310 CV del suo nuovo 2.0 turbo, la Honda Civic Type R farà la gioia degli sportivi. Migliorabile, però, la visibilità. E, quando si “pesta” sul gas, mani salde sul volante.
Pubblicato 10 giugno 2015
  • Prezzo (al momento del test)

    € 37.000
  • Consumo medio (dichiarato)

    13,7 km/l
  • Emissioni di CO2 (dichiarate)

    170 grammi/km
  • Euro

    6
Honda Civic
Honda Civic 2.0 i-VTEC Type R
È cattiva e si vede
 
Le ruote di 19 pollici, i quattro tubi di scarico, i parafanghi anteriori generosamente allargati (10 cm in più) e il vistoso alettone sulla coda non lasciano dubbi sulle velleità corsaiole della Honda Civic Type R: una belva da 310 cavalli. Questo modello rinnova la tradizione delle Honda più sportive, ma con una importante differenza: addio ai motori aspirati che, allungando fino a 9000 giri, facevano la gioia degli appassionati, e largo al turbo che, per la prima volta, spinge una Type R. Così, il carattere dell’auto ha poco in comune con quello (unico) delle progenitrici: la risposta feroce degli aspirati ha lasciato il posto a quella progressiva (ma, comunque molto consistente) del nuovo 2.0 turbo, che non deluderà i guidatori più “caldi”. 
 
Studiata nei particolari
 
La nuova Honda Civic Type R dispone di un corredo tecnico di prim’ordine. A spiccare sono il differenziale meccanico autobloccante che, trasmettendo più coppia motrice alla ruota anteriore con maggiore aderenza, evita “pattinamenti”, e le sospensioni adattative, che cambiano taratura in base alle condizioni di guida. Poi, l’avantreno tipo McPherson sviluppato per questa versione è a doppio snodo, con lo stelo dell’ammortizzatore non direttamente collegato all’asse di rotazione della ruota anteriore (così lo sterzo lavora meglio). E c’è anche l’Agile Handling Assist che, frenando leggermente le ruote interne alla curva, dà maggiore direzionalità all’auto. Tutti questi componenti sono inclusi nei 37.000 euro del prezzo della Honda Civic Type R (già in vendita) che, di serie, ha anche il navigatore e sistemi di aiuto alla guida, come quello che riproduce i segnali stradali nel cruscotto.
 
Spazio ok
 
Sedili super avvolgenti a parte, l’ampio abitacolo della Honda Civic Type R resta quello degli altri modelli: si distingue per la singolare plancia su due livelli, che ha lo svantaggio di essere incombente e dispersiva nella disposizione degli strumenti. La posizione di guida, comunque, non delude, anche se il sedile è fin troppo fasciante (i “robusti” lo troveranno strettino) e la regolazione a scatti per lo schienale non brilla per precisione. Nulla da ridire sulla leva del cambio: è corta, sopraelevata e dotata di uno sportivo pomello sferico in alluminio. Sul lato sinistro del cruscotto c’è il tasto +R: premendolo, la strumentazione s’illumina di rosso, nello schermo in alto a sinistra del cruscotto compaiono dati aggiuntivi (come i tempi sul giro di pista) e cambia anche la risposta dell’auto (si fa più reattiva).
 
Diverte, eccome
 
Messo a punto per i patiti della guida veloce, l’assetto della Honda Civic Type R rende gestibili i 310 cavalli e, soprattutto, i 400 Nm di coppia, scaricati sulle sole ruote anteriori. L’azione del differenziale autobloccante è immediata e, nelle fasi più impegnate, richiede di impugnare saldamente il volante per evitare serpeggiamenti. Ciononostante, l’avantreno si è dimostrato piuttosto saldo e poco incline al sottosterzo (la tendenza del muso ad allargare la traiettoria), a differenza del retrotreno, volutamente più mobile per agevolare l’ingresso nelle curve. Il motore spinge con grinta fin dai bassi regimi (specie nella modalità +R) e, anche in sesta marcia e a bassa velocità, risponde con vigore. Lo sterzo, preciso e non troppo pesante, è all’altezza della situazione (anche se non così diretto) e il cambio si segnala per la corsa breve della leva, dagli innesti precisi e leggermente duri (come si conviene a una sportiva). Bene anche i freni, dotati di grandi dischi forati (all’avantreno di 350 mm di diametro), che non perdono facilmente mordente. In questo quadro, tutto orientato alla sportività, non sorprende che l’assorbimento delle sconnessioni sia approssimativo (dure le sospensioni): del resto, il comfort non è una priorità. Restano i limiti di visibilità delle altre Civic: a dare fastidio nelle curve sono i montanti anteriori del tetto, assai inclinati, mentre i piccoli finestrini posteriori fanno vedere poco di lato. Invece, l’ampio alettone sul portellone (promette di dare deportanza, schiaccando al suolo la Honda Civic Type R) non dà fastidio: è così alto da restare fuori dal campo visivo. I consumi calcolati dal computer di bordo nel corso del test non sono risultati eccessivi per un mezzo del genere: 10 km/l di media. 
 
Secondo noi
 
Pregi
> Cambio. Ha una manovrabilità da sportiva.
> Freni. Sono potenti e ben modulabili.
> Guida. È entusiasmante.
 
Difetti
> Plancia. È dispersiva e invadente.
> Sedili. Sono stretti e lo schienale si regola a scatti.
> Visibilità. Di lato è difficoltosa.

 

SCHEDA TECNICA

Cilindrata cm3 1996
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 228 (310)/6500 giri
Coppia max Nm/giri 400/2500-4500
Emissione di CO2 grammi/km 170
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 270
Accelerazione 0-100 km/h (s) 5,7
Consumo medio (km/l) 13,7
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 439/188/147
Passo cm 261
Peso in ordine di marcia kg 1382
Capacità bagagliaio litri 477/1378
Pneumatici (di serie) 235/35 R19

 

VIDEO

Honda Civic
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
129
86
58
25
39
VOTO MEDIO
3,7
3.715135
337


Aggiungi un commento
Ritratto di sempermi
12 giugno 2015 - 21:34
non c'è dubbio che un posteriore diverta di più, ma gli anni passano e i limiti di un anteriore honda li avrà quasi eliminati..anche perchè non ci ha messo un anno ma 4/5 anni a progettare questa ,di corse se ne intendono quindi presumo in un bel giocattolo almeno spero
Ritratto di sempermi
12 giugno 2015 - 21:34
non c'è dubbio che un posteriore diverta di più, ma gli anni passano e i limiti di un anteriore honda li avrà quasi eliminati..anche perchè non ci ha messo un anno ma 4/5 anni a progettare questa ,di corse se ne intendono quindi presumo in un bel giocattolo almeno spero
Ritratto di gmmensi
13 giugno 2015 - 14:54
2
Quando penso alla mia Civic VTEC 1.6 da 160 cv del 1993.... mi viene sempre un gran sorriso. Questa ha l'assetto variabile ed il doppio della potenza: una bomba. 7000 giri per un turbo, poi... Deve essere uno spettacolo. Peccato per il superbollo e per il look, a mio giudizio troppo spinto. Comunque brava Honda!
Ritratto di ivanvalenti
16 giugno 2015 - 17:50
1
pista darà il meglio di se :)
Ritratto di Rav
16 giugno 2015 - 20:34
3
... è che non hanno mantenuto i fanali posteriori spaziali sull'alettone come nella concept. Per il resto è una gran bella belva.
Ritratto di Mario-974
18 giugno 2015 - 15:16
5
il posto guida è bellissimo, sarebbe fantastico passarci una giornata in pista :)
Ritratto di tHEdOCTOR68
26 giugno 2015 - 11:56
se i consumi fossero davvero quelli dichiarati la ordinerei domani, la si potrebbe usare anche come auto per viaggiare, ma dichiarare 13,7 km con un litro senza arrossire mi sembra davvero ridicolo, quando la smetteranno le case automobilistiche di dichiare i valori di consumo di un auto lanciata in discesa in folle? mi accontenterei anche di un 12 al litro anche se sono convito che con un uso reale e leggermente spinto consumi non meno di 8-9 al litro
Ritratto di Bestpilot
14 novembre 2015 - 09:01
Troppo originale, ma davvero con un bel motore
Ritratto di lorevo87
19 marzo 2016 - 08:37
Un mezzo spettacolare che sicuramente comprerei al volo se avessi l occasione, al contrario delle concorrenti che mi lasciano piuttosto apatico, questa ha decisamente una linea che si stacca dalla masse oltre ad avere tanto, ma tanto contenuto e sostanza...i jap quando fan le cose le fan veramente serie... ;)
Pagine