PRIMO CONTATTO

Infiniti Q30: si guida bene, ma fa vedere poco

La Infiniti Q30 (la prima media della casa giapponese) su strada convince. Dentro ricorda in molti aspetti le "cugine" Mercedes A. Pure nella scarsa visibilità posteriore.

10 novembre 2015
  • Prezzo (al momento del test)

    € 41.510
  • Consumo medio

    20,4 km/l
  • Emissioni di CO2

    127 grammi/km
  • Euro

    6
Infiniti Q30
Infiniti Q30 2.2d City Black Edition AWD DCT
Tutta grinta e muscoli
 
Frutto di un accordo tra la Infiniti (il marchio di lusso della Nissan) e la Mercedes, la Infiniti Q30 è la prima media della casa giapponese: per il mercato europeo viene costruita nell’impianto di Sunderland, in Inghilterra, da cui escono anche le Qashqai per il vecchio Continente. Un po' più grande della berlina Classe A e ingombrante quanto la crossover GLA (con cui condivide l’ossatura, la meccanica e le misure di massima, essendo lunga 443 cm contro i 442 della tedesca), ha un aspetto molto originale, con forme muscolose e slanciate da compatta crossover sportiva. Caratterizzata da un frontale elaborato, non privo di aggressività, la Q30 ha superfici solcate da profonde nervature, con due vistose gobbe laterali nel cofano, passaruota allargati con il bordo in plastica nera laccata, due linee che tagliano la fiancata all’altezza delle maniglie e alla base delle porte (create per dare slancio al’insieme), la coda con il lunotto molto inclinato e gli originali montanti posteriori curvi.
 
Non tutto è farina del suo sacco
 
Un po’ meno personali, gli interni della Infiniti Q30 mostrano alti e bassi nelle finiture. La forma della plancia, “a onda”, è gradevole ed elegante, e i materiali in gran parte sono piacevoli al tatto; la pelle con impunture a contrasto rende quasi ricercato l’abitacolo. Ben fatto anche il rivestimento morbido del soffitto e dei montanti. Deludono, invece, le plastiche rigide nella parte bassa dell'abitacolo e si riconoscono tanti particolari “presi in prestito” dalla Mercedes, come i tasti per gli alzavetro, quelli del “clima” e dei sedili elettrici anteriori, il sistema multimediale nella consolle, i pulsanti sul volante e persino la strumentazione. I comandi sono ben realizzati, tuttavia non tutti sono nella posizione migliore: come quelli del climatizzatore, molto in basso nella console e un po’ coperti dalla leva del cambio, e il piccolo pulsante delle frecce d'emergenza, appena al di sopra. Lo spazio a bordo non manca (e la posizione di guida, un po' rialzata, dà sicurezza): davanti, adulti alti fino a 190 cm stanno bene; dietro, però, è il tunnel centrale alto a dare fastidio a chi siede in mezzo, e i finestrini piccoli creano un'atmosfera alquanto claustrofobica. Non molto grande il bagagliaio, che ha pure la soglia alta da terra (73 cm).
 
Sa danzare tra le curve
 
Nel comportamento stradale le somiglianze con le Mercedes A e GLA sono parecchie (del resto, il telaio e la meccanica sono gli stessi). E infatti, come sulle tedesche, la dinamica di guida della Infiniti Q30 è davvero piacevole, anche quando si vuole avere un pizzico di sportività in più. In città lo sterzo è  leggero, il 2.1 turbodiesel Mercedes è pronto e progressivo (anche se un po' rumoroso in accelerazione) e abbinato al cambio automatico a doppia frizione a sette marce rende facile e dolce la marcia. Lungo le strade ricche di curve, inoltre, si apprezza la tenuta di strada dell’auto (che nella versione della prova aveva la trazione integrale di serie), il buon allungo del motore fino a 4500 giri e le cambiate veloci (specie in scalata, in modalità Sport, usando le levette al volante). Potente la frenata. Quanto alle prestazioni, quelle ufficiali (216 km/h di velocità massima e 8,5 secondi nello “0-100”) ci sono sembrate alla portata della vettura; sul piano dei consumi, invece, non pare che la Q30 2.2D AWD con un litro di gasolio possa percorrere i 20,4 km/l promessi dalla casa: nel corso del nostro test, in prevalenza fuori città, non siamo riusciti a superare i 13,5 km/l indicati dal computer di bordo.
 
Cinque allestimenti
 
La Infiniti Q30 sarà nelle concessionarie a gennaio, a un prezzo di partenza di 24.990 euro per la 1.6t turbo a benzina da 122 CV (quella da 156 CV col cambio a doppia frizione DCT parte da 37.190). La 1.5d con il quattro cilindri di 1461 centimetri cubi da 109 CV, di origine Renault e montato anche sulla Classe A (dolce e regolare, per nulla sottodimensionato, sarà oggertto di un primo contatto su alVolante di gennaio) costa 25.490 euro. A 42.220 c'è la 2.0t turbo a benzina da 211 CV, con la trazione AWD e il DCT. Cinque gli allestimenti, con ambienti ricercati come il City Black con cuciture viola, il Café Teak con cuciture nere e il Gallery White con cuciture rosse. La dotazione è ricca: la 2.2D AWD City Black Edition DCT ha di serie sette airbag, il navigatore con schermo a sfioramento di 7", il “clima” automatico bizona, la radio digitale, i sedili anteriori riscaldabili, i sensori di parcheggio con la retrocamera, il sistema di parcheggio automatico con visione a 360°. Il prezzo, però, non è certo leggero (anche se inferiore a quello della Mercedes GLA): sfiora i 42.000 euro. All'inizio del prossimo anno arriverà anche la crossover QX30, rialzata e con una più accentuata caratterizzazione estetica da suv.
 
Secondo noi
 
PREGI

> Guida. La Q30 è piacevole da guidare grazie all’assetto ben tarato, allo sterzo preciso e all’azzeccata coppia motore/cambio.
> Linea. Pur essendo realizzata sull’ossatura delle Mercedes Classe A e GLA, ha una personalità spiccata, con tratti grintosi e tanti “muscoli”.
> Tenuta di strada. È sicura in ogni condizione, anche per merito della trazione integrale.
 
DIFETTI
 
> Baule poco sfruttabile. È piccolo, alto da terra e non si riesce a riempirlo al meglio.
> Comandi. Il pulsante delle frecce d’emergenza è piccolo e troppo in basso, al pari dei tasti del “clima”.
> Visibilità posteriore scarsa. Il lunotto, piccolo e molto inclinato, e i montanti posteriori dalla forma a "C" fanno vedere poco. Di serie, però, ci sono i sensori di distanza e la retrocamera che danno una mano.

 

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 2143
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 130 (177)/3400-4000 giri
Coppia max Nm/giri 350/1400-3400
Emissione di CO2 grammi/km 127
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 7 (autom. doppia frizione) + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 216
Accelerazione 0-100 km/h (s) 8,5
Consumo medio (km/l) 20,4
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 443/181/150
Passo cm 270
Peso in ordine di marcia kg 1598
Capacità bagagliaio litri 368/n.d.
Pneumatici (di serie) 235/50 R18

 

Infiniti Q30
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
83
95
65
46
39
VOTO MEDIO
3,4
3.417685
328
Aggiungi un commento
Ritratto di rikykadjar
11 novembre 2015 - 14:31
3
La 145 è orrenda... anche io mi chiedo come faccio ad averle vendute..
Ritratto di Mattia Bertero
10 novembre 2015 - 18:40
3
Q30. Particolare e molto bella. Naturalmente la parentela con Mercedes si vede in alcune cose ma ormai è difficile trovare un'auto che sia completamente farina del suo sacco, tutte prendono in prestito qualcosa da un'altra macchina.
Ritratto di Gordo88
10 novembre 2015 - 19:06
Linea particolare ma troppo elaborata poi con quei passaruota enormi la rendono pesante insomma sa di troppo!! Gli interni sono poco originali e bruttini , sembrano più premium quelli dalla classe A.. insomma io la boccio
Ritratto di torque
10 novembre 2015 - 19:12
Esteticamente la trovo bellissima, mi piace soprattutto la coda così particolare e muscolosa. Dentro non è male ma la parentela con Mercedes si vede, e avrei preferito di no visto che già la plancia Mercedes si può trovare su almeno altri venti milioni di modelli. Il suo grande difetto però trovo sia la gamma (per ora): due motori piccoli e fiacchi e solo con cambio manuale, più il vecchio 2.2 Mercedes della prova solo con trazione integrale e doppia frizione. Possibilità di personalizzazione abbastanza scarse (stando al configuratore) e mancano motori decisamente più brillanti che rendano giustizia al design sportivo degli esterni. Caspita, abbiamo conosciuto il marchio Infiniti importandone dagli USA dei crossover sportivi con motori V8 aspirati e finiamo con l'avere come best seller un 1.5 turbodiesel Renault da 110 cavalli. Andrebbe anche bene, ma come entry level basissima, poi però bisogna articolare la gamma. Ci vedrei bene qualche altro motore preso dalla Classe A, in particolar modo il 1.6 turbo benzina da 160 cavalli della A 200.
Ritratto di mirko.10
10 novembre 2015 - 19:39
2
Quando uscì la prima ford focus esprimevamo giudizi sul suo disegno diciamo così incontrollato, delimitato da delicate linee. Avvenieristica a quel tempo e troppo sfuggente. Dopo il suo successo grazie alla buona dotazione e prezzo il pubblico si più esigente vuole e sopratutto oggi distinzione subito ed è stanco presto. Questo prodotto infiniti q30 è troppo azzardata se la si paragona ad una vw (vw si perché fino a che vendeva il pubblico super tradizionale è fermo a lei ed alle forme non sospinte) ma è coraggiosa più della già forte evoluzione di mercedes. No ci stupiamo quasi più ma l'infiniti anche se su base mb riesce ad offrire ancora belle alternative. Io l'acquisterei a palla non passerei inosservato e mi sentirei "esclusivo". Bella auto.
Ritratto di luperk
10 novembre 2015 - 21:00
fa schifo come la gla
Ritratto di luperk
10 novembre 2015 - 21:00
fa schifo come la gla
Ritratto di Diablo
10 novembre 2015 - 21:33
1
Concordo con Moreno....fotocopia della Mazda3....
Ritratto di Paolo Balbo
10 novembre 2015 - 22:45
Se deriva davvero dalla mercedes bisogna fare i complimenti agli stilisti infiniti... La GLA è una vera m.e r.d.a mentre la q30 è stupenda!
Ritratto di Pellich
11 novembre 2015 - 11:21
Sono del parere che se voglio comprare una vettura premium, essa debba essere tale. Intendo dire che non ci dovrebbero essere eccessive e manifeste sinergie con altre Case. Perchè non è solo una questione di qualità, ma anche e soprattutto di IDENTITA'. Comprando un'auto del genere acquisto anche i valori che il suo marchio rappresenta, automobilisticamente parlando. Nella fattispecie questa Q30 utilizza, non solo la meccanica della gamma A (classe A o GLA che sia) della MB, ma anche buona parte delle soluzioni stilistiche interne: stesso volante, strumentazione, tutta la pulsanteria di fatto! Quindi, cosa sto acquistando? Una Mercedes ricarrozzata, non una VERA Infiniti progettata in tutte le sue parti da cima a fondo in Giappone. Benvengano le sinergie, ci mancherebbe, purchè però si adottino per le "generaliste", non per questi brand.. per i quali esigerei solo la "farina del loro sacco". Da questo punto di vista la più virtuosa nel panorama penso proprio che sia solo BMW che fa tutto in casa e sinergizza solo minimamente con Mini (i "piccoli" motori diesel e benzina e i "piccoli" pianali). Giusto per ricordare, Audi invece "spalma" TUTTO anche su Seat e Skoda - marchi non proprio premium - mentre MB prende i motori 1.5 diesel dalla Renault per le pessime e diffusissime “A” 180 CDI (forse anche la classe C).
Pagine