PRIMO CONTATTO

Nissan Juke: ti diverte tra le curve

La Juke Nismo è la versione più cattiva della crossover giapponese: vistosa (spoiler e “minigonne” a profusione), ha 200 cavalli e un assetto sportivo ma non troppo rigido. Ha una dotazione completa, ma non è certo “regalata”.

31 gennaio 2013
  • Prezzo (al momento del test)

    € 27.750
  • Consumo medio

    14,7 km/l
  • Emissioni di CO2

    159 grammi/km
  • Euro

    5
Nissan Juke
Nissan Juke 1.2 Acenta
La prima di una famiglia corsaiola

Questa originale crossover inaugura la gamma sportiva della Nissan, denominata Nismo (da Nissan Motorsport, la divisione sportiva della casa giapponese). Realizzata sulla base della 1.6 DIG-T, la Juke Nismo si distingue innanzitutto per la vistosa caratterizzazione sportiva della carrozzeria (“minigonne”, spoiler anteriore e posteriore, estrattore d’aria posteriore e cerchi di 18”); è disponibile, in Italia, solo con il colore bianco perlato, che ben si intona con il rosso del guscio degli specchi retrovisori e del “filo” che corre lungo la parte bassa della carrozzeria. Gli interventi del reparto sportivo della Nissan, però, non si sono limitati all’esterno: motore e assetto sono stati sottoposti a una cura sportiva. Il 1.600 turbo a iniezione diretta di benzina, derivato dalla versione da 190 CV montata sulla 1.6 DIG-T, qui ne sviluppa 200 ma, secondo i dati dichiarati, emissioni e consumi non sono aumentati rispetto a quelli del propulsore di partenza.  
 
Veloce e ben frenata
 
Lo sterzo (servoassistito elettricamente e più diretto) e la taratura rigida delle sospensioni (che non pregiudica troppo l’assorbimento delle asperità della strada) rendono la guida della Juke Nismo molto divertente nei percorsi ricchi di curve, dove si può contare anche su un motore che dimostra una bella grinta sin dai 2000 giri, senza mai essere troppo rumoroso. Le prestazioni dichiarate dalla Nissan sono notevoli (e ci sono sembrate realistiche): accelerazione da 0 a 100 km/h in 7,8 secondi e velocità massima di 215 km/h. Convincono anche i freni, che hanno un buon mordente, e il cambio, ben manovrabile (la sesta marcia, però, va “cercata”: le prime volte, anziché passare dalla 5ª alla 6ª, si rischia di scalare in 4ª). Utile il Dynamic Control, il dispositivo che consente di modificare, tramite i pulsanti collocati nella consolle centrale, la risposta del motore e dello sterzo scegliendo fra tre differenti modalità: “Eco”, “Normal” o “Sport” (per guida “tranquilla”, normale o sportiva).
 
Non ti fa rinunciare al comfort
 
Gli interni della Juke Nismo sono caratterizzati sportivamente, ma senza esagerare. Appena si sale a bordo si notano subito gli ampi sedili anteriori di foggia corsaiola, che trattengono bene in curva il guidatore e il passeggero anteriore, ma non risultano per niente rigidi: anzi, molte tedesche da famiglia hanno poltrone meno imbottite. Il rivestimento in camoscio, con i fianchi traforati, è curato e ci è sembrato resistente. Chi siede dietro, però, deve fare i conti con un soffitto non molto alto e con il divano che accoglie comodamente solo due adulti. A un esame più approfondito, ritroviamo una certa povertà delle plastiche della plancia e dei pannelli delle portiere (come nelle “sorelle” più economiche della gamma) ma anche alcune “chicche” piacevoli, come il tunnel centrale verniciato in grigio lucido, con la torretta che ospita la leva del cambio. A sottolineare la sportività della versione Nismo, il rosso della strumentazione e del piccolo anello nella parte superiore della corona del volante, rivestita in Alcantara e pelle. In questa versione sportiva, destinata soprattutto ai giovani, “pesa” meno la scarsa capacità del bagaglio (da 251 a 830 litri) che, tuttavia, si fa apprezzare per la buona accessibilità.
 
Disponibile pure a trazione integrale
 
Rispetto alla 1.6 DIG-T Tekna, da cui deriva, la Juke Nismo costa 3.550 euro in più. Non è un prezzo “stracciato” (27.750 euro, esattamente come la Mini Countryman Cooper S da 184 CV), ma offre di serie gli interni in camoscio e tessuto, i cerchi di 18”, le luci diurne a led e la vernice perlata. C’è anche una versione a quattro ruote motrici, solo con cambio a variazione continua: è la Nismo X-Tronic, proposta a 31.250 euro. 
 
Secondo noi
 
PREGI
> Dotazione. Non manca praticamente nulla: ha anche il navigatore satellitare, la telecamera di parcheggio, i cerchi in lega di 18” e la chiave elettronica. 
> Guida. Molto piacevole: tenuta di strada elevata, sterzo preciso e frenata potente. Inoltre, l’assetto non è così rigido da penalizzare troppo il comfort. 
> Motore. Un 1.6 turbo a iniezione diretta di benzina che ha dei bei “numeri” (200 cavalli) e si dimostra sempre sfruttabile anche nella zona bassa del contagiri.
 
DIFETTI
> Abitabilità. Dietro non si sta comodi: il soffitto è piuttosto basso e il divano non può ospitare comodamente più di due persone. 
> Baule. Piccolo: alcune utilitarie hanno un vano più capiente. In compenso, l’accesso è agevolato dall’ampio portellone. 
> Finiture. Nel complesso la Juke è un’auto dagli interni appaganti, ma le plastiche rigide della plancia e dei pannelli porta stonano su questa versione esclusiva.

 

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 1618
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 200 (147)/6000
Coppia max Nm/giri 250 /2400-4800
Emissione di CO2 grammi/km 159
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 416/177/156
Passo cm 253
Peso in ordine di marcia kg 1293
Capacità bagagliaio litri 251/830
Pneumatici (di serie) 225/45 R18

 

Nissan Juke 1.2 Acenta
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
0
2
0
0
0
VOTO MEDIO
4,0
4
2
Aggiungi un commento
Ritratto di monodrone
2 febbraio 2013 - 12:06
Se è particolare la versione base questa lo è ancora di più! E con tutta la qualità Nismo. Se riescono a vendere quel cancello del Cayenne potrebbero riuscirci anche con questa.
Ritratto di alan976
3 febbraio 2013 - 13:33
1
Non sentivo questo nome da quando da bambino giocavo a Gt con la play station 1 :D
Ritratto di mich88
10 febbraio 2013 - 01:01
2
Il sinonimo di nismo vuol dire auto molto potenti...e questa juke non ha una linea sportiva ne tanto un motore potente da definirsi nismo.Per me è una strategia di marketing
Ritratto di Fabio Diana
12 febbraio 2013 - 09:39
Design pessimo, troppo bombata, poi 30000 euro per auto del genere è un furto
Ritratto di preoccupato
12 febbraio 2013 - 10:57
Questo genere di auto non dovrebbero neanche entrare in Europa,ma poi a 30000€ visto la crisi che attraversiamo.
Ritratto di Letty
19 febbraio 2013 - 14:35
2
profilo pessimo..frontale troppo carico....muso carico e posteriore povero..
Ritratto di maxfrusciante
21 febbraio 2013 - 18:00
1
30000 euro per una Juke...per le soluzioni tecnologiche sia di trazione che di motore comprendo il costo ma secondo me é un operazione che dovevano fare su un altro tipo di vettura...se lo scopo é fare concorrenza alla Mini Couper Countryman mi sa che prima era meglio se si confrontavano con altri competitors meno affermati.
Ritratto di Debestef
6 maggio 2013 - 21:55
Macchina BRUTTISSIMA DENTRO E FUORI!!! Semplicemente da VOMITOOOOO!!!!
Pagine