PRIMO CONTATTO

Nissan Leaf: lo scatto elettrizza

La prima elettrica della Nissan è confortevole, facile da guidare e ha un’accelerazione fulminea. Meno convincenti maneggevolezza e baule. In vendita da fine ottobre.
12 luglio 2011
  • Prezzo (al momento del test)

    36.000  circa
  • Consumo medio (dichiarato)

    -
  • Emissioni di CO2 (dichiarate)

    0 grammi/km
  • Euro

    -
Nissan Leaf
Nissan Leaf Tekna
Otto ore per il “pieno” di corrente

Ha una linea tutta curve che sembra uscita da un fumetto. Ma soprattutto, la Leaf (445 cm da un paraurti all’altro) è la prima Nissan di serie mossa soltanto da un motore elettrico: eroga 109 CV, ed è alimentato da una batteria agli ioni di litio collocata sotto i sedili e con una capacità di 24 kWh; secondo la casa, una ricarica è sufficiente per percorrere 175 chilometri (lo verificheremo presto con una prova su alVolante). Dopo di che, con il cavo in dotazione (è contenuto in uno zainetto fissato al baule con un gancio) si collega a una presa da 220 volt quella nascosta dietro il marchio Nissan nel frontale dell’auto: in circa otto ore, gli accumulatori riguadagnano il 100% dell’efficienza. Con la seconda presa (sempre nel muso) ma da 400 volt le batterie si rigenerano completamente in poco più di mezzora; tuttavia, in Italia non esiste ancora una rete capillare di colonnine pubbliche per il rifornimento veloce: bisogna attrezzarsi con un impianto nel garage di casa (la Nissan sta avviando accordi con le società elettriche per venire incontro alle esigenze dei clienti).

Vantaggi e non dell’elettricità

Proprio l’assenza di distributori pubblici di corrente è il vero tallone d’Achille delle auto elettriche. Gli altri aspetti poco gradevoli sono l’autonomia non eccezionale (anche se, nel caso della Nissan Leaf, di tutto rispetto) e il prezzo elevato. Per la Nissan Leaf, che sarà in vendita da fine ottobre con tre anni di garanzia (due in più per la batteria), serviranno almeno 36.000 euro: tanti (anche se l’unico allestimento ha di serie proprio tutto) visto che vetture di dimensioni e potenza analoghe, ma con motore termico, si portano a casa con 23.000 euro se non meno. Ovviamente, l’auto elettrica ha anche i suoi lati positivi. Come tutti sappiamo, queste vetture non emettono sostanze inquinanti, col vantaggio di essere esenti da limiti di circolazioni per troppo smog. Inoltre, viaggiare con l’elettricità costa molto meno che con qualunque altro carburante. Stando ai dati dichiarati della Nissan, con la Leaf si spendono circa tre euro ogni 100 chilometri, contro gli otto necessari per un’auto a gasolio di dimensioni e potenza simili. Altro punto a favore del motore a corrente, l’assenza di manutenzione.

Più spazio per i passeggeri, che per i bagagli

Ben accessibile, l’abitacolo della Nissan Leaf è anche accogliente: lo spazio abbonda, i colori chiari danno luminosità e la plancia poco invadente aumenta la sensazione di ampiezza. Originale il cruscotto con la strumentazione su due livelli: in alto, un indicatore digitale segnala la velocità e l'ora; più in basso, un grande schermo dà informazioni sull’autonomia e su quanta potenza si stia chiedendo al motore. Meno positivo il giudizio sul baule: va bene che anche in questo caso l’accessibilità è buona (grazie all’ampia apertura del portellone), ma la capienza non è granché per un’auto di queste dimensioni: appena 330 litri, che aumentano a 680 ripiegando il divano.

Meglio l’accelerazione dell’agilità

Guidare la Nissan Leaf non richiede attenzioni particolari: si comporta come una comoda auto con il cambio automatico. Infatti, c’è la classica leva sul tunnel di trasmissione, anche se il propulsore elettrico non ha bisogno di un vero e proprio cambio: c’è solo un rapporto fisso fra albero motore e ruote. Per partire, basta selezionare con la leva la modaltà Drive. Se si vuole risparmiare un po’ di corrente, rinunciando a qualche cavallo e limitando l’uso del climatizzatore, si passa alla funzione Eco: dovrebbe garantire un 10% di autonomia in più. Invece, la retromarcia s’inserisce premendo il tasto R sul pomello del cambio. Presa confidenza con i comandi, non resta che sfiorare l’acceleratore e subito stupisce lo scatto fulmineo. Tant’è che gli 11,9 secondi dichiarati dalla casa per raggiungere i 100 km/h partendo da fermi, sembrano addirittura troppi. Ma è meglio non eccedere perché i 175 km di autonomia promessi si riducono drasticamente. Infatti, nel corso del test, abbiamo avuto l’impressione che lo stile di guida e la quantità dei servizi attivati (climatizzatore, luci, tergicristallo) influisca parecchio sulla durata della batteria. Tornando all’accelerazione brillante, va detto che non è un’esclusiva della Nissan Leaf, ma una caratteristica tipica delle elettriche: per offrire il meglio, il loro motore non ha bisogno di salire di giri come quelli termici, perché “dà tutto subito”. Tuttavia, non pensiate che la Nissan Leaf sia una sportiva, tutt’altro: è una confortevole vettura pensata per la guida rilassata. Il motore emette un leggero ronzio, il servosterzo (che ha una discreta precisione) ha una taratura leggera, le sospensioni sono morbide e assorbono a dovere le asperità. L’altro lato della medaglia è una maneggevolezza non eccezionale, sulla quale incide anche il peso elevato: poco meno di 1600 kg.

Secondo noi

PREGI
> Abitabilità. Lo spazio abbonda: in quattro si sta larghi.
> Accelerazione. Davvero rapida, da sportiva.

DIFETTI
> Baule. La capienza non è eccezionale.
> Prezzo. Elevato rispetto a quello di vetture simili, ma con motore termico.

 

SCHEDA TECNICA

Potenza massima kW (CV)/giri 80(109)/2730-9800
Coppia max Nm/giri 280/0-2730
Emissione di CO2 grammi/km 0
Cambio unico rapporto + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi autoventilanti
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 445/177/155
Passo cm 270
Peso in ordine di marcia kg 1525
Capacità bagagliaio litri 330/680
Pneumatici (di serie) 205/55 R 15
La Nissan Leaf è proposta in un unico allestimento con il motore elettrico da 109 CV. L'autonomia dichiarata con un "pieno" di energia è di 175 km.
Versione Prezzo Alim CV/kW km/h 0-100 ore CO2 kg
Leaf circa 36.000 E 109/80 145 11,9 8 0 1525
Nissan Leaf
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
40
32
26
25
70
VOTO MEDIO
2,7
2.72539
193
Aggiungi un commento
Ritratto di bubu
13 luglio 2011 - 17:12
sei stato molto gentile nel dire quello che hai detto... :) non scatenerai quindi nessuna gara di insulti :) ... ma sono molto, ma molto contrario in merito al tuo personale pensiero...non è assolutamente inutile e altrettanto orribile... magari uno pò dire che non appartiene al suo genere preferito di auto, che non gli piace.. ma non si può dire certo che è orribile!!! in quel video hai visto che meravilgiaaa!!! più la vedo e più mi piacee... è OLTRE IL COUPE'!!! insuperabilee....
Ritratto di elvis86
12 luglio 2011 - 22:20
piuttosto che comprare una macchina del genere andrei a piedi tutta la vita...
Ritratto di audi94
12 luglio 2011 - 22:42
1
eilà... è da un po che non ci si sente... tot bè??
Ritratto di elvis86
13 luglio 2011 - 02:45
uelà audi purtroppo si lavora...te che fai ancora parti per la vacanza"studio"? :D
Ritratto di audi94
13 luglio 2011 - 13:23
1
eh si... partenza venerdì 15 a mezzodì... ma sarà più vacanza che """""""studio""""""" ahahah
Ritratto di lucios
14 luglio 2011 - 16:36
4
......comprerei un carrettino con un cavallo. Orribile la linea (non sò perchè le auto elettriche sono tutte dei brobbri) - Autonomia da ridere (meglio la Volt) - Costo eccessivo (meglio un calesse) - Dove si ricarica? (chi vive nelle grandi città spesso parchegga per strada la notte) - Non ci prendiamo in giro (forse se vedete Cars 2 e la storia del carburante alternativo vi rendete conto di tanto cose)
Ritratto di supermax63
12 luglio 2011 - 22:45
I giapponesi sono sulla strada giusta chi più chi meno da parecchio tempo.Secondo me si possono muovere elogi o critiche alla vettura ma certo che il paragone di Simo37 con gli interni della Dacia Duster lascia quanto meno senza parole.Gli vorrei chiedere se ha mai visto realmente gli interni della Dacia Duster?Se li avessi visti non si sognerebbe mai di criticare e paragonare gli interni della Leaf con un veicolo che nella versione lusso costa la metà della Nissan Leaf
Ritratto di Simo37
13 luglio 2011 - 08:56
Intanto la Leaf l'ho vista al Motor Show di Bologna e gli interni sono tristi e ricordano quelli della Dacia,anche se la qualità è migliore...
Ritratto di onlyroma
12 luglio 2011 - 22:54
concordo che fa un po pena la linea,ma negli anni nissan nn è che abbia tirato fuori modelli molto belli, a parte x me juke e quasqai o come diavolo si scrive.... poi x il prezzo bisogna aspettare i pionieri che acquisteranno le elettriche così si abbasseranno i prezzi. cmq ad oggi prezzo-prestazioni-praticità di rifornimento pari a zero
Ritratto di Mambo9
13 luglio 2011 - 01:49
La auto dovrebbero avere una autonomia di MAX 50 km ad elettrico (per la città) e poi via di termico ottimizzato per essere usato in regime autostradale. Inoltre chissenefrega se è scattante come una sportiva! Inoltre se la fanno disegnare a me la faccio più bella e pure più aerodinamica. Fanno davvero ridere questi progettisti...
Pagine