PRIMO CONTATTO

Hyundai Kona: ne farà di strada…

Aggiornata nello stile, la versione elettrica più potente della Hyundai Kona promette autonomie elevate. Ricca la dotazione, anche tecnologica. Qualche dettaglio da rivedere.
Pubblicato 08 maggio 2021
  • Prezzo (al momento del test)

    € 49.600
  • Autonomia (dichiarata)

    484 km
  • Tempo di ricarica (dichiarato)

    9,25 ore a 7,7 kW
  • Capacità batteria

    64 kWh
Hyundai Kona
Hyundai Kona Electric 64 kWh XClass
Ha uno stile tutto suo

Vi avevamo già descritto gli aggiornamenti della Hyundai Kona, in particolare nella variante mild hybrid spinta da un 1.0 a tre cilindri da 120 CV (leggi qui il primo contatto). Oltre alle versioni a benzina e ibride, anche quelle al 100% elettriche sono state riviste, e come prima sfoggiano un design differente. In particolare, il frontale è privo di mascherina, a ricordare che le auto a batteria hanno bisogno di meno aria per raffreddare il motore. Il nuovo stile è ancora più moderno e affilato, in particolare nei sottili fari che sembrano incorniciare il cofano. La parte restante dei proiettori rimane in basso, agli angoli del paraurti: posizione che, come in passato, è più vulnerabile in caso di “toccatine” nel traffico o in parcheggio. Stesso problema nella zona posteriore, dove le modifiche rispetto al modello precedente sono meno evidenti: rivisto, comunque, il disegno interno dei fanali. 

Interni tecnologici, ma…

A bordo della Hyundai Kona Electric si fanno notare i due schermi di 10,3”, per il cruscotto e per il sistema multimediale. Il primo cambia grafica in base alle modalità di guida (Eco, Normal o Sport), ma il tasto per selezionarle, fra le poltrone, è un po’ troppo indietro e va cercato, rischiando di distrarre. Specifica di questa versione elettrica è tutta la consolle, che invece della leva del cambio ha i pulsanti per far muovere l’auto in avanti o indietro, per bloccarla in parcheggio o per lasciarla in folle. Più sotto è stato ricavato un ampio vano, che si aggiunge agli altri distribuiti nell’abitacolo. Peccato che a tanta praticità e tecnologia non sia abbinata una qualità impeccabile dei materiali: alcune plastiche di plancia e pannelli delle porte sono troppo rigide.

Dotazione ineccepibile

A differenza delle versioni non elettriche, qui il pavimento è rialzato per far posto alle batterie. A pagarne le conseguenze sono i passeggeri posteriori, che devono viaggiare con le gambe più raccolte, visto che (diversamente dalle poltrone anteriori) la seduta del divano resta sempre alla stessa altezza, per non perdere centimetri sopra la testa. Dove, invece, la Hyundai Kona Electric è inattaccabile è sulla dotazione, in particolare in questa versione XClass: ha di serie persino la guida semiautonoma in autostrada, oltre all’head-up display, alle poltrone in pelle e tessuto, all’hi-fi Krell e al sistema multimediale con schermo di 10,3” completo di navigatore. Immancabili, Apple CarPlay e Android Auto, oltre alla retrocamera che rimedia alla scarsa visuale dal lunotto. Con la XLine si risparmiano 4.600 euro, senza comunque rinunciare alla frenata automatica con riconoscimento di pedoni e ciclisti, al cruise control adattativo, ai fari full led con abbaglianti “intelligenti”, ai vetri scuri, ai sensori di parcheggio anteriori e posteriori e al caricatore in corrente alternata da 10,5 kW (in continua si arriva a 100 kW) 

Per chi punta sul prezzo

Oltre che nella versione da 204 CV, dotata di batterie da 64 kWh, la Hyundai Kona Electric si può avere con 136 CV e 39,2 kWh. In questo caso prestazioni e autonomia calano (in particolare quest’ultima passa dai 484 km dichiarati nel ciclo WLTP per l’auto del test a 305 km), come pure i prezzi: la XLine costa 40.400 euro anziché 45.000. E si aggiunge una versione d’accesso, la XTech City, che fa spendere 35.850 euro: ha già di serie frenata automatica, mantenimento in corsia (incluso il centraggio), rilevamento della stanchezza del guidatore, cerchi in lega di 17” e la presa per la ricarica veloce fino a 100 kW, mentre in alternata si arriva a 7,2 kW. Nella dotazione non mancano neppure il “clima” automatico, il cruise control e i sensori di parcheggio posteriori. Il sistema multimediale, invece, ha uno schermo un po’ più piccolo (di 8 pollici) ed è privo di navigatore; in compenso ha Apple CarPlay e AndroidAuto che funzionano “senza fili”. Per tutte le Kona Electric è previsto il finanziamento “triplo zero” con tan nullo (il taeg è 0,93%) e la possibilità di non pagare rate per i primi 24 mesi. E con il servizio Charge myHyundai si può accedere a una rete con oltre 170.000 punti di ricarica in tutta Europa (incluse le colonnine rapide del consorzio Ionity, di cui anche la Hyundai, come altri costruttori, fa parte), con tariffe a consumo o flat.

Su strada sa il fatto suo

Alla prova del traffico la Hyundai Kona Electric ha confermato le sensazioni positive della versione lanciata nel 2018: l’auto è agile e silenziosa, e le palette dietro al volante permettono di variare su quattro livelli il freno motore, e quindi il recupero di energia, nei rallentamenti. Tenendo tirata la levetta di sinistra, si può arrivare a far arrestare l’auto, tuttavia il restyling poteva essere l’occasione anche per introdurre la funzione one pedal, per accelerare e fermarsi nella gran parte delle situazioni con il solo uso dell’acceleratore. Nelle strade veloci, oltre al notevole scatto (credibili i 7,6 secondi dichiarati per lo “0-100”) offerto dal motore elettrico anteriore da 204 CV si apprezza il buon comfort, anche acustico: i fruscii sono contenuti pure in velocità. Lo sterzo è piuttosto reattivo e il posizionamento in basso delle batterie fa dondolare poco la vettura, che resta molto stabile nei repentini cambi di direzione. Quanto all’autonomia, merita di essere valutata in un test più approfondito. In prima battuta, comunque, dopo una cinquantina di chilometri prevalentemente percorsi in città, stimiamo che in queste condizioni un pieno di corrente possa durare attorno ai 500 km: tanti, anche se va detto che nell’uso urbano la Hyundai ne dichiara 660 contro i 484 km del ciclo misto (nel traffico si beneficia del frequente recupero di energia nei rallentamenti).

Secondo noi

PREGI
> Dotazione. La XClass è molto ben equipaggiata. Ma anche la XLine è ricca.
> Maneggevolezza. Sul misto stretto questa crossover mostra una notevole agilità.
> Sprint. Lo scatto assicurato dal motore elettrico da 204 CV è da auto sportiva.

DIFETTI
> Abitabilità posteriore. Lo spazio non manca, ma sul divano si sta con le gambe più rannicchiate rispetto alle altre versioni: colpa delle batterie sotto il pavimento.
> Luci a “rischio”. Le parti inferiori di fari e fanali, agli angoli dei paraurti, sono più soggette a rotture negli urti.
> Materiali. Migliorabile la qualità di alcuni pannelli delle porte e della plancia, un po’ duretti e sottili.

SCHEDA TECNICA

Motore  
Tipologia elettrico trifase
Potenza massima kW (CV)/giri 150 (204)/n.d.
Coppia max Nm/giri 395/n.d.
   
Batteria  
Tipologia polimeri di litio
Capacità kWh 64
Tensione Volt 395
Tempo di ricarica 6 ore 50 minuti (a 10,5 kW)
Potenza max di ricarica 10,5 kW in corr. alternata
  100 kW in corr. continua
   
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 167
Accelerazione 0-100 km/h (s) 7,6
Autonomia (km) 484 (ciclo WLTP)
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 421/180/157
Passo cm 260
Peso in ordine di marcia kg 1685
Capacità bagagliaio litri 322/1114
Pneumatici (di serie) 215/55 R17
Hyundai Kona
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
159
122
77
55
94
VOTO MEDIO
3,4
3.38856
507


Aggiungi un commento
Ritratto di Volpe bianca
8 maggio 2021 - 06:59
Bene l'autonomia, bene la dotazione, bene le prestazioni, ma 50k per una Kona.....
Ritratto di Pierre Cortese
8 maggio 2021 - 10:40
1
Infatti. Vedi quanto vende Toyota/Lexus e fai un confronto diretto con Hyundai/Kia. Naturalmente non IMHO ma con rispetto parlando. Un saluto. Il Gwent.
Ritratto di Cesare Chiesa
8 maggio 2021 - 16:12
Alessio, tesoro mio, le Toyota/Lexus non se le fila più nessuno nell'ambiente Bear. Forse ti conviene rivedere i tuoi gusti per l'ennesima volta.
Ritratto di paultrevi
9 maggio 2021 - 15:53
Se noi europei comprassimo europeo, sai quanto meglio potremmo stare??? Italia in primis??
Ritratto di kallenlorenzo
8 maggio 2021 - 08:17
Dai primi commenti pare chiaro il problema: i 50k euro. Se aveste in mano un assegno di quella cifra, che cosa andreste a comprare? Tolta la e-Niro che é praticamente una gemella, cosa c'é sul mercato? ID.4? e-2008? e-C4? Mokka-e? Tutte auto che se fanno 250km in autostrada é un miracolo. In pratica chi non vuole spendere 50k sta dicendo che non vuole una auto full Electric: legittimo, ma non si può confrontarla con auto ibride o con elettriche buone solo per spostamenti cittadini. Molte scelte estetiche sono per lo più funzionali; basta vedere la e-Niro che é più spaziosa ed alle alte velocità sacrifica un 10-15% di efficienza.
Ritratto di Check_mate
8 maggio 2021 - 08:56
In realtà hai dimenticato le due elettriche più iconiche che a 50k le trovi full optional, per la ID.3, o Standard Range, per la Model 3, con autonomie sovrapponibili o maggiori.
Ritratto di NITRO75
8 maggio 2021 - 09:57
Si concordo con te dovendo e potendo investire una somma tale (che in ogni caso sono comunque soldi buttati via) mi rivolgerei alla Tesla, sicuramente non a Hyundai
Ritratto di Pierre Cortese
8 maggio 2021 - 10:52
1
Pensa che il mese scorso hanno venduto 22 Tesla in Italia (ventidue si) e mentre Tesla continua a perdere market share su tutti i mercati compresi quelli principe per le BEV, quello cinese in primis, la Lexus continua a crescere e a guadagnare quota di mercato globale. Pur non avendo BEV in gamma se si eccettua il poco riuscito UX 300e. Un motivo ci sarà, a parte affidabilità e qualità, Lexus come sempre al top e Tesla fanalino di coda di J.D Power. Ma le BEV non erano infallibili tenuto conto della loro molto minore complessità meccanica?
Ritratto di Check_mate
8 maggio 2021 - 10:58
ormai lo sanno anche i muri che tesla consegna a fine trimestre, sono anni ormai che funziona così.
Ritratto di Cesare Chiesa
8 maggio 2021 - 16:14
Check_mate, lascia in pace il mio Alessio Pierre. Se vuole diffamare Tesla che ha vendute soltanto 22 auto perchè non sa che le consegnano a fine trimeste chi sei tu per distruggere la sua tesi? Fatti gli affari tuoi e ammetti che nei mesi in qui non arrivano navi dagli USA x consegnare le Tesla la Lexus vende molto di più.
Pagine