PRIMO CONTATTO

Jeep Compass: bada più ai passeggeri che ai bagagli

Anche con il 1.6 a gasolio da 120 CV la nuova Jeep Compass si conferma confortevole e facile da guidare. Non dei più capienti il baule.

7 giugno 2017
  • Prezzo (al momento del test)

    € 31.250
  • Consumo medio

    22,7 km/l
  • Emissioni di CO2

    117 grammi/km
  • Euro

    6
Jeep Compass
Jeep Compass 1.6 Multijet Limited
Anche a due ruote motrici

Dopo il test della nuova Jeep Compass 2.0 Multijet 4WD AT8, con cambio automatico, trazione integrale e 140 CV (leggi qui il primo contatto), ecco il nostro report sulla 1.6 turbodiesel, che ha 120 CV, le ruote motrici solo anteriori e il cambio manuale a sei marce. Identico invece l’aspetto, che è “solido” ma non privo di eleganza (si ispira a quello della più grande Jeep Grand Cherokee); e con le grandi ruote in lega di 18” (di serie per la Limited del test), la Jeep Compass sembra ancora più “salda” sul terreno. Già in vendita e disponibile nelle concessionarie da inizio luglio 2017, la suv media della casa americana è proposta con motori da 120 fino a 170 CV. I prezzi sono compresi fra i 25.000 euro della 1.4 Multiair Sport a benzina (140 cavalli) e i 39.750 euro della 2.0 Multijet 4WD AT9 Limited a gasolio (170 CV). Entro fine anno, poi, si aggiungeranno le versioni Trailhawk, particolarmente “attrezzate” per il fuori strada.

Ricca, ma con navigatore a parte

La Limited è la più ricca delle Jeep Compass. Non costa poco, ma di serie ha l’apertura delle porte e l’avviamento senza chiave, il climatizzatore automatico bizona, il cruise control adattativo, il portellone ad apertura elettrica e i protocolli Android Auto e Apple CarPlay, per utilizzare gli smartphone dall’impianto multimediale della vettura. Tuttavia, per avere il navigatore (con ampio schermo di 8,4”) vanno aggiunti i 1.150 euro del pacchetto Infotainment. La Longitude costa 27.500 euro (3.750 in meno) e non ha tutti questi accessori. Ma di serie offre già il Bluetooth, i cerchi in lega di 17”, il climatizzatore manuale, il cruise control, i fendinebbia, la radio Dab, il sedile del passeggero anteriore ripiegabile per incrementare la capacità di carico, oltre ai sensori posteriori di distanza e a sistemi di sicurezza come la frenata automatica d’emergenza (attiva fino a 50 km/h) e l’avviso di involontario salto di corsia.

Più spaziosa che ricercata

L’abitacolo della Jeep Compass è ampio e offre buon agio anche per le gambe di chi siede dietro. In due sul divano si sta comodi, e una terza persona seduta al centro non è troppo sacrificata, anche se l’imbottitura è dura. Le finiture non deludono, con materiali morbidi impiegati per la zona superiore della plancia e delle porte. Tuttavia, considerando il prezzo superiore ai 30.000 euro, qualche particolare più ricercato, che trasmetta un senso di ricchezza, non sarebbe guastato. In compenso, la Jeep Compass è pratica: i comandi sono intuitivi, anche quelli del valido impianto multimediale (chiara la grafica del maxi schermo di 8,4” in cima alla consolle), e la posizione di guida rialzata è comoda (complete le informazioni del cruscotto, con esteso display fra contagiri e tachimetro); peccato solo che i tanti portaoggetti siano privi di rivestimento anti rumore, e che nessuno sia refrigerato. Il baule è ben accessibile e di forma regolare, ma la capienza con cinque posti in uso è piuttosto ridotta per una suv lunga 439 cm. E non si può disporre del doppio fondo degli altri allestimenti della Jeep Compass: è occupato dalla ruota di scorta, di serie per la Limited.

Buche? quali buche?

Adatta a una guida rilassata, la Jeep Compass 1.6 Multijet Limited non è affaticante: lo sterzo è leggero (migliorabile, però, la precisione) e il pedale della frizione è piuttosto morbido (ok la manovrabilità del cambio). Sincera nelle reazioni e con un rollio non troppo accentuato, l’auto ha un’apprezzabile agilità e tiene bene la strada. Nonostante i generosi pneumatici 225/55 R 18, l’assorbimento delle sconnessioni è efficace. Anche l’isolamento acustico dai rumori esterni è di buon livello e il rumore del motore non dà fastidio. I 120 cavalli sono pronti a tutti i regimi, spingono fluidi e garantiscono un brio adeguato: credibili gli 11 secondi dichiarati nello “0-100” e anche i 185 km/h di punta. Quanto ai consumi, nel corso del test su strade extraurbane il computer di bordo ha calcolato la non eccezionale media di 13 km/l. 

Secondo noi

Pregi
> Comandi. Sono intuitivi, compresi quelli del moderno sistema multimediale.
> Comfort. L’abitacolo è spazioso e le sospensioni filtrano efficacemente le buche.
> Guida. Facile e sicura, questa suv è rilassante e poco affaticante.

Difetti
> Baule. Non è fra i più capienti.
> Dettagli. Considerato il prezzo, ci aspettavano finiture più ricercate e il navigatore di serie.
> Portaoggetti. Nessuno è refrigerato e nemmeno rivestito.

SCHEDA TECNICA
Carburante gasolio
Cilindrata cm3 1598
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 88 (120)/3750 giri
Coppia max Nm/giri 320/1750
Emissione di CO2 grammi/km 117
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 185
Accelerazione 0-100 km/h (s) 11
Consumo medio (km/l) 22,7
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 439/182/163
Passo cm 264
Peso in ordine di marcia kg 1430
Capacità bagagliaio litri 368/n.d.
Pneumatici (di serie) 225/55 R18
VIDEO
Jeep Compass
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
143
69
36
27
18
VOTO MEDIO
4,0
3.996585
293
Aggiungi un commento
Ritratto di giovanni enrico53
11 luglio 2018 - 18:06
sono molto stupito da giudizi tranchant del tipo Io Io io, , intanto sarebbe buona educazione esporre le proprie idee, con un minimo di educazione, una cosa è affermare, anche con forza, non mi piace o meglio ancora non è nelle mie corde, non fa per me, una cosa è dire fa schifo; così si offendono quanti, tutto sommano la trovano accettabile e perché no bella! fortunatamente la bellezza è ancora soggettiva, ancora, pensavo che la stirpe degli italiani che trovano tutto quello che non è italiano bello di qualità meraviglioso, si fosse estinta, a quanto pare no! se la caduta di stile per aver falsificato i risultati delle analisi sui fumi, la avesse fatta qualche casa Italiana apriti cielo ……..tutto il mondo è paese, ma smettiamola di deriderci chi trova così non conveniente vivere in Italia, può con poca strada arrivare nel paradiso del bello e finalmente vivere la sua vita nel modo migliore, circondato da gente ingamba possibilmente , senza ammorbarci con inutili autolesionismi neppure tanto originali; nessuno di noi è il verbo incarnato, per quanto riguarda poi la qualità, non ho fino a ieri viaggiato su Rolls-Royce e quindi il mio metro di paragone e un po' più terra terra, ma veniamo alla compass credo in tutta onestà che sia un buon compromesso, che possa ben figurare con la concorrenza, (certamente visto il vecchio modello il salto di qualità è stratosferico, per lo meno per il gusto italiano europeo), questa è elegante pur con una carrozzeria importante, un po' massiccia, gli interni li trovo sobri, ma di buona qualità plastiche morbide e ben assemblate senza grossi svarioni, nel classico stile americano, ingentilito da chi, se ne dica, detta legge non da solo, certo, nel mercato del Design, e non siamo secondi a nessuno neppure nello sviluppo della meccanica, tanto è se vi pare, sia nelle moto che nelle macchine, ma scusate la Mercedes GLA. è mercedes. ormai tutti si servono di tutti e componentistica motori ecc. poi mi dite che se ne fa chi abita al mare di una 4x4 è innegabile che oggi chi si compra un suv lo fa perché in questo momento è modaiolo e piace , e devo dire mi piace anche molto, è toccato alla giardinetta alle monovolume ecc. ora tocca ai suv naturalmente una Q7 o una cherokee in città forse sono un po' eccessive, ma questa compass anche con il tanto vituperato multijet ancora oggi uno dei migliori diesel in commercio può dire la sua senza sfigurare
Pagine