PRIMO CONTATTO

Mercedes GLA: ha “occhi” nuovi e promette di bere poco

Ritoccata nel frontale, la Mercedes GLA è sicura e facile da guidare. Col 2.1 turbodiesel da 136 CV non sembra consumare tanto. Poco pratici alcuni comandi.

11 aprile 2017
  • Prezzo (al momento del test)

    € 40.881
  • Consumo medio

    20 km/l
  • Emissioni di CO2

    130 grammi/km
  • Euro

    6
Mercedes GLA
Mercedes GLA 200 d Sport Automatic 4MATIC
Giusto un po’ di belletto

Nata nel 2013 sulla base della Classe A, la Mercedes GLA ha subito recentemente un leggero aggiornamento estetico: cambia il design di paraurti, fari (anche a led) e cerchioni; tra i colori si aggiunge il beige Canyon. Qualche modifica riguarda anche gli interni, con inediti materiali e rivestimenti, per esempio per i pannelli porta e la pelle dei sedili. Nuove pure le telecamere perimetrali (simulano la vista dall’alto della vettura, facilitando i parcheggi) e l’apertura senza mani del portellone, mentre la dotazione di sicurezza include la frenata automatica d’emergenza e il sistema che rileva il rischio di colpo di sonno da parte di chi guida. Oltre a leggere migliorie aerodinamiche (il coefficiente cx passa da 0,29 a 0,28) si segnala che, già a partire dall’allestimento Executive, è di serie l’assetto comfort offroad: è quello destinato al fuoristrada leggero e determina un aumento della luce a terra di 3 cm (con un’altezza minima dal suolo di 17,8 cm davanti e di 17 dietro). Ma c’è pure l’assetto sportivo (di serie per la Premium) ed è un po’ più basso di quello normale: 1,5 cm in meno.

Sicura sullo sterrato, comoda in autostrada

In città, la Mercedes GLA 2.2 D risulta poco faticosa da guidare, specie con il rapido e dolce cambio a doppia frizione a sette marce 7G-DCT. Peccato che la scarsa visibilità posteriore costringa ad acquistare i sensori di parcheggio (824 euro, col sistema di parcheggio automatico Parking Pilot, che individua gli spazi adatti all’auto e gira il volante in manovra). Fuori dal traffico, su strade tortuose, la macchina è ben “piantata” sulle quattro ruote e anche nei repentini cambi di direzione non evidenzia un rollio marcato. Lo sterzo è preciso e le sospensioni efficaci nell’isolare chi è a bordo dalle irregolarità dell’asfalto e dalle buche meno profonde. Sicuri i freni e la tenuta di strada, anche sul viscido: l’esemplare guidato non ha avuto difficoltà ad affrontare un percorso in fuori strada leggero, grazie alla maggiore altezza libera dal suolo e al collaudato sistema di trazione integrale 4Matic (basato su una frizione a lamelle a comando idraulico, che invia coppia anche alle ruote posteriori quando quelle anteriori perdono aderenza). In autostrada si viaggia senza stress, grazie all’accurata insonorizzazione dell’abitacolo, e quando c’è da riprendere velocità in fretta ci pensa il cambio automatico a scalare rapidamente le marce. Il 2.1 turbodiesel da 136 CV della Mercedes GLA è regolare nel funzionamento, fa sentire la sua spinta fin dai bassi regimi e alza la voce solo in piena accelerazione; tuttavia, non può certo dirsi brillante. In compenso, promette di pesare poco sul portafogli quando si va dal benzinaio: a fine test (effettuato in parte in autostrada e in parte su strade extraurbane di campagna) il computer di bordo ha indicato una percorrenza superiore a 15 km/l. Niente male.  

Potrebbe essere meno “tirchia”

La rinnovata Mercedes GLA è già in vendita, a un prezzo di partenza di 31.020 euro per la 180 d a gasolio da 109 CV e di 30.140 euro per la 180 a benzina da 122 CV. La Sport ha di serie le sospensioni comfort offroad, i cerchi in lega di 18”, i fari a led, i sedili sportivi in pelle ecologica e tessuto, l’avviamento senza chiave e la possibilità d’integrare gli smartphone col sistema multimediale. Un’auto da oltre 40.000 euro, però, dovrebbe avere di serie dispositivi quali i fendinebbia (228 euro), il cruise control (318 euro) e i sensori di distanza (che, come abbiamo già scritto, costano 824 euro e sono abbinati al sistema di ausilio al parcheggio).

Secondo noi

PREGI

> Linea. È originale, e con i leggeri ritocchi appare anche più moderna e accattivante
> Sospensioni. Fanno viaggiare comodi limitando il rollio in curva.
> Sterzo. Diretto e per nulla pesante, per agevolare la guida in città, non perde precisione in velocità. 

DIFETTI
 
> Brio. Senza essere fiacco, il 2.1 non è posì vivace: in alcune situazioni un po’ di brio in più farebbe comodo.
> Comandi. Quelli del “clima” sono in basso, nella consolle; inoltre, il pulsante per le frecce d’emergenza è piccolo e la leva del freno di stazionamento è a sinistra del volante.
> Visibilità. Dietro, i finestrini piccoli e il lunotto inclinato non lasciano vedere granché.

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 2143
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 100 (136)/3400-4000 giri
Coppia max Nm/giri 300/1400-3000
Emissione di CO2 grammi/km 130
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 7 (automatico) + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 200
Accelerazione 0-100 km/h (s) 9,9
Consumo medio (km/l) 20
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 442/180/149
Passo cm 270
Peso in ordine di marcia kg 1520
Capacità bagagliaio litri 421/1235
Pneumatici (di serie) 235/50 R18
Mercedes GLA
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
138
69
43
28
52
VOTO MEDIO
3,6
3.645455
330
Aggiungi un commento
Ritratto di Pierpaolo C
11 aprile 2017 - 23:29
40'000 € sono tanti per questa auto
Ritratto di Sepp0
12 aprile 2017 - 10:03
Una classe A rialzata venduta a un prezzo assurdo. Per me può rimanere a fare la muffa in concessionaria.
Ritratto di manuel1975
12 aprile 2017 - 18:04
ma non montano il nuovo 2.0 td da 150 cv?
Ritratto di paolonarcisi
12 aprile 2017 - 23:49
8
Vi dirò l'ho avuta per un mese, come sostituiva della B con problemi ad un pessimo cambio automatico doppia frizione altro che fluido etc.....Na s..A. comunque la macchina merita. Va bene a chi non ha famiglia è molto piccola dentro e di bagagliaio. In autostrada va bene effettivamente quel motore sulla mia B reagiva molto bene sulla flangia 4x4 non era brillantissimo ma posso assicurare che consuma veramente poco. Per il cambio...Lasciamo perdere io alla fine mi son dovuto togliere di mezzo la b dopo solo un anno e mezzo. Pessimo pessimo questo cambio su questo motore......sulla 180 che monta il 1500 Dacia va meglio.
Ritratto di Gordo88
13 aprile 2017 - 08:53
Per la redazione: il sistema di trazione 4 motion con frizione a lamella invia la potenza alle ruote posteriori quando le anteriori perfono potenza, non il contrario!
Ritratto di admin
16 aprile 2017 - 19:44
L'errore è stato corretto, grazie della segnalazione.
Ritratto di Luke_66
14 aprile 2017 - 13:34
4
Secondo me le 2 case Tedesche premium hanno fatto 2 errori... Mercedes ha sbagliato a fare una concorrente della vecchia X1 e adesso si trova un crossover alto 150cm che non e' molto apprezzato (BMW la nuova X1 l'ha alzata di ben 10cm..) Dal canto suo BMW ha sbagliato a voler fare la concorrente della classe B quando le vendite dei monovolume sono in caduta libera .... Detto questo, gli interni delle nuove MB mi piacciono molto e la GLA se non fosse cosi' bassa forse l'avrei anche presa dato che la GLK (che volevo prendere) e' stata sostituita dalla "informe" ed enorme GLC..
Ritratto di marcoluga
16 aprile 2017 - 22:33
La macchina mi piace ma concordo con te che è troppo bassa. Per essere veramente comoda dovrebbe essere almeno 1.60. Stessa musica per la A2, sono basse e quindi non piacciono a chi come me predilige i SUV.
Ritratto di Luke_66
14 aprile 2017 - 15:17
4
Ma dov'e' il selettore del cambio ? La manopola sul tunnel mi sembra quella del sistema multimediale e non quella del cambio come sulle RR e Jag.. dunque dove si seleziona P R N D etc.. ?
Ritratto di Luke_66
14 aprile 2017 - 15:21
4
Ha, ho visto... c'e' una leva dietro il volante stile auto americane anni 50 :)
Pagine