PRIMO CONTATTO

Mercedes A: se vuoi, può anche non graffiare

Con 306 CV la più grintosa delle Mercedes Classe A ha prestazioni mozzafiato e, per una sportiva, un buon comfort. Scomodi, però, alcuni comandi e la dotazione è da integrare.

5 dicembre 2018
  • Prezzo (al momento del test)

    € 47.000
  • Consumo medio

    13,7 km/l
  • Emissioni di CO2

    167 grammi/km
  • Euro

    6d-TEMP
Mercedes A
Mercedes A AMG-35 4MATIC
Più cattiva col pacchetto

Nella mani dei tecnici del reparto sportivo AMG la Mercedes Classe A è diventata una belva da 306 cavalli, che incolla al sedile con accelerazioni fulminee. Ma, si tratta pur sempre di una Mercedes e, per una sportiva, il comfort è sorprendente. Il “cuore” dell’A 35 AMG automatica 4Matic è il 2.0 turbo a quattro cilindri, abbinato al cambio robotizzato a sette rapporti. Di norma la trazione è davanti: se serve, una frizione a controllo elettronico può trasferirne fino al 50% dietro. Le linee fluide restano quelle delle versioni meno potenti, ma la AMG sfoggia paraurti più muscolosi e, con il pacchetto Edition 1 (8.034 euro), un vistoso alettone sul portellone e alette nere ai lati del paracolpi anteriore. Già in vendita, la Mercedes A 35 AMG automatica 4Matic costa 47.000 euro, comprensivi di fari full led, navigatore, pneumatici 225/45 R 18 e retrocamera. Però, considerato il prezzo, stupisce dover aggiungere 305 euro per Android Auto e Apple CarPlay, 244 euro per la radio Dab e 1.842 euro per il monitoraggio dell’angolo cieco nei retrovisori (nel pacchetto Assistenza alla guida). 

Hi-tech

Moderno come pochi altri e rifinito con cura l’abitacolo della Mercedes A 35 AMG automatica 4Matic non sarà dei più spaziosi (discreta, comunque, l’abitabilità), ma fa una gran scena. Il merito va ai due monitor 7” (per 549 euro di 10,25”) inseriti in un unico elemento rettangolare incastonato nella plancia (il tutto somiglia a un maxi tablet), dove sono raggruppati i comandi e i servizi di bordo. Gli schermi visualizzano una gran varietà d’informazioni, ma richiedono un minimo di apprendistato per utilizzarli correttamente tramite la superficie tattile fra i sedili o con gli estesi comandi vocali. Una chicca, la realtà aumentata (305 euro) per il sistema di navigazione: all’approssimarsi di una deviazione, mostra nello schermo le immagini riprese dalla telecamera frontale dell’auto, evidenziando i cartelli stradali e la traiettoria da seguire. E, per chi desidera divertirsi in pista, con altri 305 euro c’è l’AMG Track Pace: può memorizzare un circuito (mostrandolo sempre nel monitor) e prendere i tempi sul giro, dando anche consigli per migliorare la performance. Tuttavia, in certe condizioni di luce gli schermi non sono esenti da riflessi. Altra scomodità, i tasti: quello del freno mano, posto nel lato sinistro della plancia, non è raggiungibile dai passeggeri e quello delle “quattro frecce”, al centro della consolle, si può confondere con gli altri. Comodi, invece, i due tasti e la rotella (427 euro in tutto) inglobati nel volante per gestire, in stile Formula 1, la cinque modalità di guida e, se presenti, la tre tarature delle sospensioni a controllo elettronico (1.208 euro). Il pacchetto Edition 1 include anche comodi sedili più avvolgenti, con supporto per le cosce estraibile, e divano maggiormente sagomato, con poggiatesta integrati allo schienale che, però, riducono la visibilità. Invariata la discreta capacità del baule (380 litri a divano su).

Veloce con poco impegno

Appena 4,7 secondi per lo “0-100” e 250 km/h di velocità massima sono numeri da sportiva doc, che ci sembrano alla portata della Mercedes A 35 AMG automatica 4Matic. Quello che i dati non dicono, è la facilità con cui questa cinque porte permette di raggiungere prestazioni di rilievo. Stabile e con una tenuta di strada a tutta prova (anche per merito dei pneumatici 235/35 R 19 nel pacchetto Edition 1) l’auto è sincera nelle risposte. Lo sterzo, non troppo pesante e diretto, è preciso e il cambio automatico (con levette dietro il volante) rapido (anche se, talvolta, lo si vorrebbe ancora più lesto). In più, le sospensioni a controllo elettronico dell’auto del test minimizzano il rollio e garantiscono un buon assorbimento delle sconnessioni della strada. Un aspetto, quello del comfort, non scontato per un’auto di questo tipo, che si fa apprezzare anche per l’accurata insonorizzazione. Certo, il corposo rombo proveniente dall’impianto di scarico è ben presente nelle fasi di accelerazione, ma in una sportiva è soltanto un piacere. Quanto ai consumi, su percorsi extraurbani affrontati in parte con grinta e in parte in relax, il computer di bordo ha calcolato una media di circa 7 km/l.

Secondo noi

Pregi
> Comfort. Per una sportiva è buono.
> Facilità di guida. Si possono tenere andature sostenute con il minimo impegno.
> Prestazioni. Sono elevate, gli sportivi non rimarranno delusi.

Difetti
> Comandi. Alcuni tasti, come quello del freno a mano, sono scomodi.
> Dotazione. Stupisce che accessori come le funzionalità Android Auto e Apple CarPlay siano optional.
> Poggiatesta. Così alti e fissi, quelli posteriori riducono la visibilità.

SCHEDA TECNICA
Carburante benzina
Cilindrata cm3 1991
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 225 (306)/5800 giri
Coppia max Nm/giri 400/3000-4000
Emissione di CO2 grammi/km 167
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 7 (robotizz. doppia friz.) + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi autoventilanti
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 250
Accelerazione 0-100 km/h (s) 4,7
Consumo medio (km/l) 13,7
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 444/180/141
Passo cm 273
Peso in ordine di marcia kg 1480
Capacità bagagliaio litri 370/1210
Pneumatici (di serie) 225/45 R18
Mercedes A AMG-35 4MATIC
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
10
6
6
7
22
VOTO MEDIO
2,5
2.509805
51
Aggiungi un commento
Ritratto di ELAN
6 dicembre 2018 - 12:59
1
Prova a dire agli ingegneri Honda di toglierlo dalla Type-R perchè così è tamarra e vedi cosa ti rispondono.
Ritratto di ELAN
6 dicembre 2018 - 15:47
1
Dipende dalla tipologia di auto anche e da cosa deriva. Una GT con sottoscoccca progettato a fini aerodinamici e relativo estrattore solo APPARENTEMENTE non ha accorgimenti aerodinamici ma li ha eccome. Una hot hatch necessita di metterli fuori forse, poichè la carrozzeria ha resistenza maggiore, caratteristiche diverse e l'origine è diversa. Su sportive vere le aggiunte sono per modelli estremi, su hot hatch le aggiunte sono più essenziali ai fini della prestazione.. avendo carrozzeria più alta (ad esempio). Ma una 911 normale è meno pistaiola di Focus RS e CTR, non solo di GT3...
Ritratto di ELAN
7 dicembre 2018 - 09:58
1
Hai prove per smentire? Sennò sono opinioni. Resta il fatto che qua presentano versioni con e senza, i giappo no. Quindi o i giappo sono fessi e non vogliono vendere sportive semplicemente togliendo delle parti "tamarre" oppure per quelle auto le appendici sono parte integrante del progetto mentre per queste sono accessoristica.
Ritratto di ELAN
10 dicembre 2018 - 09:36
1
Ma cosa dici. Il tamarrismo impera anche su premium tedesche, e non han bisogno di alettoni... e i Jap sono gli stessi che disegnano le Mazda di ora, la Accord odierna, la GT86... e hanno prodotto la RX-7, la S2000, le Miata, la Prelude, la NSX, la Eclipse, il Pajero ecc... alcuni veri e propri mostri sacri del design internazionale, vere auto di culto. Non spariamo cassate, con grandissimo rispetto scritto.
Ritratto di ELAN
11 dicembre 2018 - 12:27
1
Ma cosa dici... hai visto la Civic Type-R e stai costruendo un castello di carte pretendendo di etichettare tutti i modelli, di etichettare uno "stile giapponese"... ma va là, dai..
Ritratto di ELAN
14 dicembre 2018 - 16:12
1
Per me sì.
Ritratto di Cosworth141090
5 dicembre 2018 - 19:03
Sinceramente, dando una rapida occhiata ai commenti precedenti (compreso il mio), le critiche principali che sono state mosse riguardano l'estetica. Che vada piano credo che nessuno sano di mente possa dirlo, e visto il tipo di auto ci mancherebbe pure! Di conseguenza, quello che una persona guida nella vita quotidiana, è ininfluente visto il tipo di auto di cui stiamo parlando (che tutto è fuorché adatta all'uso quotidiano). Poi per carità, l'estetica è sempre una questione di gusti, però (anche considerando gli orpelli optional quali l'alettone) così tante critiche, più o meno coerenti tra loro, secondo me son sintomo che evidentemente qualche cosa sul piano estetico è stato perso.... indipendentemente dai paragoni con le rivali. Parere personale ovvio, sempre con rispetto parlando.
Ritratto di money82
5 dicembre 2018 - 15:20
1
sicuramente un bel mezzo divertente, 300 cv su un' auto così piccola si fanno sentire. Lo spoiler mi sa tanto da germania o est europa, davvero brutto.
Ritratto di carmelo.sc
5 dicembre 2018 - 17:54
il frontale non è assolutamente male, meglio della vecchia sicuramente. Ma dietro sembra schiacciata dopo un incidente..
Ritratto di spruzzinoverdo
5 dicembre 2018 - 18:00
la due volumi piu' brutta di tutti i tempi.
Pagine