PRIMO CONTATTO

Mahindra KUV100: compatta (ma non angusta) e vivace

Lunga solo 370 cm, la nuova crossover Mahindra KUV100 è agile e abbastanza spaziosa. Ha un vivace 1.2 a benzina e un cambio ben manovrabile. Carente la dotazione di airbag.

11 aprile 2018
  • Prezzo (al momento del test)

    € 12.700
  • Consumo medio

    16,1 km/l
  • Emissioni di CO2

    146 grammi/km
  • Euro

    6
Mahindra KUV100
Mahindra KUV100 1.2 K8
Sa farsi notare

Costruita in India, dove è in vendita dal 2016, la Mahindra KUV100 si può ora ordinare anche in Italia (una promozione riduce il prezzo di listino di 1.000 euro). Con i suoi 370 cm di lunghezza (come una Fiat Panda City Cross) è una delle crossover più compatte, agili e versatili. L’auto ha una linea personale: la parte anteriore si fa notare per il frontale piuttosto prominente, con la sottile mascherina raccordata ai fari a sviluppo orizzontale. Gli archi dei passaruota accentuati (tanto che fanno apparire piccoli i cerchi in lega di 15”) e le vistose nervature lungo le fiancate e nel cofano danno un’aria personale. Inoltre, l’inserto in plastica color metallo sotto il paraurti conferisce una sensazione di robustezza. Le maniglie delle porte posteriori sono ricavate nella cornice dei finestrini: una soluzione riuscita a livello di stile, che però “ruba” un’ampia fetta di visibilità; questa caratteristica, unita alla forma del lunotto (piccolo e inclinato) rende indispensabile affidarsi ai sensori di retromarcia (di serie per l’allestimento K8) durante le manovre. Nella norma la capacità del baule, da 243 litri a 473 a divano abbattuto (misurato alla base dei finestrini), ma l’accessibilità è penalizzata dai larghi fanali orizzontali, che riducono la soglia di accesso (che è a ben 90 cm dal suolo) a soli 69 cm di larghezza.

Un abitacolo pratico

Saliti a bordo della Mahindra KUV100 si apprezza lo sforzo fatto dalla casa indiana per avvicinarsi agli standard europei. Le plastiche sono rigide, ma di aspetto piacevole (anche le rivali, in questa fascia di prezzo, non offrono una qualità apprezzabilmente migliore). L’ampia consolle centrale ospita un piccolo schermo a cristalli liquidi (non è del tipo a sfioramento) circondato dai tasti per gestire radio, computer di bordo (che rileva l’autonomia, ma non il consumo) e telefono. Comoda la posizione della leva del cambio nella consolle: è ben manovrabile e lascia una certa libertà di movimento a guidatore e passeggero. L’abitacolo è spazioso anche dietro, sia per le gambe sia per la testa; il divano è piatto (chi siede al centro non sta scomodo), come pure il pavimento, che nasconde anche un capiente vano, a cui si accede sollevando una botola. Notevole la capacità del portaoggetti tra i sedili anteriori, frazionato in più scompartimenti.

Non invita a correre, ma se la cava

Le ruote anteriori della Mahindra KUV100 (non è prevista una variante 4x4) sono mosse da un 1.2 a benzina a tre cilindri da 82 CV (il turbodiesel di pari cilindrata da 77 CV non è venduto in Europa). Abbinato a un cambio a cinque marce ben manovrabile, è piuttosto vispo in accelerazione. Ma non è silenzioso e presenta qualche vibrazione di troppo. Le sospensioni morbide, i cerchi di soli 15”, l’altezza da terra notevole (17 cm) e lo sterzo non molto preciso non invitano certo a una guida sportiva, ma la sicurezza di marcia è sempre buona (le reazioni sono ben controllabili). In tema di protezione del guidatore e del passeggero, però,  l’equipaggiamento della crossover indiana comprende solo il controllo elettronico della stabilità e il doppio airbag frontale; mancano all’appello i cuscini “salvavita” laterali e i moderni dispositivi di auto alla guida, come la frenata automatica (di serie ormai su alcune auto della stessa categoria). I consumi omologati sono un po’ elevati, e ci riserviamo di verificarli in occasione di un test approfondito.

Secondo noi

PREGI
Abitabilità. Anche ci siede dietro può contare su una disponibilità di spazio sorprendente per un’auto lunga solo 370 cm. 
Praticità. I numerosi vani portaoggetti migliorano la vita a bordo.
Cambio. Rapido negli inserimenti delle marce, è ben manovrabile (la leva è a portata di mano, nella consolle centrale). 

DIFETTI 
Bagagliaio. La capacità è allineata alle rivali, ma l’accessibilità lascia a desiderare, penalizzata dai larghi fanali orizzontali, che riducono l’imbocco, e dalla soglia a ben 90 cm dal suolo.
Sicurezza.  Mancano all’appello alcuni elementi ormai irrinunciabili, come gli airbag laterali, e i nuovi dispositivi di auto alla guida (frenata automatica, per esempio).
Visibilità. Penalizzata dalla forma del lunotto (piccolo e inclinato) e dai vetri posteriori, in parte “oscurati” dalla maniglie delle portiere. 

SCHEDA TECNICA
Carburante benzina
Cilindrata cm3 1198
No cilindri e disposizione 3 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 61 (82)/5500 giri
Coppia max Nm/giri 115/3500-3600
Emissione di CO2 grammi/km 146
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi
Freni posteriori tamburi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 148
Accelerazione 0-100 km/h (s) n.d.
Consumo medio (km/l) 16,1
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 370/173/166
Passo cm 239
Peso in ordine di marcia kg 1190
Capacità bagagliaio litri 243/473
Pneumatici (di serie) 185/60 R15
VIDEO
loading.......
Mahindra KUV100
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
23
4
17
15
50
VOTO MEDIO
2,4
2.40367
109
Aggiungi un commento
Ritratto di Adelmo
1 luglio 2018 - 15:29
Un ringraziamento corale da tutti gli italiani coscienti da parte della Mahindra di aver salvato la Pininfarina piena di debiti, acquistandola salvando un nome, una storia, conoscenza, tecnologia e molti posti di lavoro in Italia. Il modello da voi esposto in italia lav.s. kuv 100 può essere migliorata in base alle scelte del compratore limitando il costo ? Oppure possibile che possiate produrre in Albania riducendo il trasporto, il costo del lavoro e dell'energia elettrica . In attesa di ricevere recenti novità, Distinti Saluti .
Ritratto di MALALA
26 luglio 2018 - 11:29
Non vale piu' di 5.000 euro
Ritratto di Orestep66
26 luglio 2018 - 11:58
Ho avuto modo di provarla. Mi hanno sorpreso le finiture, certamente migliori di Dacia, lo spazio, davvero enorme in rapporto alle dimensioni e la risposta del piccolo 3 cilindri, davvero reattivo. In effetti però se vuole sfondare , deve costare ancora meno anche del prezzo lancio con sconto 1000 euro. Al momento l'ho scartata un pò per questo un pò perchè non dispone del sedile posteriore sdoppiato (per me necessario) e di un impianto a GPL montato in fabbrica.
Pagine