PRIMO CONTATTO

Kia Rio: vivace anche a gasolio

Look più grintoso per la quarta edizione della Kia Rio, piacevolmente briosa anche con il 1.4 turbodiesel da 90 CV. Nelle “retro”, però, si fatica un po’.

20 febbraio 2017
  • Prezzo (al momento del test)

    € 18.100
  • Consumo medio

    26,3 km/l
  • Emissioni di CO2

    98 grammi/km
  • Euro

    6
Kia Rio
Kia Rio 1.4 CRDi 90 CV Cool
Si conferma spaziosa

Dopo il nostro primo contatto della Kia Rio mossa da 1.0 a benzina da 100 CV (vedi qui), ecco il test della quarta generazione dell’utilitaria coreana mossa da un 1.4 a gasolio da 90 CV. La Kia più venduta al mondo, che ora ha un look più grintoso, si conferma accogliente, anche grazie alle poltrone larghe; peccato solo per l'imprecisa regolazione a scatti dello schienale (per il resto la posizione di guida è comoda), e per l’eccessiva altezza della soglia di carico (75 cm da terra), che complica le cose con gli oggetti pesanti. 

Un’auto sicura

Fra i vari dispositivi della Kia Rio, la frenata automatica con il riconoscimento dei pedoni: utilizza un radar che scorge eventuali pericoli di collisione con un altro veicolo e riconosce un pedone che attraversa la strada e, se necessario, aziona i freni dell’auto per rallentarla, sino a fermarla quando il guidatore non interviene. Già in concessionaria, la Rio in questa versione costa 18.100 euro; è disponibile, inoltre, anche con il 1.2 aspirato a benzina da 84 CV e il 1.4 a gasolio da 77. Più avanti arriverà il motore turbo a benzina 1.0 T-GDI da 120 CV (abbinabile pure al cambio automatico).

Facile da guidare

Su strada, la Rio ha sospensioni solide che favoriscono la tenuta di strada (di buon livello), con l’Esp che interviene tempestivamente. Facile da guidare e maneggevole, ha uno sterzo leggero; solo le retromarce risultano difficili per via della scarsa visibilità posteriore (comunque, di serie, ci sono i sensori di distanza). Il vivace 1.4 diesel è dotato di una buona spinta dai bassi giri e vibra poco, mentre il cambio manuale a sei marce è preciso negli innesti dei rapporti. Solo la sesta, un po’ lunga, obbliga a scalare per aumentare la velocità in fretta. Nel nostro test, in città e fuori, abbiamo percorso circa 20 km con un litro di gasolio: risultato buono, anche se i dati ufficiali parlano di 26,3 km/l. La vettura, secondo la casa, accelera da zero a 100 in 12 secondi: una prestazione che ci pare realistica, così come la velocità di punta di 175 km/h.

Secondo noi

PREGI
> Comfort. La posizione di guida è ok e l'abitacolo spazioso.
> Guida. Agile e maneggevole, tiene bene la strada.
> Motore. Il 1.4 a gasolio è pronto e con un’erogazione dolce. E non è rumoroso.
DIFETTI
 
> Regolazione schienale. Occorre effettuarla tramite una leva, a scatti: è imprecisa.
> Soglia di carico. Alta ben 75 cm da terra, rende più faticose le operazioni di carico di oggetti pesanti. 
> Visibilità posteriore. Il lunotto piccolo ostacola la retromarce: ci si affida ai sensori, di serie.

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1396
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 90 (66)/4000 giri
Coppia max Nm/giri 240/1500-2500
Emissione di CO2 grammi/km 98
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 175
Accelerazione 0-100 km/h (s) 12
Consumo medio (km/l) 26,3
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 407/173/145
Passo cm 258
Peso in ordine di marcia kg 1235
Capacità bagagliaio litri 325/980
Pneumatici (di serie) 195/55 R16
Kia Rio
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
38
42
31
11
6
VOTO MEDIO
3,7
3.74219
128
Aggiungi un commento
Ritratto di stevecar
26 febbraio 2017 - 11:46
Sono passato al porte aperte incuriosito dall'utilitaria coreana ma non ho neanche parcheggiato mi è bastato vederne alcuni esemplari di vari colori schierati nel cortile del concessionario. Veramente insipida, anonima, senza spunti estetici caratterizzanti forse si notava di più la 'vecchia versione' parcheggiata a fianco. Troppo devono pedalare questi orientali per fare auto (nonostante ingaggino designer europei) con un design concorrenziale con le europee!!!
Ritratto di oretaxa
27 febbraio 2017 - 13:59
L'auto mi piace: esteticamente valida, interni ben assemblati e curati nelle finiture, sospensioni consistenti, insonorizzazione lodevole. Veniamo ai punti negativi: troppo bassa di tetto e seduta, segue la tendenza attuale ad abbassare le auto sui 145cm, che per chi è alto o un po' più avanti di età è un ostacolo parecchio condizionante; il motore 1.0 turbo poi sotto i 2000 giri è morto e ci arriva lentamente (la mia Skoda 1.2 HTP 70cv è più brillante a quei giri, che sono i più utilizzati in città). Discutibile la mancanza di un sistema mild hybrid: Suzuki vi batte tutti.
Ritratto di Rubylux
6 marzo 2017 - 13:50
sinceramente paragonare questa rio alla baleno ce ne vuole...nn c'è paragone come bellezza estetica. inoltre la baleno è un ibrido che come la toyota è come fosse un benzina, infatti appena l'auto arriva a 50 km orari si passa a benzina in automatico. ho visto la macchina dal vivo, è veramente bella. la 1.4 da 90 cv full optional (oprional che ne segmento b nn si trovano e che su una di segmento c alzerebbero notevolmente il prezzo) con il mio usato del valore di 3000 € mi esce 14000 € (valore 20.900) l'ho anche provata e con le concorrenti : clio-fiesta-punto-polo-ibiza nn ci sono paragoni secondo me. prima di parlare andatela a vedere dal vivo ; )
Pagine