PRIMO CONTATTO

Opel Corsa: tre cilindri e sei marce, tutti ok

Profondamente rivista, la Opel Corsa è sempre molto spaziosa, ma più moderna e meglio rifinita. Validi il 1.0 turbo e il cambio; fin troppo diretto lo sterzo sportivo (optional).

22 ottobre 2014
  • Prezzo (al momento del test)

    € 17.500
  • Consumo medio

    20 km/l
  • Emissioni di CO2

    117 grammi/km
  • Euro

    6
Opel Corsa
Opel Corsa 1.0 SGE Turbo 115 CV Start&Stop b-Color 5 porte
In Italia a dicembre
 
Svelata al Salone di Parigi da poco concluso, la nuova Opel Corsa arriverà nelle concessionarie italiane il prossimo dicembre, con le prime consegne ai clienti previste per gennaio 2015; entro l'inizio di novembre verrà comunicato il listino, e in contemporanea si apriranno le prenotazioni. Noi di alVolante, comunque, abbiamo già potuto guidare un esemplare equipaggiato con il motore più moderno e innovativo: il tre cilindri turbo 1.0 a iniezione diretta di benzina da 115 cavalli, abbinato a un altrettanto nuovo cambio manuale a sei marce. La vettura del test era una cinque porte (non mancherà, come sempre, anche la tre porte, dalla coda più filante), in un allestimento piuttosto sportivo, equiparabile a quello che in Italia sarà venduto con il nome B-Color; ma torneremo più avanti a parlare della gamma. 
 
Più acquattata
 
La nuova Opel Corsa nasce sulla base del modello oggi in catalogo, e lo si nota dalla forma delle porte e dei montanti, rimasta immutata (lo stesso vale per le dimensioni: solo la lunghezza è cresciuta di un paio di centimetri, arrivando a un totale di 402). Tuttavia, anche dal punto di vista estetico, l'aggiornamento è stato molto sostanzioso, tanto che tutte le superfici esterne sono cambiate. Un grosso lavoro è stato fatto nel frontale, che richiama quello della più piccola Opel Adam: la mascherina, più grande, è collocata più in basso, sotto i caratteristici fari che hanno un “gradino” nella parte inferiore. Questi elementi, così come i fanali posteriori che si allungano anche sul portellone, danno l'impressione di un'auto più larga e slanciata. Lo stesso effetto viene raggiunto nella fiancata, ora “mossa” da  due profonde nervature che solcano le lamiere; anche le grosse ruote in lega di 17” dell'auto del test (optional, assieme all'assetto sportivo e allo sterzo più diretto) contribuiscono parecchio ad accentuare la sportività della linea. 
 
Elegante semplicità
 
Anche nell'abitacolo della Opel Corsa, il passo in avanti è netto: praticamente, tutto è nuovo. Lo stile è classico, elegante, senza eccessi: plancia semplice, con parte superiore in plastica morbida di notevole qualità, inserto orizzontale colorato e ampia consolle nera lucida. Nel cruscotto, i due strumenti tondi sono separati dall'ampio display del computer di bordo che include anche l'indicatore del livello del carburante e quello della temperatura del liquido di raffreddamento del motore, entrambi a led; ottima la leggibilità. Sportivo e dall'impugnatura gradevole il volante a tre razze con corona in pelle, mentre i sedili, piuttosto morbidi, sono regolabili in altezza e hanno l'inclinazione degli schienali registrabile con una precisa manopola. Non mancano gli attacchi superiori delle cinture di sicurezza ad altezza variabile: una finezza, per la categoria. 
 
Navighi grazie al cellulare
 
La consolle ospita lo schermo a sfioramento di 7” dell’Intellilink, il dispositivo (optional a 300 euro) che consente di visualizzare immagini e video e di ascoltare dagli altoparlanti della vettura i brani musicali memorizzati nel proprio smartphone; inoltre, è possibile ascoltare stazioni radio internet (con le app chiamate Stitcher e Tune-In) e visualizzare un navigatore. La app relativa si chiama BrinGo, costa una cinquantina di euro e consente di scaricare le mappe europee nello smartphone, di modo che poi si possa navigare offline. Il sistema è interessante e funziona piuttosto bene: gli rimproveriamo solo un certo ritardo nel seguire i cambi di direzione e, soprattutto, la posizione bassa, che porta a distogliere lo sguardo dalla strada. Potrebbero essere posizionati meglio anche i comandi del “clima” automatico, che sono troppo in basso.
 
Spaziosa
 
Nel complesso, gli interni della Opel Corsa sono ben curati e assemblati, ma non mancano di alcune fastidiose economie: come il cassetto di fronte al passeggero privo di illuminazione e l'assenza dello specchietto di cortesia nell'aletta parasole destra. Portaoggetti e tasche sono numerosi e tutti ampi, e lo spazio per le persone è notevole, anche dietro: si può viaggiare in cinque senza grosse scomodità. La capacità del bagagliaio (285 litri) è nella media della categoria; il fondo può essere piazzato su due altezze a scelta, per avere un vano più ampio oppure, portandolo a filo della soglia di accesso, per facilitare i carichi. La finitura è buona, con feltro sul fondo e robusta plastica sulle pareti.
 
Scatta bene
 
Bastano poche centinaia di metri al volante della Opel Corsa per rendersi conto delle doti del nuovo tre cilindri: dotato di contralbero di equilibratura, questo “motorino” trasmette qualche lieve vibrazione solo quando lo Start&Stop lo riavvia automaticamente dopo una sosta, ma per il resto gira sempre molto “fluido” e silenzioso, oltre a spingere con vigore e omogeneità fin dai regimi più bassi. Gli fa da ottima “spalla” il cambio, dagli innesti tanto precisi quanto morbidi e con sei marce piuttosto lunghe (a 130 orari, in sesta, il motore è a soli 3100 giri) che aiutano a tenere bassi i consumi: in effetti, i 14 km/litro letti nel computer di bordo a fine test sono un buon risultato per una piccola da 115 CV. L'assetto sportivo e le gomme maggiorate dell'auto del test, invece, se da un lato donano un'agilità davvero notevole (e una tenuta di strada di alto livello), dall'altro la rendono un po' troppo sensibile ai movimenti del volante quando si viaggia veloci, quanto meno sulle strade bagnate del nostro giro di prova. Siamo convinti che le Corsa prive di questo optional siano più rilassanti nei viaggi in autostrada; resta accettabile, invece, la capacità di assorbimento dello sconnesso.        
 
Elettronica a go-go
 
La nuova Opel Corsa punta molto sulla sicurezza. Oltre all'Esp e ai sei airbag, di serie su tutte, si potranno avere molti optional interessanti: dai fari bixeno a orientamento automatico, al dispositivo che, nei parcheggi, fa girare il volante automaticamente, fino ai sensori che rilevano la presenza di altri veicoli nell’angolo cieco dei retrovisori e lo comunicano al guidatore. Il sistema Opel Eye, invece, riconosce i cartelli stradali e li visualizza nel cruscotto, avvisa se l'auto sta lasciando la propria corsia o se la distanza di sicurezza è troppo scarsa.
 
Quattro allestimenti
 
La Corsa verrà proposta in quattro allestimenti. Il “base”, più economico, avrà cerchi di 14” e una dotazione piuttosto spartana; con l'N-Joy si avranno anche il “clima” manuale, la radio cd/mp3 con presa Usb, i dettagli  interni cromati, le ruote di 15” e le maniglie delle porte in tinta con la carrozzeria. Ci sarà poi la più grintosa Corsa B-Color, con tetto nero, cerchi in lega di 16” dello stesso colore, terminale di scarico cromato e luci diurne a led; nell'abitacolo, colori vivaci, volante in pelle e pedali in metallo a vista. La più lussuosa Cosmo disporrà invece di ruote in lega di 15”, cromature esterne, fari bixeno, interni neri o nero-grigi con inserti in pelle, “clima” automatico e specchi sbrinabili. Tutti i motori saranno Euro 6. Il 1.0 turbo a iniezione diretta del test sarà disponibile anche in una versione meno potente (90 CV), mentre gli altri propulsori a benzina saranno i quattro cilindri 1.2 e 1.4, con 70 e 90 cavalli rispettivamente. I diesel 1.3 avranno invece 75 e 95 CV, e la casa parla di consumi ufficiali assai contenuti: oltre 30 km/litro. Nel corso del 2015, poi, dovrebbe arrivare la versione a Gpl realizzata direttamente dalla casa, la Gpl-Tech. I prezzi? In attesa dei listini completi, possiamo fornire comunque qualche valore. Le più economiche tre porte “base” si porteranno  casa con 12.100 euro (la 1.2 a benzina) e 14.400 euro (la 1.3 CDTI da 75 cavalli); le cinque porte richiederanno un sovrapprezzo di 750 euro, mentre le 1.0 turbo da 90 cavalli costeranno 1.750 euro in più delle 1.2. La meglio dotata Cosmo 1.0 turbo da 115 cavalli con cinque porte costerà 18.600 euro.
 
Secondo noi
 
Pregi
> Abitabilità. In rapporto alle dimensioni esterne, l'abitacolo è spazioso.
> Cambio. Ha sei marce, e gli innesti sono morbidi e precisi.
> Motore. Brillante, omogeneo e silenzioso.
 
Difetti
> Consolle. Lo schermo dell'Intellilink e i comandi del “clima” sono troppo in basso.
> Dettagli di finitura. Ci sono piccole economie che stonano in un'auto complessivamente curata.
> Sterzo in velocità. Con l'optional delle gomme di 17”, è un po' troppo “nervoso”: poco rilassante.

 

SCHEDA TECNICA
Cilindrata cm3 998
No cilindri e disposizione 3 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 85 (115)/5000-6000 giri
Coppia max Nm/giri 170/1800-4500
Emissione di CO2 grammi/km 117
Distribuzione 4 velvole per cilindro
No rapporti del cambio 6 + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 195
Accelerazione 0-100 km/h (s) 10,3
Consumo medio (km/l) 20,0
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 402/174/148
Passo cm 251
Peso in ordine di marcia kg 1139
Capacità bagagliaio litri 285/1120
Pneumatici (di serie) 195/55 R16

 

Opel Corsa
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
64
86
74
50
66
VOTO MEDIO
3,1
3.09412
340
Aggiungi un commento
Ritratto di Mattia Bertero
22 ottobre 2014 - 17:37
3
Il pesantissimo restyling della tedesca ha cambiato quasi totalmente la macchina facendola apparire come una nuova serie ma dobbiamo sempre ricordarci che sostanzialmente è un progetto di 10 anni fa con le conseguenze che tutto ciò porta (come il peso del pianale che è alto rispetto alla concorrenza più "giovane"). Per il resto la trovo una buona macchina, rifinita con una certa cura con un ottimo 1.0 sotto il cofano, sarei davvero curioso di provarlo, promette prestazioni brillanti a fronte di consumi contenuti.
Ritratto di MatteFonta92
22 ottobre 2014 - 17:59
3
Questa versione post-restyling non è brutta in senso assoluto, ma rispetto alla precedente la trovo eccessivamente caratterizzata e con una linea poco omogenea. Tutto un altro discorso invece riguardo agli interni, che hanno fatto un salto in avanti abbastanza netto sia nel design che nelle finiture. Sono contento di vedere che questo nuovo 1.0 a 3 cilindri turbo si è rivelato un ottimo motore, almeno da quanto scrive alVolante... anche se i consumi, ovviamente, non sono in linea con gli ottimistici dati forniti dalla Casa. Nel complesso comunque questa Corsa la promuovo, in attesa di quella veramente nuova.
Ritratto di supernapolmen
22 ottobre 2014 - 18:33
....migliorata molto qua' e la' pero' la ritengo ancora sgraziata!!!! ottima la gamma motori e finalmente opel ha abbandonato alcune fantasiose scelte
Ritratto di Livio Lucaroni
22 ottobre 2014 - 18:36
Presumo che la dotazione di serie sia completa, perché 17500 euro per una 1000cc mi sembra un prezzo un tantino pesante!
Ritratto di Franchigno
22 ottobre 2014 - 18:47
Quello che ho già scritto.A mio giudizio sembra una grande Punto re stilizzata preferivo il modello precedente.
Ritratto di giovi11
22 ottobre 2014 - 20:52
3
La nuova è meglio ( be quasi ma molto) sei scemo
Ritratto di Boys
23 ottobre 2014 - 13:49
1
Auto bella ma...comandi clima troppo in basso cosi come il navigatore ..inoltre i prezzi sembrano alti..se fosse cosi devono scontarli mica male per venderla....quindi bisogna aspettare per acquistarla..
Ritratto di marco1959
23 ottobre 2014 - 13:53
da una prima occhiata, direi che gli ingegneri opel ,non si sia strizzato molto le meningi...nel rimodernare questa corsa daltronde come si suol dire : squadra che vince non si cambia, cio' nonostante ci sono ancora troppi punti oscuri...il primo e' il prezzo....il secondo il motore tre cilindri e alcuni particolari, o trascuratezze..imperdonabili, quali le impostazioni nei comandi...se devo essere sincero, si trova di meglio,e a migliore prezzo...
Ritratto di katanè
23 ottobre 2014 - 18:19
Mamma mia, non digerisco questo: "ma non mancano di alcune fastidiose economie: come il cassetto di fronte al passeggero privo di illuminazione e l'assenza dello specchietto di cortesia nell'aletta parasole destra" e il "pozzetto" al posto della ruota di scorta a vista non coperto... Inoltre scrivono: "interni ben curati ed assemblati"!!! Preferisco di gran lunga la vecchia (2006) e l'attuale Corsa (Oggi), almeno in questa che andrà in pensione non ci sono queste economie! :-) Saluti!
Ritratto di Moreno1999
23 ottobre 2014 - 18:36
4
Nella Corsa MY06 ci sono tre poggiatesta dietro e lo specchietto di cortesia in entrambe le alette, oltre che il divisorio per creare il doppio fondo. Nella Corsa MY11 hanno tolto lo specchietto nell'aletta del guidatore, un poggiatesta dietro e pure il doppio fondo (del quale rimangono però le fastidiose sporgenze per appoggiare un eventuale doppio fondo optional), in compenso ha le tasche dietro ai sedili. Questa, fatemi capire, non ha nessuno specchietto, danno come raffinatezza la regolazione delle cinture, il doppio fondo presumo sia a pagamento, per 18.000 € hai le manovelle dietro e non puoi risolvere neanche pagando?! Perché Opel regredisce con questo modello? Secondo me questa Corsa "E" (ossia il frutto dello stesso lavoro fatto con la Grande Punto che ha avuto due crisi di identità nel periodo 2005-2012 diventando Evo e poi perdendo qualsiasi "soprannome"), che chiamare E veramente non si può, è stata in molti punti toppata...e preferirei vederla cannibalizzata dalla nuova Mazda2. Se il lavoro era già fatto, perché togliere?! Da possessore di Corsa mi sento deluso. Più si va avanti più è peggio. Ultima cosa: il cassetto di fronte al passeggero non è illuminato nemmeno sulla MY06 e sulla MY11.
Pagine