PRIMO CONTATTO

Mercedes GLC: potenza super, agilità meno

Con il 4.0 V8 biturbo da 510 CV, la Mercedes GLC AMG 63 sfodera potenza e coppia da vera sportiva, ben sfruttabili grazie al cambio automatico a 9 marce. Tra le curve, però, il peso (quasi 2000 kg) “rema contro”.

16 novembre 2017
  • Prezzo (al momento del test)

    € 132.330
  • Consumo medio

    9,3 km/l
  • Emissioni di CO2

    244 grammi/km
  • Euro

    6
Mercedes GLC
Mercedes GLC AMG 63 S 4MATIC
Ti (ri)conosco, mascherina

Sotto il cofano della Mercedes GLC, la suv media realizzata sul pianale della C berlina, gli specialisti della AMG (il reparto sportivo della casa della Stella) hanno installato il loro poderoso 4.0 V8 biturbo, dando così vita a una suv relativamente compatta (è lunga 466 centimetri), di linea classica e dall’aria solida, arricchita di tutta quelle modifiche all’assetto e alla trasmissione necessarie per rendere gestibile in sicurezza una potenza non da poco: 476 CV per la versione “base”, 510 per la versione S (quella che abbiamo guidato nel corso del test). Per sottolineare l’immagine sportiva della vettura, la Mercedes GLC AMG 63 S 4Matic si distingue a colpo d’occhio dalle altre versioni anche per la mascherina “panamericana”, che riprende cioè il design di quella delle celebri Mercedes 300 SLR che, negli anni 50 del secolo scorso, parteciparono con successo alla leggendaria Carrera Panamericana (una durissima e pericolosa maratona stradale che si disputava sulle strade del Messico). 

Ben fatta, con qualche risparmio

Accanto a prestazioni motoristiche rilevanti, una suv come la Mercedes GLC AMG 63 S 4Matic deve però avere tra i suoi punti di forza anche l’abitabilità ed il comfort. Missione riuscita: i sedili anteriori hanno un buon profilo anatomico, ma senza eccessive costrizioni, e quindi offrono buon supporto laterale nella guida sportiva, pur risultando accoglienti e confortevoli anche nelle lunghe trasferte. Il design dell’interno è piacevole: la plancia mostra linee pulite, con il volante di piccolo diametro e di solida presa. Un appunto va mosso però ai rivestimenti e alla selleria di serie, in “pelle ecologica”: da una vettura il cui listino supera i 100.000 euro (optional, come i sedili in pelle nappa, esclusi), aspettarsi qualcosa di meglio sarebbe lecito. Ottima, invece, l’insonorizzazione, e di buon livello il comfort acustico in generale. 

Meccanica pregevole

Il V8 4.0 litri della Mercedes GLC AMG 63 S 4Matic è un propulsore di grande raffinatezza ingegneristica e di elevato potenziale prestazionale. I tecnici tedeschi hanno scelto di rendere quanto più compatta tutta l’unità installando i due turbocompressori (e, di conseguenza, facendo uscire i collettori di scarico) all’interno della V formata dalle due bancate dei cilindri. Una soluzione razionale, che ha però il difetto di portare una forte sorgente di calore giusto di fronte alla paratia che separa l’abitacolo dal vano motore: e, almeno in certe condizioni climatiche, il caldo si sente… Il propulsore invia coppia (a sua volta rilevante, 700 Nm già tutti disponibili a soli 1750 giri) e potenza alle ruote attraverso un cambio AMG Speedshift automatico-sequenziale a 9 rapporti e doppia frizione, molto pregevole per rapidità e precisione, comandato da palette di selezione dietro il volante. La trazione è integrale a gestione elettronica 4 Matic+, ma con differenziale posteriore a bloccaggio meccanico. Le sospensioni pneumatiche a tre camere sono regolabili nelle loro risposte grazie al programma Dynamic Select: si viaggia sul velluto selezionando la modalità Comfort, mentre l’assetto diviene via via più solido e preciso nelle due modalità Sport e Sport+. Anche sul fronte “hardware”, però, la GLC AMG 63S è ben dotata: di serie ha ruote di 20” (di 21 pollici a richiesta) e un impianto frenante Brembo con dischi anteriori di 390 mm di diametro. 

Viaggia forte, ma non “danza”

Tuttavia, nella guida sportiva sul misto un limite è rappresentato dal peso, di poco inferiore alle due tonnellate, e dallo sfavorevole rapporto fra l’altezza (162 cm) e il passo, di 287 cm: la Mercedes GLC AMG 63 S 4Matic tende inevitabilmente a “coricarsi” in curva, mentre in frenata, soprattutto sul bagnato, impone di far sentire al volante chi comanda. Le prestazioni sono poderose, l’accelerazione in particolare è molto grintosa e il cambio a 9 rapporti esalta la progressione del propulsore. L’impianto frenante va dosato adeguatamente, ma è sempre all’altezza delle prestazioni. La velocità massima è limitata a 280 km/h: quanto è logico pretendere da una vettura di questo genere.

Secondo noi

PREGI
> Dynamic Select. Le sospensioni pneumatiche semi-attive offrono un’effettiva modulabilità.
> Prestazioni. Il V8 biturbo è sicuramente uno dei propulsori più performanti oggi in produzione.
> Trasmissione. Il cambio Speedshift AMG a 9 marce è perfettamente adeguato al motore.

DIFETTI
> Isolamento termico. In determinate condizioni climatiche, il sistema di scarico e i turbocompressori trasmettono calore nell’abitacolo.
> Rivestimenti interni. Non tutta la finizione dell’abitacolo è coerente con un prezzo decisamente elevato.
> Stazza. Il peso e l’altezza rendono impegnativa la guida sportiva sul misto.

SCHEDA TECNICA
Carburante benzina
Cilindrata cm3 3982
No cilindri e disposizione 8 a V di 90°
Potenza massima kW (CV)/giri 375 (510)/5500-6250 giri
Coppia max Nm/giri 700/1750
Emissione di CO2 grammi/km 244
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 9 (automatico) + retromarcia
Trazione integrale
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi autoventilanti
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 280 (autolimitata)
Accelerazione 0-100 km/h (s) 3,8
Consumo medio (km/l) 9,3
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 468/189/162
Passo cm 287
Peso in ordine di marcia kg 1935
Capacità bagagliaio litri 550-580/1600
Pneumatici (di serie) 265/45 R 20 - 295/40 R 20
Mercedes GLC AMG 63 S 4MATIC
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
7
7
7
2
4
VOTO MEDIO
3,4
3.407405
27
Aggiungi un commento
Ritratto di grande_punto
17 novembre 2017 - 16:33
3
Tanto bella quanto costosa
Ritratto di grande_punto
18 novembre 2017 - 21:18
3
Per una volta sono d'accordo con te...
Ritratto di marcoluga
19 novembre 2017 - 21:54
Che bella la griglia anteriore peccato non metterla su tutta la gamma !
Ritratto di bepaul
22 novembre 2017 - 14:57
1
La mascherina verticale panam mi piace...ma non avevano per le mani uno stemma diverso,un po stilizzato, nero su mascherina d acciaio o viceversa da proporre??
Ritratto di Challenger RT
29 novembre 2017 - 03:36
L'unico Suv Mercedes che mi piace esteticamente, così come l'unico motore, il V8 benzina 4.0. Per il resto qualche decina di migliaia di euro di troppo di cui non si trova giustificazione!
Ritratto di MarcoMB
11 aprile 2018 - 22:03
La Stelvio non è male ma è un Suv, Mercedes ha anche il Coupè.... In merito poi alla scelta, ognuno avrai i propri motivi. Io ho scelto Mercedes perché non me la sentivo di spendere tanti soldi per un prodotto che sostanzialmente ha ancora un’immagine non proprio all’altezza. Dal lato tecnico poi, ci sono molte differenze tecniche tra i due prodotti. Buon prodotto Alfa ma AMG è un altro livello. Detto questo, vi assicuro che in termini di prestazioni è un fulmine. Ho anche una porsche carriera 2 ma dico che non va più forte. Certo in handling non è la stessa cosa ma ci si diverte molto comunque e da soddisfazioni, con il vantaggio poi da non trascurare che è un’auto molto trasversale. Ci fai ogni cosa. Ciao a tutti.
Pagine