PRIMO CONTATTO

Mazda 2: cambio ottimo, bella guida, divano discreto

La nuova piccola Mazda 2 punta su sportività e dotazione all'avanguardia. Bene la guida e le finiture, un po' meno lo spazio.

13 febbraio 2015
  • Prezzo (al momento del test)

    € 17.800
  • Consumo medio

    22,2 km/l
  • Emissioni di CO2

    105 grammi/km
  • Euro

    6
Mazda 2
Mazda 2 1.5 90 CV Exceed
Piccola, ma con grinta
 
Avevamo già avuto modo di guidare in anteprima la nuova edizione della Mazda 2, una piccola cinque porte caratterizzata da forme grintose e snelle: si trattava della turbodiesel 1.5 da 105 cavalli, che arriverà in Italia il prossimo mese di maggio. Il test di oggi, invece, si riferisce alla versione a benzina, già ordinabile da qualche settimana. 
 
Ricca dotazione
 
I motori a benzina della Mazda 2 sono due “1500”, a iniezione diretta e omologati Euro 6, con potenze di 75 oppure di 90 cavalli. Il primo è disponibile per l'allestimento “base” Essence, con climatizzatore, radio, sei airbag, tre anni di garanzia e gli specchietti regolabili elettricamente, al prezzo di 13.900 euro, oppure per il più ricco Evolve che, per 14.600 euro, offre anche il cruise control, il Bluetooth e i retrovisori sbrinabili. La Evolve da 90 CV costa invece 15.150 euro; aggiungendone altri 2.650, infine, ci si può portare a casa la Exceed del nostro test. Il sovrapprezzo è consistente, ma la dotazione diventa davvero ricca: di serie ci sono i cerchi in lega di 16", i fari completamente a led, lo schermo centrale di 7" con il navigatore, i sensori di parcheggio posteriori, la frenata antitamponamento (attiva fino a 30 km/h) e l'allarme in caso di  uscita involontaria dalla corsia di marcia.
 
Sportiva dentro
 
L'abitacolo della Mazda 2 è moderno, personale e, nel complesso, realizzato con cura: l'effetto è gradevole. Sportivo il cruscotto, con il grande tachimetro centrale contornato da due strumenti digitali: che, però, sono così piccoli da essere poco leggibili (in particolare il contagiri, posto sulla sinistra). Scegliendo il pacchetto i-ActiveSense Technology, che costa 600 euro e include l'head-up display, si ottiene invece una strumentazione diversa (con ampio contagiri a lancetta e tachimetro digitale) e di lettura più agevole. Lo schermo a sfioramento è ben posizionato (in alto nella plancia) e si aziona facilmente (anche con i raffinati comandi nel tunnel centrale).
 
Dietro, non è enorme
 
È comoda anche la posizione di guida della Mazda 2, che ha l'unico lieve difetto della regolazione dello schienale solo a scatti (a rotella sarebbe più precisa). Lo spazio disponibile è buono davanti, mentre sul divano solo un paio di adulti di media altezza stanno abbastanza comodi, senza contare che le dimensioni ridotte dei finestrini e i grandi poggiatesta anteriori privano di un po' di visuale e di luce, e che mancano le tasche nelle porte e le maniglie sul soffitto. Il bagagliaio è più ampio di quello del precedente modello, come, del resto è lecito aspettarsi, visto che la lunghezza della vettura è cresciuta di ben 14 cm; la capacità (280/950 litri invece di 250/787) non è comunque fra le migliori della categoria, mentre la bocca di carico piuttosto stretta e il fondo distante ben 25 centimetri dalla soglia rendono meno facili i carichi “difficili”. 
 
Il “1500” spinge bene
 
Come tutta la vettura, il motore è interamente nuovo, e anche piuttosto particolare. Adesso che vanno di moda i “1000”, magari rinvigoriti dal turbo, la Mazda ha optato per un quattro cilindri relativamente "grosso", con iniezione diretta della benzina ed elevato rapporto di compressione nei cilindri (ben 14:1) per aumentarne il rendimento. Il risultato, su strada, è una spinta pronta e priva di sgradevoli picchi, che diventa vigorosa ai regimi medi e alti. Le marce sono così lunghe (in quinta, a 130 orari, si viaggia a 3000 giri) da smorzare l'impressione di brio, ma basta guardare il tachimetro per capire che il notevole scatto dichiarato (“0-100” in soli 9,4 secondi) è a portata di mano. A una prima impressione, anche i consumi sembrano buoni: stando al computer di bordo siamo stati attorno ai 15 km/litro, e senza guidare come tartarughe.
  
Ben guidabile
 
La Mazda 2 è un'auto maneggevole e che dà un'immediata confidenza: lo sterzo è leggero ma anche preciso, il cambio ha innesti morbidi e ben definiti e accetta qualunque “strapazzo”. La capacità di assorbire lo sconnesso ci è parsa buona, mentre il rumore dovuto alle gomme e all'aria che scorre sulla carrozzeria inizia a filtrare nell'abitacolo già a 70-80 km/h. E pure il “1500” si fa sentire (anche con qualche sottile vibrazione) quando lo si sfrutta più a fondo.  
 
Secondo noi
 
Pregi
> Cambio. Preciso e morbido negli innesti, si usa con piacere.
> Dotazione. Tanti accessori di serie, e molti di pregio.
> Facilità di guida. Motore e sterzo sono molto progressivi.
 
Difetti
> Bagagliaio. La bocca di carico non è ampia e la capacità non è delle migliori.
> Cruscotto. Quello di serie ha un contagiri quasi illeggibile.
> Divano. Spazio e “aria” non sono il massimo per la categoria.

 

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1496
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 66 (90)/6000 giri
Coppia max Nm/giri 148/4000
Emissione di CO2 grammi/km 105
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 5 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 183
Accelerazione 0-100 km/h (s) 9,4
Consumo medio (km/l) 22,2
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 406/170/150
Passo cm 257
Peso in ordine di marcia kg 975
Capacità bagagliaio litri 280/950
Pneumatici (di serie) 185/60 R16

 

VIDEO
Mazda 2
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
139
84
42
17
23
VOTO MEDIO
4,0
3.98033
305
Aggiungi un commento
Ritratto di lucios
13 febbraio 2015 - 19:44
4
......Mazda, grande marca!
Ritratto di ilmat
13 febbraio 2015 - 19:46
1
Secondo me una delle migliori creazioni, la prenderei proprio nella versione del test, top di gamma con il pacchetto colmo di ausili elettronici di sicurezza e nel motore 1.5 da 90 cv. Complimenti a Mazda, ottima macchina!
Ritratto di rikykadjar
13 febbraio 2015 - 21:47
3
Molto carina, specialmente in questo grigio, interni stupendi ma non mi convincono i cerchi in lega
Ritratto di H-ROSSA無限
14 febbraio 2015 - 21:00
1
Secondo me la più bella utilitaria attualmente in giro. Peccato che la rete di vendita sia ridicola da noi (come molti brand giapponesi ), comunque il Kodo Design è stato devvero un ottimo passo avanti per Mazda.
Ritratto di gattus
15 febbraio 2015 - 13:55
Finalmente una compatta che non segue la moda dei frullini a 3 cilindri! Un bel 1.5 non tirato che promette di andare molto bene, durare meglio e più a lungo probabilmente di tanti "millini" e alla fine consumare pure meno! Molto bella la linea poi...
Ritratto di paopark
15 febbraio 2015 - 23:30
veramente ben riuscita e al prezzo giusto, sarebbe utile l'aggiunta di qualche altra motorizzazione, giusto per variare un po', il 1.5 così "compresso" mi sembra un po' un'idea al risparmio, comunque credo anch'io che possa essere (qualitativamente) il punto di riferimento della categoria, altra incertezza me la da la strumentazione, un po' troppo "giapponese" per i miei gusti ... mi piacerebbe sapere cosa ne pensa la rete
Ritratto di Bimmer81
16 febbraio 2015 - 17:45
Come si fa a partire con le vendite senza un propulsore diesel.....bisogna aspettare Maggio!mah!!!!!!!
Ritratto di Dr.Tonnys
16 febbraio 2015 - 17:58
Mi piace, è una "3" più piccola. La mia 3 diesel 2.2 Exceed ha compiuto un anno ieri, 27.500 km supersoddisfatto!!! Consumi da utilitaria, ottime prestazioni. La ricomprerei subito.
Ritratto di francmel
16 febbraio 2015 - 20:05
Molto bella,ma 18000 euro per il benzina sono un furto. Con quei prezzi non avrà mai successo.
Ritratto di Asburgico
16 febbraio 2015 - 21:53
18000 ma non è il prezzo base ma una quasi full optional. Una polo ti viene a costare di più, anche se come rivendibilità non c'è paragone. Anche una 500 lounge 105TA si aggira quasi su quella cifra. Idem per clio o 208. E' un prezzo che è nella media. 15 anni fa nessuno avrebbe mai speso 36.000.000£ per una segmento B, ora è la norma. Ma è un altro discorso.
Pagine