PRIMO CONTATTO

Opel Grandland X: tanto comfort e una bella spinta

Accogliente e spaziosa, con il nuovo e vivace 2.0 turbodiesel da 177 CV la Opel Grandland X è una gran viaggiatrice. Scarse, però, la visibilità posteriore e l’accessibilità al vano di carico.

21 marzo 2018
  • Prezzo (al momento del test)

    € 38.900
  • Consumo medio

    20,4 km/l
  • Emissioni di CO2

    128 grammi/km
  • Euro

    6
Opel Grandland X
Opel Grandland X 2.0 Ecotec 177 CV Ultimate AT6
Sobria, ma non banale
 
 
La Opel Grandland X, crossover di medie dimensioni (è lunga 448 cm), è realizzata sulla base della Peugeot 3008 (i due marchi fanno parte dello stesso gruppo), con cui condivide anche i motori. La linea, però, è molto “Opel”: sobria ma non priva di un certo slancio. La grande mascherina con il logo della casa nella parte superiore, sottolineato da due fregi cromati ai lati, e i fari di forma trapezoidale sono gli elementi cha caratterizzano la vettura, assieme  alle due nervature che attraversano la fiancata (nella parte alta e bassa) per rendere più grintoso l’insieme. La parte superiore dei larghi montanti posteriori, verniciata di nero, fa apparire il tetto “sospeso”. Complice il lunotto piccolo e molto inclinato, dietro non si vede quasi nulla: fortunatamente è di serie, per questo ricco allestimento Ultimate, oggetto del test, il pacchetto Park & Go, con la retrocamera e il sistema di parcheggio automatico (aziona lo sterzo per fare la manovra). Di serie anche altre due “chicche” che impreziosiscono la vettura: i cerchi in lega di 19 pollici e le barre longitudinali sul tetto grigie.
 
Accogliente, ma il baule…

L’abitacolo della Opel Grandland X è ampio e piuttosto luminoso (specie con il tetto panoramico in vetro, optional da 900 euro) e la posizione di guida è alta. La seduta del divano (purtroppo, non scorrevole) è piatta (accoglie abbastanza bene anche tre adulti) e solo un po’ “duretta”. Anche i sedili anteriori non eccedono in morbidezza, ma alla lunga si rivelano confortevoli: questa versione Ultimate ha di serie quelli certificati da un ente (l’Agr) specializzato in ergonomia, con regolazioni che poche auto offrono, come quella in estensione del supporto delle cosce. Non solo i passeggeri anteriori, ma anche i due che siedono al lati del divano possono godere della funzione di riscaldamento. Piacevole la plancia, ben assemblata (non si sentono scricchiolii) e con la parte superiore  morbida al tatto. Il cruscotto, di facile lettura, è su due livelli; gli strumenti hanno una grafica semplice e forniscono tutte le informazioni necessarie. Incorniciato da un fregio grigio chiaro, tra le due bocchette centrali del “clima” spicca l’ampio monitor a sfioramento di 8” per gestire l’impianto multimediale, completo di navigatore (di serie, in questa versione di punta), oltre che dei protocolli Android auto e Apple CarPlay e del Wi-Fi. Inoltre, consente di gestire il climatizzatore (azionabile comunque anche tramite i pratici comandi al centro della consolle) e la radio (di serie, il sound system Denon con subwoofer e 8 altoparlanti). I portaoggetti non mancano; lo svuotastasche davanti alla leva del cambio funge anche da postazione per la ricarica wireless del telefono, e il cassetto anteriore  è refrigerato.  Un nota stonata: mancano i ganci nelle maniglie nel soffitto a cui potere appendere una giacca. Il vano di carico è ampio (514 litri, che crescono a 1652 con il divano reclinato), ma l’accessibilità non è il suo forte: la soglia è a 80 centimetri da terra e crea uno scalino di 6 centimetri rispetto al fondo. Caricare oggetti pesanti richiede uno sforzo extra non gradito.

Una bella “cavalleria”

Il 2.0 a gasolio con 177 CV completa l’offerta dei motori diesel per la Opel Grandland X, che già comprende il 1.6 da 120 cavalli. Abbinato alla trasmissione automatica a 8 rapporti, che si è rivelata efficace (i passaggi dei rapporti sono fluidi e piuttosto rapidi) il nuovo turbodiesel può contare su una robusta coppia di 400 Nm. Poco rumoroso, risponde in modo fluido e brillante fin dai bassi regimi: le prestazioni che la casa dichiara ( “0-100” in 9,1 secondi e velocità massima di 214 km/h) ci sono sembrati alla portata della vettura. Complici i pneumatici sportivi (235/50 R19, di serie per la Ultimate) e una taratura degli ammortizzatori piuttosto “ferma” (ma senza esagerazioni), la tenuta di strada è sicura, e le curve si possono affrontare, con soddisfazione, con piglio “allegro”, assecondati anche da uno sterzo piuttosto preciso. La vettura è disponibile solo a trazione anteriore (alcune rivali, invece ci sono anche nella variante 4x4); per 300 euro, però, si può avere il sistema elettronico IntelliGrip, che permette di scegliere, in base al tipo di terreno (neve, sabbia, fango) fra cinque modalità di guida che intervengono sulla gestione elettronica della trazione. Non male i consumi calcolati dal computer di bordo alla fine del test: 15,5 km/l (a fronte dei 20,4 km/l dichiarati).

Secondo noi

PREGI
> Comfort. L’abitacolo è ampio, il motore si sente poco e i sedili Agr sono particolarmente accoglienti.
> Guida. La Opel Grandland X è agile e si adatta bene anche alla condotta brillante.
> Motore. Il 2.0 turbodiesel da 177 CV spinge sempre bene; riuscito l’abbinamento con il cambio automatico.

DIFETTI
> Accessibilità bagagliaio. La soglia di accesso è alta (ben 80 cm dal suolo) e crea un gradino di 6 cm.
> Versatilità. Mancano il divano scorrevole e i ganci appendiabito nelle maniglie al soffitto.
> Visibilità. Dietro, complici i montanti larghi e il lunotto assai inclinato, si vede poco. La tecnologia viene in aiuto (retrocamera e sistema di parcheggio automatico).

SCHEDA TECNICA
Carburante gasolio
Cilindrata cm3 1997
No cilindri e disposizione 4 in linea
Potenza massima kW (CV)/giri 130 (177)/3750 giri
Coppia max Nm/giri 400/2000
Emissione di CO2 grammi/km 128
Distribuzione 4 valvole per cilindro
No rapporti del cambio 8 (automatico) + retromarcia
Trazione anteriore
Freni anteriori dischi autoventilanti
Freni posteriori dischi
   
Le prestazioni dichiarate  
Velocità massima (km/h) 214
Accelerazione 0-100 km/h (s) 9,1
Consumo medio (km/l) 20,4
   
Quanto è grande  
Lunghezza/larghezza/altezza cm 448/186/161
Passo cm 268
Peso in ordine di marcia kg 1500
Capacità bagagliaio litri 514/1652
Pneumatici (di serie) 235/50 R19
Opel Grandland X
TI PIACE QUEST'AUTO?
I VOTI DEGLI UTENTI
29
37
39
10
18
VOTO MEDIO
3,4
3.36842
133
Aggiungi un commento
Ritratto di Mattia Bertero
22 marzo 2018 - 10:03
3
GRANDLAND. Esteticamente migliore della Crossland, più proporzionata. Ma le linee Opel hanno questo difetto d'invecchiare molto velocemente.
Ritratto di ziobell0
22 marzo 2018 - 10:15
Bella ma troppo cara per essere una opel PSA. Voglio vedere quanti sarebbero disposti a spendere 40K
Ritratto di rafcoz
22 marzo 2018 - 14:08
Ma basta con questi motori diesel, ne hanno ancora tanti nei magazzini da smaltire? Uno spende 40.000€ e poi fra 1 anno rimane con il cerino in mano.....siate innovativi, siate anticonformisti, stupiteci con auto veramente nuove, basta con questi cloni tutte uguali.
Ritratto di lucios
22 marzo 2018 - 14:37
4
Ma la prova della 1.6 quando?
Ritratto di Carlo959
22 marzo 2018 - 15:31
La versione di mezzo (Innovation, con cerchi da 18" ed eventualmente Grip Control) ha già parecchio, integrabile con qualche aggiunta si porta via a 35k Euro (andando con soldi alla mano, perché gli sconti li fanno eccome) un 2 litri 177 cv. con cambio automatico 8 marce e una dotazione di serie certamente completa. Un rapporto contenuti/costi del tutto in linea con quel che si trova in giro, in questo segmento e fascia di prodotto (= i prezzi con quest'ultima generazione di vetture sono lievitati in assoluto, non c'è dubbio, ma la dotazione a questo livello è notevole e l'abbinamento cubatura motore-cambio fa il resto...) Sono dell'opinione che i motori diesel resteranno in circolazione ancora per un po' di tempo - anche se le quote di mercato scenderanno - e la transizione tecnologica, nel comparto motoristico vero e proprio, avverrà abbastanza gradualmente.
Ritratto di halby
22 marzo 2018 - 15:40
Sono d'accordo sulla commercializzazione esagerata dei diesel...perché non cominciano ad introdurre anche su questo modello un bel motore a metano o gpl messo a punto in fabbrica? Ormai, in vista di eventuali cambiamenti di grossa portata che porteranno probabilmente esclusivamente a modelli ibridi o elettrici, i tanto collaudati motori a metano e gpl che inquinano poco o niente perché non vengono pienamente introdotti ma solo con contagocce e forse a metà vita del ciclo naturale delle auto?
Ritratto di alex_rm
22 marzo 2018 - 20:29
Potevano fare di meglio,a questo punto meglio le coreane Sportage e tucson che hanno in più il multilink al posteriore e possono avere la trazione 4x4.trovo meglio i tanti crossover del gruppo VW e di Renaul-Nissan o anche CRV e CX5 e Compass.
Ritratto di marcoluga
22 marzo 2018 - 23:46
Sarà che a me la Peugeot 3008 con quel frontale ingrugnito non piace, a me questa Opel piace molto. Lineare pulita elegante. E che bel motore! Lunga vita ai bei Diesel.
Ritratto di halby
23 marzo 2018 - 09:16
I diesel di ultima generazione, da quello che si sente in giro, dovrebbero inquinare poco....alla fine però con tutte le voci che girano riguardo i recenti scandali sulle emissioni dei motori diesel e sulla imminente dismissione di questi ultimi da parte delle case automobilistiche, chi si ritrova ad acquistare una nuova auto va regolarmente in crisi poiché non sa come muoversi anche in vista delle futura eventuale rivendibilità di quello che ha comprato...
Ritratto di marcoluga
23 marzo 2018 - 10:05
Sono i politici che stanno criminalizzando ad arte i motori diesel. I tedeschi poi (inteso come politici) fanno vomitare, spengono il nucleare e non riuscendo a compensare con le energie alternative (per gli enormi problemi di immagazzinamento) creano nuove a centrali a carbone. In Svizzera la Germania ci sta facendo andare a rotoli le centrali idroelettriche, è pazzesco !!!
Pagine