PRIMO CONTATTO

Maserati Quattroporte: diverso carburante, stessa grinta

Anche con il tre litri a gasolio guidabilità e prestazioni rimangono di alto livello, e la colonna sonora non delude grazie a due altoparlanti negli scarichi. Ancora poca, invece, l’elettronica a bordo (specie per la sicurezza attiva).

13 aprile 2014
  • Prezzo (al momento del test)

    € 98.373
  • Consumo medio

    16,1 km/l
  • Emissioni di CO2

    163 grammi/km
  • Euro

    5
Maserati Quattroporte
Maserati Quattroporte Diesel 275 CV
Stessa dotazione
 
Per la prima volta in sei generazioni la Maserati Quattroporte si può ordinare anche con un motore a gasolio: è il tre litri V6 già montato nella “sorellina” Ghibili, accreditato di 275 cavalli e con una robusta coppia massima di 600 Nm. Rispetto alla S col 3.0 V6 a benzina da 409 CV, il prezzo è più basso di oltre 13.000 euro, ma è bene ricordare che la Diesel ha la trazione posteriore anziché integrale (che arriverà, ma non prima di un anno). Un bel risparmio, insomma, considerando che la dotazione è la stessa (sei airbag, Esp, “clima” bizona, cruise control, fari bixeno con abbaglianti automatici, navigatore, sedili in pelle riscaldabili e regolabili elettricamente, sensori di distanza con telecamera di retromarcia e sospensioni a controllo elettronico). Inoltre, allo stesso prezzo si può ordinare la versione da 250 CV, non soggetta al superbollo e con gli stessi consumi omologati (16,1 km/l la percorrenza media). E se si pensa che il gasolio in una limousine sia un controsenso, basti ricordare che ogni anno, in Europa, vengono vendute oltre 13.000 vetture di questo tipo, con potenze comprese fra 250 e 300 cavalli. Da un propulsore nuovo, però, ci saremmo aspettati l’omologazione Euro 6 (già offerta da più rivali).
 
Ridurre il rumore
 
Il tre litri a gasolio è prodotto in Italia dalla VM di Cento (Ferrara) ed è una “vecchia conoscenza”, essendo derivato da quello montato nella Jeep Grand Cherokee. Rispetto a quest’ultimo, però, il motore delle Maserati Quattroporte presenta numerose modifiche di rilievo, quasi tutte volte a ridurre la rumorosità e le vibrazioni. Per esempio, i cuscinetti della turbina sono del tipo a sfere ceramiche, più scorrevoli e che permettono al turbo di entrare in azione con meno ritardo. Il collettore di scarico, invece, è a doppia parete (al pari dello scudo paracalore) per ridurre la propagazione di vibrazioni e rumore. La coppa dell’olio è “a triplo strato”: fra i due esterni di metallo ce n’è uno di materiale elastico che assorbe le vibrazioni. Il risultato? Se si esclude un leggero ticchettio tipico dei motori a gasolio subito dopo l’avviamento a freddo, è difficile pensare che sotto il cofano ci sia un turbodiesel. Specialmente se si preme il tasto Sport, che aziona l’Active Sound: un sistema composto da due altoparlanti inseriti nei terminali di scarico che simula (senza essere invadente) il rumore di un motore a benzina di grande cubatura. 
 
Forte senza sforzo
 
Quando è in temperatura e col sistema Active Sound disattivato, il motore è silenzioso e muove con scioltezza le quasi due tonnellate della Maserati Quattroporte, mentre il cambio automatico a otto rapporti sceglie dolcemente la marcia migliore. Il comfort è di buon livello e rimane tale anche con i cerchi di 21’ (5.124 euro) con gommatura ancora più larga e dalla spalla più bassa di quella dei 19’ di serie. A meno di non “settare” le sospensioni a controllo elettronico sulla taratura più rigida, traversine e buche vengono “digerite” con sufficiente efficacia, e il rumore di rotolamento rimane contenuto anche sull’asfalto drenante utilizzato in alcuni tratti autostradali. Benché alimentata a gasolio, la Quattroporte resta una Maserati e le prestazioni “ci sono”: affondando il pedale destro, l’auto balza in avanti con grinta; difficile dubitare dei dati dichiarati, che parlano di uno scatto da 0 a 100 km/h in 6,4 secondi e di 250 km/h di velocità massima (rispettivamente 6,8 e 240 per la versione da 250 CV). Inoltre, nei percorsi tortuosi bastano pochi metri per dimenticarsi di avere fra le mani una “berlinona” lunga 526 cm. Lo sterzo preciso, la corretta messa a punto delle sospensioni e l’elettronica non troppo invadente permettono di togliersi più di una soddisfazione nella guida. Potendo sempre contare su un freni potenti e dal comando ben modulabile. Volendo, si può anche decidere di cambiare marcia manualmente. operazione che diventa un piacere, grazie alle ampie palette dietro il volante, realizzate in vero metallo. 
 
Qualche scivolata
 
Il nuovo motore non porta con sé novità nelle finiture e nella dotazione: in un’auto di questo prezzo stonano certi particolari in plastica cromata anziché in vero metallo (dall’orologio nella consolle alla leva del cambio, alle bocchette dell’aria) e alcuni comandi sono poco gradevoli al tatto, specie quando tutt’attorno è un tripudio di pelle, inserti in legni pregiati o carbonio (rispettivamente a 1.586 e 3.660 euro) e Alcantara (materiale usato per il rivestimento del tetto: 1.556 euro). Luci e ombre, nella Maserati Quattroporte, anche per quel che riguarda l’elettronica: c’è quello che serve, ma niente di più; per esempio, il navigatore è di serie, ma la sua grafica non è all’ultimo grido; oppure, ben più grave, mancano i più moderni sistemi di sicurezza attiva come il cruise control adattativo e la frenata automatica d’emergenza. Nulla da ridire, invece, sull’abitabilità: dietro, anche i più alti possono accavallare le gambe e solo col cappello in testa si tocca il soffitto.
 
Secondo noi
 
PREGI
> Motore. Silenzioso e con un tiro adeguato per un’auto da 1885 kg che porta il logo Maserati sul cofano. 
> Guida. Sterzo, sospensioni e freni permettono di affrontare le curve in maniera impensabile per la maggior parte delle berline lunghe oltre cinque metri.
> Comfort. Senza eguagliare le migliori della classe, la Quattroporte non è affatto punitiva con i passeggeri: ok insonorizzazione e ammortizzatori.
 
DIFETTI
> Dettagli. Le plastiche a effetto metallo e certi comandi non proprio gradevoli al tatto non dovrebbero trovare posto in un’auto da quasi 100.00 euro.
> Dispositivi di sicurezza attiva. Ormai anche le utilitarie hanno la frenata automatica d’emergenza, e il cruise control adattativo è disponibile per tutte le rivali.
> Euro 5. Le migliori concorrenti sono omologate Euro 6 o lo possono diventare pagando un supplemento. Alla Maserati “ci stanno lavorando”.
SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 2987
No cilindri e disposizione 6 a V di 60°
Potenza massima kW (CV)/giri 202 (275)/4000
Coppia max Nm/giri 600/2000-2600
Emissione di CO2 grammi/km 163
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 8 (aut.) + retromarcia
Trazione posteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi autoventilanti
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 526/195/148
Passo cm 317
Peso in ordine di marcia kg 1885
Capacità bagagliaio litri 530
Pneumatici (di serie) 245/45-275/40 R 19

 

Maserati Quattroporte
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
260
47
13
5
15
VOTO MEDIO
4,6
4.564705
340
Aggiungi un commento
Ritratto di IloveDR
14 aprile 2014 - 17:16
4
più equilibrata come berlina di lusso sportiveggiante e, almeno esteticamente, ha raccolto in pieno l'eredità della "vecchia" Quattroporte...questa è troppo di rappresentanza con autista, come può essere anche una Rolls Royce, una Classe S, una Serie 7...quindi passata l'euforia iniziale cadrà nel dimenticatoio delle auto
Ritratto di BrunoRocco
15 aprile 2014 - 12:25
che se si mette uno che è molto più prestante con le donne di loro.Vorrà diro che gli metterà le corna con le loro mogli. In 4 posti di lavoro diversi e in tutti i lavori pure prima ai colloqui dicevano che ero ricchione quando in 4 anni non ho mai fatto nulla..Dicendo di suicidarmi.Io entro in una setta satanica e gli stacco il pube.Hanno beccato la persona sbagliata.Hanno beccato il diavolo.E moh son cazzi loro. E poi mi ubriacherò come loro e ci andrò dentro con la macchina. Però li ringrazio,prima ero bravo e pacifico adesso sono il diavolo.Si pentiranno amaramente di quello che hanno fatto e gli effetti,per fortuna su varie persone,li sto vedendo. Nell'attesa di bere il loro sangue e mangiare i loro organi. Queste guardie dovrebbero imparare 2 cose: rispettare gli altri,non avere i pregiudizi e essere umili. Si sentono dei superfighi e pensano di essere nel giusto solo perchè sono sposati o hanno una ragazza. Allora se per lavorare in fiat bisogna per forza avere una ragazza per non essere chiamati ricchioni. Vorrà dire che andrò con la prima racchia, (come hanno fatto loro) per poi farmi triturare i coglioni a casa e farmi comandare dalla mattina alla sera. Mia mamma mi ha sempre detto,fin da piccolo che ero 1000 volte peggio di hitler.Attenti alla luna e attenti alle congiunzioni astrali. Così imparate a inventare false cose sul mio conto.
Ritratto di NELLO NERO
16 aprile 2014 - 14:38
1
A parte le affermazioni fai da Te secondo me qui qualcuno è fuori tema più che fuori Maserati.
Ritratto di BrunoRocco
16 aprile 2014 - 18:29
Bisogna dare a Cesare quel che è di Cesare.E quindi dire che negli anni 60-70-80 era all'avanguardia nella tecnologia per aver inventato e migliorato motori bialbero,sistemi risparmio energetici modelli es,strumentazioni digitali,per aver inventato il motore diesel più piccolo del mondo (uno diesel),il motore robotizzato fire e per aver brevettato sistemi di robotica comau e di automazione e verniciatura. Vendette robot comau a renault e lì fece l'errore. Per aver creato modelli alfa a trazione posteriore con piacere di guida impagabile e insuperabile. Inventò l'antesignano dell'abs ma il progetto venne bocciato. Poi le sue utilitarie 127,panda,126 hanno sempre venduto milioni di esemplari in tutta Europa.E all'epoca erano sempre le più avanzate tecnologicamente e le più prestanti. Successivamente inventò il sistema common rail. Poi gli operai sabotatori e x colpa dei sindacati e vari conflitti crearono tensione,divisione,passaparola negativo. Quindi chi ha rovinato l'azienda sono stati gli operai sabotatori,i comunisti con le lotte di classe e il sindacato,i dirigenti per vendetta si fecero prendere la mano e se la presero con tutti.Tutti le parti andarono in tensione,successero tante cose. Se non ci fossero stati i comunisti e gli omicidi e gli attentati e tutti avessero fatto quello che dovevano le cose come sarebbero andate? Quindi x colpa dei sognatori comunisti poi chi comandava si è incazzato ma avrebbe dovuto prendersela di più con i suoi dipendenti invece che con altri imprenditori estranei alle sue vicende. Conclusione: mi compro una alfa usata su ebay.E nascondo una paletta delle forze dell'ordine sotto l'aletta parasole. Comprando una beretta e un coltello extrema ratio entrambi italiano potrò essere considerato nazionalista. E potrò giocare a guardie e ladri. L'Italia sarà sempre un paese di mafiosi e ci vorranno tantissime generazioni affinchè si superi il conflitto degli italiani che non si sono mai sentiti italiani e affinchè si superino le contrapposizioni ideologiche di razza. Dal punto di vista evolutivo l'Italia è indietro alla Francia,alla Germania e all'Inghilterra. Ha tanti vizi (difetti) ma anche tante virtù di ingegno,estro,creatività,tenacia e resistenza. Quindi ci buttiamo la zappa sui piedi tutti i giorni ma non è colpa nostra se abbiamo davanti a noi tanti detrattori
Ritratto di Lucky777
28 aprile 2014 - 01:40
Rientrarmene da un week end passato al mare e leggermi i commenti dell'articolo sulla 4porte è stato esilarante... Rocco spero che non sia superdotato come il suo omonimo (Siffredi) sennò spacca il culo a tutti hahaha... detto questo, ci son fans di ogni marchio come sempre, ma far il tifo stile stadio è asurdo...elogiare i motori diesel VM che tutti conosciamo, aggraziati nel sound solamente da 2 autoparlanti negli scarichi è patetico, a parte MB sia il gruppo VAG che BMW fa motori più prestazionali e silenziosi... come elogiare i motori a benzina che son al top della gamma pure... visto che S8 e S63AMG han motori più prestazionali e con consumi minori...oltre al fatto che la S8 costa monto meno della 4porte S... poi le diatribe sui pianali son assurde, son tutti ingenieri meccanici qui vero? Ben venga se un pianale viene condiviso e solo evoluto, a patto che questo serva x abbassare i costi di produzione, aumentare gli stipendi degli operai ed i costi del prodotto finale... non solamente per far arricchire i potenti ed i manenger i quali si aumentano i bonus e fan fare una vita da fame agli operai... poi sui motori che non siano già euro6 è una grande lacuna, visto che a breve sarà obbligatorio x tutti... e gli aiuti elettronici saran prodotti da aziende esterne, ma x 100k € uno li vorrebbe almeno come optional... se poi si pensa che i sedili massaggianti pure non sono in listino, alcune finiture son di basso livello e x montare cerchi da 21p ci vogliono 5000 e passa€ boo...ritando le somme finali, è una auto bella di estetica ed alcuni dicono che da piacere di giudabilità ma ci si ferma qui, perchè oggettivamente sotto molti aspetti è surclassata dalla concorrenza... e non pensate che sono un fans di qualche marchio occulto, alla fin fine a me questa 4porte piace molto, e l'unica che ritengo valida e proponibile in rapporto qualità-prezzo-prestazioni è la versione S Q4, 10000€ in più della diesel con monla sostanza in più e 40k in meno della gts che avrà bensì più allungo, ma in accelerazione 2 decimini son ben pochi... ma come pro ha la trazione integrale che da tanta sicurezza sul bagnato o su strade viscide... ps:per gli ostentatori del lusso e della radica a supplire alle parte in plastica, vorrei precisare che a parte sulla GTS perfino la radica è a pagamento(minimo 610€), e per i fumatori danno giusto un posacenere squallido e porticcio mentre ogni auto, anche la più schifosa dai tempi di mio nonno dava un posacenere incastonato con accendisigari...
Ritratto di germanmen
2 maggio 2014 - 17:56
Ma che schifo di tricicli fa la maserati? Meglio la prinz
Ritratto di gattus
18 maggio 2014 - 21:15
linea bellissima che lascia senza fiato, e lontana (per fortuna) anni luce dalla freddezza e dalla "pacchianità" di certe tedesche! e chissenefrega se non è euro 6!
Ritratto di wiger
27 settembre 2015 - 04:11
ai ai cosa combinate in maserati ,nel posteriore delude, sempre tra le palle queste sagome audi mi sembra di vedere una audi A5 ristilizzata,questo non è rinnovare ma è copiare,per il resto non è male mi dispiace proprio vi devo dare un voto scadente
Ritratto di wiger
28 settembre 2015 - 20:37
copiare gli allineamenti da un marchio di serie C vuoldire denigrare un nome così in alto come maserati
Pagine