PRIMO CONTATTO

Lancia Ypsilon: anche lei si dà all’ibrido “leggero”

Pensionato il 1.2, sulla Lancia Ypsilon arriva il tre cilindri 1.0 mild hybrid: convince per la regolarità di funzionamento e promette di bere davvero poco. Ancora assenti, però, i moderni aiuti elettronici alla guida.
Pubblicato 28 maggio 2020
  • Prezzo (al momento del test)

    € 16.400
  • Consumo medio (dichiarato)

    25 km/l
  • Emissioni di CO2 (dichiarate)

    90 grammi/km
  • Euro

    6d
Lancia Ypsilon
Lancia Ypsilon 1.0 Hybrid Maryne
Vantaggi concreti

Come già successo poche settimane fa per le Fiat Panda e 500 (qui e qui i primi contatti), anche la “cugina” Lancia Ypsilon, sempre vendutissima in Italia a dispetto delle nove primavere sulle spalle, diventa ibrida “leggera”. La meccanica è la stessa per i tre modelli e si basa sul “mille” a benzina con tre cilindri e 70 CV. Si tratta di un motore tutto nuovo, con distribuzione a catena che non necessita di manutenzione e che manda in pensione il collaudato ma datato 1.2 a quattro pistoni (che rimane solo nella variante a Gpl). All’albero motore è collegata con una cinghia una macchina elettrica che nelle accelerazioni aiuta a muovere le ruote mentre nei rallentamenti viene trascinata, producendo corrente; svolge anche il ruolo di motorino di avviamento, con funzione di Stop&Start, e di alternatore. Come tutte le ibride, l’auto gode di molte agevolazioni da parte delle amministrazioni locali, che vanno dal libero accesso a certe Ztl ai parcheggi gratuiti o a tariffa ridotta sulle strisce blu di determinate città.

Partono le offerte

A parità di allestimento, la 1.0 Hybrid della Lancia Ypsilon costa solo 500 euro in più rispetto alla 1.2 che sostituisce: si parte da 14.450 euro per la Silver (che di serie offre il “clima” e poco altro). Ne costa 15.750 la più equilibrata Gold (ha anche la radio con schermo touch di 5’’, il volante e lacuffia del cambio in pelle, gli specchietti regolabili elettricamente, i sensori di distanza posteriori e i fendinebbia) e si arriva a 16.400 euro per la Maryne provata. Quest’ultima aggiunge i vetri posteriori scuri, i fari e i tergicristalli automatici e i rivestimenti in tessuto Seaqual, ricavato in parte riciclando bottiglie in plastica ripescate dal Mediterraneo. Questi sono i prezzi ufficiali, ma già da subito fioccano le promozioni. Fino al 30 giugno, infatti, è possibile accedere al finanziamento senza anticipo con prima rata nel 2021, a cui ne seguono (per la Silver) 18 da 115 euro e 72 da 185 euro (il taeg, però, è alto: 9,03%). In alternativa, si può ricorrere al leasing: 229 euro al mese senza anticipo (per 36 mesi e 30.000 km).

Dotazione da rivedere

Con il nuovo motore non arrivano miglioramenti nella dotazione della Lancia Ypsilon: per la sicurezza c’è praticamente solo l’Esp (manca anche la frenata automatica d’emergenza a bassa velocità, disponibile invece sulla più piccola Fiat Panda) e si pagano a parte anche gli appoggiatesta posteriori (€ 120) e il quinto posto (€ 250). Dentro, l’unica novità è il cruscotto, leggermente rinnovato nella grafica e che presenta un indicatore a lancetta per lo stato di carica della batteria del sistema ibrido: ha preso il posto di quello della temperatura del liquido di raffreddamento. Come in passato, si apprezzano la buona abitabilità in relazione alle dimensioni esterne (l’auto è lunga solo 384 cm) e alcuni “tocchi” eleganti e curati, come i rivestimenti morbidi sulla fascia della plancia e sui pannelli delle porte posteriori. Non tutte le plastiche, però, sono appaganti, e la posizione di guida richiede qualche compromesso dato che il volante è regolabile solo in altezza.

Motore riuscito

Il 1.0 è un valido sostituto del 1.2: spinge quanto serve già ai bassi regimi e può allungare senza sbalzi fino a quota 6000. Ma è guidando senza “correre” che dà il meglio: sulla Lancia Ypsilon non è mai rumoroso e convince anche per l’assenza di vibrazioni in marcia. Si avverte un lieve tremolio solo da fermi, quelle volte che l’elettronica non permette allo Stop&Start di entrare in funzione. Quest’ultimo sistema, comunque, è evoluto: mettendo il cambio in “folle” mentre si sta rallentando, il tre cilindri si spegne non appena si scende sotto i 30 km/h per aiutare a ridurre i consumi. Che promettono di essere bassi: la Lancia dichiara 25 km/l di media, ovvero un miglioramento del 24% rispetto al 1.2, e le nostre prove con la Panda e la 500 hanno confermato una sete di benzina ridotta: verificheremo presto come si comporta anche la Ypsilon.

Il miglioramento dei consumi passa anche dal nuovo cambio della Lancia Ypsilon, che ha sei marce (con sesta molto lunga, inadatta a riprendere con brio) anziché cinque: ben manovrabile, conserva la pratica leva in posizione rialzata. In marcia, l’intervento dell’unità elettrica è evidente non tanto quando si accelera, quanto nei rallentamenti: quando si accende la spia che indica che l’unità sta recuperando energia perché trascinata dalle ruote, il freno-motore aumenta un po’, aiutando a usare meno i dischi. La corrente così prodotta finisce in una batteria a 12V dedicata, posta sotto il sedile del guidatore. Per il resto, la guida della Lancia Ypsilon non cambia: lo sterzo non brilla per precisione e non è neppure molto leggero in manovra, e l’assetto è tarato per assicurare un buon comfort.

Secondo noi

Pregi
> CAMBIO. Le sei marce sono una rarità su auto di questa potenza: si sfruttano meglio i pochi cavalli e si limitano rumore e consumi. Buona la manovrabilità.
> COMFORT. Le asperità del fondo sono “lisciate” con efficacia.
> MOTORE. Ha un funzionamento regolare, vibra poco, non ha una “voce” invadente e assicura molti vantaggi riservati alle ibride “full”.

Difetti
> AIUTI ALLA GUIDA. Non ci sono neppure pagando.
> POSTO DI GUIDA. Il volante che non si regola in profondità impone dei compromessi.
> STERZO. Quelli precisi sono altri; e non è neppure “una piuma” in manovra.

SCHEDA TECNICA

Motore a benzina  
Cilindrata cm3 999
No cilindri e disposizione 3 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 51,5 (70)/6000 giri
Coppia max Nm/giri 92/3500
   
Motore elettrico  
Potenza massima kW (CV)/giri 3,6 (5)/ n.d. giri
Coppia max Nm/giri n.d.
   
Emissione di CO2 grammi/km 88
Distribuzione 2 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori tamburi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 163
Accelerazione 0-100 km/h (s) 14,2
Consumo medio (km/l) 25
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 384/168/152
Passo cm 239
Peso in ordine di marcia kg 1055
Capacità bagagliaio litri 245/820
Pneumatici (di serie) 185/55 R15

VIDEO

Lancia Ypsilon
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
156
91
93
109
193
VOTO MEDIO
2,9
2.8567
642


Aggiungi un commento
Ritratto di Hypercar_
29 maggio 2020 - 09:33
Esatto, usa ancora le tecnologie General Motors, la Astra la pensioneranno tra un bel po' (in Germania vende), sebbene sia era GM
Ritratto di Ale94
29 maggio 2020 - 18:00
PSA ha acquisito Opel nel 2017 ma ha un accordo che entro il 2024 deve eliminare dai listini i suoi modelli: Karl, Adam, Zafira, Mokka X, Cascada ecc infatti sono già andati fuori produzione ora di modelli sviluppati ancora da GM sono la gamma Astra e l’Insignia che è sta l’ultima di Opel che sono le più recenti e rimangono ancora in gamma. (Astra dovrebbe andare fuori produzione nel 2021 e Insignia si dice 2022 senza erede). Già la Crossland X e la Granland X sono PSA quindi ci vuole meno del previsto. Resta il fatto che la Lancia ha troppe sovrapposizioni nella fusione con PSA (Citroën e DS) e ormai vive solo di Ypsilon per il nostro mercato difficilmente ci investiranno soldi per rifare modelli e riportarla in Europa anche se spero venga sfruttata in modo diverso da come è gestita oggi che è penoso.
Ritratto di Hypercar_
29 maggio 2020 - 09:34
@Ale94 Putroppo è vero, Fiat campa di poco, vende solo in Italia molte Panda e 500l, all'estero se ne vedono poche, in 4 giorni in Olanda ne ho viste 5... Anche la Tipo pure in Italia non ha fatto chissà quali numeri, qua al nord sono poco comuni
Ritratto di Ale94
29 maggio 2020 - 17:46
Il mercato Italia non ha nulla a che vendere con l’Europa, fuori confine non vendi molte Panda la Ypsilon non esiste più perchè la Lancia ormai è solo per l’Italia e le Alfa nel 2020 non le vuole più nessuno. In Europa vendi le Jeep Renegade e Compass le 500 e 595 e basta ma non puoi andare avanti così. Già la 500l anche non la vuole più nessuno ed uscirà di produzione nel 2021 i suv l’hanno uccisa.
Ritratto di Giuliopedrali
30 maggio 2020 - 08:46
Le Jeep in Europa fai sul serio...
Ritratto di Alfiere
1 giugno 2020 - 09:53
1
Fa tutto la presenza del marchio e il costo del mezzo. E un auto carina, la trovi in quantità nei piazzali e i ricambi fiat in italia costano poco.
Ritratto di lazebiosas
3 giugno 2020 - 10:40
mah c'è chi vede l'erba del vicino sempre più verde. Si guarda sempre e solo a innovazioni per lo più superflue se non inutili Se un'auto e solida e va bene non conta. Ma la volete capire che la maggior parte della gente se cerca un'auto piccola vuole che vada bene e costi poco? E preferisce rinunciare ad avere touch screen o idiozie varie?Ho tenuto una Y 5 anni e mai un problema. Ma c'è chi ammira solo le tedesche, che come modelli hanno un'evoluzione estetica inferiore a quella dello squalo. per fortuna non ragionano tutti come voi.
Ritratto di Cosworth141090
3 giugno 2020 - 10:14
Perché il mercato automobilistico Italiano è una bolla all'interno della quale aleggiano potere d'acquisto mediamente scarso/modesto e mentalità piuttosto ignorante in ambito di innovazione tecnologica. Se la vedi in quest'ottica, ti spieghi il perché: 1) abbiamo il parco auto circolanti che è tra i più vecchi in Europa; 2) sopravvive un marchio (quale lancia) con UN SOLO modello a listino che è lo stesso identico da 10 anni (tempo in cui ogni altro modello di ogni casa automobilistica riceve almeno un restyling e viene sostituito); 3) Continuano a vendere (per altro anche con numeri non proprio pessimi) auto vetuste quali la Giulietta, riproposte da decadi in allestimenti diversi con nomi fantasiosi, a km 0 ed a scontistiche da discount per un prodotto obsoleto; 4) la Panda è la regina delle vendite, pur afflitta dalle stesse problematiche di anzianità di cui sopra.....ma basta una nuova tinta ed un motorino elettrico, et voilà! Un nuovo prodotto! ; 5) i marchi low costo quali Dacia vanno fortissimo..... prodotti che vadano al sodo, con un occhio alle generazioni precedenti in termini di tecnologia, ma questo al compratore medio non interessa (e quasi sempre nemmeno lo sa....basta che ci sia lo schermo touchscreen e si compra la merdomacchina col sorriso a 8472 denti)
Ritratto di rollotommasi
7 giugno 2020 - 10:50
Perché come Utilitaria da una sensazione di vettura ricercata perché qui ancora ci ricordiamo della storia Lancia. Fuori, all'estero sarebbe un po' difficile fare passare il messaggio che: "Vale la pena acquistare una Lancia Y, perché 28 anni fa la Delta integrale ha vinto Il sesto mondiale Rally oppure perché per un secolo ogni 10 anni la casa tirava fuori un modello che segnava a suo modo la storia."
Ritratto di Hypercar_
29 maggio 2020 - 09:31
Vero andrea, l'Alfa è stato abbastanza un flop, non si aspettavano poche vendite
Pagine