PRIMO CONTATTO

Isuzu D-Max: sempre inarrestabile, ma più comodo

Tutto nuovo, il pick-up Isuzu D-Max ha un aspetto massiccio e un abitacolo più accogliente rispetto a quello del precedente modello. Inalterate le sue ottime prestazioni sul terreno accidentato, mentre migliorano quelle sull’asfalto.

21 giugno 2012
  • Prezzo (al momento del test)

    € 34.848
  • Consumo medio

    13,5 km/l
  • Emissioni di CO2

    194 grammi/km
  • Euro

    5
Isuzu D-Max
Isuzu D-Max Crew Quasar 4X4
Si dà importanza

Rinnovato da cima a fondo, il pick-up Isuzu D-Max è un macchinone lungo, secondo le versioni, fra 522 e 530 cm; si distingue per il frontale alto, con la grande mascherina cromata e gli aggressivi fari spigolosi. Sempre dotato di trazione posteriore o integrale, il nuovo Isuzu D-Max conserva l’ottima mobilità nel fuori strada del precedente modello ma, sull’asfalto, si mostra più a suo agio rispetto al passato. Anche l’abitacolo è più comodo e rifinito con maggiore cura.

Un motore, tre carrozzerie

Proposto solo con il 2.5 turbodiesel da 163 cavalli abbinato al cambio manuale a sei marce o a quello automatico con cinque rapporti, l’Isuzu D-Max c’è in tre varianti di carrozzeria. Quella prettamente da lavoro si chiama Single (prezzi compresi fra 19.239 e 23.232 euro): ha due porte, due posti e un cassone lungo 231 cm; è l’unica disponibile solo con la trazione posteriore e senza “clima”. La Space (da 25.773 a 31.871 euro) dispone di due piccole porte in più, che si aprono in senso opposto a quelle anteriori (nella foto); all’interno ha due strapuntini dietro i sedili anteriori, adatti a passeggeri di statura bassa. Quella del test è la Crew (da 26.862 a 36.227 euro) e si distingue per lo spazioso abitacolo a cinque posti che riduce la lunghezza del cassone a 155 cm; a bordo si accede attraverso quattro comode porte. Tutte e tre le varianti dell’Isuzu D-Max sono proposte in quattro livelli di allestimento e hanno di serie una completa dotazione di sicurezza, che include sei airbag e l’Esp.

Accogliente come una berlina

Entrare nell’Isuzu D-Max Crew 4x4 non è molto agevole: il pavimento è lontano dal suolo e bisogna aiutarsi con le pedane laterali, che fanno da gradino. In compenso, le quattro porte hanno un ampio angolo di apertura. Il più ricco allestimento Quasar dell’Isuzu D-Max Crew 4x4 del test (34.848 euro) ha un lussuoso e confortevole abitacolo, con sedili riscaldabili e rivestiti in pelle (quello di guida offre anche le regolazioni elettriche). Di spazio ce n’è in abbondanza e il divano può accogliere con pochi sacrifici tre adulti. La plancia, nel complesso ben fatta, ha finiture tipo alluminio e conta numerosi portaoggetti. Di qualità l’impianto audio, completo di Bluetooth e presa Usb, mentre il “clima” automatico è efficiente, ma scomodo: i tasti disposti a cerchio nella zona bassa della consolle non sono ben raggiungibili e, simili fra loro, si confondono facilmente.

Meglio nel fuori strada

Non aspettatevi di poter guidare l’Isuzu D-Max Crew Quasar 4x4 su strade asfaltate con la stessa naturalezza di una suv. Rispetto ai precedenti Isuzu D-Max, quello nuovo tiene meglio la strada ed è decisamente più maneggevole. Ma, vista la stazza, non si può pretendere che sgusci fra le curve come una gazzella. Questo pick-up è fatto per affrontare i terreni accidentati, dove la maggior parte delle suv si devono arrendere. Lasciato l’asfalto, l’Isuzu D-Max affronta con disinvoltura qualunque tipo di terreno: forte della trazione integrale (inseribile con una manopola fra i sedili anteriori) e delle sei marce ridotte (s’innestano sempre con la manopola), è quasi inarrestabile. Inoltre, con un angolo d’attacco anteriore (è la distanza fra il suolo e il frontale dell’auto) di 30°, può superare buche e dossi particolarmente aspri. E ha un’altezza minima da terra notevole: ben 24 cm.

Motore "corposo"

Quanto al 2.5 turbodiesel da 163 cavalli, è abbastanza silenzioso, spinge con buon vigore fin dai bassi regimi e non ha difficoltà a muovere i 1870 kg di peso del D-Max. L’Isuzu non dichiara il tempo sullo “0-100”, comunque la sensanzione è che i 100 km/h si raggiungano rapidamente, mentre la velocità massima di 180 km/h ci è sembrata a portata di piede. Il cambio manuale è preciso negli inserimenti, ma la leva molto lunga ha un’ampia corsa. Infine, i consumi: la media omologata dalla casa di 13,5 km/l ci è parsa ottimistica.

Secondo noi

PREGI
> Abitacolo. Spazioso e accogliente
> Fuori strada. Questa Isuzu lo affronta con disinvoltura

DIFETTI
> Agilità. Sulle strade asfaltate non è il massimo
> Comandi. Quelli del “clima” sono scomodi

 

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 2499
No cilindri e disposizione 4 cilindri in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 120(163)/3600
Coppia max Nm/giri 400/1400-2000
Emissione di CO2 grammi/km 194
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori tamburi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 530/186/180
Passo cm 310
Peso in ordine di marcia kg 1945
Dimensione cassone cm 155 x 153
Pneumatici (di serie) 255/65 R 17
Isuzu D-Max
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
15
21
23
9
16
VOTO MEDIO
3,1
3.11905
84
Aggiungi un commento
Ritratto di IloveDR
22 giugno 2012 - 18:43
4
...puoi tradurre???
Ritratto di Anonimo
Anonimo (non verificato)
22 giugno 2012 - 18:47
Il commento è stato rimosso a seguito della cancellazione dell'utente dal sito.
Ritratto di IloveDR
22 giugno 2012 - 20:38
4
...inizio a perdere colpi!!!
Ritratto di fabri99
24 giugno 2012 - 13:05
4
Lough(o loughing) out Loud e non Lot Of Loughter... Ciao ;)
Ritratto di Anonimo
Anonimo (non verificato)
24 giugno 2012 - 13:21
Il commento è stato rimosso a seguito della cancellazione dell'utente dal sito.
Ritratto di fabri99
24 giugno 2012 - 13:24
4
Io ho trovato così da qualche parte ciao ;)
Ritratto di Anonimo
Anonimo (non verificato)
22 giugno 2012 - 13:51
Il commento è stato rimosso a seguito della cancellazione dell'utente dal sito.
Ritratto di osmica
22 giugno 2012 - 16:20
Ma se li paragoni alle altre vetture, non costano neppure tanto. E si svalutano poco.
Ritratto di mattias93
25 giugno 2012 - 15:38
Tata e soprattutto great wall non sono nulla rispetto a ilux e l'isuzu
Ritratto di Nikotrix
22 giugno 2012 - 16:16
bello è bello, ma tra questo e tutti gli altri continuo a preferire il ben più sicuro ford ranger 2012, del quale ne sarò presto propietario
Pagine